Syndication

Visualizzazione post con etichetta Elettrosensibilità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Elettrosensibilità. Mostra tutti i post

lunedì 29 aprile 2019

Un tribunale francese ha riconosciuto 13 casi di elettrosensibilità

E' il risultato di una lotta legale di 13 clienti di una società di distribuzione della energia elettrica che si sono opposti agli smart meter .  La società deve installare dei filtri per non creare i disturbi noti. nonostante che l'ente statale sulla Sicurezza sanitaria ed alimentazione ha decretato che non esiste solida evidenza tra EMF e disturbi riconosciuti.




France the justice of Bordeaux has recognized 13 cases of electrosensitivity...
Google Translate: After a court decision, 13 electrically sensitive Linky anti-counters will be able to benefit from the installation of a filter in order to be protected from electromagnetic waves.
This is a small victory for opponents Linky meter: the Tribunal de Grand Instance of Bordeaux has given reason to 13 of the 206 plaintiffs who had initiated a lawsuit against the installation of the electric meter created by Enedis.
A decision due to the electrosensitivity of these applicants, who presented medical certificates recounting their symptoms (headaches, insomnia ...). Recognized pain, even if the National Agency for Food Safety (ANSES) believes that there is no "solid experimental evidence to link electromagnetic waves and symptoms described."
Result: Enedis has two months to install a filter device protecting these 13 complainants from the electromagnetic fields of the Linky meters.
What about the other complainants? They did not claim an electrosensitivity but feared that the counter Linky is an invasion of their privacy or their free choice. They were dismissed by the summary judge of the Tribunal de Grand Instance de Bordeaux.
https://www.femmeactuelle.fr/sante/news-sante/compteur-linky-la-justice-donne-raison-a-13-plaignants-electrosensibles-2077743

martedì 2 aprile 2019

Altra sentenza Francese di riconoscimento della elettrosensibilità

TRIBUNAL ADMINISTRATIF
DE CERGY-PONTOISE
TRIBUNAL ADMINISTRATIF
DE CERGY-PONTOISE
TRIBUNAL ADMINISTRATIFDE CERGY-PONTOISE
gennaio 2019  ha riconosciuta la malattia ma ha anche ribadito che essendo l'esposizione avvenuta in ambiente di lavoro deve essere considerata come malattia occupazionale.

Si affianca ad analoga decisione del settembre 2018.

essenziale è stata la certificazione del Prof Belpomme e la sua raccomandazione di evitare fonti CEM a bassa intensità.







Another important development in terms of the recognition of Microwave Sickness / Electoromagnetic Sensitivity - On January 17th, 2019, the French Court of Cergy-Pontoise ruled for the first time that Electromagnetic Hyper Sensitivity (EHS) is an occupational disease that can be developed also from exposure to levels of radiation which are considered to be safe by the government (if they can be injurious as the court ruled then they are clearly unsafe).

Following is the article written by Martine Vriens who is our (We Are The Evidence's) Director of International Legal Affairs. 

The importance of the decision is not only that it’s another decision which recognizes EHS / Microwave Sickness as a condition caused by exposure to wireless radiation, but by recognizing that if the exposure to electromagnetic radiation was for the purposes of work, the EHS developed from the exposure may be considered an Occupational Disease. This decision should make employers concerned as it may lead to widespread liability. 

This decision joined other decisions by courts in France that recognize EHS (also known as Microwave Sickness, which is the older more accurate name). The other recent decision from France, from September 2018, recognized that an employee was injured in an accident at work as a result of exposure to wireless radiation because of the employer’s failure to accommodate his Microwave Sickness and re-assign him to a different position with less exposure. We are aware of at least two other Court decisions in France that recognized Electromagnetic Sensitivity / Microwave Sickness. 

