Syndication

domenica 13 settembre 2020

Ancora sui consumi energetici ...

 


Una nuova ricerca allarmante suggerisce che il mancato approvvigionamento di energia rinnovabile potrebbe rendere i data center uno dei maggiori inquinatori in soli sette anni.

La rapida adozione di macchine e servizi affamati di dati sta determinando la necessità di maggiore potenza per mantenere le luci accese nei data center del mondo. Poiché gli analisti stimano che fino a 50 miliardi di dispositivi saranno collegati entro il 2020, con alcune statistiche che indicano più di 100 miliardi in ulteriori cinque anni, una nuova ricerca allarmante suggerisce che i data center saranno uno dei maggiori consumatori di energia del pianeta. , battendo i livelli di consumo energetico di molti paesi. Secondo un documento che sarà pubblicato dai ricercatori statunitensi entro la fine dell'anno, l'industria delle TIC dovrebbe essere responsabile fino al 3,5% delle emissioni globali entro il 2020, con questo valore che potenzialmente aumenterà al 14% entro il 2040, secondo Climate Cambia notizie

I ricercatori affermano che ciò sarà direttamente correlato al fatto che il settore dei data center potrebbe utilizzare il 20% di tutta l'elettricità disponibile nel mondo entro il 2025 sulla scia delle grandi quantità di dati creati a una velocità mai vista prima. I dati corrispondono a quelli pubblicati dal ricercatore svedese e Senior Expert Life Cycle Assessment presso Huawei, Anders Andrae nel 2016 nella sua "Previsione del consumo energetico totale dei consumatori". Andrae prevede che entro il 2025 i data center rappresenteranno la quota maggiore di ICT della produzione globale di elettricità al 33%, seguiti dalle reti di smartphone (15%) (10%) e TV (9%). Per quanto riguarda l'utilizzo globale più ampio, Andrae si aspetta anche che i data center utilizzino il 20% dell'energia mondiale, tuttavia, pone la loro impronta di carbonio al 5,5% del valore globale, se l'adozione di fonti energetiche più efficienti non si evolverà rapidamente. 

L'utilizzo esponenziale dell'energia da parte dei data center non è una novità, con la quantità di energia consumata in aumento del 9% tra il 2010 e il 2015, secondo KPN Integrated. Su scala globale, i data center sono pronti a diventare i maggiori utenti globali di energia entro il 2025 con il 4,5%, un aumento rispetto allo 0,9% del 2015, secondo il rapporto di Andrae. In confronto, i dispositivi di consumo, i servizi cablati ad accesso fisso, le reti wireless e la produzione sono tutti destinati a restare indietro rispetto ai data center in termini di consumo energetico. A livello globale, nel 2014 i data center erano responsabili di circa l'1,62% dell'energia utilizzata nel mondo in quell'anno, secondo Yole Développement. Oggi è aumentata a oltre il 3% dell'energia mondiale (circa 420 terawatt) e i data center sono anche responsabili del 2% delle emissioni totali di gas serra.






https://www.broad-group.com/data/news/documents/b1m2y6qlx5dv5t

Alarming new research suggests that failure to source renewable energy could make data centres one of the biggest polluters in just seven years.

The rapid adoption of data-hungry machines and services is driving the need for more power to keep the lights on in the data centres of the world. As analysts estimate as many as 50 billion devices to be connected by 2020, with some statistics pointing to more than 100 billion a further five years down the line, new alarming research suggests that data centres will be one of the biggest energy consumers on the planet, beating many countries’ energy consumption levels. According to a paper to be published by US researchers before the end of the year, the ICT industry is posed to be responsible for up to 3.5% of global emissions by 2020, with this value potentially escalating to 14% by 2040, according to Climate Change News. Researchers say this will be directly related to the fact that the data centre sector could be using 20% of all available electricity in the world by 2025 on the back of the large amounts of data being created at a fastest speed than ever before seen. The figures meet those published by Swedish researcher and Senior Expert Life Cycle Assessment at Huawei, Anders Andrae in 2016 in his “Total Consumer Power Consumption Forecast”. Andrae predicts that by 2025, data centres will amount to ICT’s largest share of global electricity production at 33%, followed by smartphones (15%) networks (10%) and TV (9%). As for the wider global usage, Andrae also expects data centres to use 20% of the world’s energy, however, he places their carbon footprint at 5.5% of the global value, should adoption of more efficient energy sources not evolve at speed. The exponential utilisation of energy by data centres is not new, with the amount of power consumed increasing 9% between 2010 and 2015, according to KPN Integrated. On the global scale, data centres are poised to be the largest global energy users by 2025 at 4.5%, an increase from just 0.9% in 2015, according to Andrae’s report. In comparison, consumer devices, fixed access wired services, wireless networks and production are all set to lag behind data centres in terms of energy usage. Globally, data centres were in 2014 responsible for around 1.62% of the world’s utilised energy that year, according to Yole Développement. That has increased today to more than 3% of the world’s energy (around 420 terawatts) and data centres are also responsible for 2% of total greenhouse gas emissions.



venerdì 11 settembre 2020

Cipro in difesa dei bambini

 Il Presidente del Comitato Nazionale Cipriota per l'Ambiente e la Salute dei bambini ha lanciato una campagna informativa finalizzata alla riduzione dell'impatto dell'inquinamento elettromagnetico sulla salute dei bambini. 

