Syndication

Visualizzazione post con etichetta Scuola pubblica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Scuola pubblica. Mostra tutti i post

giovedì 28 maggio 2020

le scuole contro il wifi

Environmental Health Trust  sta raccogliendo scuole in varie parti del mondo che hanno detto no al wifi.






lunedì 30 marzo 2020

USA: il Coronavirus dà una spinta al 5G, nelle scuole

Riporto un articolo di attivista americano che segnala come grazie alla chiusura delle scuole per il coronavirus si sta lavorando alacremente per installare antenne 5G, nelle scuole.

Negli ultimi giorni un paio di video hanno iniziato a circolare sui social media con prove di apparenti installazioni di 5G e / o sistemi biometrici mentre i bambini sono a casa a causa del blocco COVID-19.

Ora abbiamo l'opportunità di confermare (o smascherare) i rapporti di queste installazioni nascoste nelle scuole di tutto il mondo. Abbiamo bisogno del tuo aiuto con questo vedi in fondo a questo post per cosa fare.

In primo luogo, il 16 marzo, il canale YouTube Logic Before Authority ha pubblicato un video che descrive in dettaglio un messaggio che ha ricevuto da un membro di un consiglio scolastico locale. Questo informatore ha spiegato in dettaglio in che modo i distretti scolastici intendevano installare segretamente apparecchiature 5G nelle scuole durante il blocco, sotto la direzione del Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti. Le compagnie che venivano inviate venivano incaricate di agire come se fossero lì per disinfettare le scuole per impedire la diffusione del virus.

https://www.opednews.com/articles/During-Shutdown-5G-Being-I-by-Beverly-Jensen-Absence_Dept-Of-Education-ED-gov_Education_Educational-Facilities-200322-906.html

venerdì 27 marzo 2020

Raccomandazioni per l'uso del PC a casa (in Russia)


ecco una nuova raccomandazione per l'uso dei computer da parte dei bambini a casa - dell'istituto di igiene per i bambini (Ministero della salute RUSSO ) e RusCNIRP insieme, è stato pubblicato il 25 marzo

Divieto totale sotto i 6 anni, limitato per altri, divieto totale per smartphone per l'istruzione ecc



Sicurezza ambientale digitale: apprendimento a distanza per i minori di 18 anni

Le raccomandazioni sull'organizzazione dell'apprendimento a distanza a casa con una limitazione temporanea della frequenza scolastica sono rivolte ai bambini e ai loro genitori, ai nonni e a tutti coloro che aiutano i bambini a studiare a casa utilizzando le tecnologie digitali durante il periodo del curriculum obbligatorio a scuola e altre istituzioni educative.


1. Per l'uso del pc di minori di 18 anni a casa in modalità apprendimento a distanza, si consiglia di utilizzare principalmente personal computer e laptop collegati a Internet tramite una rete cablata. Quando si utilizza una rete wireless, la distanza dal punto WiFi al luogo di lavoro dovrebbe essere di almeno 5 metri.

2. La tastiera del computer (laptop) deve essere disinfettata con un antisettico ogni giorno prima di iniziare il lavoro. Il monitor deve anche essere trattato con un agente antisettico dal posto di lavoro.

3. Prima di usare la tastiera, lavarsi le mani sia del bambino che dell'adulto che lo aiuta.

4. Per ridurre il rischio di disturbi visivi e disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico, è necessario fornire a un bambino che lavora al computer (laptop) un posto di lavoro conveniente (l'altezza del tavolo e della sedia deve corrispondere all'altezza del bambino ), per escludere l'illuminazione dello schermo del monitor.

5. La fonte di luce principale sul posto di lavoro del bambino dovrebbe trovarsi sul lato dello schermo (non dietro lo schermo e non dal retro della persona che lavora con lo schermo). La luminosità della sorgente dovrebbe corrispondere approssimativamente alla luminosità dello schermo.

6. L'uso di tablet per l'apprendimento a distanza a casa è accettabile per gli adolescenti di età superiore ai 15 anni. Prima di utilizzare il tablet, è necessario lavarsi le mani e pulire lo schermo con un disinfettante (asciugamano bagnato). La posizione del punto WiFi dovrebbe essere ad almeno 5 m dal posto di lavoro dello studente. Il tablet è posizionato sul tavolo su un supporto con un angolo di 30 °, la distanza dallo schermo agli occhi della pupilla è di almeno 50 cm. È necessario escludere di lavorare con un laptop o un tablet in grembo, nelle mani, sdraiati e simili.