The Case

The employee in this case was employed as a research technician in a chemical laboratory since 2006. At work he was exposed to atypical and significant EMR of various types, including a mass spectrometer for 4-8 hours a day. The radiation measurements showed that the exposure limits were not exceeded, nevertheless, after two years he started developing various symptoms including tinnitus, digestive problems, insomnia, concentration problems and headaches.

Between 2008 to 2011 he visited the company’s doctor several times and in 2011 Professor Dominique Belpomme diagnosed him with EHS and recommended that the employee should avoid Electro Magnetic Radiation (EMR) including those which are considered low intensity, otherwise he may develop serious damage including brain damage. The diagnosis was confirmed by two other doctors.

On 15 March 2016, the Commission de Reforme, a body that advises on accidents at work and occupational diseases concluded that the employee's intolerance to EMR is due to his work.

The Court’s Findings and Decision

The Court ruled that the specific circumstances of this case, and in particular the favourable opinion of the Commission, make it sufficiently likely that the employee has acquired EHS through his work. This is despite the lack of medical consensus on a causal link between long-term health effects and EMF exposure. Press Here for the Court's Decision in French. 

The Court further found that the worker was exposed to long-term and significant multi-frequency EMF at his workplace, some of which is atypical. The exposure to EMR has led to real and medically disabling conditions in the worker, which have developed two years after the start of his employment. It is also sufficiently plausible that the employee's EHS is related to his work due to the absence of a previous disorder or other external factors not related to his work.

PRESS HERE for a link to the article to share on social media. 
PRESS HERE for a link to the Court's decision in French

giovedì 28 marzo 2019

Una interessante storia sui test di provocazione ... lo stato della ricerca australiana sulla elettrosensibilità



27 MAR 19
Una rivisitazione storica dei test di provocazione molto discutibili di ACEBR



Nel 2013 lo scienziato del CSIRO, il dott. David McDonald, ha vinto un caso di compensazione per mal di testa paralizzanti, nausea e vertigini causate dall'utilizzo del Wi-Fi e dei computer al lavoro.
Il dott. McDonald, era un matematico che ha lavorato come ricercatore principale presso il CSIRO per 15 anni. Si trasferì nella campagna per evitare le radiazioni elettromagnetiche, ma in seguito morì di cancro.

Vedi un'intervista, in inglese, ma i sottotitoli in inglese : https://www.youtube.com/watch?v=mPLmfwGl7PY

Nel 2011 a McDonald è stato chiesto di sottoporsi a uno studio di provocazione progettato in  Australia da ACEBR (chiamato all'epoca ACRBR). McDonald ha chiesto di vedere il protocollo di test ed è stato fornito in via confidenziale. L'analisi fatta del documento da parte  di McDonald rende davvero interessante la lettura, ma le sue conclusioni stanno raccontando e illustrando il triste stato della ricerca EHS in Australia. Per citare:

Conclusione

La discussione sopra evidenzia una serie di gravi carenze scientifiche e statistiche nella proposta per determinare se un soggetto è veramente sensibile a un CEM. Così com'è, la progettazione sperimentale e l'analisi statistica proposte non possono essere utilizzate per raggiungere lo scopo dichiarato. Le carenze scientifiche e statistiche della proposta sono ciascuna di per sé una grave lacuna e il loro impatto cumulativo e l'interazione rendono la proposta scientificamente indifendibile. 
Inoltre, è necessario considerare le questioni etiche sollevate sopra e includere una dichiarazione esplicita in tal senso in qualsiasi proposta rivista.

Interessante che se si trattasse di un progetto di scuola superiore fallirebbe miseramente, ma forse l'autore di questo test di provocazione  ha preso a cuore le critiche del Dr. McDonald e corretto le successive versioni dei suoi test. Sfortunatamente, secondo Dariusz Leszczynski che ha studiato la piena critica di McDonald's e le versioni successive del protocollo di test ACEBR, non vede cambiamenti. e lo considera come una ripetizione esatta del progetto precedente.