Sotto un video e dei poster






President of the Cyprus National Committee on Environment and Children’s Health

Dr. Michaelifou has helped her country achieve what many of us dream of — science-based awareness of how protect our children from the health impacts of environmental pollutants, including wireless radiation exposure.
The Cyprus National Committee on Environment and Children’s Health worked with medical associations, government agencies, and public advocacy groups and achieved great successes:
  1. Provided guidance on removing Wi-Fi from elementary schools.
  2. Supported a pilot project to remove Wi-Fi from the intensive care units of the pediatric wards of Archbishop Makarios III Hospital.
  3. Launched a large-scale public awareness campaign on how to reduce cell phones and wireless radiation.
  4. Provided guidance on how to hardwire computers for distance learning.

Dr. Stella Michaelidou

Dr. Stella Michaelidou is President of the Cyprus National Committee on Environment and Child Health. She has more than 35 years experience and expertise in environmental chemistry, toxicology and the impact of toxic chemicals on health, in particular children’s health, as well as food safety and risk assessment.

She previously served on the European Food Safety Authority (EFSA) Pesticides Residue Panel, the Scientific Committee on Health and Environmental Risks (SCHER), and the WHO-Euro Environment and Health Committee. She has been an expert for UN Environment Program, the Technical Assistance and Information Exchange Instrument of the European Commission (TAIEX), and the United Nations Institute for Training and Research (UNITAR), among other international bodies,and has been a member of the Advisory Group on Environmental Health of the  International Pediatric Association (IPA) since June 2014.

Dr. Michaelidou is coordinator of the Cyprus Children Environment and Health Action Plans and was the coordinator of United Nations Development Program and European Union research projects. She is the author of many scientific papers and documents, co-author of the “Nicosia Declaration on Electromagnetic Fields/Radiofrequencies 2017″ signed by the chambers of Doctors of Cyprus and Austria/Vienna and the Cyprus National Committee on Environment and Child Health, and is principal author of a document prepared for Cyprus’ Ministers of Health and Education and the Cypriot Parliament on what to do about possible impacts of radiation from Wi-Fi, mobile phones on fetuses and children. She has authored many books, articles, and educational material for parents, teachers, pediatricians, and in 2007 was elected “The Cyprus Woman of the Year for the Environment.”

mercoledì 9 settembre 2020

Ci sono diverse azioni legali contro il 5G nel Mondo

 Grazie al sito Activistpost.com   possiamo fare un elenco :



- TURCHIA    dove un cittadino ha avviato una causa contro Microsoft e Huawey 


- USA  dove decine di città hanno agito con FCC (ente federale) per interventi regolatori che limitano o bloccano li interventi dei comuni (in modo analogo al recente Decreto Semplificazioni ...)


- USA  dove un esperto ha denunciato FCC per il sosteno economico che sta dando alle compagnie telefoniche 


- USA le due associzioni Environmental Health Trust and Children’s Health Defense  hanno avviato una causa contro FCC perché non adempie al suo ruolo istituzionale di difesa della salute dei cittadini 


- USA  la NRDC  Natural Resources Defense Council  ha avviato una pratica legale contro FCC per non adempimento dei loro regolamenti per il 5G 


- USA due associazioni  the Citizens for Health Education Foundation (CHEF) and the National Institute for Science, Law & Public Policy contro FCC per le autorizzazioni date a compagnie private di utilizzo dello spazio per obiettivi economico speculativi 



martedì 8 settembre 2020

L'Accademia rumena ha rilasciato un comunicato sul 5G.

 

L'Accademia rumena ritiene che, "prima di mettere in atto il sistema 5G, è assolutamente necessaria un'analisi scientifica responsabile, per indirizzare sia la valutazione dei rischi sulla salute degli esseri umani, sia per stabilire standard di esposizione massima totale".

L'Accademia rumena ha rilasciato un comunicato sul 5G.