7. Per tutte le fasce d'età fino a 18 anni, è necessario escludere completamente l'uso degli smartphone a scopi didattici (lettura, ricerca di informazioni)

8. Per tutte le categorie di età per la lettura e il completamento di attività, si consiglia di utilizzare principalmente libri ordinari, quaderni.

9. I bambini di età inferiore a 6 anni devono escludere completamente l'uso di qualsiasi attrezzatura informatica a scopi educativi a casa.

10. Si raccomanda ai bambini di età compresa tra 6 e 12 anni di ridurre al minimo l'uso delle apparecchiature informatiche a scopi educativi a casa. Se è necessario utilizzarlo, la durata totale di tutti i tipi di attività sullo schermo per i bambini di questa fascia d'età non deve superare le 2 ore al giorno (inclusa la visione della TV). L'orario delle lezioni dovrebbe basarsi su un orario da uno a tre per le età dai 6 agli 8 anni (per ogni 10 minuti di lavoro 30 minuti di riposo) e da uno a due per le età oltre gli 8 e fino a 12 anni (per ogni 10 minuti di lavoro - 20 minuti di riposo).

11. Per i bambini di età compresa tra 12 e 18 anni, si consiglia la seguente modalità di utilizzo delle apparecchiature informatiche: “da una a due” per età superiori a 12 anni e fino a 15 anni (per ogni 30 minuti di lavoro - 60 minuti di riposo) e "Uno a uno" per i bambini di età superiore ai 15 anni e fino a 18 anni (per ogni 45 minuti di lavoro - 45 minuti di riposo). La durata totale di tutti i tipi di attività sullo schermo per i bambini di questa fascia d'età, compresa la visione della TV, non deve superare 3,5–4 ore al giorno.

12. Per la prevenzione dell'affaticamento visivo, è necessario eseguire la ginnastica per gli occhi durante la pausa, per la prevenzione dell'affaticamento generale - un riscaldamento (inclinazioni, curve del corpo, squat, ecc.)

13. Se necessario, utilizzare le cuffie dovrebbe limitare il loro uso continuo: non più di un'ora a un volume non superiore al 60%.

14. È necessario ventilare la stanza in cui si svolgono le lezioni, prima dell'inizio delle lezioni (almeno 15 minuti) e dopo ogni ora di lavoro.

15. Non utilizzare tablet e smartphone per scopi didattici all'aperto (nel parco, nel parco giochi e in luoghi simili).


Le raccomandazioni si basano sui dati del programma di studi multicentrici per garantire la sicurezza della salute dei bambini ̆ tecnologie educative digitali, materiali dell'Istituto di ricerca scientifica per l'igiene e la salute dei bambini “NRCM of Children's Health” e il Comitato nazionale russo per la protezione dai non Radiazioni ionizzanti, oltre a utilizzare le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità e le migliori pratiche mondiali in materia di igiene di un ambiente educativo digitale per bambini.
V.R. Kuchma
Membro corrispondente dell'Accademia delle scienze russa, capo del programma di ricerca multicentrica per garantire la sicurezza per le tecnologie educative digitali per la salute dei bambinĭ, direttore dell'Istituto di ricerca per l'igiene e la salute dei bambini FGAU “National̆ Medical̆ Research Center” Salute dei bambinĭ »Ministero della sanità della Federazione Russa
O.A. Grigoryev



Digital environment security distance learning for children under 18

Recommendations on the organization of distance learning at home with a temporary restriction on school attendance are intended for children and their parents, for grandparents and all who help children study at home using digital technologies during the period of compulsory curriculum at school and other educational institutions.