Cosa dobbiamo fare di questo? È perché Rodney Croft e Co. di ACEBR vogliono un risultato predeterminato per adattarsi alla loro affermazione secondo cui l'EHS è solo un effetto nocebo e questo tipo di test si adatta al conto? Osiamo chiamare quella cattiva condotta scientifica o solo un altro esempio di quel vecchio Approccio Procrustriale?

Le compagnie di telecomunicazione contribuiscono ogni anno $ 700.000 all'NHMRC e il governo a ulteriori $ 300.000, quindi un totale di circa un milione va a NH & MRC ogni anno per sostenere la ricerca EMF. La maggior parte di questo denaro va all'ACEBR, gran parte del quale è destinato alla ricerca psicologica sull'EHS. Dov'è la dovuta diligenza da parte di NH & MRC per garantire che il loro denaro non venga sprecato in ricerche molto discutibili, per non dire altro?









https://www.emfacts.com/2019/03/a-historical-revisit-to-acebrs-very-questionable-provocation-testing/

  • 27 MAR 19

A historical revisit to ACEBR’s very questionable provocation testing

In 2013 CSIRO scientist Dr. David McDonald won a COMCARE compensation case for crippling headaches, nausea and dizziness caused by using Wi-Fi and computers at work. Dr McDonald, was a mathematician who worked as a principal research scientist at the CSIRO for 15 years. He  moved to the Victorian countryside to avoid electromagnetic radiation but later died from cancer.
In 2011, as part of the case, McDonald was asked to undergo a provocation study being designed for use in Australia by ACEBR (called ACRBR at the time) McDonald asked to see the testing protocol and it was provided under a request for confidentially. McDonald’s analysis makes for interesting reading  indeed but his conclusions are telling and illustrate the dismal state of EHS research in Australia. To quote:
Conclusion
The discussion above points out a number of serious scientific and statistical shortcomings in the proposal to determine whether a subject is truly sensitive to an EMF. As it stands the proposed experimental design and statistical analysis cannot be used to achieve the stated aim. The scientific and statistical shortcomings of the proposed are each serious flaws in themselves and their cumulative impact and interaction render the proposal scientifically indefensible. All of them need to be corrected in a major revision of the proposal. In addition there is a need to consider the ethical issues raised above and to include an explicit statement to this effect in any revised proposal.
Interesting that if this were a high school project it would fail miserably but perhaps the writer took Dr. McDonald’s criticisms to heart and corrected subsequent versions of his ACEBR provocation testing. Unfortunately, according to Dariusz Leszczynski who has studied McDonald’s full critique and later versions of the ACEBR test protocol, he sees no changes. and considers it as an exact repetition of the earlier design.
What are we to make of this? Is it because Rodney Croft and Co. at ACEBR want a pre-determined outcome to fit in with their claim that EHS is just a nocebo effect and this sort of testing fits the bill? Dare we call that scientific misconduct  or just another example of that old Procrustran Approach?
The Telecommunication companies contribute annually $700K to the NHMRC and the government a further $300K , so a total of about a million goes into the NH&MRC annually to support EMF research. Most of this money goes to the ACEBR, much of which is earmarked for psychological research into EHS. Where is the due diligence on part of the NH&MRC to ensure that their money isn’t wasted on very questionable research, to say the least?

giovedì 14 marzo 2019

Un tribunale americano ha riconosciuto per due elettrosensibili la disabilità con i relativi benefici


Cio' è avvenuto nella Nevada County Courthouse   


Secondo la sentenza, la corte non ha riconosciuto l'EHS come una malattia reale. Accettava semplicemente i sintomi della sig.ra Longshoes e del sig. Wolford come impedendo loro di lavorare e ottenere un'indennità di invalidità. La maggior parte degli esperti, come in quasi tutti quelli con un grado oltre il 4 ° grado, sostengono che l'EHS non esiste. Gli psicologi collegano la malattia all'effetto "nocebo", Questo è anche chiamato "malattia mentale".