“Richiamiamo l'attenzione che l'esposizione della popolazione alle radiazioni a radiofrequenza ad alta potenza in Europa e, implicitamente, nel nostro Paese è già argomento di dibattito nel mondo scientifico a livello globale. Pertanto, gli scienziati avvertono che le future stazioni 5G genereranno campi elettromagnetici 100 volte più forti di quelli delle generazioni già in uso, sviluppando praticamente un oceano artificiale di radiazioni millimetriche ad alta frequenza (30-300 GHz), ad alto potenziale di rischio, sul mezzo termine, sulla vita. "



“In this context, we bring back to attention Resolution 1815/2011 of the Council of Europe, which mentions that: ‘all reasonable measures will be taken to reduce exposure to electromagnetic fields, especially to the radiofrequencies of mobile phones, in particular for children and youths who seem to be exposed to risk of head tumors’ and requests the maintaining at the ‘lowest achievable level’ (ALARA principle) in what regards exposure time, distance and screening. We warn that the implementation of 5G technology, without a concrete evaluation of the risks and vulnerabilities, may have grave consequences on the health of the population and may generate sensibly higher damages than advantages,” the release also shows.AGERPRES(RO – author: Daniel Popescu, editor: Georgiana Tanasescu; EN – author: Razvan-Adrian Pandea, editor: Maria Voican)

 

https://www.agerpres.ro/english/2020/08/27/romanian-academy-responsible-scientific-analysis-regarding-consequences-of-5g-technology-use-on-public-health-necessary--562879


Il lato oscuro del 5G: l’uso militare ( U S A)

 https://ilmanifesto.it/il-lato-oscuro-del-5g-luso-militare/



La «Strategia 5G», approvata il 2 maggio 2020 (il pdf qui), stabilisce che «il Dipartimento della Difesa deve sviluppare e impiegare nuovi concetti operativi che usino la ubiqua connettività offerta dal 5G per accrescere l’efficacia, la resilienza, la velocità e letalità delle nostre forze armate».


Lo conferma il documento strategico del Pentagono: «Le tecnologie 5G rappresentano capacità strategiche determinanti per la sicurezza nazionale degli Stati uniti e per quella dei nostri alleati». 



lunedì 31 agosto 2020

Confermati gli allarmi lanciati da IEEE: 5G consuma tanta energia, verificato già in Cina!

 


5G towers are consuming a lot of energy, so China Unicom is putting some of them to sleep overnight

  • China Unicom decided to put some 5G base stations to sleep between 9pm and 9am, prompting concern from users
  • 5G energy consumption is an environmental problem that’s being overlooked, some experts say



https://www.scmp.com/abacus/tech/article/3098964/5g-towers-are-consuming-lot-energy-so-china-unicom-putting-some-them

martedì 4 agosto 2020

Israele: agricoltori di un kibbutz fanno causa per la esposizione ai sistemi di difesa

https://www.rt.com/news/495402-israeli-farmers-sue-military/


I sistemi di controllo e di difesa/contrattacco nei confronti delle postazioni missilistiche di Hammas hanno occupato diversi kibbutz senza avvisare della presenza di forti fonti di radiofrequenze.

Dopo anni alcuni agricoltori hanno collegato malattie 

"L'imputato (IDF ente militare)  ha informato solo di recente  il kibbutz sulla radiazione molto forte emessa dal sistema e che è pertanto severamente vietato impegnarsi in qualsiasi lavoro agricolo nell'area circostante", si afferma nella causa.

I residenti del kibbutz stanno chiedendo un risarcimento di NIS4,5 milioni (oltre $ 1,3 milioni) per danni alla loro salute e per presunti danni ai sistemi agricoli nell'area di 2,5 acri occupati dall'unità Iron Dome.

Nasce un partito Australiano NO5G!

https://www.no5ginc.org.au/

Obbiettivo

L'obiettivo di NO5G Inc. è quello di promuovere schemi legislativi, leggi e politiche per regolare il 5G e la tecnologia associata e stabilire una moratoria sul 5G fino a quando tali tecnologie non saranno dimostrate sicure per la salute umana, la flora, la fauna e la proprietà. 
Per raggiungere tale obiettivo, lo farà assumendo membri, registrando un nuovo partito politico e nominando e approvando i candidati a cariche pubbliche elette nei parlamenti del Commonwealth, dello Stato e del Territorio e degli enti locali in tutte le giurisdizioni australiane.


Suggerimenti per l'Italia ?

sabato 1 agosto 2020

Petizione americana contro FCC - USA (Ministero federale sulle comunicazioni) presso Corte di Appello della Columbia

E' stata presentata una petizione a firma di :

Environmental Health Trust e  Children’s Health Defense

che segue la richiesta gà presentata di revisione dei limiti di esposizione ai campi elettromagnetici.   Alla mia richiesta FCC ha risposto che non si erano rilevanze scientifiche per modificare i limiti.