1. For the work of children under 18 at home in the distance learning mode, it is recommended to primarily use personal computers and laptops connected to the Internet via a wired network. When using a wireless network, the distance from the WiFi point to the workplace should be at least 5 meters.
2. The keyboard of the computer (laptop) must be disinfected with an antiseptic every day before starting work. The monitor also needs to be treated with an antiseptic agent from the workplace.
3. Before using the keyboard, wash the hands of both the child and the adult who helps him.
4. To reduce the risk of visual impairment and disorders of the musculoskeletal system, it is necessary to provide a child working at a computer (laptop) with a convenient workplace (the height of the table and chair should correspond to the height of the child), to exclude the illumination of the monitor screen.
5. The main light source at the child's workplace should be located on the side of the screen (not behind the screen and not from the back of the person working with the screen). The brightness of the source should approximately correspond to the brightness of the screen.
6. The use of tablets for distance learning at home is acceptable for adolescents over 15 years old. Before using the tablet, you need to wash your hands and wipe the screen with a disinfectant (wet towel). The location of the WiFi point should be at least 5 m from the student’s workplace. The tablet is placed on the table on a stand at an angle of 30 °, the distance from the screen to the pupil’s eyes is at least 50 cm. It is necessary to exclude working with a laptop or tablet on your lap, in your hands, lying down and the like.
7. For all age groups up to 18 years, it is necessary to completely exclude the use of smartphones for educational purposes (reading, searching for information)
8. For all age categories for reading, completing tasks, it is recommended to use mainly ordinary books, notebooks.
9. Children under 6 years old must completely exclude the use of any computer equipment for educational purposes at home.
10. Children aged 6 to 12 years are recommended to minimize the use of computer equipment for educational purposes at home. If it is necessary to use it, the total duration of all types of on-screen activities for children of this age group should not exceed 2 hours per day (including watching TV). The class schedule should be based on a one-to-three schedule for ages from 6 to 8 years (for every 10 minutes of work 30 minutes of rest) and one-to-two for ages over 8 and up to 12 years (for every 10 minutes of work - 20 minutes of rest).
11. For children aged 12 to 18 years, the following mode of use of computer equipment is recommended: “one to two” for ages over 12 years and up to 15 years (for every 30 minutes of work - 60 minutes of rest) and “one to one” for children older than 15 years and up to 18 years (for every 45 minutes of work - 45 minutes of rest). The total duration of all types of screen activities for children of this age group, including watching TV, should not exceed 3.5–4 hours per day.
12. For the prevention of visual fatigue, it is necessary to perform gymnastics for the eyes during the break, for the prevention of general fatigue - a warm-up (tilts, body turns, squats, etc.)
13. If necessary, use headphones should limit their continuous use: no more than an hour at a volume of not more than 60%.
14. It is necessary to ventilate the room where the classes are held, before the start of classes (at least 15 minutes) and after each hour of work.
15. Do not use tablets and smartphones for educational purposes outdoors (in the park, on the playground and similar places).
The recommendations are based on the data of the program of multicenter studies on ensuring safe for children's health̆ digital educational technologies, materials of the Scientific Research Institute of Hygiene and Children's Health “NRCM of Children's Health” and the Russian National Committee for Protection against Non-Ionizing Radiations, as well as using the recommendations of the World Health Organization and the best world practices in hygiene of a digital educational environment for children.
V.R. Kuchma
Corresponding Member of the Russian Academy of Sciences, Head of the Multicenter Research Program for Ensuring Safe
for children's health̆ digital educational technologies, director of the Research Institute of Hygiene and Child Health FGAU “National̆ Medical̆ Research Center”
Children's Health̆ »Ministry of Health of the Russian Federation
O.A. Grigoryev
Doctor of Biological Sciences, Chairman of the Russian National Committee for Protection against Nonionizing Radiations, member of the Scientific Advisory Committee on Nonionizing Radiations of the World Health Organization

sabato 1 febbraio 2020

I genitori della Silicon Valley avrebbero inviato i propri figli in scuole private a bassa tecnologia

È stupido. Gli amministratori e gli educatori delle scuole pubbliche stanno ancora spingendo per programmi “high tech” quando gli esperti continuano a mettere in guardia contro di loro e i bambini non ne traggono beneficio


I genitori della Silicon Valley – tra cui Bill Gates e il compianto Steve Jobs – devono almeno aver sospettato che la tecnologia non fosse benefica per i bambini. Altrimenti, non avrebbero inviato i propri figli in scuole private a bassa tecnologia o no-tech da sempre e limitando il loro uso della tecnologia nelle loro case. Più recentemente è stato riferito che alcuni stanno anche facendo firmare contratti alle “baby-sitter”


giovedì 14 novembre 2019

Israele: stop all'uso degli smartphone a scuola

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE ISRAELIANA, OGGI HA DICHIARATO CHE VIETERÀ L'UTILIZZO DI CELLULARI E SMARTPHONE, DURANTE LE ATTIVITA' SCOLASTICHE.


