Syndication

Visualizzazione post con etichetta Europa. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Europa. Mostra tutti i post

giovedì 30 novembre 2017

Lo stato della Salute nei paesi della UE

Trasmetto il link ad uno studio dell' OECD sulla comparazione della Salute dei 28 membri della UE

da leggere

https://ec.europa.eu/health/state/country_profiles_en


giovedì 9 novembre 2017

Risposta di L Hardell e R Nyberg al Commissario per la Salute della UE dopo la posizione negazionista espressa.

L'appello dei 190 scienziati per un alt al processo di implementazione del 5G è stato inviato anche al Commissario della UE per la Salute.

La posizione espressa il 13.10.17 da un suo collaboratore (non da lui - non aveva tempo oppure non gliene frega niente ?! -) è ripetitivamente, ottusamente  negazionista. Ribadisce che le commissioni ICNIRP e SCENIHR confermano che la esposizione ai campi elettromagnetici non rappresenta un rischio alla salute!  Nel rispetto dei limiti (famosi) ...

Lennart Hardell e Rainer Nyberg hanno quindi chiesto al Commissario se la opinione del suo ... staff rappresenta anche la sua personale opinione.
Hanno riportato la posizione opposta del  gruppo Bioinitiative, di ECERI [che vorrebbe, dovrebbe essere la aggregazione opposta di ICNIRP] , che la posizione di ICNIRP è sempre in difesa delle posizioni della industria,  ma di tenere conto di quanto prodotto da IARC (WHO) che ha classificato le EMF come probabili cancerogeni
Giustamente sottoliena che l'appello dei 190 scienziati era supportato da una letteratura (quindi dandone  una valenza scientifica) a differenza della 'letterina' dell'uomo del Commissario !

Concludono proponendo che un organismo tecnico TERZO dovrebbe essere incaricato per valutare il tasso di rischio degli EMF e della nuova tecnologia in arrivo.

Che succederà ?!
Speriamo in qualche 'deus ex machina' che aggiusti questo nostro mondo !!!



_______________________________________________________________

To EU Commissioner of Health Dr Andriukaitis  November 9, 2017

We suppose that you know that Director John F. Ryan, October 13, 2017 replied (Ares (2017) 5015409 - Reply) to the EU 5G-appeal, and that he said: ”There is consistent evidence that exposure to electromagnetic fields does not represent a health risk… if below the limits …” His conclusion is based on the opinions of ICNIRP and SCENIHRSince Mr. Ryan said he writes on your behalf, we now ask for your own opinion as the EU Commissioner of Health. Director Ryan’s letter is attached and also the ”Cover letter” of the EU 5G-Appeal, so you can see the whole appeal and the 180+ signatories.
On February 1, 2016, in a Comment on SCENIHR to Mr. Ryan it was shown by Drs. Carpenter and Hardell, representing BioInitiative and ECERI, that: ”The evidence in the SCENIHR Final Opinion on EMF clearly and convincingly establishes the potential for health effects of exposure to electromagnetic fields [EMF]. Based on the evidence provided in this Opinion, the Committee is obligated to draw to the attention of the [EU] Commission that EMF is a new and emerging problem that may pose an actual or potential threat.” 
It seems to us that Mr. Ryan did not consider this 2015 article and the 5G Appeal, with a long list of compelling evidence and references under the headline: ”Harmful effects of RF-EMF exposure are already proven”. In addition, Mr. Ryan does not seem to note that the Appeal was signed and confirmed by more than 180 scientists and doctors, see the updated list of signatories.
In spite of all this, Mr. Ryan in his reply to us still continues to claim that EMF ”does not represent a health risk” and – without any other references than ICNIRP and SCENIHR – defends industry’s standpoint that EMFs are harmless if below the ICNIRP ”safety guidelines”. In addition he ignores the IARC evaluations on both ELF-EMF and RF-EMF to be ‘possible’ human carcinogens, Group 2B. Obviously not only statements by ICNIRP and SCENIHR, but also by IARC at WHO should have been considered. 
Because of the facts given above we cordially ask for your own opinion in this matter as the EU Commissioner of Health. Our 5G-Appeal and the conclusions with references (blue links) are well documented. You find the Appeal by clicking one of the seven language options in the attached ”Cover letter”. 
We appeal to EU to appoint a truly independent expert group of EMF-and-health researchers (contrary to ICNIRP and SCENIHR) to decide about new safe guidelines for EMF exposure. It is imperative to immediately apply EU:s Precautionary Principle (and ALARA) enabling rapid response to stop distribution of 5G products in order to diminish the harm that has already been proven by scientists. 
We mentioned in the 5G-appeal that we would make both the appeal and the response from EU publicly available. We have already done so and will also make your answer publicly available in the same way. Please read the Appeal and draw your own conclusions. We look forward to your answer no later than November 30, 2017.

Respectfully submitted

Rainer Nyberg Lennart Hardell
Rainer Nyberg   Lennart Hardell
EdD, Professor Emeritus   MD, PhD, Oncologist
Vasa, Finland     Örebro, Sweden

sabato 1 agosto 2015

Le Associazioni Europee chiedono l'annullamento delle decisoni di SCENHIR

Qui c'è il testo della richiesta alla Comunità Europea di annullare le scandalose conclusioni della commissione tecnica SCENHIR sugli effetti dell'EMF sulla salute umana.

Il documento dimostra come le conclusioni provengono da un gruppo di 14  'esperti' di cui solo due (e sono ingegneri, fisici, non biochimici, medici, ...) hanno lavorato in questo campo.

Peccato che la storia di questi due personaggi denota una marcata sudditanza ad una visione 'negazionista'. 
Ma anche gli altri sono caratterizzati da posizioni vicini agli interessi dell'industria.

Nel testo si evidenziano le omissioni e le conclusioni errate tratte da altri studi,  tutti con la intenzione di esprimere un parere positivo per lo status quo.

I principi di : indipendenza, eccellenza, imparzialità e trasparenza voluti per questa struttura permanente della UE ... sono andati a farsi benedire! 

Non è chiaro cone lo IEMFA (che il coordinamento europeo di NGO ed associazioni 'no-elettrosmog')  intenda  muoversi, se ad es. ricorrerà  all'Ombudsman per richiedere l'annullamento ed una nuova commissione che rispetti i 4 principi.

giovedì 30 luglio 2015

Nuova Direttiva UE sulle apparecchiature radio

nel 2014 è stata pubblicata la seguente direttiva la numero 53/2014 sulla armonizzazione delle legge di messa a disposizione del mercato  di apparecchiature radio.

