5G: negli USA si va verso un enorme contenzioso ? cosa prevedono le Assicurazioni?


 Riporto una interessante intervista all' Avvocato  Michael Watza of the law firm Kitch Drutchas Wagner Valitutti & Sherbrook.  Questo è un grande studio legale USA (oltre 100 avvocati ...) che sono specializzati  nella assistenza legale a enti pubblici e privati.

Sotto c'è la traduzione e il post originale.

Miei commenti.

la insostenibilità da un punto di vista meramente economico (costo/benefici) di una assicurazione stipulata da società di telefonia, elettronica per i danni provenienti da campi elettromagnetici, radiofrequenze, è riportata nel tempo da più documenti molto qualificati.

Questo blog  sta seguendo questo aspetto  da anni:  vedere qui il link a 15 precedenti segnalazioni

https://e-smogfree.blogspot.com/search/label/assicurazioni


Questo avvocato si concentra sul 5G.

Interessanti alcune affermazioni:


 Il 5G si è davvero sviluppato in risposta all'amministrazione Obama quando ha lanciato la necessità di un piano per la banda larga, e questo è fondamentalmente per migliorare il nostro accesso a Internet. L'industria ha risposto in gran parte con il 5G. C'erano due modi in cui avrebbero potuto rispondere. Uno era quello di costruire connessioni in fibra a tutti.


- il parallelo con l'amianto e il tabacco:

Se avete familiarità con l'amianto o il tabacco in particolare e avete visto come si sono sviluppati negli anni '50, '60 e '70 - non ero un avvocato allora, ma certamente ho letto molto del materiale che era là fuori - c'erano questi stessi tipi di un numero crescente di studi e avvertimenti che si sono sviluppati in preoccupazioni più specifiche nel corso dei decenni. Tutto questo, naturalmente, ha portato a un'enorme quantità di controversie.

nel caso del 5G

Questo significa, se avete familiarità con le cause di class action, che se una persona si fa avanti come rappresentante di una classe, probabilmente avrete 320 milioni di americani inclusi in quella classe. Il costo della difesa può essere schiacciante, e in molti casi, certamente nell'arena dell'amianto, ha portato al fallimento non solo di molti dei produttori, ma in alcuni casi dei loro assicuratori e di molti altri nella catena dei distributori e degli utenti di tali prodotti.


Penso che il settore assicurativo debba stare molto attento a dove fornisce copertura  ...

 sappi che potrai avere  decine di migliaia, anche milioni di cause legali presentate...  Poi si arriva al problema finale di come  - nel mondo -  potrà il mondo assicurativo  finanziare la difesa degli interessi del cliente delle assicurazioni (le Telco e la industria elettronica) contro questo panorama ?  

 

__________________________________________________________________________________



Trascrizione

John Czuba: Benvenuti a "Best's Insurance Law Podcast", la trasmissione su questioni legali attuali e importanti che riguardano il settore assicurativo. Sono John Czuba, editore delegato di Best's Insurance Professional Resources.

Oggi parliamo con Michael Watza. Mike è presidente del gruppo di pratica di regolamentazione governativa presso Kitch Drutchas Wagner Valitutti & Sherbrook, uno studio legale a servizio completo con sede a Detroit e uffici a Lansing, Marquette, Mt. Clemens, Chicago, Illinois, Toledo, Ohio, e Honolulu, Hawaii.

Mike si occupa di soluzioni legali, legislative e normative per conto di clienti del settore municipale, sanitario e privato in materia di legislazione, controversie complesse, questioni di governance, telecomunicazioni, compresi i cavi e le torri cellulari, oleodotti, assicurazioni sull'energia e giochi d'azzardo.

Mike è anche consigliere generale di PROTEC, un consorzio governativo di oltre 100 città del Michigan che si occupa di diritti di passaggio comunali. Michael, grazie mille per essersi unito a noi oggi.

Mike Watza: John, grazie per avermi invitato.

John: Oggi parleremo di come il lancio del 5G potrebbe influenzare le richieste di risarcimento assicurativo. Michael, prima di tutto, racconta al nostro pubblico un po' di te e del tuo studio.