 Perseguendo questo posizione ormai consolidata nel FCC, i denuncianti presso la Corte d'Appello evidenziano una situazione che si è rivelata una minaccia per la salute e la sicurezza pubblica:    la FCC non ha rispettato i suoi obblighi di legge ai sensi della legge sulle comunicazioni per proteggere la salute e la sicurezza pubblica 

qui si allega il documento di 115 pagine che riporta i passi precedenti e le prove scientifiche già disponibili che si sono volutamente oscurate. 

venerdì 24 luglio 2020

Ministero della Salute Russo vieta l'uso del wifi nella scuola

Il ministero della Sanità russo ha stabilito nuove regole di salute e sicurezza che vietano il Wi-Fi e vietano gli smartphone per l'apprendimento a distanza. La Guida "Norme igieniche e requisiti speciali per il dispositivo, il contenuto e le modalità di funzionamento in un ambiente educativo digitale nel campo dell'istruzione generale" si trova sul sito web dell'Istituto di igiene dei bambini del Ministero della Salute che afferma: "La guida si basa sui risultati della ricerca scientifica condotta negli ultimi anni, anche nel quadro di studi multicentrici per garantire tecnologie educative digitali sicure per la salute dei bambini sotto gli auspici dei Dipartimenti di scienze mediche dell'Accademia delle scienze russa. " 

link al documento https://translate.google.it/translate?hl=it&tab=jT&sl=auto&tl=it&u=https%3A%2F%2Fniigd.ru%2Fnews%2Fgigienicheskie-normativi-raboti-cifrovoj-shkoly.html .

 
Le nuove regole per la scuola digitale e l'apprendimento dei computer a casa includono quanto segue: ◾Divieto di connessioni Wi-Fi e Internet wireless per la scuola primaria. 
◾Divieto di smartphone a fini educativi. 
◾ Raccomandazione di usare libri per lo studio a casa, non i computer. 
◾ Raccomandazione di non individuare stazioni base di rete mobile (torri cellulari) per motivi scolastici.  

domenica 12 luglio 2020

Anche le Haiwaii dicono ... Stop al 5G!

qui di seguito un documento in cui lo Stato dell' Haiwaii rimanda alle società di telecomunicazioni e all'ente FCC la possibilità di dare certezze scientifiche da parte di enti terzi sulla innocuità del 5G per l'uomo e l'ambiente https://drive.google.com/file/d/1qe_4MYJumc_mYHTEK2j_p2dK896I01wg/view?usp=sharing

giovedì 9 luglio 2020

Azione legale in Turchia contro Huawei e Microsoft

https://www.news1.news/n1/2020/04/huawei-and-microsoft-sued-due-to-5g-in-antalya.html “The citizen named Muammer Karabulut, who lives in Antalya, has filed a lawsuit against Microsoft and Huawei with the claim that human health is compromised due to 5G technology studies. The first hearing of the case will be held on 1 June.” “I am not against technology. But technology should not threaten human health. Now, the explanations about human health are included in the user guides of all the tools and equipment we use. Let them prove that they have no side effects in terms of human health, including products supported by Microsoft, and all of Huawei’s tools and equipment working with 5G, and 5G antennas,” 47,707 people have signed his petition! “We thank Mr. Abdurrahman Dilipak and Lawyer Muammer Karabulut. Muammer Karabulut filed the first anti-5G case, Abdurrahman Dilipak will be the Media Spokesperson of this formation.” _______________________________________________________________________________ News Story: Huawei and Microsoft sued due to 5G in Antalya “Prove That It Does Not Harm Human Health: Complainant Muammer Karabulut said the following about the issue: “I am not against technology. But technology should not threaten human health. Now, the explanations about human health are included in the user guides of all the tools and equipment we use. Let them prove that they have no side effects in terms of human health, including products supported by Microsoft and all of Huawei’s tools and equipment that work with 5G and 5G antennas.”

sabato 27 giugno 2020

Come l'industria ha influenzato la ricerca sugli effetti degli EMF


Un fantastico lavoro fatto da ENVIRONMENT HEALTH TRUST  (Devra Davis e coll.) ci porta ad una pagina in cui sono riportati i più importanti lavori scientifici che hanno trattato come l'industria ha influenzato la ricerca per depistare 

La società del tabacco Phillip Morris ha pubblicato documenti che mostrano chiaramente che la strategia per proteggere l'industria del tabacco, nonché le società di pesticidi e telefoni cellulari, è stata quella di minimizzare la scienza legittima attraverso uno sforzo ben finanziato di pubbliche relazioni da parte di una coalizione di gruppi finanziati da società. Campi elettromagnetici, tobacco e pesticidi sono citati   in uno degli articoli di Phillip Morris del 1994.

Le analisi scientifiche mostrano che i finanziamenti del settore possono e influenzano la ricerca sulle radiazioni a radiofrequenza.  



Comitato Nazionale Cipro Ambiente e Benessere dei Bambini: guida alla didattica a distanza

Questo Comitato pubblico ha diramato delle linee guida

È bello poter comunicare ora che stiamo "restando a casa". La tecnologia ci aiuta a rimanere in contatto anche da lontano. Impariamo il modo migliore per farlo ... in sicurezza!