Notare gli articoli  3, 40  e 42.


Nell'art. 3 si dice che le apparecchiature radio devono essere costruite in modo da assicurare la protezione del benessere e la salute dell'utente, ....

Nell'art. 40 si parla di autorità nazionale di sorveglianza del mercato che se hanno sufficienti motivazioni per indicare un sufficiente livello di rischio avviano una procedura internazionale di contestale

Nall'art. 41 si parla di procedure di contestazione per apparecchiature che presentano un rischio alla salute .


Domande :

è stata recepita ?  immagino di no
qualcuno ne sa qualcosa di più ?


Occorrerà seguire l'iter di predisposizione del decreto legislativo di recepimento (che in genere passa in blocco con  varie direttive) per capire innanzitutto quali saranno le autorità di controllo.

Quindi, immediatamente dopo il recepimento, occorre fare pressioni su questa Autorità.










Article 3 Radio equipment shall be constructed so as to ensure: (a) the protection of health and safety of persons and of domestic animals and the protection of property...

Article 40         Procedure for dealing with radio equipment presenting a risk at national level 1.Where the market surveillance authorities of one Member State have sufficient reason to believe that radio equipment covered by this Directive presents a risk to the health or safety of persons or to other aspects of public interest protection covered by this Directive, they shall carry out an evaluation in relation to the radio equipment concerned covering all relevant requirements laid down in this Directive. The relevant economic operators shall cooperate as necessary with the market surveillance authorities for that purpose.

Article 42 Compliant radio equipment which presents a risk
1.Where, having carried out an evaluation under Article 40(1), a Member State finds that although radio equipment is in compliance with this Directive, it presents a risk to the health or safety of persons or to other aspects of public interest protection covered by this Directive, it shall require the relevant economic operator to take all appropriate measures to ensure that the radio equipment concerned, when placed on the market, no longer presents that risk, to withdraw the radio equipment from the market or to recall it within a reasonable period, commensurate with the nature of the risk, as it may prescribe.
2.The economic operator shall ensure that corrective action is taken in respect of all the radio equipment concerned that he has made available on the market throughout the Union.
3.The Member State shall immediately inform the Commission and the other Member States. That information shall include all available details, in particular the data necessary for the identification of the radio equipment concerned, the origin and the supply chain of radio equipment, the nature of the risk involved and the nature and duration of the national measures taken.
4.The Commission shall without delay enter into consultation with the Member States and the relevant economic operator or operators and shall evaluate the national measures taken. On the basis of the results of that evaluation, the Commission shall decide by means of implementing acts whether the national measure is justified or not and, where necessary, propose appropriate measures. The implementing acts referred to in the first subparagraph of this paragraph shall be adopted in accordance with the examination procedure referred to in Article 45(3). On duly justified imperative grounds of urgency relating to the protection of health and safety of persons, the Commission shall adopt immediately applicable implementing acts in accordance with the procedure referred to in Article 45(4).
5.The Commission shall address its decision to all Member States and shall immediately communicate it to them and the relevant economic operator or operators. 

Interrogazione parlamentare al Parlamento Europeo

Testo della interrogazione scritta al Parlamento Europeo

Ottima iniziativa di un'associazione spagnola che ha chiesto al Parlamento Europeo di attivarsi per bloccare le azioni di boicottaggio delle lobby dell'industria al riconoscimento della elettrosensibilità ed in particolare per tutelare i bambini dai danni del wifi nelle scuole.


giovedì 21 maggio 2015

Prosegue la lotta legale contro le decisione del EESC


Link per recuperare le puntate precedenti:  Link

Varie associazione europee si sono appellate al Ombudsman (ovvero Difensore Civico Europeo) per chiedere di rivedere le conclusioni della riunione di quella  commissione che ha deliberato una pronuncia 'quasi-negazionista' sulla elettrosensibilità, a causa del comportamento molto 'dubbio'  di un membro inglese.

Il Difensore Civico il 12.5 ha risposto informando che ha unificato le varie contestazioni, inserite da più associazioni,  confermando la volontà di avviare una investigazione formale.

Ha già inviato al Direttore dell'EESC di dare risposte ai quesiti posti dalle associazioni reclamanti, entro il 31.7.15.
Quindi tale risposta sarà da 'noi' rivista e commentata.


Seguiamo i prossimi passi.





English
 
COMPLAINTS AGAINST THE EESC (COUNTER) OPINION ON ELECTROMAGNETIC HYPERSENSITIVITY
 
1. The European Ombudsman has already responded to us on May 12: it has unified the seven complaints received and she agreed to open an investigation. Now there are three phases:
 
- The Ombudsman has already requested information from the Director of the EESC (not later than 31 July 2015)

- The Ombudsman will send us such EESC information received.
- We must send our observations to the Ombudsman within one month after receipt the Ombudsman information
.
 
2. The Registry of the EESC sent us on 18 May the audiovisual archive of the plenary session on 21 January on electromagnetic hypersensitivity (21/01/2015-ten559-multi.mp4 - 632 MB). You can download at http://we.tl/2VE0fFWJGI (only for 7 days).
 
The audiovisual archive includes four languages: ORIGINAL, DE, EN and FR. You can choose the language audio tracks using a free program like VLC (can be downloaded at https://www.videolan.org/)
 
We will send you shortly a proposed strategy to continue this process with legal basis.
 

domenica 29 marzo 2015

Prosegue la lotta delle associazioni contro lo scandalo EESC

Ricordate la storia ?  vedere qui

Successivamente diverse associazioni individualmente hanno inviato un lungo testo di  contestazioni delle conclusioni tratte da quella commissione e chiedendo se erano state verificati i conflitti di interesse dei membri in particolare di Mr Adams inglese che al rush finale ha modificato il documento in discussione vanificando il riconoscimento della elettrosensibilità.

Il Direttore di questo organismo europeo ha risposto ... picche dicendo che tutto è stato svolto secondo le regole comunitarie.

Ora viene richiesto alle associazioni di inoltrare una contestazione al 'difensore civico' comunitario. I colleghi spagnoli per primi hanno studiato la procedura ed inoltrato questo complaint: viene richiesto anche alle altre associazioni.    Chi vuole partecipare mi scriva: gli invio le istruzioni.