Mike: Come avete descritto in parte dalla mia biografia, ho trascorso la prima metà dei miei anni di pratica facendo assicurazioni, contenziosi di difesa per la maggior parte, rappresentando tutta una varietà di entità, con i Comuni essendo innanzitutto.

Poi, nella seconda metà della mia carriera, mi è stato chiesto da alcuni clienti comunali di essere coinvolto in alcuni problemi di regolamentazione che stavano affrontando nei diritti di passaggio, che è dove operano i servizi pubblici. È lì che i comuni e i servizi si incontrano. Di solito è una relazione amichevole e reciprocamente utile, ma non sempre. Ho passato gli ultimi 15, 20 anni a lottare, suppongo, con AT&T, Comcast, Verizon, DTE, tutte le grandi società di servizi là fuori, per conto del governo locale e delle comunità locali.

John: Questo porta bene alla nostra prima domanda, Mike. Cosa comporta esattamente il lancio del 5G?

Mike: Il 5G si è davvero sviluppato in risposta all'amministrazione Obama quando ha lanciato la necessità di un piano per la banda larga, e questo è fondamentalmente per migliorare il nostro accesso a Internet. L'industria ha risposto in gran parte con il 5G. C'erano due modi in cui avrebbero potuto rispondere. Uno era quello di costruire connessioni in fibra a tutti.

Probabilmente, forse un approccio migliore, ma l'industria ha risposto con l'upscaling del suo prodotto wireless. Questo è indicato come 5G. Il risultato è che stanno tentando di aggiungere milioni di nuove antenne, trasmettitori e ricevitori, al loro stock attuale e metterli proprio giù a livello dei diritti di passaggio nelle strade, nei vicoli e nei luoghi pubblici.

John: Quali sono esattamente i tempi del rollout?

Mike: L'industria vorrebbe averlo fatto la settimana scorsa, ma negli ultimi 10 anni, c'è stato un sacco di lavoro alla FCC, al Congresso e alla NTIA, le agenzie federali, e poi questo è andato agli Stati e poi ai governi locali. I tribunali sono stati coinvolti. Questo processo normativo sembra essersi svolto abbastanza bene verso una conclusione in cui l'industria sta iniziando a crescere e a costruire effettivamente queste cose. Stiamo vedendo sempre più discussioni sull'aspetto di queste cosiddette piccole celle nei diritti di passaggio, perché stanno comparendo davanti alle case della gente.

John: Quali sono alcuni dei rischi associati a questo?

Mike: Ciò a cui mi riferisco come "rights of way cell towers" o "small cells", sono l'adattamento dell'industria dalle strutture tradizionali che trasmettono tutte le nostre connessioni da e verso i nostri telefoni cellulari e altri dispositivi wireless, montati su Macro Towers, che sono torri da 100 a 200 piedi nel mezzo del campo di grano del contadino Brown o in qualche altro luogo remoto, e la loro portata è di diverse miglia.

La nuova tecnologia per cercare di densificare la larghezza di banda e raggiungere le velocità che il 5G sta pubblicizzando, richiede che questi piccoli ripetitori siano messi molto vicino al consumatore, l'utente della larghezza di banda. L'intento è di metterli proprio a livello della strada, anche di fronte alle nostre case, o dietro le nostre case, o su un palo della luce, forse seduti in un punto della strada dove i bambini stanno aspettando lo scuolabus.

Questa è la preoccupazione. Perché ora, questi trasmettitori che prima erano a 30 metri di altezza e forse a un miglio di distanza o più, sono proprio sopra le nostre teste. Stanno trasmettendo proprio attraverso di noi, essenzialmente. C'è stata molta preoccupazione su ciò che questo significa.

Ci sono un paio di studi che sono stati fatti di recente, un rapporto nel 2018 dal governo degli Stati Uniti. L'NTP, National Toxicology Program, ha pubblicato uno studio che ha scoperto che l'esposizione a queste larghezze di banda potrebbe causare... Sto solo andando a leggere, John, se non ti dispiace, alcune righe perché non sono un medico. Non ricordo questi termini se non li vedo.