Ricorda che Internet via cavo via Ethernet è più efficiente del Wi-Fi wireless o dei dati mobili. Perché con la connessione cablata abbiamo:

velocità di connessione molto più elevate,
segnale più affidabile, senza interruzioni
migliore sicurezza dei dati

Ma soprattutto è SICURO, poiché protegge te e soprattutto i tuoi bambini dalle radiazioni elettromagnetiche (EMF / RF) (vedi la Dichiarazione di Nicosia 2017, la bibliografia scientifica, i video e le guide del Comitato nazionale per l'ambiente e i bambini di Cipro Salute su www.paidi.com.cy). 
Per i motivi di cui sopra, applica la tecnologia cablata nella tua casa il più possibile. Assicurati che il laptop, il tablet e il computer di tuo figlio siano connessi a Internet tramite una connessione cablata per l'apprendimento a distanza.


mercoledì 24 giugno 2020

IEEE pubblica un articolo 'impegnativo' sui danni da EMF ... dopo poche ore lo ... ritira! dopo qualche giorno

Chi è IEEE ?  è l più importante associazione internazionale, con base US:
 Institute of Electrical and Electronics Engineers
con oltre 400.000 soci!            Il suo sito e i suoi Magazine hanno un valore tecnico di alto profilo.

Nel Marzo 2020 è stato accettato il seguente lavoro qui disponibile 

IX. CONCLUSIONE Le persone dovrebbero essere informate che l'EMR dall'uso quotidiano di dispositivi cellulari, Wi-Fi e Bluetooth sono dannosi per la salute umana. I livelli di radiazione osservati nella maggior parte dei casi come telefonate, navigazione in Internet su laptop e smartphone, utilizzo di router e hotspot wireless, smartwatch e smartphone Bluetooth non sono sani se confrontati con i limiti di radiazione determinati dagli enti medici. Secondo l'attuale letteratura medica, vari effetti negativi sulla salute derivanti dall'esposizione a RF EMR sono stati ben documentati. 
Per ora, le tecnologie wireless devono essere evitate il più possibile. Dovrebbero essere incoraggiate soluzioni cablate nuove e innovative che offrono lo stesso livello di facilità d'uso. 
L'intervento di enti governativi e medici con lo scopo principale di proteggere la salute umana è della massima necessità per garantire un buon sviluppo economico senza compromettere la salute della popolazione. I paesi devono adottare le linee guida suggerite dagli enti medici che tengono conto degli effetti sia termici che non termici dell'EMR. Allo stato attuale, tutti gli individui devono adottare misure preventive e protettive per proteggersi dall'esposizione dannosa all'EMR.


Nel giro di qualche giorno il lavoro è stato ritirato! 

Il 24.6.2020 un comitato di 'esperti' denominato COMAR  ha prosotto il seguente lavoro in cui si ritratta completamente tutto. 


Riporto i commenti di   Joel M. Moskowitz 

Sebbene non siano state pubblicate ricerche sui bioeffetti o sugli effetti sulla salute derivanti dall'esposizione alle radiazioni 5G, il Comitato IEEE sull'uomo e le radiazioni (COMAR) ha pubblicato una "dichiarazione di esperti" sulla rivista Health Physics che afferma "(w) all'interno dei limiti di esposizione attuali , sembra esserci un rischio minimo o nullo di effetti negativi sulla salute correlati all'esposizione a radiofrequenza (RF) dal sistema 5G. "

COMAR è abilitata a rilasciare una "dichiarazione di esperti" in merito agli effetti sulla salute? Secondo il mio conteggio, l'appartenenza a COMAR è composta da diciannove ingegneri, quattro fisici, due fisiologi, uno psicologo e un dottore in medicina. Quasi tutti i membri di COMAR lavorano per l'industria o fanno affidamento sui finanziamenti del settore per le loro ricerche.

Quanti membri di COMAR hanno pubblicato ricerche peer-reviewed sugli effetti sulla salute delle radiazioni non ionizzanti? Quanti non hanno conflitti di interesse?


lunedì 22 giugno 2020

Studio dei due parlamentari europei dei Verdi (Ravasi e Bichner) su ICNIRP

“Questo rapporto affronta un problema di cui non si può sottovalutare l'importanza: i possibili effetti sulla salute della Radiofrequenza Radiation (RfR) o dei campi elettromagnetici (EMF). Si occupa in modo più specifico di come il dibattito scientifico sia stato dirottato dagli interessi aziendali del settore delle telecomunicazioni ".

"I risultati di questo rapporto (" La Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti, ICNIRP: conflitti di interesse e spinta per il 5G ") ci danno un déjà-vu scomodo: molti fatti e processi che portano alla situazione reale in cui le autorità europee - dalla Commissione europea alla maggior parte degli Stati membri -: basta semplicemente chiudere gli occhi per fatti scientifici reali e avvertimenti precoci. Abbiamo visto esattamente lo stesso scenario nel dibattito su tabacco, amianto, cambiamento climatico e pesticidi.