Curioso cosa è avvenuto nel frattempo:

La mozione vincente non è stata poi firmata dal Mr Adams, come promotore né ovviamente dal relatore del documento originario che era stato frutto di un lavoro di un gruppo di lavoro !  Per cui l'ha dovuta firmare il Presidente di EESC ! 
Il bello è che il 17.3 dopo intenso dibattito in EESC si è deciso di pubblicare nella Gazzetta Ufficiale della EU il testo originale adottato dal TEN (gruppo di lavoro) ma rigettato nella nota votazione ! Adams ed amici hanno cercato di evitare senza successo. Per cui a breve sarà disponibile questo (valido)  documento sulla elettrosensibilità.

domenica 8 febbraio 2015

Comunicato Stampa sullo scandalo CESE (EESC)

Comunicato  Stampa di ReteNoElettrosmogItalia


SCANDALO IN CESE (COMITATO ECONOMICO SOCIALE  EUROPEO ):
CONFLITTI DI INTERESSI bloccano la strada alle persone con deficit funzionale per Elettrosensibilità





Le Associazioni europee che difendono i diritti delle persone elettrosensibili   e le organizzazioni che lottano contro l'inquinamento elettromagnetico, DENUNCIANO  la  loro profonda preoccupazione per il conflitto di interessi e le irregolarità che  ci sono state nell'adozione della  "contro-opinione" sulla ipersensibilità elettromagnetica nella sessione  plenaria del CESE del 21 gennaio.

Il CESE (EESC) è un  organo consultivo dell'Unione europea. Istituito nel 1957, esso fornisce consulenza qualificata alle maggiori istituzioni dell'UE (Commissione, Consiglio e Parlamento europeo) attraverso l'elaborazione di pareri sulle proposte di leggi europee.
La sezione specializzata Trasporti, energia, infrastrutture, società dell'informazione (TEN) appartenente al Comitato economico e sociale europeo (CESE), ha preparato un progetto di parere che raccomanda ai governi europei per alleviare la difficile situazione di emarginazione e di precarietà in cui le persone colpite dal vivo dalla elettrosensibilità. Queste persone, oltre ad aver perso la loro salute e stante  la costante sofferenza con sintomi dolorosi e gravi, spesso hanno perso il lavoro, la vita sociale e molti di loro anche la loro dignità, dovendo vivere in condizioni squallide che nessun essere umano dovrebbe  sopportare oggi in questa nostra  Europa.
Una commissione di studio su electrohypersensibility (EHS) ha analizzato  tutte le prove scientifiche e riconosciuto la validità degli effetti dei campi elettromagnetici per le persone elettrosensibili. Questo processo è durato mesi.

IL PROGETTO ORIGINALE DI PARERE DELLA COMMISSIONE
Ha reso visibile la situazione di coloro che sono affetti da emarginazione e da gravi violazioni dei loro diritti umani fondamentali, nel totale abbandono delle autorità sanitarie (inconsapevoli dei loro effetti e di come agire).
La commissione inoltre ha riconosciuto la crescente prevalenza di EHS e del loro handicap sulla occupazione come una disabilità funzionale con una sindrome ambientale legati alla loro esposizione ai campi elettromagnetici.
La commissione stava chiedendo passi concreti per recuperare i loro diritti perduti, assistenza e tutela, eliminando / riducendo la loro esposizione, compresa la creazione di "aree bianche". Inoltre il documento contemplava delle misure protezionistiche per la popolazione in generale e in particolare per bambini e ragazzi (ad esempio cavo per la connessione ad  internet nelle scuole, invece di connessioni Wi-Fi). 

IL "controparere"
E 'stato presentato e sollecitato da un membro del CESE, che è in grave conflitto di interessi, il signor Richard Adams, meno di 24 ore prima del processo di approvazione e senza alcun precedente studio.
Esso nega che i problemi di salute legati alla elettrosensibilità sia  associati all'esposizione alle emissioni elettromagnetiche e non presta alcuna attenzione alla grande quantità di prove scientifiche sugli effetti biologici studiati da medici, scienziati e associazioni professionali per la salute in tutto il mondo.
Esso utilizza argomenti negazionisti solitamente avanzati dal settore industriale interessato, che non riconoscono i possibili effetti negativi delle tecnologie wireless.

 Con questo nuovo rifiuto della Commissione , la storia si ripete, perché ci sono state molte sostanze nocive per la salute i cui effetti negativi sono stati molto camuffati e misconosciuti per molto tempo,  data la pressione dei vari settori economici  coinvolti (vedi, per esempio, tabacco da fiuto, l'amianto, la benzina contenente piombo e, purtroppo, alcuni altri) .

 Questa posizione  "controparere" solo prolunga la situazione angosciante in cui le persone vivono la elettrosensibilità.

 Gli Elettrosensibili  per il Diritto alla Salute deplorano che all'interno del CESE l'Europa umanistica dei diritti umani fondamentali non abbia vinto, ma la mercantilista Europa sia  in grado di passare con il rullo sui cittadini e dei suoi principi fondamentali  del suo percorso, lasciando una scia di effetti collaterali, della mancanza di protezione alla disuguaglianza.

 Le organizzazioni interessate sono grati al gruppo di studio che ha prodotto il  parere originario,  al loro serio e rigoroso stile di lavoro, come i  membri che hanno sostenuto il parere iniziale con 110 voti, nonostante la confusione e le irregolarità che si sono verificati nella votazione.
Le stesse organizzazioni  sono in procinto di denunciare le profonde irregolarità  ai canali adeguati .

Una analisi molto dettagliata è disponibile grazie a questo link: http://goo.gl/agjjPG 
Cordiali saluti
 

sabato 24 gennaio 2015

EESC European Economic Social Committee ha emesso il suo verdetto di riconoscimento della elettrosensibilità

Nella sessione plenaria di gennaio,  questo comitato tecnico di supporto alla Commissione Europea che vede la presenza di 234 membri rappresentanti i 28 stati della EU, ha riconosciuto la elettrosensibilità , auto diagnosticata.  Con una maggioranza di 136 voti, si riconosce la necessità di dare un supporto a chi soffre.
Però aggiunge che non si evidenzia un nesso causale con le radiofrequenze anche se si continua con rimarcare l'importanza del principio della precauzione e che occorre ulteriormente approfondire scientificamente la tematica.  Rimanda al comitato SCENIHR che sta elaborando un documento aggiornato.

COMMENTI:

- è positivo che bel 110 membri abbiano votato contro ovvero per il documento base in cui viene rimarcata la relazione causale
- artefice di questa inversione di marcia è un inglese,  Adams, che è stato dagli amici delle associazioni inglesi ben riconosciuto soggiacente da gravi conflitti di interessi
- le associazioni che hanno firmato il documento base, tra cui Rete, stanno concordando un intervento congiunto di informazione sul misfatto e  di chiedere al Ombudsman  ovvero il garante dei rapporti con la CE,  un suo intervento.