Secondo il rabbino Peretz, l'uso degli smartphone nelle scuole primarie non sarà più consentito.
Questo sarà documentato in un promemoria formale (obbligatorio).

L'apprendimento digitale verrà effettuato utilizzando computer, non smartphone.

Questa mossa sarà fatta a causa di dipendenza sociale, cognitiva, esposizione a costante che è inappropriata

Il ministero dell'Educazione svilupperà e pubblicherà un programma formale che includerà diversi passaggi e strumenti. Nuove strutture per parchi giochi saranno installate nelle scuole. Programmi di orientamento sull'uso corretto della tecnologia saranno condotti nelle lezioni. Saranno accolte le iniziative dei genitori per l'acquisto di telefoni semplici in alternativa a smartphone.

Il ministero dell'educazione ha organizzato un pool di genitori che ha dimostrato che la maggior parte dei genitori accoglie questo programma.



Dobbiamo ancora aspettare e vedere come, se e quando tutto ciò diventerà realtà   ...




https://norad4u.blogspot.com/2019/09/breaking-news-from-israel-education.html

Article and Video in Hebrew - https://www.mako.co.il/news-israel/newsevent/Article-c6383fd24900d61027.htm


mercoledì 10 luglio 2019

Stato della California: la singola scuola può proibire l'uso dello smartphone


Questa recentissima legge il singolo istituto scolastico può vietare l'utilizzo dello smartphone allo interno della propria struttura.

Importante è la motivazione:

Vi è una crescente evidenza che l'uso illimitato degli smartphone da parte degli alunni delle scuole elementari e secondarie durante il periodo scolastico interferisce con la missione educativa delle scuole, riduce le prestazioni degli alunni, in particolare tra gli studenti con bassi risultati, promuove il cyberbullismo e contribuisce ad aumentare l'ansia adolescenziale , depressione e suicidio.




New California law allows public schools to prohibit students' smartphone use at school

Assembly Bill No. 272
CHAPTER 42

An act to add Section 48901.7 to the Education Code, relating to pupils.

[ Approved by Governor  July 01, 2019. Filed with Secretary of State  July 01, 2019. ]

LEGISLATIVE COUNSEL'S DIGEST

AB 272, Muratsuchi. Pupils: use of smartphones.

Existing law authorizes the governing board of a school district or its designee to regulate the possession or use of any electronic signaling device that operates through the transmission or receipt of radio waves, including, but not limited to, paging and signaling equipment, by pupils of the school district while the pupils are on campus, attending school-sponsored activities, or under the supervision or control of school district employees.
This bill would explicitly authorize the governing body of a school district, a county office of education, or a charter school to adopt a policy to limit or prohibit the use by its pupils of smartphones while the pupils are at a schoolsite or while the pupils are under the supervision and control of an employee or employees of that school district, county office of education, or charter school. The bill would, however, specify circumstances in which a pupil could not be prohibited from possessing or using a smartphone.

Digest Key

Vote: majority   Appropriation: no   Fiscal Committee: no   Local Program: no  

Bill Text

THE PEOPLE OF THE STATE OF CALIFORNIA DO ENACT AS FOLLOWS:

SECTION 1.

  The Legislature finds and declares all of the following:
(a) There is growing evidence that unrestricted use of smartphones by pupils at elementary and secondary schools during the schoolday interferes with the educational mission of the schools, lowers pupil performance, particularly among low-achieving pupils, promotes cyberbullying, and contributes to an increase in teenage anxiety, depression, and suicide.
(b) In September 2018, France adopted a nationwide smartphone ban in all primary and middle schools in order to promote pupil achievement and healthy social development.
(c) The London School of Economics and Political Science published a May 2015 study that found that test scores improved significantly at schools that banned mobile phone use, and that the most significant gains in pupil performance were made by the most disadvantaged and underachieving pupils. The study concluded that “schools could significantly reduce the education achievement gap by prohibiting mobile phone use in schools.”
(d) Dr. Jean Twenge, who is a professor of psychology at San Diego State University, published a book in 2017 entitled “iGen,” which presents evidence of an increase in depression and suicide among American teenagers that may be caused by increased mobile device screen time and social media use. According to Dr. Twenge, 8th grade pupils who spend 10 or more hours per week on social media are 56 percent more likely to describe themselves as unhappy than those who devote less time to social media. Moreover, teenagers who spend three hours per day or more on electronic devices are 35 percent more likely to demonstrate risk factors for suicide, such as suicidal ideation, and teenagers who spend five or more hours per day on their devices are 71 percent more likely to demonstrate a risk factor for suicide.

