il 5G provoca la elettrosensibilità





Nel primo studio di questo tipo, i ricercatori svedesi hanno scoperto che le radiazioni 5G causano sintomi tipici indicativi della cosidetta  "sindrome da microonde".


Lo studio, pubblicato sulla rivista Medicinsk Access, ha  confermato che le radiazioni non ionizzanti - ben al di sotto dei livelli consentiti dalle autorità - possono causare problemi di salute.


Secondo lo studio, una stazione base 5G installata sul tetto di un condominio ha causato livelli estremamente elevati di radiazioni non ionizzanti nell'appartamento delle due persone che vivono proprio sotto la stazione.


Entro pochi giorni dall'esposizione, i residenti dell'appartamento hanno sviluppato sintomi di sindrome da microonde. Dopo essersi trasferiti in un luogo con radiazioni più basse, i sintomi sono rapidamente diminuiti o scomparsi.


Le misurazioni prima e dopo l'installazione dell'impianto 5G hanno mostrato che il passaggio al 5G ha portato a un aumento delle radiazioni da 9 milliWatts/m2  (pari a 1,9 V/m) a un massimo di 1.690 milliWatts/m2  (24 V/m) - abbastanza alto per effetti sulla salute sia acuti che a lungo termine.

..........


Aumento delle radiazioni non ionizzanti a causa del 5G


Lo studio svedese non solo ha dimostrato che il 5G causa la sindrome da microonde quasi immediatamente, ma ha anche trovato che i livelli di radiazioni non ionizzanti sono aumentati in modo massiccio.


I valori misurati nella casa dell'uomo e della donna nello studio (massimo 1.690 milliWatts/m2) sono significativamente inferiori a quelli considerati sicuri (10.000 milliWatts/m2 [60 V/m] come valore medio su 6 minuti) dall'Autorità svedese per la sicurezza delle radiazioni (SSM).


Poiché le radiazioni a microonde tendono a fluttuare selvaggiamente, e il riferimento di SSM è un valore medio, questo significa che il valore massimo è permesso di essere significativamente più alto di 10.000 milliWatts/m2, e non protegge contro le grandi fluttuazioni che sono in effetti più biologicamente attive.


Inoltre, il valore di riferimento della SSM non protegge dagli effetti nocivi a lungo termine, come la sindrome da microonde o il cancro, che derivano da un'esposizione prolungata dalle stazioni di base, come nel caso dell'esposizione nelle case, negli uffici o nelle scuole.


Il valore di riferimento si applica solo alla protezione contro gli effetti immediati come risultato di una radiazione così intensa che riscalda i tessuti entro 30 minuti.


Ciò significa che la popolazione è completamente priva di protezione contro effetti diversi dal danno termico acuto, nonostante sia stato dimostrato che tali effetti causano danni al sistema nervoso, stress ossidativo e danni al DNA.






https://childrenshealthdefense.org/defender/5g-radiation-microwave-syndrome-symptoms/?eType=EmailBlastContent&eId=deb53dea-feb5-44ff-9903-e731effecca0

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Consiglio d'Europa mette in guardia dalle comunicazioni senza fili

Olle Johansson: Auto, essere umani, leggi, CEM: cosa ci aspetta nel futuro?

Parlamento Europeo (STOA): fermate l'espansione del 5G