At its January plenary session, the EESC adopted an opinion on electromagnetic hypersensitivity syndrome (EHS) which recognises the distress being suffered by people in Europe who believe they are affected. The opinion, which was adopted by 136 votes to 110 with 19 abstentions, calls for sympathetic and appropriate treatment and support for this condition.
Although the EESC opinion says that radiofrequency exposure is not causally linked to EHS symptoms, it urges continuance of the precautionary principle through regulation and advisory work, particularly as further research is still needed to accumulate evidence concerning any potential health impact from long-term exposure. 
The EESC opinion on electromagnetic hypersensitivity syndrome points out that further substantial research is ongoing to understand the problem and its causes. It also notes that the European Commission’s Scientific Committee on Emerging and Newly Identified Health Risks (SCENIHR) has performed an extensive analysis of this issue and will shortly be completing its latest opinion which draws on a broad public consultation. The opinion will soon be adopted and will be published on the SCENIHR website (http://ec.europa.eu/health/scientific_committees/emerging/index_en.htm).

martedì 9 dicembre 2014

European Economic and Social Committee riconosce la elettrosensibilità

Il European Economic and Social Committee   che è un organismo della Comunità Europea dopo un workshop che si è tenuto a Bruxelles dove relatori anche 'indipendenti' e con la presenza di associazioni (tra cui un rappresnetante dell'associazionismo italiano) ha concluso riconoscendo la elettrosensibilità

Il European Economic and Social Committee ha emesso il suo preliminary draft opinion, il 28.11.14.

Documento che tiene conto di moltissime delle richieste e visioni delle ns associazioni, delle persone che soffrono l’elettrosensibilità e lottano per un riconoscimento dei propri diritti a vivere una vita serena.

Infatti viene riconosciuta la sofferenza degli elettrosensibili, la incomprensione e scetticismo dei medici, la necessità di interventi legislativi per ridurre le esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

EESC richiama interventi per limitare l’esposizione agli elettrosensibili, come anche l’applicazione del principio di precauzione secondo  ‘ALARA’

Si richiama alla definizione data dal WHO della elettrosensibilità come intolleranza ambientale idiopatica , ma anche alla raccomandazione  Consiglio di Europea del 1999,  del Parlamento Europeo del 2009 e del 2011 verso  politiche di controllo più restrittive.

In definitiva fa una sintesi molto interessante:

l’elettrosensibilità è una  sindrome molto complessa che deve essere affrontata con una combinazione di  leggi e  di altre misure: si deve trovare un compromesso tra i diritti fondamentali (dignità umana, integrità fisica, libertà di movimento, …) delle persone (elettronsensibili in particolare)  e la libertà di comunicazione e di condizione di un business.

EESC va anche sul pratico, per  richiedere un sistema di etichettatura (che, ricordiamo , in Italia è possibile dal 2001 ma che, chissà come mai, in 13 anni il Ministero dell’Ambiente non ha mai trovato il tempo di attuare !), imporre la protezione assicurativa, che in genere è esclusa ai sistemi wireless,  per le campagne pubblicitarie dei dispositivi wireless  che siano controllate  nei confronti di target non protetti, …

 ma anche EESC parla di riconoscimento della malattia, della necessità di fare campagne di informazione sulle migliori condizioni igieniche nello uso dei dispositivi, delle  mappa di esposizione, la esistenza di regole di distanza dai tralicci dell’alta tensione come anche dalle antenne, la costituzione di zone EMF-free.


vedere
http://www.eesc.europa.eu/?i=portal.en.events-and-activities-electromagnetic-hypersensitivity-documents

 

martedì 2 settembre 2014

Inviata al 'difensore civico' della UE una contestazione sull'operato della commissione SCENHIR



Susan Foster ha inoltrato all'Ombudsman, che è il difensore civico [previsto dalla Commissione Europeo per riportare contestazioni sull'operato di organismi comunitari],  un ricorso contro la decisione presa dalla commissione SCENHIR in quanto nel suo rapporto sulla pericolosità delle radiazioni EM, sono stati volutamente esclusi  importantissimi contributi scientifici del Dr Hardell , concretizzato in ben 3 lavori pubblicati nel 2013.

Qui viene contestato l'operato del responsabile di questa commissione DR J. Schuz che ha evidenti conflitti di interesse e precedenti finanziamenti dalla industria (vedere sotto in giallo).

Susan fa presente al Difensore  come gli studi di Hardell (precedenti a questi del 2013) sono stati basilari per la classificazione 2B (possibili cancerogeni) della radiofrequenze da parte dello IARC (WHO) nel 2011, ma anche più recentemente, nella nota vertenza aperta presso la Corte Suprema USA,  il giudice ha riconosciuto  la validità di questi studi superando i selettivi e stringenti  test legali denominati Frye  : grazie a questi studi di Hardell il giudice ha deciso di andare avanti in questa macro-causa (somma di ben 13 cause) !
E questo Schuz con determinazione, nonostante i richiami dei colleghi della commissione, ha deciso che NO, Hardell non rientra !!! 

Susan spara diretto: è ben pagato per tenere lontano questi lavori, da  parte della industria delle telecomunicazioni !