 Lo studio ha trovato che queste larghezze di banda e frequenze, indicate come radiazioni a radiofrequenza, potrebbero causare e hanno causato nei ratti, nel corso di uno studio di due anni, cardiomiopatia, schwannoma maligno nel cuore, glioma maligno nel cervello, adenomi nella ghiandola pituitaria, citomi surrenali nel fegato, glioma maligno nella prostata, e un aumento significativo dei danni al DNA nelle cellule dell'ippocampo dei ratti maschi.

Così gli esperti medici là fuori che hanno condotto o esaminato questo studio, la conclusione è che sembra esserci qualche possibile connessione tra queste frequenze legate alle cellule e almeno gli sviluppi pre-cancro. Non dirò che è stato confermato, ma solleva preoccupazioni. Più recentemente, nel luglio di quest'anno, i gruppi ambientalisti, uno di loro in particolare, The Environmental Working Group o EWG, hanno pubblicato il risultato di uno studio che ha confermato o rintracciato alcuni di questi stessi risultati.

Quindi abbiamo questa preoccupazione. Naturalmente, la questione sarà: la ricerca è in grado di mostrare una chiara connessione? I gruppi ambientalisti là fuori che stanno spingendo questo problema, saranno in grado di dimostrare il loro caso o no?

John: Mike, sono state prese delle misure preventive? Di cosa dovrebbero preoccuparsi i gestori di sinistri e di rischi, in particolare nel settore pubblico locale?

Mike: In prima linea, naturalmente, si vuole cercare di collocare queste strutture, queste torri più corte, in zone industriali più remote, aree commerciali, e meno nei quartieri residenziali, ma naturalmente l'industria vuole essere dove è il cliente, che è più residenziale. C'è una discreta quantità di spinte avanti e indietro su questo punto.

Poi, nella misura in cui la legge lo permetterà, e la FCC e altre leggi federali e statali sono attualmente piuttosto restrittive della capacità del governo locale di limitare questi dispositivi, si vuole certamente avere un linguaggio di indennizzo molto forte in modo che l'industria o gli installatori in quella catena abbiano l'obbligo di tenere le città indenni in questo processo. E poi, naturalmente, vorremo richiedere una significativa copertura assicurativa da parte di questi fornitori e installatori di questi impianti.

John: Mike, ci sono delle lezioni che sono state apprese dall'esperienza passata che potrebbero essere utili, e quali potenziali ricadute sulle richieste di risarcimento vedi qui?

Mike: Chiunque sia stato nel settore assicurativo per un certo periodo di tempo e che, come me, abbia praticato nell'area degli illeciti di massa, nella quale io e il mio studio abbiamo dato una mano, sa cosa è successo con prodotti come l'amianto e il tabacco.

Se avete familiarità con l'amianto o il tabacco in particolare e avete visto come si sono sviluppati negli anni '50, '60 e '70 - non ero un avvocato allora, ma certamente ho letto molto del materiale che era là fuori - c'erano questi stessi tipi di un numero crescente di studi e avvertimenti che si sono sviluppati in preoccupazioni più specifiche nel corso dei decenni. Tutto questo, naturalmente, ha portato a un'enorme quantità di controversie.

A mio parere, abbiamo il rischio, non solo del risultato sostanziale in una controversia in cui qualcuno può provare un danno legato a queste trasmissioni, ma l'altra preoccupazione chiave   è il costo della difesa perché, essenzialmente, tutti -  in tutto il paese -  potrebbero essere un querelante anche se non sono specificamente nominati in più azioni collettive.

Questo significa, se avete familiarità con le cause di class action, che se una persona si fa avanti come rappresentante di una classe, probabilmente avrete 320 milioni di americani inclusi in quella classe. Il costo della difesa può essere schiacciante, e in molti casi, certamente nell'arena dell'amianto, ha portato al fallimento non solo di molti dei produttori, ma in alcuni casi dei loro assicuratori e di molti altri nella catena dei distributori e degli utenti di tali prodotti.

Questo è abbastanza brutto per i fornitori e i loro vettori, ma per i potenziali imputati municipali che si trovano alla fine del processo di approvazione e installazione, li lascia potenzialmente con le mani nel sacco, per così dire, perché nonostante il linguaggio di indennizzo e nonostante gli assicuratori che stanno dietro ai fornitori e agli installatori, quando queste persone vanno in tribunale per bancarotta, ciò lascerà potenzialmente il governo locale con le mani nel sacco alla fine della catena.

