Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

MCS riconosciuta anche in Finlandia

news da AMICA Cari Soci e Sostenitori di AMICA, vi informiamo che anche la Finlandia ha riconosciuto la Sensibilità Chimica Multipla lo scorso 22 settembre assegnandole il codice della Classificazione Internazionale delle Malattie R68.81 con il Titolo: “Continua o eccezionale sensibilità ripetuta all’ambiente, agli agenti convenzionali”. La fonte di questa notizia è in finlandese: http://www.thl.fi/fi/-/ymparistoyliherkkyyden-nimike-on-lisatty-icd-10-tautiluokitukseen  

Autodistruzione dei sistemi 'smart' ?!

Chissà se Wifi imploderà da solo ...?!  qui uno degli articoli recenti che riportano la grande preoccupazione americana dei 'buchi' riconosciti nel software openaccess che gestisce le connessioni 'smart'  e che permettono ad hackers di infilarsi nei sistemi delle aziende !  Non è la prima volta che queste preoccupazioni vengono riportate anche in congressi ... chissà se ...

Negli USA, a Los Angeles, viene riconosciuta incompatibilità tra wifi ed elettrosensibilità

Qui trovate la copia della comunicazione ufficiale del Distretto scolastico che autorizza un docente elettrosensibile a spegnere il Wifi in aula durante le sue lezioni .  Oppure a spostarsi un una scuola senza wifi. E' importante questa decisione perché apre la porta ad altri casi.

MCS riconosciuta in Spagna

Carissimi Soci e Sostenitori di AMICA, vi informiamo che è stata riconosciuta la MCS in Spagna, ovvero è stata inserita nella classificazione delle malattie ICD-10. Questo è avvenuto grazie alla richiesta rivolta dalla Spagna all’OMS, dove a sostenerla c’era la responsabile di Salute Ambientale la Dott.ssa Maria Neira, la stessa che abbiamo incontrato nel 2011 proprio con l’associazione spagnola Asquifyde. Speriamo di riuscire a tradurre l’articolo, in questo momento abbiamo diverse scadenze piuttosto impegnative ma ci proviamo. Buona serata, Francesca   Fonte in inglese e in spagnolo: http://www.sensibilidadquimicamultiple.org/2014/09/spain-recognises-mcs-bubble-people-2014.html  

Ecco una 'scatolina' per bloccare le connessioni Wifi in un ambiente

Si chiama UNPLUG !   vedete qui Di fatto , è nato per verificare quali strumenti, pc , tablet o telefonini, sono connessi via wifi o bluetooh ad una specifica sorgente (antenna) wifi.  Le motivazioni sono legate al controllo di attività di spionaggio. Però questo aggeggio può abbattere tutte le connessioni presenti , in un ambiente ! I produttori segnalano che questa azione probabilmente è illegale , ... , ma potrebbe essere un modo per sopravvivere ... 

Wifi nei treni adalta velocità: una iniziativa di Codacons

Ricevo alla amica Fiona la seg. informazione che giro a tutti voi: il Codcons si sta occupando  della nocività delle onde elettromagnetiche causate dall'installazione del wi fi sulle carrozze dei treni frecciarossa di trenitalia, il cui limite di esposizione consentito viene superato. In primo grado il Tar LAzio riteneva compatibile il campo elettromagnetico creatosi sul treno frecciarossa , con le leggi nazionali, pertanto rigettava il ricorso del codacons che ora sta proponendo appello al Consiglio di Stato Le persone alle quali é stato diagnosticata una particolare elettrosensibilitá o che hanno ravvisato fastidi a causa deill'elettrosmog presente su trenitaliaf recciarossa, sarebbe interessante che raccontino la propria storia. potrebbe essere una testimonianza interessante nella battaglia del codacons contro gli effetti dei campi elettromagnetici Grazie, lo metto su qualche website. Questo d'una mia amica chi e avvocato presso CODACONS. Suggere c

I danni della mielina come meccanismo di azione della elettrosensibilità ?

Il Prof Olle Johansson in questo recentissimi articolo http://1.usa.gov/1tNktZB ha raccolto gli studi eseguiti sugli effetti della mielina sottoposti a radiofrequenze  correlati con  elettrosensibilità, multiple sclerosis ed altre malattie. Ha trovato notevole relazioni tra i sintomi della elettrosensibilità con quelli legati alla 'demelinizzazione' . E' un altro modello di relazione tra causa (radiofrequenze) e gli effetti (elettrosensibilità e malattie neurologiche vicine).

In Canada oltre 100 comuni hanno chiesto il blocco della installazione dei contatori wireless

111 municipalità hanno detto in vario no al programma della società di servizi alla installazione degli smart meter : da una richiesta di moratoria, alla possibilità di sostituzione con i contatori 'vecchi', senza addebito.

Ora, gli avvisi di attenzione all'uso del cellulare compare nella documentazione

Immagine
Così appare nella prima pagina utile del manualetto che accompagna la confezione di un Samsung S4

Serate di informazione e incontro a Brugherio in ottobre, novembre, dicembre

Immagine

Inviata al 'difensore civico' della UE una contestazione sull'operato della commissione SCENHIR

Susan Foster ha inoltrato all'Ombudsman, che è il difensore civico [previsto dalla Commissione Europeo per riportare contestazioni sull'operato di organismi comunitari],  un ricorso contro la decisione presa dalla commissione SCENHIR in quanto nel suo rapporto sulla pericolosità delle radiazioni EM, sono stati volutamente esclusi  importantissimi contributi scientifici del Dr Hardell , concretizzato in ben 3 lavori pubblicati nel 2013. Qui viene contestato l'operato del responsabile di questa commissione DR J. Schuz che ha evidenti conflitti di interesse e precedenti finanziamenti dalla industria (vedere sotto in giallo). Susan fa presente al Difensore  come gli studi di Hardell (precedenti a questi del 2013) sono stati basilari per la classificazione 2B (possibili cancerogeni) della radiofrequenze da parte dello IARC (WHO) nel 2011, ma anche più recentemente, nella nota vertenza aperta presso la Corte Suprema USA,  il giudice ha riconosciuto  la validità di questi st

Una zona realmente no elettrosmog è in USA, West Virginia: Green Bank

Qui c'è un articolo che parla di questa area in cui c'è un potentissimo telescopio spaziale nella National Radio Quiet Zone, così decisa nel lontano 1958, dal Congresso Americano. Questo telescopio richiede la quasi assenza di radiazioni ... e questo per un'area di 34.000 Km2 !   Incluso un villaggio ma anche una stazione sciistica. C'è una continua ricerca di soluzioni di annullamento, come ad es. l'uso di microcelle per i 'cellualri' walkie talkies  nella stazione sciistica, ...  Hanno un camion attrezzato (tipo ghost buster ?) che localizza qualsiasi radiazioni che poi vanno a beccare per 'risolverla' !  Le nuove difficoltà vengono da auto nuove che arrivano in quell'area per i vari dispositivi e trasmissioni di radiofrequenze presenti (ultimi sono  quelli provenienti dalle 4 valvole dei pneumatici !). Chissà che bello se tanta attenzione potesse essere data alle persone elettrosensibili  ?!  O forse chiedere ospitalità in quel villa