Anche nelle sue ultime linee guida di marzo di quest'anno, ICNIRP assicura al mondo che non ci sono prove scientifiche di effetti negativi sulla salute derivanti dalle radiazioni che derivano dalle nuove tecnologie di comunicazione, entro i limiti che propone. Ma allo stesso tempo un numero crescente di scienziati e anche cittadini sono preoccupati che i campi elettromagnetici causino problemi di salute. ICNIRP finge di essere scientificamente neutrale e libera da interessi acquisiti del settore delle telecomunicazioni. 
Dimostriamo con questo studio che si tratta di "giocare con la verità" o semplicemente una bugia. "

"Nel dibattito sui campi elettromagnetici e sui possibili effetti sulla salute, vengono spesso utilizzati termini come" cattura aziendale "della ricerca scientifica e" scienza dei giochi di guerra "e spesso vengono fatti riferimenti alle tattiche dell'industria del tabacco. Secondo diversi autori, queste tattiche influenzano anche organizzazioni come ICNIRP e il progetto internazionale EMF dell'OMS ... "

"Questo sembra essere un problema globale. Il ricercatore americano, Norm Alster, nel suo rapporto "Captured Agency" descrive ciò a cui questo tipo di acquisizione aziendale può comportare facendo riferimento al funzionamento della FCC (Federal Communications Commission), che è la principale istituzione ufficiale degli Stati Uniti che si occupa delle questioni relative alle telecomunicazioni, ed è talvolta menzionato nelle critiche dell'ICNIRP: “Questo è un termine che viene fuori di volta in volta con la FCC. Le agenzie catturate sono essenzialmente controllate dalle industrie che dovrebbero regolare. Uno sguardo dettagliato alle azioni FCC e alle non azioni mostra che nel corso degli anni FCC ha concesso all'industria wireless praticamente ciò che desiderava ”.







domenica 7 giugno 2020

MTN Consulting: le stazioni 5G consumeranno molto più energia di quelle a 4G

Chi è la MTN Consulting ?
Pubblichiamo report analitici sui mercati delle telecomunicazioni, del cloud e dell'IoT. Alcuni report sono qualitativi, alcuni di natura quantitativa, ma tutti beneficiano della nostra analisi finanziaria trimestrale degli operatori di rete (oltre 170) e dei fornitori (oltre 100). Questa copertura ci aiuta a fornire approfondimenti e raccomandazioni basate su prove, non su preconcetti. I rapporti di MTN Consulting si concentrano su aziende, tecnologie e mercati.




Le Telco cercano l'efficienza energetica da alcuni anni, ma per il 5G non succederà  perché utilizzerà più energia del 4G. Telcos spende in media dal 5% al 6% delle spese operative, esclusi gli ammortamenti, in costi energetici, secondo MTN Consulting. E questo dovrebbe aumentare con il passaggio al 5G.

Una tipica stazione base 5G consuma fino al doppio o più della potenza di una stazione base 4G, scrive Matt Walker, analista capo di MTN Consulting, in un nuovo rapporto intitolato "Operatori che affrontano una crisi dei costi energetici". E i costi energetici possono crescere ancora di più a frequenze più elevate, a causa della necessità di più antenne e di uno strato più denso di piccole cellule. Anche le funzionalità di calcolo Edge necessarie per supportare l'elaborazione locale e i nuovi servizi Internet delle cose (IoT) aumenteranno l'utilizzo generale della rete.

Le stime esatte differiscono per fonte, ma MTN afferma che il consenso del settore è che il 5G raddoppierà o triplicherà il consumo di energia per gli operatori mobili, una volta ridimensionata la rete.



Avvertimenti di un maggiore consumo di energia provengono da alcuni operatori cinesi che stanno guidando il mondo nelle implementazioni del 5G. 
A novembre 2019, China Mobile EVP Li Zhengmao ha dichiarato che i suoi costi dell'elettricità aumentano rapidamente con il 5G. China Mobile ha provato a utilizzare implementazioni a basso costo di antenne MIMO, in particolare 32T32R e talvolta 8T8R anziché 64T64R, secondo MTN. Tuttavia, Li afferma che le stazioni base 5G stanno trasportando un traffico cinque volte superiore rispetto a quando equipaggiate con solo 4G, aumentando il consumo di energia. Il corriere sta cercando sussidi dal governo cinese per aiutare ad aumentare il consumo di energia.

Ancora sul forte incremento di consumo di energia per il 5G


https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-09-14/eco-friendly-phone-companies-brace-for-5g-s-energy-bill

Le Telco hanno sborsato $ 80 miliardi per alimentare le antenne del mondo lo scorso anno, secondo Nokia Oyj. La prospettiva di dover aumentare la spesa per l'elettricità - la domanda di energia potrebbe triplicare con l'introduzione di apparecchiature 5G, secondo l'ente del settore GSMA - non andrà bene per le compagnie telefoniche che stanno già lottando per pagare i loro dividendi. Allo stesso tempo, aziende come BT Group Plc e Vodafone Group Plc si sono impegnate a ridurre le emissioni e ciò richiederà un rapido passaggio alle energie rinnovabili.