Naturalmente, i governi locali hanno varie difese di immunità ad es. debbono sottostare all'attuale legge federale e statale e non avevano altra scelta che approvare   rapidamente e con una revisione minima, queste strutture. E sono sostenuti dalla piena fede e credito del contribuente; il che è ironico, dato che il contribuente, naturalmente, è anche il cliente e l'utente di questi fornitori di servizi senza fili e strutture. È un circolo insidioso. Questi sono alcuni dei rischi nella mia mente, ed è per questo che stiamo parlando.

John: Complessivamente, dove vede questa situazione per il settore assicurativo, Mike?

Mike: Penso che il settore assicurativo debba stare molto attento a dove fornisce copertura. C'è stata una discussione. Non l'ho visto, ma ho sentito che alcuni dei grandi fornitori wireless hanno avuto difficoltà ad assicurarsi. Non lo so, ma l'ho sentito di terza mano. Avrebbe senso per me che gli assicuratori facessero almeno un sacco di buone domande prima di saltare nella loro linea e assumersi questa responsabilità. Anche con le varie difese su tutta la linea.

E tornando un po' indietro, un'altra difesa, se non sono stato chiaro prima, è il fatto che la FCC, che governa le questioni wireless in tutto il paese, ha approvato tutta questa costruzione di strutture wireless proprio sopra le nostre teste, nonostante alcuni di questi studi che ho menzionato, e, nella misura in cui hanno detto che va bene - che queste larghezze di banda e frequenze non stanno causando questi tumori, anche questa è una difesa importante e disponibile, e come ho già detto, le entità governative hanno l'immunità. I federali hanno il Federal Tort Claims Act, che è molto difficile da superare, e poi tutte le città in tutti gli stati hanno un certo livello di immunità.

Naturalmente, l'industria stessa è il fautore di tutto questo. Quindi loro e i loro trasportatori dovrebbero essere in prima linea, e potrebbero potenzialmente avere vicino anche i tribunali fallimentari  ma questo è quello che vedo.

In conclusione, gli ambientalisti che hanno queste preoccupazioni e che le stanno premendo, non devono necessariamente provare tutto questo in modo definitivo. Devono solo presentare argomenti utili per creare interesse in questo, e per far sì che una giuria o solo un tribunale pensi e opini, "Ehi, questo RFR potrebbe essere un problema", e la prossima cosa che sai, hai decine di migliaia, anche milioni di richieste presentate. Poi si arriva al problema finale di come nel mondo possiamo finanziare la difesa di questo?

John: Michael, grazie mille per essersi unito a noi oggi.

Mike: Grazie per avermi invitato, John. È stato meraviglioso.

 

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

 

 

 

 

 

 

 

 

Transcript

John Czuba: Welcome to “Best’s Insurance Law Podcast,” the broadcast about timely and important legal issues affecting the insurance industry. I’m John Czuba, Managing Editor of Best’s Insurance Professional Resources.

Today, we’re speaking with Michael Watza. Mike is chair of the governmental regulatory practice group at Kitch Drutchas Wagner Valitutti & Sherbrook, a full service law firm based in Detroit with offices in Lansing, Marquette, Mt. Clemens, Chicago, Illinois, Toledo, Ohio, and Honolulu, Hawaii.

Mike’s practice provides litigated, legislative, and regulatory solutions on behalf of municipal, healthcare, and private sector clients concerning legislation, complex litigation, governance issues, telecommunications including cable and cell towers, pipelines, energy insurance, and gaming.

Mike also serves as general counsel to PROTEC, a governmental consortium of over 100 cities across Michigan focusing on municipal rights of way concerns. Michael, thanks so much for joining us today.

Mike Watza: John, thanks for having me.

John: Today, we’ll be discussing how the rollout of 5G could affect insurance claims. Michael, first off, tell our audience a little bit about yourself and your practice.

Mike: As you described in part from my bio, I spent the first half of my practice years doing insurance, defense litigation for the most part, representing a whole variety of entities, municipalities being one of those consistently in the group.