SEC. 2.

  Section 48901.7 is added to the Education Code, to read:
48901.7.
  (a) The governing body of a school district, a county office of education, or a charter school may adopt a policy to limit or prohibit the use by its pupils of smartphones while the pupils are at a schoolsite or while the pupils are under the supervision and control of an employee or employees of that school district, county office of education, or charter school.
(b)  Notwithstanding subdivision (a), a pupil shall not be prohibited from possessing or using a smartphone under any of the following circumstances:
(1) In the case of an emergency, or in response to a perceived threat of danger.
(2) When a teacher or administrator of the school district, county office of education, or charter school grants permission to a pupil to possess or use a smartphone, subject to any reasonable limitation imposed by that teacher or administrator.
(3) When a licensed physician and surgeon determines that the possession or use of a smartphone is necessary for the health or well-being of the pupil.
(4) When the possession or use of a smartphone is required in a pupil’s individualized education program.



venerdì 14 giugno 2019

Oregon vuole valutare autonomamente la pericolosità dei wifi a scuola

Lo Stato americano dell'Oregon ha approvato una legge che prevede di rivedere autonomamente la consistenza della conoscenza scientifica in merito ai danni del wifi nelle scuole!



https://www.kdrv.com/content/news/School-wireless-safety-bill-passes-state-senate-511283802.html

venerdì 17 maggio 2019

robot umanoidi ?


Immagine correlata

Cari amici 
Desidero esternare alcune mie riflessioni … pazzoidi …

Partiamo dai FATTI:

1.       Solo il 36% degli italiani che è al livello più basso tra i paesi Ocse è in grado di utilizzare Internet in maniera complessa e diversificata (1)
2.       In Italia solo il 21% degli individui in età compresa tra i 16 e i 65 anni possiede un buon livello di alfabetizzazione e capacità di calcolo (1)
3.       Riconosciuta ‘involuzione’ delle capacità cognitive dovuta al continuo utilizzo di strumenti informatici (sempre connessi) (2)
4.       L’Italia si conferma il Paese del mobile: al terzo posto per penetrazione di utenti unici di telefonia mobile rispetto alla popolazione (83%), subito dopo Corea del Sud e Hong Kong. (3)
5.       L’Italia si conferma ai massimi livelli per disponibilità di investimenti per la implementazione del 5G.

Mie considerazioni:
-          Per caso, si vuole sperimentare sulla popolazione italiana una società basata su robot umanoidi ?
-          visto che gli strumenti informatici presenti nella società italiana sono orientati quasi esclusivamente per attività ‘ludiche’ e non ‘intellettuali’, si comincia a creare e sperimentare dei robot che simulano dei cervelli ‘semplici’ ovvero quelli degli italiani ( dato che le capacità cognitive e culturali medie italiane sono così basse…!) per poi magari a passare a simulare cervelli … più evoluti?!

Sto impazzendo ?
Forse, spero,  di si.


(2) Henry H. Wilmer, Lauren E. Sherman and Jason M. Chein del Department of Psychology, Temple University, Philadelphia, PA, USA [Frontiers in Psychology, April 2017, Article 605]

giovedì 14 marzo 2019

quarto caso di tumore in una scuola primaria negli USA

Video    https://www.modbee.com/news/article227459649.html


è il quarto caso di tumore in una scuola primaria


Un quarto bambino che frequenta la scuola è stato diagnosticato un cancro venerdì. Alcuni genitori hanno ritirato i loro figli da scuola, e molti di loro sono usciti in forza a una riunione del consiglio scolastico di Ripon (Wisconsin)  lunedì sera per chiedere l'intervento.

In una dichiarazione preparata, il presidente del consiglio Kit Oase ha dichiarato che i test effettuati sulla torre hanno rilevato che funzionava normalmente entro gli standard di sicurezza.