"L'intero procedimento giudiziario è stato orribile", ha detto la signora Longshoes in un'intervista a Gish Gallop. "Gli avvocati dicevano che eravamo malati di mente, che era separato dallo SME. Ma negli ultimi due anni, i miei sintomi sono peggiorati. Subito dopo PG & E ha inserito lo Smart Meter. La mia malattia di Lyme è peggiorata, nonostante le migliaia di dollari che ho speso con il mio medico naturopata. Ora non riesco a pensare chiaramente. Non posso più mangiare glutine. E i costanti mal di testa! È particolarmente peggio quando vado in città. Quindi, è tutto dovuto alla presenza invadente di WiFi. "


Secondo i termini della sentenza, sia la signora Longshoes che il signor Wolford riceveranno ciascuno fino a $ 843,00 al mese per i pagamenti dell'assicurazione invalidità, e avranno diritto sia ai premi SNAP [Buoni alimentari] che alla sezione 8.

Il giudice è stato chiaro nella sua dichiarazione che nessun produttore di apparecchiature Wi-Fi sarebbe ritenuto colpevole di eventuali danni, ma questo non è passato inosservato dai rappresentanti del settore.

"Ovviamente siamo preoccupati per le implicazioni di questa sentenza", ha affermato Roseville, consulente di settore basato su CA Daft Franklin che rappresenta la Discrete Wi-Fi Manufacturers Association of America. "Voglio dire, questo tipo di precedenti potrebbe davvero essere un problema per il nostro settore. Comprendiamo che la sentenza del giudice ha severamente vietato alle persone di andare dietro all'industria Wi-Fi, ma non le fermerà. E le cause costose e frivole sono uno spreco di risorse dannoso. Il fatto è che queste persone otterranno molta più radiazione di fondo non ionizzante dalla Terra e dal Sole. Diamine, otterranno di più dal dormire accanto a qualcuno. "

Per quanto riguarda i loro piani futuri, il signor Wolford ha avuto questo da dire.

"Ora che questa terribile processo è finita", ha proseguito Wolford, "possiamo iniziare a lavorare sulla riduzione delle fonti EMS ora dal Sole e dalla Terra. Stiamo cercando il governo federale per coinvolgere l'EPA [l'Environmental Protection Agency]. Questa sentenza ci permetterà di concentrarci su questo.
Ma più immediatamente, abbiamo in programma di andare porta a porta per dire a tutti di spegnere i loro dispositivi Wi-Fi. Diremo loro che stanno facendo del male non solo a se stessi, ma a persone che hanno vinto cause giudiziarie. Sono sicuro che avranno il suggerimento. "

https://www.gishgallop.com/area-activists-win-wi-fi-illness-disability-claim/?fbclid=IwAR0NvnzJKvet45Csh56kAZQGkMQvLzGfK0jAl0kwQSQFN_3oUH2TdQfsPW8

mercoledì 26 settembre 2018

Un nuovo approccio allo studio della elettrosensibilità

Uno studio condotto da università ed ente di ricerca (pubblico) olandese.



Abbiamo esplorato l'associazione tra l'esposizione a RF-EMF nella vita quotidiana e l'insorgenza di individui  elettrosensibili  che hanno  indossati esposimetri e  tenuto diari elettronici per un periodo di tre settimane. I dati sono stati analizzati utilizzando l'analisi delle serie temporali in cui l'esposizione misurata e registrata nel diario era correlata con disturbi fisici.
Risultati: abbiamo trovato correlazioni statisticamente significative tra l'esposizione percepita e quella effettiva a wireless   (WiFi - velocità di variazione e numero di picchi al di sopra della soglia) e stazioni base  (GSM + UMTS downlink, rate of change) e punteggi legati ai disturbi sentiti in quattro dei sette partecipanti. In due persone una maggiore esposizione a campi elettromagnetici è stata associata a punteggi più alti dei sintomi e in altre due persone è stata associata a punteggi più bassi.