Then the second half of my career, I was asked actually by some of the municipal clients to get involved with some of the regulatory issues that they were facing in the rights of way, which is where the utilities operate. That’s where municipalities and the utilities meet. It’s usually a friendly, mutually helpful relationship but not always. I’ve spent the last 15, 20 years tussling, I suppose, with AT&T, Comcast, Verizon, DTEs, all the large utilities out there, on behalf of local government and local communities.

John: That leads well into our first question, Mike. What’s exactly involved in the 5G rollout?

Mike: 5G really did develop in response to the Obama administration when he rolled out the need for a broadband plan, and that is basically to improve our access to the Internet. The industry responded in large part with 5G. There were two ways they could have responded. One was to build fiber connections to everyone.

Arguably, maybe a better approach, but the industry has responded with upscaling its wireless product. This is referred to as 5G. The result is that they are attempting to add millions of new antennas, broadcast, and receiver, to their current stock and put those right down at the rights of way level right in the streets, and alleys, and public places.

John: What exactly is the timing of the rollout?

Mike: The industry would love to have had it done last week, but over the last 10 years, there’s been a lot of work at the FCC, in Congress, and the NTIA, federal agencies, and then that’s gone out to the States and then the local governments. The courts have been involved. That regulatory process all seems to have wound its way pretty well to a conclusion where the industry is starting to ramp up and actually start to build these things. We’re seeing more and more discussions about the appearance of these so called small cells in the rights of way because they’re showing up in front of folks’ homes.

John: What are some of the associated risks with this?

Mike: What I refer to as “rights of way cell towers” or “small cells”, are the industry adaptation from traditional facilities that transmit all of our connections to and from our cell phones and other wireless devices, mounted on Macro Towers, which are 100 to 200 foot towers out in the middle of Farmer Brown’s cornfield or some other somewhat remote location, and their reach is several miles.

The new technology to try and densify the bandwidth and get up to speeds that 5G is advertising, requires that these small cell towers be put very close to the consumer. The user of the bandwidth. The intent is to get these right down at street level including in front of our houses, or behind our houses, or on a utility pole, perhaps sitting at a point in the street where the kids are waiting for the school bus.

That is the concern. Because now, these transmitters that used to be several 100 feet in the air and maybe a mile away or more are right over our heads. They’re transmitting right through us, essentially. There’s been a lot of concern about what that means.

There are a couple studies that have been done recently, one report in 2018 by the US government. NTP, National Toxicology Program, issued a study that found exposure to these bandwidths could cause…I’m just going to read, John, if you don’t mind, a few lines because I’m not a doctor. I don’t remember these terms if I don’t see them.

The study found that these bandwidths and frequencies, referred to as radio frequency radiation, could cause and did cause in rats over a two year study cardiomyopathy, malignant schwannoma in the heart, malignant glioma in the brain, adenomas in the pituitary gland, adrenal cytomas in the liver, malignant glioma in the prostate, and a significant increase in DNA damage in the hippocampus cells of male rats.

So the medical experts out there who conducted or peer reviewed this study, the conclusion is that there appears to be some possible connection between these cell related frequencies and at least pre- cancerous developments. I won’t say that it’s been confirmed, but it raises concerns. Most recently, July of this year, the environmental groups, one of them in particular, The Environmental Working Group or EWG, issued a study result that confirmed or tracked some of these same results.

So we have this concern. Of course, the issue will be: does the research pan out to show a clear connection? The environmental groups out there that are pushing this issue, are they going to be able to prove their case or not?

John: Mike, are there any preventative steps being taken? What should claims and risk managers, particularly in the local public sector, be concerned about?

Mike: On the frontend, of course, you want to try and locate these facilities, these shorter towers somewhere more remote industrial areas, commercial areas, and less in the residential districts but of course, the industry wants to be where the customer is, which is more residential. There’s a fair amount of pushing back and forth going on there.

Next, to the extent the law will allow, and the FCC and other federal and state law is currently pretty restrictive of local government’s ability to limit these devices, you certainly want to have some very strong indemnity language so that the industry or the installers in that chain will have the obligation to hold the cities harmless in this process. And then, of course, we will want to require significant insurance coverages to be provided by these providers and installers of these facilities.