Please see enclosed letter sent to the EU Ombudsman regarding SCENIHR Suppression of Science.
August 31, 2014
Emily O'Reilly
European Ombudsman
European Commission
RE:  SCENIHR Report 2014 and The Suppression of Dr. Lennart Hardell’s Science
Dear Emily O'Reilly:
In July 2014 we received individual letters from Acting Director John Ryan following our deeply and urgently conveyed concerns that scientific misconduct had occurred at SCENIHR under the direct actions of Dr. Joachim Schüz.  Dr. Schüz took it upon himself to unilaterally write the epidemiology portion of SCENIHR’s report.  Because SCENIHR was entrusted with examining the RF standards for all of Europe, this task and position calls for great integrity and objectivity.  We are strongly suggesting both were lacking as Dr. Schüz “cherry-picked” the science that went into SCENIHR’s preliminary and then final report, purposefully and negligently omitting the five 2013 studies of independent epidemiologist Dr. Lennart Hardell of Sweden.
From Acting Director John Ryan we received the following replies to our concerns, as did others who wrote with similar concerns:
Subject' Reply - EC - SCENIHR Preliminary Report
“Our investigation found no facts to support these allegations, which seem to be
completely unfounded. The working methods used by the EMF working group were appropriate and in accordance with our rules of procedure. All members of the working group agreed upon the preliminary opinion and its conclusions before the draft preliminary opinion was sent to the SCENIHR for approval.
No conflict of interest could be identified among members of the EMF working group or the stakeholder members.”
We would contend, with all due respect to Mr. Ryan, that the Secretariat of the Scientific Committee assigned by Acting Director John Ryan may not have fully investigated the multiple conflicts of interest that Dr. Schüz brought to SCENIHR.  To be blunt, the body of Joachim Schüz’s work and his telecom industry affiliations – so carefully elucidated by others who share our concern – must be scrutinized. This conflict of interest by Joachim Schüz impacts hundreds of millions of lives.  We suggest the fox is guarding the hen house, and the victims are an unsuspecting body of humanity entrusting their lives, their children’s lives, and their progeny to the industry-biased goals of an epidemiologist who is on the industry payroll through a multitude of organizations including the Danish Cancer Society (as foreign as that conflict of interest may sound).  There has been excellent reporting on Dr. Schüz’s well-known conflicts of interest by Louis Slesin of Microwave News, and more recently a comprehensive letter to John Ryan by Israeli author Iris Atzmon which includes the following conflicts of interest:
Dr. Schüz declared his contract with the electric industry, see "2006-2012 Electric Power Research Institute" (EPRI), EPRI is the US power industry research arm. 
He also declared that he was a management committee member of COST BM 0704.  IT'IS Foundation was appointed as the Grant Holder of COST Action BM0704. http://www.itis.ethz.ch/news-events/news/other-news/it-is-foundation-appointed-as-the-grant-holder-of-cost-action-bm0704/
Additionally, Lloyd Morgan, B.Sc. of Berkeley, California, published a comprehensive list of Dr. Joachim Schüz’s conflicts in Electromagnetic Health.org.   http://electromagnetichealth.org/electromagnetic-health-blog/has-the-fox-been-put-in-charge-of-guarding-the-hen-house/
Our complaint to you on behalf of the UK’s EM Radiation Research Trust, sent with the greatest urgency, is about Dr. Schüz receiving money from a variety of telecommunication and power industry sources, money which sometimes flows through and insidiously influences organizations like the Danish Cancer Society – and now SCENIHR. This complaint is about the unethical actions of Joachim Schüz, a man who purports to be objective, places himself in charge of the epidemiology section of the SCENIHR Report, and then single-handily ignores, dismisses, and suppresses the brilliant 2013 epidemiology studies of Dr. Lennart Hardell of Sweden.  Four of these five 2013 Hardell studies found a statistically significant link between cell phones and gliomas -- the deadliest of brain tumors, and acoustic neuromas. Both types of brain tumors are on the rise; prompting an unprecedented industry attempt around the world to suppress these statistics. 
It should be noted that Dr. Hardell’s earlier science, even before the 2013 studies were published, was included in the science that went before Judge Frederick H. Weisberg of Superior Court in Washington D.C.  Judge Weisberg is presiding over 13 consolidated lawsuits against the telecommunications industry in the United States.  After months of testimony and careful deliberation, Judge Weisberg ruled that scientific evidence from five experts is strong enough to meet what is called the Dyas/Frye legal standard.  The science must be generally accepted and meet what some experts refer to as “the test of time”. Never before has this happened in the US.  Now the cases have been cleared by Judge Weisberg to proceed to trial.
Not all science brought before the court was accepted.  The science of Dr. Lennart Hardell – and again, this is Dr. Hardell’s epidemiological science that preceded the five studies published in 2013 (which are even stronger) -- was considered strong enough by Judge Weisberg to be included in the brain tumor cases as they go forward to trial. It is critical to understand that the five more recently published studies by Dr. Hardell, which cover more than 20 years and show an even greater statistically significant correlation than the science considered and accepted by Judge Weisberg, were tragically dismissed by Dr. Schüz from consideration by SCENIHR. 
Dr. Kjell Mild, co-author of four or five of the studies with Dr. Hardell and a member of SCNEIHR, tried repeatedly to have Dr. Hardell’s science included in the SCENIHR report. He chronicled his strong objection to the dismissal of this science in a letter many of us sent to Mr. Ryan.  Those efforts by Dr. Mild were in vain.  Dr. Schüz was steadfast in his refusal to accept the Hardell science.
It is clear Dr. Lennart Hardell’s science is a “game-changer”, and Dr. Schüz is well-paid, albeit indirectly, to see that Hardell’s science does not adversely influence the profitable flow of the telcom industry’s business-as-usual.  There are two casualties in all of this cover-up: 1) the truth, and 2) the well-being of humanity.
The telecommunications industry is concerned about the liability implications of these recent court cases, with several precedents linking cell phones and brain tumors being set in Europe.  Honest, brilliant scientists around the world are having their funding cut because the telecommunications industry puts pressure on the universities that fund RF radiation research.  Because of this massive suppression of research monies by the industry, and because of the money we can trace to “industry-friendly scientists” who offer the study results that find “no harm” from cell phones and other wireless applications, Dr. Hardell’s independent science is more needed, more honored, and more timely than ever. 
Yet Joachim Schüz suppressed the Hardell science, and our letters to Mr. John Ryan detailed this concern. We believe Mr. Ryan was well intentioned but the reports to him that there was “no conflict of interest” had to have been false. Too many facts tell us otherwise.
To suppress science that has stood the test of time and is telling the world we need to consider RF radiation not as a 2B or “possible human” carcinogen but rather a Group 1 or “absolute” carcinogen in the same category with asbestos and DDT is not an oversight.  It is not a forgetful act.  It is a purposeful hiding of the truth. When SCENIHR is entrusted with evaluating the standards for all the citizens of Europe, and when we see the telecommunications industry’s fingerprints all over this suppression of Dr. Hardell’s science through Dr. Schüz, we must call this exactly what it is.  It is a crime against humanity.
We implore you to open an investigation into this scientific fraud.
With Great Respect,
Susan Foster, MSW
Advisor
EM Radiation Research Trust
Eileen O’Connor
Director
EM Radiation Research Trust

domenica 13 aprile 2014

Intervento di Bioinitiative come commenti alle conclusioni del SCENHIR : una bocciatura completa!

Come forse noto la   Commissione Europea aveva chiesto di fare il punto (aggiornamento della informazione scientifica disponibile al momento) sulla entità del rischio dato  EMF sulla salute umana.

Il Rapporto, disponibile a tutti,  deve essere oggetto di valutazioni da parte di tutti .

C'è stata anche una conferenza ad Atene sulla quale già si è  avuto un'ulteriore conferma della preconcetta conclusione tratta dai tecnici incaricati. Vedere relazione della conferenza.

Grande attesa c'era per la produzione entro il 16.4.14 come previsto dalla CE, della posizione del gruppo Bionitiative Report.