https://reader.elsevier.com/reader/sd/pii/S0160412018303088?token=CFEF7249467C5337CDAEBE684AD9407F031ACD0B61F030D3AC003D6486D9B0C13EF7342812B84FF7DE4278FEDB437CDD



venerdì 2 marzo 2018

Spagna: tribunale riconosce la elettrosensibilità ed i danni relativi



Un giudice spagnolo riconosce come "grande disabilità" 
l'elettrosensibilità di cui soffre un soggetto di 52 anni,con tutti i benefici che ne conseguono. 

Quindi invalidità permanente totale con la pensione relativa alle 'grandi disabilità' 





martedì 20 febbraio 2018

Trailer del docufilm SENSIBILE

Da AIE arriva il trailer del docu/film "SENSIBILE"  da poco è stato presentato al film festival internazionale del Peloponneso in Grecia ( oltre ad altre selezioni internazionali) dove ha riscontrato un buon successo. 

Sono previste delle programmazioni anche in Italia ( selezione presso il Doc in tour  nelle sale cinematografiche delle principali città dell'Emilia Romagna, oltre a Roma, Milano, Lecce,Bari,ecc). 



Qui c'è il link al trailer





Il regista e AIE sono disponibili a concordare una rappresentazione nella vs città, comunità.

Riferimenti

Alessandro Quadretti

lunedì 7 agosto 2017

Conferma diagnosi strumentale per la elettrosensibilità

Recentissimo lavoro pubblicato dai ricercatori Heuser in una qualificata e rinomata rivista internazionale  Reviews on Environmantal Health   
https://www.degruyter.com/view/j/reveh.2017.32.issue-3/reveh-2017-0014/reveh-2017-0014.xml


è di grande rilevanza perché  dimostra una correlazione diretta tra sintomatologia da elettrosensibilità ed il risultato di scansione con risonanza magnetica e poi  positron emission tomography (PET) and single-photon emission computed tomography (SPECT)

Gli Autori riportano e dimostrano valori anomali in alcune aree del cervello e di fatto propongo che questo protocollo possa essere utilizzato come strumento di diagnosi della elettrosensibilità

Se non erro, anche il Prof Belpomme in Francia utilizza delle scansioni di risonanza e la PET per il suo protocollo.

Passo importante anche se non so quanto una persona elettrosensbile si senta pronto ad affrontare questi test.


mercoledì 12 luglio 2017

Inquinamento elettromagnetico e salute fra controversie, ricerca indipendente ed associazionismo Il caso del movimento degli elettrosensibili

Vi riporto al link di  un bellissimo lavoro (: link    )    scritto da una nostra amica del Mondo Noelettrosmog, Milena Greco.

Leggetelo con attenzione, perché a mio giudizio è un lavoro unico ed originale che tratta tutti gli aspetti socio economici legati alla lotta contro l'elettrosmog.

Il valore è legato al fatto che lei ha unito una review scientifica, in italiano, di buon spessore scientifico ed aggiornata, con un riscontro giurisprudenziale e normativo, aggiungendo una raccolta organica di esperienze di diversi ES (cosa nuova), con una visione storica della scienza medica alla luce (anche del passato) dei 'constrain' legati agli interessi economico-sociali: qui c'è l'approccio antropologico legato alla sua preparazione.

Complimenti Milena !

Giorgio

martedì 10 gennaio 2017

Francia: le aziende debbono proteggere i dipendenti dalle onde elettromagnetiche


Novità del 1.1.2017
Le aziende debbono procedere con le misurazioni negli ambienti di lavoro cominciando dal wifi ...
I lavoratori debbono essere informati se ci sono ambienti dove i valori sono superiori a quelli limite.