John: Mike, are there any lessons that were learned from past experience that might be helpful, and what potential claims fallout do you see here?

Mike: Anybody who’s been in the insurance industry for any length of time and who like me… practiced in the area of mass torts, which I and my firm still have a hand in, knows what happened with products like asbestos and tobacco.

If you’re familiar with asbestos or tobacco in particular and you saw how that developed back in the ’50s, ’60s, and ’70s I wasn’t a lawyer back then, but I certainly read a lot of the material that was out there– there were these same kinds of growing numbers of studies and warnings that developed into more specific concerns over the course of decades. All that of course then led to massive amounts of litigation.

To my mind, we have the risk, not only of the substantive result in a litigated matter where somebody can prove an injury related to these transmissions, but the other key concern and cost, is the cost of defense because, essentially, everyone across the country could be a plaintiff even if they aren’t specifically named in multiple class actions.

That means, if you’re familiar with class action litigation, that you get one person to step up as a representative of the class and you arguably have 320 million Americans included in that class. The cost of defending that can be overwhelming, and in many cases, certainly in the asbestos arena, led to the bankruptcy of not only many of the producers, but in some cases their insurers and many others in the chain of distributors and users of such products.

That’s bad enough for the providers and their carriers, but for the potential municipal defendants who are at the end of the approval and installation process, it potentially leaves them holding the bag, so to speak, because notwithstanding indemnity language and notwithstanding insurers standing behind the providers and the installers, when those folks go to bankruptcy court, that’s going to potentially leave local government holding the bag at the end of the line.

Of course, the local governments have various immunity defenses as well as the argument that under current federal and state law, they had no choice but too quickly and with minimal review, approve these facilities. And they are backed by the full faith and credit of the taxpayer; which is ironic, since the taxpayer, of course, is also the customers and users of these wireless service providers and facilities. It’s an insidious circle. Those are some of the risks in my mind, and that’s why we’re talking.

John: Overall, where do you see this heading for the insurance industry, Mike?

Mike: I think the insurance industry’s got to be very careful about where it provides coverage. There has been discussion. I have not seen it. I’m not presently serving in an underwriting capacity anywhere, but I have heard that some of the large wireless providers have had difficulty getting these issues insured. I don’t know that, but I’ve heard that 3rd hand. It would make sense to me for insurers to at least ask a lot of good questions before they jumped in their line and took on that responsibility. Even with the various defenses all across the board.

And backing up a bit, another defense if I didn’t make clear earlier, is the fact that the FCC which governs wireless issues across the country, has approved all of this build out of wireless facilities right over our heads, notwithstanding some of these studies I’ve mentioned, and, to the extent that they’ve said it’s OK – that these bandwidths and frequencies are not causing these cancers, that’s an important and available defense as well, and as I already mentioned, government entities have immunity. The feds have the Federal Tort Claims Act, which is very difficult to climb through, and then all the cities across all the states have some level of immunity.

Of course, the industry itself is the proponent of all this. So they and their carriers should be on the frontline, and they could potentially have the bankruptcy courts to run to as well, but that’s what I see.

In conclusion, the environmentalists who have these concerns and who are pressing them, don’t have to necessarily prove all this in stone. They just have to present enough to create interest in it, and to get a jury or just one a court thinking and opining, “Hey, this RFR might be a problem,” and the next thing you know, you’ve got tens of thousands, even millions of claims filed. Then you get into that ultimate problem of how in the world do we finance the defense of this?

John: Michael, thanks so much for joining us today.

Mike: Thank you for having me, John. It was wonderful.

John: You’ve just listened to Michael Watza, Attorney from Qualified Member law firm, Kitch Drutchas Wagner Valitutti & Sherbrook. Special thanks to today’s producer, Anthony Palma. To subscribe to this audio program, go to our web page, www.ambest.com/claimsresource. If you have any suggestions for a future topic regarding an insurance law case or issue, please email us at lawpodcast@ambest.com.

I’m John Czuba, and now this message.

https://legaltalknetwork.com/podcasts/insurance-law-podcast-am-best/2021/08/how-the-rollout-of-5g-could-affect-insurance-claims/ 

 

 


Commenti