Qui c'è tutto il documento con gli allegati (che hanno un volume ben superiore al rapporto di partenza !)

Conclusione

OVERALL COMMENTS
1. This Preliminary Opinion is an inadequate basis for updating the 2009 EU opinion on ‘Health
Effects of Electromagnetic Fields (EMF)’ and should be sent back for major revisions. The
conclusions drawn from the data presented are unreliable for judging possible health risks.

... il rapporto prodotto è inadeguato per aggiornare la posizione della EU datata 2009 su ' effetti dei campi elettromagnatici sulla salute e benessere'deve essere ritirato per essere profondamente rivisto. Le conclusioni tratte dai dati esistenti sono inaffidabili per esprimere un giudizio sui possibili rischi .  !!!

Speriamo nella possibilità sia di IEMFA che di Bioinitiative Report di dare voce a queste posizioni molto determinate e ben provate e documentate che - pur non avendo alcun impatto sui Media e quindi sulla pubblica opinione  - possa intaccare la sensibilità (?) o forse la paura di possibili ritorsioni sui Burocrati Europei [e qui va riportata la possibilità di utilizzo come caso giurisprudenziale la condanna dei Tecnici della Commissione Grandi Rischi sul terremoto de L'Aquila] ...

mercoledì 9 aprile 2014

Congresso di Atene: la voce della verità è forte e chiara ma solitaria ...

Il 27 e 28.3.14 si è tenuto  un congresso ad Atene voluto da SCENHIR, ente scientifico  europeo , il quale è stato incaricato  dalla CE di fare il punto sulle informazioni scientifiche in merito a principio di precauzione e ai  pericoli da EMF.   E' stato presentato un volume con le loro conclusioni sulle quali si attendevano commenti.

Solo 2 voci discordi erano state invitate !  Eileen O'Connor  (  associazione inglese Radiation Research Trust) e Sissel Halmøy rappresentante lo IEMFA.

 Qui c'è la sintesi dei loro interventi.

Non sono stati considerati i lavori di Hardell del 2013 che hanno evidenziato ancora una volta e con più forza, la relazione del tumore  el'uso intensivo  dei cellulari da più di 20 anni:      Hardell chiede la modifica della classificazione IARC da 2b a 1 (cancerogeno!)

E' stato fatto riferimento alla, per noi nota, sentenza della Cassazione di Brescia  in cui Telecom Italia ed INAIL hanno dovuto pagare i danni a Sig. Marcolin per un tumore al cervello.

Ma , ancora, Eileen ha ricordato la sentenza italiana che ha condannato la Commissione Grandi Rischi per non aver adottato precauzioni prima del disastro del terremoto di L'Aquila:    dobbiamo attendere il Giudice per mettere in galera chi oggi sta dando un'informazione inesatta incompleta e contraddittoria alla popolazione ?! 


presentazioni

https://www.dropbox.com/s/xyw8eiins52e2ju/ev_20140328_co13_en.pdf
https://www.dropbox.com/s/5zaxppiz686xf38/ev_20140328_co14_en.pdf
 

martedì 4 febbraio 2014

La Commissione Europea chiede opinioni sui potenziali effetti dei CEM ...

Il Scientific Committee on Emerging Newly Identified Health Risks (SCENIHR), che è una struttura tecnico scientifica della CE, ha lanciato una procedura di acquisizione di commenti e valutazioni, da parte sia della comunità scientifica che da parte degli 'stakeholders' (ovvero delle parti in causa, come noi!) grazie ad un modulo online  appositamente predisposto.
I commenti sono non generici ma riferiti al documento, disponibile qui sotto: PRELIMINARY OPINION .

Vedere qui

Nella procedura, che è scaricabile, si parla del comitato scientifico della sua terziarità   (auto)dichiarata dagli stessi  di non esistenza di conflitti di interesse.
Sicuramente i nostri amici più vicini a Bruxelles e più informati (di me sicuramente) andranno a fare i controlli sulla vita professionale di questi personaggi scelti per questo lavoro.  Il loro ruolo è fondamentale !  Comunque vedo Dr Rubin , quello che è depositario della metodologia 'Ufficiale' di diagnosi della elettrosensibilità: metodo della provocazione in una stanza con sorgente/i di radiazioni ...

Ovviamente tutti noi possiamo riportare i ns commenti.

mercoledì 22 gennaio 2014

GERONIMO: Nuovo programma di ricerca UE per migliorare la conoscenza sugli effetti dei CEM

Anche se parte dall'assunto che i risultati della (tanta) ricerca sono tuttora inconsistenti (sic!) ora ci si ripromette l'uso di 'nuove metodiche' per fare luce !
Ora si parla di approccio integrato ... biology, engineering and physics, epidemiology and public health, radiation protection and risk assessment and communication   

Il progetto è finanziata dalla UE + altri sovvenzioni nazionali (quali ?!  magari dalle aziende telefoniche ?!)
E' guidato da Elisabeth Cardis : personaggio dubbio, che guidò in modo contestato dalla parte degli ambientalisti il grande progetto Interphone.

Partecipano al progetto due istituti italiani:

Università di Torino Prof Franco Merletti
CNR Milano Dr Paolo Ravazzani

Il risultato servirà a dare indicazioni per la gestione del rischio legato alle radiazioni.

Commento:  cosa possono fare di più rispetto a ciò che lo IARC nel giugno 2011 ha fatto, classificando le RF come possibili cancerogeni ???!!!
__________________________________________________________________________


GERoNiMO participants at kick-off meeting in Barcelona - 16th-17th January 2014 (Photo: Payam Dadvand)

The European population is increasingly exposed to new physical and chemical agents in the environment, some of which may be damaging to health. Among these, electromagnetic fields (EMF) are one of the most widespread, and their application in new technologies continues to grow, with novel uses being actively developed and commercialised. Although there is some concern among the public and public health professionals alike about possible health effects related to EMF, results of studies to date are inconsistent.
The GERoNiMO (Generalised EMF Research using Novel Methods) project, which is being launched this month, proposes to close gaps of knowledge on health effects of EMF and reduce exposure. To achieve this, it will use an integrated approach, bringing together researchers from different disciplines (biology, engineering and physics, epidemiology and public health, radiation protection and risk assessment and communication), 19 different research institutions (see below) and 13 countries to address key questions related to EMF, specifically to:
- better understand the mechanisms underlying possible health effects of EMF;
- better characterise current and future levels of EMF exposure in Europe;
- further the state of knowledge on EMF and health;
- improve health risk assessment of EMF; and
- reinforce policy development and propose non-technological means to reduce EMF exposure.