Monica Ferrulli, il cui figlio è stato curato per cancro al cervello nel 2017, ha detto che la Scuola ha citato uno studio obsoleto della American Cancer Society nel mantenere la torre in atto da quando la polemica è scoppiata due anni fa. "È solo una smentita", ha detto Ferrulli al board. Ha giurato che i genitori continueranno a combattere e terranno i loro bambini fuori dalla scuola.

vedere anche questo servizio

https://sacramento.cbslocal.com/video/4045708-is-a-cell-tower-causing-cancer-in-school-children/

sabato 20 ottobre 2018

Istruzioni per un utilizzo più consapevole del cellulare prodotto da una scuola secondaria inglese

Una scuola secondaria inglese Castel High School a 1 ora di macchina da Liverpool, ha prodotto una nota informativa sulle condizioni di sicurezza per l'utilizzo del cellulare


https://castlehill-h.schools.nsw.gov.au/supporting-our-students/parents--carers-and-the-community/p-c/mobile-phone-safety-tips---cyberbullying-information.html  

Inizia con  SAFETY FIRST!  ovvero la sicurezza innanzitutto ...

Oltre alle raccomandazioni per noi note c'è una lista di organismi internazionali che hanno lanciato allarmi.

martedì 4 settembre 2018

Installata in una scuola scozzese la rete Lifi invece del wifi

E' stato comunicato che una  scuola secondaria scozzese per la prima volta

Il Lifi è un sistema di trasmissione dei dati, ad alta velocità, che frutta la luca solare (LED) e non microonde.

Il progetto è stato condotto in collaborazione con l'Università di Edimburgo ed è supervisionato dallo Scottish Futures Trust, che sostiene la strategia digitale del governo scozzese.
Il governo scozzese ha anche sostenuto il progetto pilota con una sovvenzione di 16.000 sterline attraverso l'iniziativa Digital Schools per le attrezzature e l'installazione.

pureLiFi e il Centro di ricerca e sviluppo LiFi dell'Università di Edimburgo hanno fornito risorse per l'esecuzione del progetto pilota con supporto pratico e test successivi.


Ottima iniziativa:  anche se nell'articolo o anche i tecnici non parlano mai che il passaggio dal wifi al Lifi abbia un vantaggio per la salute degli utenti.


riferimenti
https://purelifi.com/southayrshirev2/?utm_source=LiFi+Website+Subscribers&utm_campaign=7274d61d3e-EMAIL_CAMPAIGN_2018_09_04_08_39&utm_medium=email&utm_term=0_7219651e0f-7274d61d3e-112519095


giovedì 23 agosto 2018

Richiesta di Irlandesi al Papa di un aiuto per limitare il wifi


In previsione della visita del Papa in Irlanda una associazione irlandese di Genitori chiederà  - tramite in documento pubblico qui sotto riportato  -  una 'intercessione' del Papa per  richiedere al Governo Irlandese di ridurre l'impatto dei wifi nei confronti dei bambini nelle aule scolastiche.



vedere il documento di supporto qui.  Link 

venerdì 23 marzo 2018

Educazione sanitaria all'uso dello smartphone

Conferenza del direttore dell'ARPA di Trento ad un uso controllato ed attento dello smartphone in una Scuola media di Bolzano

https://www.ladigetto.it/permalink/74291.html


sabato 27 gennaio 2018

Il Ministro francese della Istruzione conferma (10.12.17) il bando dei telefoni cellulari




by André Fauteux www.maisonsaine.ca/english


Without banning tablets however, he admitted that screens are a "public health issue". "We have studies showing that exposure to the screens of children under seven is a health problem. It is good that children are not too much, if at all, in front of screens before the age of seven, "said Minister Jean-Michel Blanquer on the TV show Le Grand Jury RTL-Le Figaro. LCI.
The cell phone ban was promised by French President Emmanuel Macron during his election campaign. Last September, the largest federation of pupil parents’ associations evoked "an appalling logistics problem". The minister replied that details of the ban are still in development. « You may need a cell phone for educational purposes or emergency situations. It has to be confined, which in passing already exists: there are colleges that already do it. "
The Generation New Technologies 
website commented: "With more than eight out of ten adolescents already equipped, the presence of the mobile phone in school or college can create disruption during classes and tensions in the student-teacher relationship but also from student to student. However, the application of such a ban, while it may be desirable during classes, may be more difficult between courses, since parents want to be able to reach their children. On the other hand, checking that students have left their phone in the planned confinement space is already rather complicated. "
For the association PRIARTEM (French acronym of To Gather, Inform and Act on the Risks Related to Electromagnetic Technologies), the minister "sends parents a clear message: a cell phone is not compatible with good conditions of learning because its use does not favor concentration. If this is true at school, it is true also outside school grounds. "
The Association adds that microwaves emitted by cells and tablets in Wi-Fi mode are also detrimental to concentration and academic performance: "Even if this is not the stated objective, this decision is in line with the French Health Safety Agency ANSES’s recommendation to reduce children's exposure to radio frequencies and, in particular, those transmitted by mobile phones.PRIARTEM invites the Minister not to stop in this way. Laptops are not good for kids' health, tablets are not good either. The Minister's statement on the screens is, in fact, a serious challenge to the Digital Plan at School which aimed to equip children with tablets as soon as possible (from kindergarten).'' 