Qui sotto si riporta la esperienza di una elettrosensibile francese che tuttora è a casa in malattia perché non si riesce a trovare nell'ambiente degli aggiustamenti per rendere la sua permanenza accettabile. E' un ingegnere ed ha perso sia ogni possibilità di realizzazione professionale che 2/3 del suo salario. Indicano in 70000 gli elettrosensibili in Francia.




French companies will have to protect employees from electromagnetic waves
(Google translation from French)
France Inter with Yann Gallic, January 1, 2017
This is one of the novelties of January 1: companies will now have to take into consideration the issue of electromagnetic waves to which employees are exposed
Measurement of electromagnetic waves using a broad-band isotropic probe. © Sipa / Valinco
These waves are emitted especially by wireless equipment: Wi-Fi, mobile phones or tablets. It took three years for this European directive to be applied in France. A decree, published on August 6 in the Official Journal , on the "protection of workers against the risks arising from electromagnetic fields," said the exposure thresholds that must not be exceeded.
The employer must assess the risks incurred by its employee
Employees should be informed of the risks and the workplaces where they are likely to be exposed to "electromagnetic field levels exceeding the values" should be reported to them and their access be limited. The results shall be communicated to the occupational physician and the health, safety and working conditions committee or, failing that, to the staff representatives and in the event of crossing the levels, workers may be given a medical examination.
Pregnant women and employees under 18 years of age will also receive special attention. Every effort should be made to ensure that the impact of waves is the lowest.
A first step for all employees "electrosensibles" 
Sophie Pelletier is an engineer and works in a public administration in the center of Paris. For six years she has hardly any working life. Electro diagnosed by doctors, it is now recognized as a disabled worker because his health has continued to deteriorate due to electromagnetic waves: "In the meeting rooms and wifi in the subway and public transportation , Throughout the week I accumulate this exposure which ends up echoing my general state, with great fatigue, and creates me troubles of the heart rhythm, memory and attention that prevent me to return to work When I'm too tired ".
Sophie Pelletier continues the sick leave. She has repeatedly requested that her position and working time be adjusted. But she has always run into the misunderstanding of her employer. "It's a disease that does not fit in the boxes," she explains, "it's complicated for the employer to arrange a number of things to allow me to keep myself properly in the job. 'I lost two thirds of my salary for several years and it annoys me because I put a damper on my career, or my health, or both at the same time.
According to estimates, in France, there are now nearly 70,000 people with électrosensibibilité.
-- 

mercoledì 14 settembre 2016

Indagine online su MCS e EHS

La Drsa  P Gibson della J. Madison University (USA) che da anni si interessa sia di MCS che di EHS chiede alle donne con età 65 o sup. di partecipare ad una indagine sulle condizioni di vita e di salute che si basa su un questionario online :

http://jmu.co1.qualtrics.com/jfe/form/SV_4YGd1uBrKkxx8nr

è in inglese

domenica 28 agosto 2016

McDonald's ritira 32 milioni di braccialetti fitness per bambini

... perché ci sono state oltre 70 segnalazioni di genitori che riscontravano che il braccialetto che veniva dato al posto del famoso happy meal a bambini, provocava irritazione e bruciore al braccio.
il dispositivo è nato per misurare il livello di attività fisica della persona.

elettrosensibilità ?!

http://www.dailymail.co.uk/news/article-3754707/McDonalds-recalls-millions-Happy-Meals-fitness-bands.html


sabato 27 agosto 2016

Nuove linee guida, 2016, di EuropaEM su danni cronici legati ai CEM

EUROPEAM è Accademia Europea per la Medicina Ambientale con sede in Germania.