GERoNiMO is a five year project, coordinated by Professor Elisabeth Cardis, head of the Radiation Programme at the Centre for Research in Environmental Epidemiology (CREAL), an ISGlobal alliance research center, in Barcelona, Spain. It is funded by the European Union (EU grant agreement 603794).
On the occasion of the project’s kick-off meeting, held at CREAL on 16 and 17 January 2014, Elisabeth Cardis, said “We find ourselves living in an increasingly “smart” world, where EMF are used in our personal (health surveillance, …), domestic (home automation and alarm systems…) and commercial and industrial environments (electronic surveillance and tagging…). The advantages are undeniable, but it is important to ensure that we are adequately protected against any possible harmful effects of these exposures”.
The project focuses on a range of frequencies from a few KHz (intermediate frequencies used, for example, for anti-theft devices) to radiofrequencies and microwaves (used for communication technologies). By using different but complementary approaches, GERoNiMO investigates the potential effects of these exposures on the risks of cancer, neurodegenerative diseases, behaviour, reproductive outcomes and aging.
Michael Jennings, spokesperson for European Research, Innovation and Science Commissioner Máire Geoghegan-Quinn, said “The integrated approach used in GERoNiMO should significantly improve the strength, coherence, credibility and coordination of European research into EMF and health. The project should reduce fragmentation of the research in this area and improve the incorporation of evidence-based risk assessment into policy development and communication relating to EMF and health.”
GERoNiMO will provide support to the EU and national regulatory bodies by improving reliability of research data on potential effects of EMF exposures and providing educated recommendations for public health policy based on a consensus of experts from diverse fields. It will contribute to EU risk assessment, management and communication activities, building on previous EU-funded networks (EMF-Net and EFHRAN).

http://bit.ly/1dUUGFJ

For more information about CREAL:
http://www.crealradiation.com/index.php/en

venerdì 11 ottobre 2013

Note sull'incontro del 3.10.2013 a Bruxelles per l' ECI




  • la riunione è stata promossa dalla parlamentare francese europea Michele Rivasi (appartenente al Gruppo del Verdi Europei)
  • hanno partecipato una quindicina di persone di varie associazioni: spagnole, francese, belga, olandese, norgevese, svedese, italiana (unico rappresentante ero io).
  • hanno partecipato, part time, una parlamentare spagnola, il ns On Rossi Ermete, e l'assistente , credo, dell' ON Rinaldi
  • c'era una troupe televisiva con interviste e le presentazioni iniziali e poi alla fine c'è stato un incontro con media, al quale non ho partecipato per raggiungere l'aereoporto 
  • il tema è stato quella della presentazione della proposta di legge di iniziativa popolare europea: molto tempo è stata dato alla limatura delle richieste;  pur partendo dal Manifesto , condiviso, i distinguo e  i dettagli sono importanti, in quanto saranno la base della proposta di legge
  • un punto di forza sarà senz'altro quello di chiedere con forza alla Comunità Europea di maturare una valutazione  sul grado di precauzioni da apportare,  dopo un confronto tra le due posizioni: Bioinitiative e IARC, da una parte e ICNIRP, dall'altra
  • la Rivasi ha spiegato che è indispensabile che l'iniziativa sia presentata da 7 rappresentanti provenienti da 7 paesi diversi: ho dato la mia disponibilità, anche se ho un qualche dubbio visto che non è chiaro quali siano le responsabilità !
  • nei commenti dei giorni  successivi,  stimolati dall'eclettico norvegese Stephen McGill e  da Christine (NL), si è concordato sulla decisiva e urgente necessità di gestire il  Progetto con un taglio organizzativo ed efficiente 
  • altro punto molto molto cruciale è l'aspetto economico:  è stato valutato che questa inizia possa costare almeno 300.000 € !!!   ...  chi finanzia ??!!  [non l'Europa !]
  • io ho (in realtà l'avevo già fatto a metà settembre)   cercato di portare in superficie la necessità di avviare , e subito, una definizione di alleanze strategiche, senza le quali sono impensabili sia finanziamenti ma anche poter avere una visibilità che ci porti, ad es. per l'Italia, ha recuperare almeno un 100.000 firme

Vi terrò aggiornati.

domenica 6 ottobre 2013

Riunione di Bruxelles per il lancio della Iniziativa Europea

El Paìs 

                                                             CITTADINI UE

Una piattaforma europea promuove una iniziativa per controllare le onde elettromagnetiche


I rappresentanti dei gruppi di cittadini provenienti da sette paesi dell'Unione europea nel corso delle riunioni tenutesi a Bruxelles oggi per gettare le basi per una futura iniziativa popolare per aiutare Modifica parametri europei sulla radiazione elettromagnetica. / EFE
I rappresentanti dei gruppi di cittadini provenienti da sette paesi dell'Unione europea si sono incontrati oggi a Bruxelles per porre le basi per una futura iniziativa popolare per la modifica dei parametri europei sulle radiazioni elettromagnetiche.
Queste organizzazioni, provenienti da Spagna, Francia, Belgio, Svezia, Italia, Paesi Bassi e Portogallo, sostengono, sulla base di relazioni scientifiche che le onde rilasciati da vari dispositivi mobili sono nocivi per la salute.
Tra le altre misure, la proposta di soppressione piattaforma di rete "wifi" nella scuola primaria, la modifica della legislazione degli Stati membri per prevenire l'elettromagnetismo e le formule di etichettatura, simili a quelle del tabacco, per avvertire della nocività dei dispositivi.
Inoltre, i gruppi avvertono dei rischi di diffusione di malattie legate all'esposizione a campi elettromagnetici e il riconoscimento della domanda di elettroipersensibilità come una malattia biologica.
"Pensiamo che questa sia una buona occasione per rivendicare, perché noi coinvolgiamo movimenti di tutta Europa e siamo in grado di aprire la porta ad altre richieste più specifiche che stanno già facendo i diversi paesi europei", ha detto a Efe il coordinatore della piattaforma in Spagna, Julio Carmona.
Carmona ha confessato anche che il gruppo sa che è "difficile"  riunire un'iniziativa europea per tutte le richieste dei diversi movimenti, così rimangono dettagli "concreti" per un'azione congiunta.
Alla riunione di diversi gruppi tenutasi oggi a Bruxelles, i rappresentanti di queste organizzazioni hanno presentato le loro proposte e discusse le possibili formule legislative adattate all'interno dell'Unione.
Michèle Rivasi eurodeputata (Vice Presidente del Gruppo Verde) ha condotto l'incontro e ha indicato alla piattaforma i criteri da rispettare per presentare il loro progetto come iniziativa dei cittadini europei (ICE), l'obiettivo ultimo di questa organizzazione.
Rivasi ha detto a Efe che questo primo passo è quello di verificare "se tutte queste organizzazioni europee hanno le stesse priorità" che affrontano una ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei), e ha apprezzato il carattere "chiaramente democratico" della piattaforma che ha sollevato la sua proposta.
Per ora, il gruppo dovrebbe sviluppare un nuovo testo per portare la sua proposta per i parametri di un ICE, dal momento che la maggior parte delle iniziative presentate non potrebbe essere formulata, oltre la competenza della Commissione europea nei confronti degli Stati membri.
Sulla piattaforma gruppi interessati coinvolti in elettromagnetismo e le organizzazioni nazionali che promuovono la consapevolezza di questi problemi, come PECCEM spagnolo, francese Sans Ondes, la belga Teslabel e l’italiana Elettrosmog Volturino.


