Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2011

RF contro i diritti umani

Riporto una nota di Cindy Sage, 'coordinatrice' della iniziativa Bionitiative. E' molto giusta e tocca le corde dei diritti umani e di come il Mondo delle Radiofrequenza stia violentemente calpestando. .... Omeostasi è un diritto fondamentale della salute umana : le esposizioni wireless nella vita quotidiana sono talmente alte d a darci chiari segnali di base che le cellule umane sono fuori di funzioni normali - fuori dell'equilibrio omeostatico - a causa delle esposizioni RF. Esse sono comunemente centinaia di volte o più di migliaia di quelle alle quali l' homo sapiens si è evoluto su questo pianeta. Esposizioni RF nella vita quotidiana alterano l'omeostasi di esseri umani , modificare e danneggiare il DNA - il genoma umano , per alterare la riparazione del DNA in cellule staminali umane, con risposte immunitarie aberranti provocate, per provocare reazioni allergiche e infiammatorie, e indurre le cellule a p

Elettrosensibilità - Intervento del prof. Belpomme al convegno di AMICA 14 giugno 2011

Immagine

La ricerca della verità è estremamente difficile ... qui un esempio di un attacco di un epidemiologo contro IARC, ...

Questo Dr Kabat (US)  ha pubblicato su Forbes Magazine, rivista americana di alto peso, un duro attacco alle decisioni di IARC di classificare le RF come possibili cancerogeni. Per fortuna c'è chi non ha memoria corta e che è stato in grado di ricostruisce il suo passato molto molto discutibile di questo 'scienziato' quando ha difeso l'industria del tabacco ! Una criticità da un un tal personaggio  genera risultati opposti ... ma chi ha la conoscenza e l'informazione giusta da ricollegare questi fatti nel tempo ?! Dr. Kabat – What about his own “seriously flawed” research? August 25, 2011  in  -Mailing List ,  Cell phone news ,  Corporate influence on Science ,  Tobacco science and the art of spin  by  EMFacts On August 23rd Forbes Magazine published an article by epidemiologist Geoffrey Kabat (article 1 below) that is extremely critical of the IARC ruling on RF as a class 2B possible carcinogen. Kabat briefly notes of the dismissal of Anders Ahlbon from t

Il Sindacato Inglese riporta i rischi nello uso di radiofrequenze

... e riporta una lista di azioni cautelative rivolte ai propri iscritti. ...  Chissà se i nostri sindacati hanno stesse attenioni ?! UK Trades Union Congress advises a precautionary approach to IARC 2B Carcinogens August 22, 2011  in  -Mailing List ,  Cell phone news ,  Miscellaneous  by  EMFacts Source:  www.wifiinschools.org.uk The Trades Union Congress in the UK has a document about carcinogens in the workplace ( http://www.tuc.org.uk/extras/occupationalcancer.pdf  ). This offers guidance for all Trade Unions in the UK. In it they say ‘trade unions believe the aim should be to remove all exposure to any known or suspected carcinogen in the workplace .’ ‘Caution should be used to prevent exposure to substances in Group 2B .’ ‘The regulations are clear: that the first aim should always be to remove the hazard .’ ‘ Management Regulations and COSHH (Control of Substances Hazardous to Health) lay down clear principles for prevention that must be followed when deciding what to do

Studio di relazione tra CEM ed elettrosensibilità

Interessante studio eseguito su un medico, EJS, che ha subito stimoli con CEM , con un metodo denominato di doppio blinding, che evidenzia la correlazione tra causa ed effetti neurologici tipici di una persona malata di elettrosensibilità vedere qui http://www.next-up.org/pdf/NCBI_Pub_Med_Electromagnetic_Hypersensitivity_Evidence_for_a_novel_neurogical_syndrome_28_07_2011.pdf

un'intervista su elettrosmog

http://www.youtube.com/watch?v=jc3-9R7MPjA

Non più wireless ... ma connessione con luce LED !

Immaginate di usare i fari auto per trasmettere i dati ... o navigare sul web in modo sicuro su un aereo , legato solo da una linea di luce . Harald Haas sta lavorando su di esso. Un professore di ingegneria presso l'Università di Edimburgo , Haas è stato a lungo studiato il modo di comunicare i dati elettronici con segnali , la progettazione di tecniche di modulazione del pacchetto   di più dati su reti esistenti. Ma il suo ultimo lavoro   va   oltre i fili e le onde radio per trasmettere i dati tramite una lampadina a LED che si illumina e si oscura velocemente di quanto l'occhio umano può vedere . Il sistema, che lui chiama D-Light , utilizza un algoritmo matematico chiamato OFDM ( Orthogonal Frequency Division Multiplexing ), che permette di variare l'intensità della produzione dei LED ad un ritmo molto veloce, invisibile ad occhio umano ( per l'occhio , la lampadina sarebbe semplicemente su e fornen