tre recenti lavori su una notissima rivista medica USA riportano studi su relazione tra uso dei media e capacità cognitive

Nella importante rivista scientifica americana
che raccoglie lavori da tutto il mondo . Journal of  American  Medical Association, per la sezione di PEDIATRIA sono stati pubblicati, nell'ultimo periodo :


-  In un lavoro scientifico Sono state trovate associazioni variabili tra il tempo passato con i social media, la televisione          e la depressione, che sembravano essere spiegate più dal confronto sociale verso l'alto e dal rafforzamento delle ipotesi spirali che dall'ipotesi di spostamento: sono paradigmi già utilizzati da vri ricercatori. Coinvolti 3826 adolescenti.

  segui questo link

- In altro lavoro scientifico si è studiato lo sviluppo della prima infanzia in 2441 madri e bambini,  il livello più elevati di tempo di visione di video  nei bambini di età compresa tra 24 e 36 mesi sono stati associati a scarse prestazioni sul raggiungimento da parte dei bambini di traguardi di sviluppo a 36 e 60 mesi, rispettivamente.             I risultati di questo studio supportano l'associazione direzionale tra tempo dello schermo e sviluppo del bambino. Le raccomandazioni includono l'incoraggiamento una programmazione nello uso dei media familiari, nonché la gestione del tempo di visualizzazione, per compensare le potenziali conseguenze di un uso eccessivo.

segui questo link   


- In questo studio trasversale su 47 bambini in età prescolare sani, l'uso dello schermo maggiore di quello raccomandato dalle linee guida dell'American Academy of Pediatrics è stato associato a
(1) misure inferiori di organizzazione microstrutturale e mielinizzazione di tratti di sostanza bianca del cervello che supportano il linguaggio e le abilità emergenti di alfabetizzazione e
(2) corrispondenti valutazioni cognitive.

segui questo link

Commenti