martedì 24 settembre 2013

Iniziativa Europea di legge popolare sull'elettrosmog


Diversi gruppi di cittadini di diversi paesi europei concordano sulla necessità di presentare una iniziativa dei cittadini europei per regolamentare le radiazioni elettromagnetiche  ed evitarne la contaminazione .

La preoccupazione dei cittadini espressa nel ‘Speciale Eurobarometro no. 347’ (della Comunità Europea) sui campi elettromagnetici ha di fatto avviato il  processo di coordinamento di persone e gruppi di attivisti europei,  che ha come primo frutto il consenso sul  Manifesto Europeo a sostegno della ECI nel giugno 2013 sulle seguenti basi :

- Le raccomandazioni delle istituzioni europee :

La risoluzione 1815 (2011) , l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa sui potenziali rischi dei campi elettromagnetici e dei loro effetti sull'ambiente .

Le risoluzioni protezionisti del Parlamento europeo (2007/2252 ( INI ) e 2008/ 2211 ( INI)) , e le raccomandazioni dell'Agenzia europea per l'ambiente dal 2007 ad oggi .

- Il rispetto delle convenzioni internazionali:

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità ( 2006) .

Convenzione di Aarhus ( 1998) , in materia di accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale .

- Le riviste scientifiche e risoluzioni :

Il Rapporto BioInitiative 2007-2012 , revisione di oltre 3.800 studi . .

La monografia della Commissione Internazionale per la Sicurezza Elettromagnetica ( ICEMS ) , " effetti non termici e meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici e materia vivente " , 2010.

Delibere scienziati, come ICEMS , e numerose associazioni professionali e scientifiche .



LE PRINCIPALI PROPOSTE DEL MANIFESTO EUROPEO A SOSTEGNO DEL ECI :

• Applicazione del principio di precauzione secondo  ALARA ( livello più basso ragionevolmente ottenibile ) e/o  ALATA (livello più basso tecnicamente  ottenibile alla esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

• Minimizzazione dei limiti di esposizione ai campi elettromagnetici , sulla base dei documentati bio- effetti, e loro monitoraggio completo ed in tempo reale , ai 0,6 V / m (all'aperto ) per le  radiofrequenze e 1 mG per EMF  a frequenze estremamente basse .

• Campagne di informazione ed etichettatura dei dispositivi per ridurre al minimo l' esposizione a campi elettromagnetici .

• Scuole come zone libere daEMF .

• Il riconoscimento e la protezione delle persone con  ipersensibilità elettromagnetica ( EHS ) nelle aree sanitarie, lavorative sia pubbliche  che private ( a casa )
• Promozione e creazione di reti, tecnologie e tecniche biocompatibili e sostenibili .

• Norme sanitarie di protezione dalla esposizione passiva .
Queste proposte sono quelle che ispirano la prossima procedura di  iniziativa  dei cittadini europei , che  mira ad aprire il dibattito in seno al Consiglio d'Europa , del Parlamento europeo e degli Stati membri dell'Unione europea,  per avviare modifiche legislative necessarie per facilitare l'attuazione del Principio di Precauzione e la difesa della salute nello sviluppo di tecnologie wireless e di reti elettriche .


Il 3.10.2013 si terrà a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo un incontro organizzativo e di incontro tra i rappresentanti delle diverse organizzazioni nazionali patrocinanti .                Immediatamente dopo  ci sarà l’opportunità di presentare la iniziativa sia ai Membri del Parlamento Europeo invitati che ai media.

La ReteNoelettrosmogItalia.it  partecipa alla Iniziativa Europea ed ha inviato più email a europarlamentari Italiani chiedendo la loro partecipazione a questo evento.  Al momento non ci sono  risposte affermative!   Speriamo che ciò avvenga nel prossimo futuro.

venerdì 20 settembre 2013

ECI Iniziativa dei cittadini Europei per interventi legislativi verso un sano principio di precauzione

Il 3.10.2013 si terrà a Bruxelles una riunione tra rappresentanti di alcune associazioni nazionali per la definizione ultima della proposta di legge europea, che poi verrà presentata ai Parlamentari Europei ed ai Media.

Potete vedere qui in Manifesto in Italiano che riporta i principi guida della proposta di legge popolare.

Vi ricordo che tutto sarà possibile se saremmo in grado di portare 1.000.000 di firme alla proposta di legge.

Successivamente sarà vitale organizzarci per arrivare, qui in Italia,  a raccogliere DIVERSE DECINE DI MIGLIAIA di firme.

venerdì 12 luglio 2013

ICE: Iniziativa dei cittadini Europei per il Principio di Precauzione

Il 29.6.13  si è tenuto a Madrid l'incontro delle Associazioni per avviare il progetto di ICE.

Qui trovate il verbale nelle 3 lingue.

In sintesi,
è stato definito il  MANIFESTO  di tutta la iniziativa con le rivendicazioni, concordate.

Punti forti sono:

- aggancio alla risoluzione del Parlamento Europeo 1815
- abbassamento dei limiti di esposizione a 0,2 V/m in casa e 0,6 V/m (oggi in Italia 6 V/m)
- percorsi di informazione ed educazione all'uso di strumenti potenzialmente dannosi
- no Wifi nelle scuole
- riconoscimento della disabilità per elettrosensibilità, zone 'bianche'
- supporto alla ricerca di soluzioni tecniche che portino ad una riduzione delle radiazioni
- trasparenza nelle decisioni in merito a CEM

Ci sarà il primo incontro programmatico per arrivare al goal di avere un milione di firme
3 ottobre a Brussels.

Sono stati invitati anche i parlamentari europei.