lunedì 22 gennaio 2018

Ministero della Istruzione punta allo smartphone come strumento di ... cultura !

COMUNICATO STAMPA
si sono chiusi  i tre giorni del convegno sulla scuola digitale svolti a bologna al palazzo re enzo rigorosamente blindato e inaccessibile ai non addetti ai lavori, eppure proprio qui la città con la più antica università italiana e europea, nata con porte aperte nelle abitazioni colte e sapienti, che convive il suo sapere in un abbraccio di cultura con i suo studenti, è venuto a mancare tutto questo ....il ministero dell'istruzione e dell'università e della ricerca non ha condiviso con i suoi cittadini l'iniziativa denominata “futura”, forse perché da qui è partita la notizia che lo smartphone ha fatto il suo ingresso nel mondo della scuola, promosso non grazie alla legge, ma come strumento di formazione e didattica. 
Venerdì è venuta la ministra Valeria Fedeli per presentare la scuola digitale; erano presenti insegnanti e alunni+ di diverse città italiane che hanno portato dei progetti interessanti grazie allo sviluppo tecnologico; quindi se la tecnologia è intesa al benessere futuro della persona, nei vari campi delle sue attività, è da considerarsi positiva, viceversa se è un business diventa pericolosa e inquietante, con necessità subito di regole e leggi a tutela della salute e dell’ambiente, con una concertazione anche dei Ministeri della Salute e dell’ambiente; della salute perché l'uso di questi strumenti va valutato sotto il profilo della produzione di campi elettromagnetici indotti, e per il problema psico sociale dell'uso eccessivo da parte degli adolescenti attratti dallo smartphone. 
Infine anche per lo sviluppo sostenibile dell’ambiente, in quanto allo stato dell'arte l'espansione di radiobasi trasmittenti implicano l'esposizione continua ai campi elettromagnetici. Allora che fare? E’ bene unire le nostre energie producendo insieme un documento per gestire il futuro tecnologico. Siamo noi che possiamo ed abbiamo il dovere di produrre queste regole e leggi in difesa della salute e dell'ambiente , per un cultura e conoscenza sull'uso controllato della tecnologia nella società contemporanea dove IL suo uso servirà anche alle guerre future .+.. cari amici buon lavoro, a quanto pare ce né parecchio, . 


Un abbraccio, Adriana Palleni Associazione Comitati Cittadini Indipendenti

sabato 20 gennaio 2018

Comunicato Stampa per lo stop al wifi nelle scuole

La rete noelettrosmog ha lanciato un comunicato stampa ad una settantina di agenzie di stampa, giornalisti e media .

Questo è il testo 

mercoledì 18 ottobre 2017

In calo il numero di scuole con wifi ?

L’annuale indagine di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica di quest’anno  è riportata in questo articolo 
https://www.orizzontescuola.it/piu-certificati-sicurezza-edifici-scolastici-inquinamento-elettromagnetico-scuola-aumento-reti-cablate-diminuiscono-wifi/

e si dice che 

Rispetto all’inquinamento elettromagnetico i monitoraggi da Basse Frequenze e da Alte Frequenze, risultano entrambi quasi pari allo zero, ma diminuiscono sia gli edifici in prossimità di elettrodotti (3,1%) che di antenne cellulari (14,9%), mentre aumentano quelli nelle vicinanze di emittenti radio televisive (1,5%). In crescita le scuole con reti cablate (11,9%), in calo quelle connesse con wi-fi (37,9%).