Proprio mentre i vettori stanno per lanciare enormi quantità di device wireless, stanno anche promettendo di salvare il pianeta. E i fondi sono limitati. Realizzare tutto allo stesso tempo potrebbe essere un grande problema!

"Se hanno fissato obiettivi ambiziosi per il consumo complessivo di energia e le emissioni di CO2, questi potrebbero potenzialmente essere in conflitto quando iniziano a implementare il 5G", ha dichiarato Jerker Berglund, consulente di settore presso JB Sustainable Approach AB. "Ridurre il consumo totale di energia sarà una sfida."

Le antenne e le stazioni radiobase di nuova generazione possono essere 10 volte più efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelli del 4G. Tuttavia, questi risparmi energetici potrebbero essere sommersi dall'impennata della domanda di nuove applicazioni. 5G collegherà miliardi di cose che non sono mai state collegate prima. Per soddisfare tutte queste nuove connessioni, le grosse antenne  potrebbero avere fino a 128 antenne, rispetto a sole quattro o otto su un tipico albero 4G. Il rimbalzo dei segnali attraverso le città può richiedere che migliaia di trasmettitori e ricevitori siano imbullonati sui tetti e sui mobili urbani. Sembra che tutto richiederà molta più larghezza di banda e molta più potenza.

Pesanti accuse a Bill Gates !

https://newspunch.com/bill-gates-one-world-government/#disqus_thread


sabato 6 giugno 2020

Consiglio Superiore della Sanità Belga - 2019 su esposizione ai campi elettromagnetici




www.health.belgium.be/sites/default/files/uploads/fields/fpshealth_theme_file/190617_css-9404_fys_chem_env_hygiene_vcabdem.pdf

IGIENE DELL'AMBIENTE FISICO-CHIMICO (LIMITAZIONE DELL'ESPOSIZIONE AGLI AGENTI MUTAGENICI O DISTURBI ENDOCRINARI) E IMPORTANZA DELLE ESPOSIZIONI 

Esposizione a radiazioni non ionizzanti da linee elettriche, comunicazione ed elettronica 

Una stretta esposizione alle linee elettriche è stata associata alla leucemia infantile (Tabrizi et al., 2015; Schuz, 2011). È stato dimostrato che le radiazioni non ionizzanti emesse dalle microonde agiscono attraverso l'attivazione di canali di calcio dipendenti dalla tensione, inducendo impatti biologici a livelli non termici (Anghileri et al., 2006; Pall et al., 2015). 
L'esposizione materna ai campi elettromagnetici dalle frequenze utilizzate dai telefoni cellulari è stata associata a disturbi comportamentali e del linguaggio nei bambini (Birks et al., 2017; Zarei et al., 2015). 
È stato osservato che l'uso di telefoni cellulari e cordless è associato ad un aumentato rischio di glioma e neuroma acustico (Hardell et al., 2013). 

Secondo Levis et al. (2011), protocolli ciechi, privi di errori, distorsioni e fattori di condizionamento finanziario, danno risultati positivi che rivelano una relazione di causa ed effetto tra l'uso o la latenza a lungo termine del cellulare e la aumento statisticamente significativo del rischio di tumore della testa omolaterale, con plausibilità biologica. Meta-analisi (compresa quella di Levis et al., 2011), che esamina solo i dati sui tumori omolaterali in soggetti che utilizzano un telefono cellulare da o per almeno 10
anni, mostrano aumenti significativi e statisticamente significativi del rischio di gliomi cerebrali e neuromi acustici omolaterali (Levis et al., 2011).


venerdì 5 giugno 2020

Timothy Schoechle, Ph.D a FCC: i limiti di esposizione sono sbagliati per gli effetti non-termici

Innanzitutto chi è questo Schoechle ?               

Dr. Schoechle è un consulente internazionale in ingegneria informatica e delle comunicazioni e in
sviluppo di standard tecnici. Attualmente ricopre il ruolo di segretario del gruppo di lavoro ISO / IEC SC25 1, il comitato internazionale per gli standard per il sistema elettronico domestico ed è co-editore tecnico di numerosi nuovi standard internazionali relativi alla smart grid, incluso un nuovo progetto sulla sicurezza informatica gateway, privacy e requisiti per l'elettronica di consumo e le applicazioni Internet-of-Things (IoT). 
Ha inoltre ha ricoperto il ruolo di segreteria di gestione e interscambio dati SC32 ISO / IEC, 2006-2015, e attualmente partecipa a una serie di organismi di normalizzazione nazionali e internazionali relativi alla smart grid e alla smart città tecnologia e questioni politiche.
...
Il Dr. Schoechle era un co-fondatore di BI Incorporated, attualmente una società da $ 1 miliardo a Boulder, in Colorado, uno sviluppatore pioniere della tecnologia RFID. Ha conseguito un M.S. in ingegneria delle telecomunicazioni (1995) e un dottorato in politica della comunicazione (2004) dell'Università del Colorado, Boulder.


