Syndication

Visualizzazione post con etichetta consumi energetici. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta consumi energetici. Mostra tutti i post

domenica 7 giugno 2020

MTN Consulting: le stazioni 5G consumeranno molto più energia di quelle a 4G

Chi è la MTN Consulting ?
Pubblichiamo report analitici sui mercati delle telecomunicazioni, del cloud e dell'IoT. Alcuni report sono qualitativi, alcuni di natura quantitativa, ma tutti beneficiano della nostra analisi finanziaria trimestrale degli operatori di rete (oltre 170) e dei fornitori (oltre 100). Questa copertura ci aiuta a fornire approfondimenti e raccomandazioni basate su prove, non su preconcetti. I rapporti di MTN Consulting si concentrano su aziende, tecnologie e mercati.




Le Telco cercano l'efficienza energetica da alcuni anni, ma per il 5G non succederà  perché utilizzerà più energia del 4G. Telcos spende in media dal 5% al 6% delle spese operative, esclusi gli ammortamenti, in costi energetici, secondo MTN Consulting. E questo dovrebbe aumentare con il passaggio al 5G.

Una tipica stazione base 5G consuma fino al doppio o più della potenza di una stazione base 4G, scrive Matt Walker, analista capo di MTN Consulting, in un nuovo rapporto intitolato "Operatori che affrontano una crisi dei costi energetici". E i costi energetici possono crescere ancora di più a frequenze più elevate, a causa della necessità di più antenne e di uno strato più denso di piccole cellule. Anche le funzionalità di calcolo Edge necessarie per supportare l'elaborazione locale e i nuovi servizi Internet delle cose (IoT) aumenteranno l'utilizzo generale della rete.

Le stime esatte differiscono per fonte, ma MTN afferma che il consenso del settore è che il 5G raddoppierà o triplicherà il consumo di energia per gli operatori mobili, una volta ridimensionata la rete.



Avvertimenti di un maggiore consumo di energia provengono da alcuni operatori cinesi che stanno guidando il mondo nelle implementazioni del 5G. 
A novembre 2019, China Mobile EVP Li Zhengmao ha dichiarato che i suoi costi dell'elettricità aumentano rapidamente con il 5G. China Mobile ha provato a utilizzare implementazioni a basso costo di antenne MIMO, in particolare 32T32R e talvolta 8T8R anziché 64T64R, secondo MTN. Tuttavia, Li afferma che le stazioni base 5G stanno trasportando un traffico cinque volte superiore rispetto a quando equipaggiate con solo 4G, aumentando il consumo di energia. Il corriere sta cercando sussidi dal governo cinese per aiutare ad aumentare il consumo di energia.

Ancora sul forte incremento di consumo di energia per il 5G


https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-09-14/eco-friendly-phone-companies-brace-for-5g-s-energy-bill

Le Telco hanno sborsato $ 80 miliardi per alimentare le antenne del mondo lo scorso anno, secondo Nokia Oyj. La prospettiva di dover aumentare la spesa per l'elettricità - la domanda di energia potrebbe triplicare con l'introduzione di apparecchiature 5G, secondo l'ente del settore GSMA - non andrà bene per le compagnie telefoniche che stanno già lottando per pagare i loro dividendi. Allo stesso tempo, aziende come BT Group Plc e Vodafone Group Plc si sono impegnate a ridurre le emissioni e ciò richiederà un rapido passaggio alle energie rinnovabili.

Proprio mentre i vettori stanno per lanciare enormi quantità di device wireless, stanno anche promettendo di salvare il pianeta. E i fondi sono limitati. Realizzare tutto allo stesso tempo potrebbe essere un grande problema!

"Se hanno fissato obiettivi ambiziosi per il consumo complessivo di energia e le emissioni di CO2, questi potrebbero potenzialmente essere in conflitto quando iniziano a implementare il 5G", ha dichiarato Jerker Berglund, consulente di settore presso JB Sustainable Approach AB. "Ridurre il consumo totale di energia sarà una sfida."

Le antenne e le stazioni radiobase di nuova generazione possono essere 10 volte più efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelli del 4G. Tuttavia, questi risparmi energetici potrebbero essere sommersi dall'impennata della domanda di nuove applicazioni. 5G collegherà miliardi di cose che non sono mai state collegate prima. Per soddisfare tutte queste nuove connessioni, le grosse antenne  potrebbero avere fino a 128 antenne, rispetto a sole quattro o otto su un tipico albero 4G. Il rimbalzo dei segnali attraverso le città può richiedere che migliaia di trasmettitori e ricevitori siano imbullonati sui tetti e sui mobili urbani. Sembra che tutto richiederà molta più larghezza di banda e molta più potenza.

giovedì 30 aprile 2020

I server consumano più dell'industria aeronautica



Con i server che portano ad una produzione di anidride carbonica  maggiore dell'intera industria aeronautica, i vantaggi della tecnologia intelligente richiedono un riesame urgente.


La tecnologia intelligente è stata promossa come "verde" perché può aiutare a monitorare e ridurre le emissioni di carbonio e raggiungere l'efficienza energetica. Ma è questo il quadro completo?!

https://theecologist.org/2020/apr/30/smart-techs-carbon-footprint

Shift Project report, Lean ICT, Toward Digital Sobriety, suggests. 