Sara vero ?!     speriamo 

lunedì 11 settembre 2017

si alla Fibra no al Wifi nelle aule bresciane

Buone notizie arrivano da Brescia    dove  I 106 istituti (dai nidi alle medie, visto che le superiori sono di competenza della Provincia) saranno collegati tra loro da una rete in fibra ottica a banda larga.

Questo eviterà l'utilizzo del wifi nelle aule (eccetto quella di informatica) per evitare l'inquinamento elettromagnetico, come chiaramente riportato dal assessore all'Istruzione .
Hanno di fatto anticipato il Decreto Galletti di inizio anno.

Bene ! 
Bisogna pubblicizzarlo agli altri Comuni e comprensori scolastici 


martedì 7 marzo 2017

Cipro: decreto ministeriale, no al wifi nelle scuole

vedere qui l'articolo 

Il ministro Cipriota per la educazione e la cultura ha emanato un decreto, il 31.1.2017, con carattere di urgenza rivolto ai dirigenti di asili e della scuola primaria, indicando specifiche misure di eliminazione o minimizzazione della esposizione dei bambini alle radiazioni wireless.





Teton Village, WY -- (SBWIRE) -- 03/06/2017 -- The Cyprus Minister of Education and Culture issued a Decree on January 31, 2017, marked "urgent" to all Directors of Kindergartens and Primary Schools, with specific measures to eliminate and minimize wireless radiation exposure to children in schools. "We have taken the decision to have the wireless network Wi-Fi disabled in all Public kindergartens in Cyprus," reads the Decree. Wireless is to be removed from all Cyprus kindergartens, and wireless installations have been halted in elementary schools and limited to administrative offices. 

"The Ministry of Education does not intend to proceed with the installation of wireless points and Wi-Fi access classrooms in elementary schools."

The Decree reminds teachers that wired internet is already available in all classrooms if the internet is needed for educational purposes. Wireless is only to be used, if needed, in the administrative areas of elementary schools, and wireless is not to be used in the classrooms. 

However, if the use of Wi-Fi is deemed necessary for a specific educational program, the Decree stipulates that, "necessary measures to protect children should be taken, and wireless access points should remain inactive when not in use for teaching purposes." Furthermore, "the consent of parents should be ensured in advance." The Decree instructs the School Directors to assure parental consent and send a letter to the parents of children who will participate in programs involving wireless technology - informing the parents of the reason and duration of Wi-Fi usage. 

Alongside their other campaigns about tobacco smoke and toxic chemicals, The Cyprus National Committee on Environment and Child Health initiated a nationwide campaign several years ago to raise awareness about cell phone and wireless radiation exposures to children. The multimedia public awareness campaign was lauded at an international conference on Wireless and Health held at the Israel Institute for Advanced Studies at Hebrew University in January of 2017, and organized in cooperation with the U.S. National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS) and Environmental Health Trust (EHT).

Dr. Stella Michaelidou, President of the National Committee on Environment and Child Health shared public service video announcements and brochures about children and pregnancy at the conference. "This Committee has developed tools that are a model for other countries to follow," stated Devra Davis, PhD, MPH, of the Environmental Health Trust at the conference. 

Several countries already have health policies in place to reduce school children's exposure to wireless. Cypress now joins France, Brazil, Ghent in Belgium, and Israel in banning wireless in kindergarten classrooms and enacting strong measures to minimize wireless exposures in elementary schools. France passed comprehensive new legislation in 2015 and has developed tools to inform the public about how to reduce exposure, similar to the efforts underway in Cyprus. Canada's Standing Committee on Health of the House of Commons also issued a report recommending a public education campaign. 

In the United States, the Maryland State Children's Environmental Health and Protection Advisory Council recently issued a Report advising the Department of Education to recommend all school districts in the State of Maryland install wired—rather than wireless—internet connections for classrooms. This action represents the first action of a state advisory body to issue guidance on wireless exposures. In Massachusetts and Oregon, several Bills have been proposed to address the health issues posed by electromagnetic radiation in schools and raised by consumers, researchers and medical professionals as concerns about school wireless exposures gains momentum in the United States. 

About Environmental Health Trust
Environmental Health Trust is a 501 C 3 registered public charity with the Internal Revenue Service that is the only non-profit in the world that is both conducting cutting-edge basic and epidemiological research and working with policy makers, physicians, teachers and parents to educate and motivate preventive public health strategies.