Brutte notizie dalla commissione parlamentare sulla conversione del Decreto Crescita


brutte notizie sul fronte dei lavori parlamentari per la conversione in legge del c.d. Decreto Crescita, il cui art. 14, 8 comma, come abbiamo più volte evidenziato, introducendo nuove modalità di misurazione dei c.e.m., spalanca le porte a migliaia di antenne LTE per la diffusione del servizio di telefonia mobile di 4° generazione.
La Commissione Industria, presso cui è in esame il testo del decreto, ha dichiarato improponibili o respinto alcuni tra i più significativi emendamenti, rivolti a sopprimere il comma 8 del citato articolo, presentati da alcuni senatori. In particolare, risultano respinti gli emendamenti 14.17, 14.18 e 14.19, mentre, a peggiorare il quadro della situazione, è intervenuto l’emendamento di seguito riportato, stavolta accolto dalla Commissione, che nei fatti incide sulle procedure autorizzative, andando ulteriormente a semplificare la vita degli installatori di antenne, che potranno semplicemente autocertificare la conformità dei lavori eseguiti ai fini della attivazione dell’impianto.  Fenomenale !

Commenti

  1. un articolo

    http://www.corrierecomunicazioni.it/tlc/18497_elettrosmog-bocciato-emendamento-stringi-limite.htm

    RispondiElimina
  2. Comunicato Stampa del Coordinamento Comitati Roma Nord molto ben fatto con spiegazione del perché è devastante !

    http://www.vignaclarablog.it/2012121021127/coordinamento-comitati-roma-nord-elettrosmog-dal-governo-minori-tutele-per-popolazione/

    RispondiElimina

Posta un commento