Il rapporto raccomanda di passare da "intemperanza a sobrietà nel nostro rapporto con le tecnologie digitali"

Fondamentalmente è spingere  l'idea che gli individui e le aziende possano auto-limitare il loro acquisto e utilizzo delle apparecchiature 'smart'. Ma questo è chiaramente contrario agli imperativi finanziari delle grandi aziende tecnologiche e alle loro strategie di marketing.


giovedì 16 maggio 2019

Consumo energetico 5G: ecco perché Tim e Vodafone sono in preda al panico

un echo alle pubblicazioni tecniche internazionali (vedere https://e-smogfree.blogspot.com/2019/04/5g-e-un-assurdita-dal-punto-di-vista.html)  .

https://www.tecnoandroid.it/2019/05/15/consumo-energetico-5g-ecco-perche-alcuni-operatori-sono-in-preda-al-panico-524144

Consumo energetico 5G: ecco perché Tim e Vodafone sono in preda al panico

La rete 5G sta per arriva in Italia e molti consumatori sono preoccupati per un aspetto di grande importanza: il consumo energetico.
Molti piani di lavoro saranno finalmente conclusi proprio grazie alla potenza della rete 5Ge alle sue infrastrutture che saranno continuamente a lavoro; secondo uno studio condotto da CISCO (azienda specializzata nelle forniture di networking) saranno più di 28 miliardi i dispositivi connessi alla rete 5G e questo aspetto preoccupa numerosi consumatori e operatori telefonici poiché il consumo energetico decisamente aumenterà.

Consumo energetico in aumento: forse la causa è il 5G di Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia

La rete 5G sarà presto in Italia e numerosi progetti potranno essere portati a termine; un aspetto importante ma anche preoccupante per i consumatori e per l’ambiente è quello del consumo energetico.
Nell’evento del Mobile World Congress 2019, l’azienda Vertiv ha mostrato i risultati del suo studio, secondo i quali il consumo energetico aumenterà del 170% in più entro l’anno 2026; per questo motivo, i consumatori e molti operatori telefonici sono preoccupati del suo arrivo anche se, secondo il professore universitario Emil Björnson la situazione migliorerà con il tempo e soprattutto con l’avanzamento della tecnologia.
Non resta che attendere i risultati di altri studi condotti, per scoprire se la rete di quinta generazione di TimWindVodafone e 3 Italia sarà veramente un problema per il consumo energetico.

lunedì 1 aprile 2019

5G: è un assurdità dal punto di vista energetico !

Lo dice anche IEEE !  E' una associazione di ingegneri elettrici ed elettronici (450.000 iscritti!) con base americana che studia e segue le evoluzioni tecnologiche.

In un articolo sulla sua rivista un editor della loro rivista sviluppa dettagliamene il concetto che l'idea che Internet of Things ridurrà il consumo energetico grazie ad es. agli smart meter, non tiene conto dell'enorme consumo dei 'device' che saranno collegati tra di loro: il loro stesso consumo energetico!

Pur ipotizzando che singolarmente ognuno di questi 'strumenti' è a basso consumo il loro numero (che potrebbe essere  - secondo CISCO -  di 50 miliardi nel 2020) , sara di più di tutti gli smartphone, tablet oggi presenti!  Senza considerare che occorrono tutte le reti di connessione tra di loro.

Si ribadisce la connessione più efficiente è quella cablata !


In un articolo  del 2015 riportato viene detto

I nostri calcoli energetici mostrano che entro il 2015 il cloud wireless consumerà fino a 43 TWh, rispetto ai soli 9,2 TWh del 2012, con un incremento del 460%. Si tratta di un aumento di produzione di anidride carbonica da 6 megatonnellate  nel 2012 a 30 megatonnellate di CO2 nel 2015, che è l'equivalente di aggiungere 4,9 milioni di automobili alle strade. Fino al 90% di questo consumo è attribuibile alle tecnologie   wireless, i data center rappresentano solo il 9%. "







La connessione wireless è certamente la più inefficiente!

De Decker spiega che le tecnologie 3G consumano circa 15 volte più energia rispetto alle connessioni cablate e le tecnologie 4G consumano 23 volte più energia. Non ci sono ancora dati su 5G.

c'è una gerarchia nel consumo di energia:    la parola scritta è l'energia meno intensiva. Le immagini consumano più energia. E, ad oggi, l'attività online di gran lunga più energivora è guardare un video e in particolare video ad alta definizione che il 5G promette. Sfortunatamente, allettato da società tecnologiche che offrono opzioni sempre più economiche, la gente guarda molti più video che mai e questa tendenza dovrebbe aumentare. Chiaramente le auto senza conducente e potenzialmente altre applicazioni IoT che saranno presto svelate probabilmente faranno breccia nel consumo di energia dai video.

4 sono le tipologie di consumo di energia:

- i data center in cui tutti i dati procenienti da miliardi di 'cose' saranno registrati
- comunicazione M-2-M ovvero comunicazione macchina-macchina
- energia inglobata ovvero quella resa necessaria per produrre le 'cose'
- obsolescenza: vista la (programmata) obolescenza delle 'cose' ci saranno i costi energetici per smaltire milairdi di oggetti diventati inutili.


L'articolo riporta una rilavante lista di link di articoli .