I batteri comunicano utilizzando frequenze nella gamma del Wifi ...

 




Uno studio* finanziato dalla DARPA statunitense ha scoperto che i biofilm di batteri, lo Staphylococcus aureus, comunicano utilizzando frequenze che rientrano nella gamma utilizzata dal Wi-Fi e dalla banda C del 5G. L'esperimento ha rilevato che "si osservano radiazioni notevoli nella banda 3-4 GHz" provenienti dai biofilm di Staphylococcus aureus. Si tratta di una scoperta potenzialmente molto importante. 



Ricordo che cosa è DARPA:  DEFENSE ADVANCED RESEARCH PROJECT AGENCY 

For sixty years, DARPA has held to a singular and enduring mission: to make pivotal investments in breakthrough technologies for national security.

    E' agenzia governativa USA che finanzia la ricerca legata-correlata con la sicurezza nazionale ... chi di voi non ha letto un qualche libro di spy story con agenti e laboratori finanziati da DARPA ?!


Il lavoro scientifico è stato pubblicato M. Rao, K. Sarabandi, J. Soukar, N. A. Kotov, J. S. VanEpps. Experimental Evidence of Radio Frequency Radiation From Staphylococcus aureus Biofilms. IEEE Journal of Electromagnetics, RF and Microwaves in Medicine and Biology. doi: 10.1109/JERM.2022.3168618.


Questo lavoro può dimostrare l'esistenza di radiazioni elettromagnetiche nelle comunità di biofilm, convalidata esaminando più campioni per un lungo periodo di tempo e confrontando la potenza misurata con quella del terreno di coltura con penicillina G (senza biofilm) nella stessa piastra di Petri.


Inoltre, è stato dimostrato che esponendo i biofilm con una significativa radiazione a radiofrequenza a dosi letali di nanopiramidi di ossido di zinco (ZnO-NPYs), che inibiscono l'attività metabolica, si elimina l'emissione a radiofrequenza del biofilm.

Giuste considerazione del Prof Olle Johansson Questo è sicuramente un campo scientifico che io/noi vogliamo perseguire. Per favore, aiutatemi/ci a non dimenticate: quando si contano le vostre cellule, 1, 2, 3, 4, e così via, più del 90% di tutte le vostre cellule sono... batteri. Quindi per ogni cellula somatica umana ci sono 10 cellule batteriche, il che fa di voi il 90% di batteri e il 10% di umani classici.



Infine, va notato che le persone affette da grave elettroipersensibilità hanno notato una relazione diretta tra la gravità del loro deficit funzionale e gli zuccheri ingeriti (non lo zucchero bianco, ma gli alimenti zuccherati), e di conseguenza un aumento dei livelli di sensibilità ai campi elettromagnetici.

Una relazione così diretta con la loro dieta/carico intestinale negativo interno, solo da un giorno di imbroglio nella dieta, può risultare in un aumento massiccio e irritante della sensibilità ai campi elettromagnetici durante il giorno successivo.

Quindi l'impatto sui batteri intestinali (e/o sulla Candida albicans?) della dieta può forse scatenare attacchi di elettroipersensibilità?

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Consiglio d'Europa mette in guardia dalle comunicazioni senza fili

Melatonina: un aiuto contro gli effetti dei CEM