Ovviamente c'è ampio spazio sugli effetti neurologici dei CEM, sulla elettrosensibilità con una raccolta organica di documentazione scientifica, sulle più aggiornate teorie sul meccanismo di formazione, 
su ipotesi di trattamento di queste malattie e disturbi, su un approccio per lo accertamento, indicazione dei valori limite proposti, e valori da recepire da parte delle normative, secondo sani principi di precauzione 




https://europaem.eu/en/library/blog-en/97-europaem-emf-guideline-2016  


giovedì 4 agosto 2016

martedì 2 agosto 2016

Alta Corte spagnola riconosce la elettrosensibilità



https://translate.google.com/translate?sl=auto&tl=en&js=y&prev=_t&hl=en&ie=UTF-8&u=http%3A%2F%2Fwww.lavanguardia.com%2Fvida%2F20160802%2F403624742652%2Felectrohipersensibilidad-sindrome-neurologico-prestacion-por-incapacidad.html%3Futm_campaign%3Dbotones_sociales%26utm_source%3Dfacebook%26utm_medium%3Dsocial&edit-text=&act=url




SEMIDESCONOCIDO SYNDROME

A 'teleco' electrosensitivity achieved with the inability to work between wifis

  • The TSJ of Madrid recognizes the right to a benefit denied the INSS
A 'teleco' electrosensitivity achieved with the inability to work between wifisElectrosensitivity relates to electromagnetic fields and (Ulrich Baumgarten / Getty) Wireless
    
 , Barcelona 
8/2/2016 1:25 | Updated 08/02/2016 14:17 Read the Catalan version
telecommunications engineer who worked at Ericsson and sufferselectrohipersensibilidad, a neurological syndrome that is triggered when exposed to computers, wifis, mobile phones and spaces in general with high electrical and electromagnetic activity, has made ​​the High Court of Madrid recognizes him which can not continue to exercise their profession without becoming ill and therefore is entitled to a disability benefit. The National Institute of Social Security (INSS) was denied two years ago citing the difficulty in proving the existence of this syndrome.
"This is the first we have achieved total disability due exclusively to this syndrome," says attorney Jaume Cortés, the Col·lectiu Ronda. The INSS considered it impossible to determine the resulting functional limitations of this syndrome electrosensitivity based on reports from the World Health Organization on "the heterogeneity and vagueness of its symptoms."
"Using a mobile phone caused me tinnitus and headache in less than a minute. But besides the ear flushed mobile, could barely sleep, I turned aggressive even cause accidents, was sunk and my brain was getting slower. I came to forget the name of lifelong friends. All together increased depression, anxiety ... "explains Ricardo de Francisco, telecommunications engineer 47 who all wireless leads to 
a large and increasingly diverse suffering. At first he thought it was a mental health problem, but experts dismissed it. "But my thyroid was normal as was a month without work, and so did other parts of my body."
In Ericsson -after a period of declines in this syndrome is not recognized, "does not exist, my doctor told me the medical service" - ran out precisely by laying off electrosensitivity. There was no free site waves in the company or data communications tasks that could reduce the risk of liability of the company's health.
He went to unemployment and the inability claimed: "Where I can go to work do not have a router?". They first denied the application and now has achieved through the courts. It can not work. Nor can use public transportation, among other reasons, because awareness is expanding to chemicals. "Study people they can move, but has given them to put wifi in the streets." 
She lives in Madrid and down the street looking antennas. At home landline and a mobile GSM, with far fewer megahertz phones that do everything. "It's not easy to find that information. In stores they hallucinate with the question. We must find the SAR ".Your phone uses a lower frequency and takes you off all possible wireless connections.Use with headphones because they reach less waves and may further reduce the effect with some extension cords that emit air at the end, "but it is hard to find."
In the case of Madrid teleco, the key favorable judgment has been to have a report of public health, on this occasion, a scholar internist hospital theme of Guadalajara. "It is the history of all these diseases, not there until those affected claim and a judge recognizes and become news, "says attorney Col·lectiu Ronda. It happened with fibromyalgia, chronic fatigue - "today we have about 300 disabilities recognized by this cause" - with multiple chemical sensitivity, "some 50 won". Now it's up to electrosensitivity.