Syndication

Visualizzazione post con etichetta consumi energetici. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta consumi energetici. Mostra tutti i post

giovedì 16 maggio 2019

Consumo energetico 5G: ecco perché Tim e Vodafone sono in preda al panico

un echo alle pubblicazioni tecniche internazionali (vedere https://e-smogfree.blogspot.com/2019/04/5g-e-un-assurdita-dal-punto-di-vista.html)  .

https://www.tecnoandroid.it/2019/05/15/consumo-energetico-5g-ecco-perche-alcuni-operatori-sono-in-preda-al-panico-524144

Consumo energetico 5G: ecco perché Tim e Vodafone sono in preda al panico

La rete 5G sta per arriva in Italia e molti consumatori sono preoccupati per un aspetto di grande importanza: il consumo energetico.
Molti piani di lavoro saranno finalmente conclusi proprio grazie alla potenza della rete 5Ge alle sue infrastrutture che saranno continuamente a lavoro; secondo uno studio condotto da CISCO (azienda specializzata nelle forniture di networking) saranno più di 28 miliardi i dispositivi connessi alla rete 5G e questo aspetto preoccupa numerosi consumatori e operatori telefonici poiché il consumo energetico decisamente aumenterà.

Consumo energetico in aumento: forse la causa è il 5G di Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia

La rete 5G sarà presto in Italia e numerosi progetti potranno essere portati a termine; un aspetto importante ma anche preoccupante per i consumatori e per l’ambiente è quello del consumo energetico.
Nell’evento del Mobile World Congress 2019, l’azienda Vertiv ha mostrato i risultati del suo studio, secondo i quali il consumo energetico aumenterà del 170% in più entro l’anno 2026; per questo motivo, i consumatori e molti operatori telefonici sono preoccupati del suo arrivo anche se, secondo il professore universitario Emil Björnson la situazione migliorerà con il tempo e soprattutto con l’avanzamento della tecnologia.
Non resta che attendere i risultati di altri studi condotti, per scoprire se la rete di quinta generazione di TimWindVodafone e 3 Italia sarà veramente un problema per il consumo energetico.

lunedì 1 aprile 2019

5G: è un assurdità dal punto di vista energetico !

Lo dice anche IEEE !  E' una associazione di ingegneri elettrici ed elettronici (450.000 iscritti!) con base americana che studia e segue le evoluzioni tecnologiche.

In un articolo sulla sua rivista un editor della loro rivista sviluppa dettagliamene il concetto che l'idea che Internet of Things ridurrà il consumo energetico grazie ad es. agli smart meter, non tiene conto dell'enorme consumo dei 'device' che saranno collegati tra di loro: il loro stesso consumo energetico!

Pur ipotizzando che singolarmente ognuno di questi 'strumenti' è a basso consumo il loro numero (che potrebbe essere  - secondo CISCO -  di 50 miliardi nel 2020) , sara di più di tutti gli smartphone, tablet oggi presenti!  Senza considerare che occorrono tutte le reti di connessione tra di loro.

Si ribadisce la connessione più efficiente è quella cablata !


In un articolo  del 2015 riportato viene detto

I nostri calcoli energetici mostrano che entro il 2015 il cloud wireless consumerà fino a 43 TWh, rispetto ai soli 9,2 TWh del 2012, con un incremento del 460%. Si tratta di un aumento di produzione di anidride carbonica da 6 megatonnellate  nel 2012 a 30 megatonnellate di CO2 nel 2015, che è l'equivalente di aggiungere 4,9 milioni di automobili alle strade. Fino al 90% di questo consumo è attribuibile alle tecnologie   wireless, i data center rappresentano solo il 9%. "







La connessione wireless è certamente la più inefficiente!

De Decker spiega che le tecnologie 3G consumano circa 15 volte più energia rispetto alle connessioni cablate e le tecnologie 4G consumano 23 volte più energia. Non ci sono ancora dati su 5G.

c'è una gerarchia nel consumo di energia:    la parola scritta è l'energia meno intensiva. Le immagini consumano più energia. E, ad oggi, l'attività online di gran lunga più energivora è guardare un video e in particolare video ad alta definizione che il 5G promette. Sfortunatamente, allettato da società tecnologiche che offrono opzioni sempre più economiche, la gente guarda molti più video che mai e questa tendenza dovrebbe aumentare. Chiaramente le auto senza conducente e potenzialmente altre applicazioni IoT che saranno presto svelate probabilmente faranno breccia nel consumo di energia dai video.

4 sono le tipologie di consumo di energia:

- i data center in cui tutti i dati procenienti da miliardi di 'cose' saranno registrati
- comunicazione M-2-M ovvero comunicazione macchina-macchina
- energia inglobata ovvero quella resa necessaria per produrre le 'cose'
- obsolescenza: vista la (programmata) obolescenza delle 'cose' ci saranno i costi energetici per smaltire milairdi di oggetti diventati inutili.


L'articolo riporta una rilavante lista di link di articoli .