Questo grande esperto di comunicazione dati, di smart-grid (che include anche gli ... smart meter), di RFID, IoT, etc etc ...  scrive al FCC

1. I limiti esistenti  [vedi quelli dell'ICNIRP ]  sono inadeguati perché non considerano in campo debole (non termici) effetti su sistemi e processi biologici. 
L'intera inchiesta FCC presenta un problema già ALLA PARTENZA:   si basa su un'ipotesi fallace e obsoleta che gli effetti termici siano l'unico rischio.

vedete il testo

2. Well below the threshold of thermal RFR effects, the inquiry needs to consider weak
field (non-thermal) effects, including the difference between long term and short term
exposures, and that because of the adaptive characteristics of biological systems, one can
switch from gain to loss by changing the modulation, the frequency, or the time delay
between pulses as well as the presence of reactive oxygen—all of which have not been
adequately taken into consideration by the FCC.

3. If existing limits are not adequate for weak field (non-thermal) effects, it makes little
sense to simply extend these limits to frequency ranges above 6 GHz.

4. It makes little sense to further weaken thermal limits by relying on effective power alone.
Dropping SAR-based limits excludes consideration of absorption into the body that
should be accounted for by SAR with the additional consideration of duration of
exposure as well as more sophisticated measures of impact on bodies and cells.

5. Averaging power over time is inadequate and deceptive because it does not deal with
peak power, is still based on the assumption that the only mode of potential harm is
heating (e.g., SAR or MPE), does not consider weak field (non-thermal) effects on
biological systems and processes, and does not deal with effects over time, or with long
term exposure effects.

6. The 19-126 inquiry and the FCC exposure guidelines are largely based on assumptions
and theoretical models rather than on experimental evidence or testing. Exposure limits
should be based on empirical science (i.e., verifiable by observation or experience rather
than theory or pure logic). “Increased emphasis on long‐term exposures may require
refining the concept of dose to more flexibly combine exposure time and field intensity or
energy absorbed.” (Barnes and Greenebaum, 2020, p. 4). “What is missing in the current
guidelines or regulations are guidelines for long-term exposure to weak EMF” (p. 5).

7. The Commission should request the FDA and/or other agencies with appropriate health
science competence to pursue or undertake establishment of actual safety standards based
on actual animal or human safety testing, recommendations, or guidelines for both short
term and long term RFR exposures and emissions as proposed by Barnes & Greenebaum,
2020, p. 4-5). The FCC should recuse themselves from the process of setting human
RFR exposure guidelines due lack of expertise.

8. “Limits on the time for operations of base stations and exposures in adjacent living
spaces are not controlled by the user and must be set by competent authorities, based on
scientific evidence. It is likely to be difficult to specify times when exposures to RF
signals are zero or below some limit. What will be needed is being able to say with some
certainty that exposure below a given level has not been shown to cause changes in body
chemistry above some level” (p. 5).

9. “A starting point might be current levels from TV and radio stations that are large enough
to give signal‐to‐noise ratios around 20 dB (100‐fold) with typical receiving systems.
Currently, mean values for the population's exposure to these systems are estimated to be
around 0.1 V/m and peak exposures range up to 2 V/m, which exceed current exposure
limits for a small fraction of the population” (p. 5).

10. Consumers are entitled to informed consent to risk. The public should be educated about
the real risks involved in using cellphones and being near cell antennas big or small as
well as the risks of being exposed to RF radiation in general. It is the responsibility of the
FCC to inform the public openly and accurately. The FCC has not done so in this
proposed rulemaking.

giovedì 4 giugno 2020

Effetti delle Antenne sugli alberi

Importante studio condotto in Germania e pubblicato su una rivista  Science of the Total Environment (che è valutata da SJR al primo quartile, Q1 quindi al top delle riviste internazionali che parlano  di ambiente inquinamento chimica) 



uno studio dettagliato sul monitoraggio a lungo termine (2006-2015) è stato condotto nelle città di Bamberg e Hallstadt (Germania). 
Durante il monitoraggio, sono state eseguite osservazioni e registrazioni fotografiche di danni insoliti o inspiegabili agli alberi, insieme alla misurazione delle radiazioni elettromagnetiche.

L'analisi statistica dei tanti dati acquisiti in tutti quegli anni ha dimostrato che le radiazioni elettromagnetiche  delle stazioni radiobase dei telefoni cellulari sono dannose per gli alberi. Questi risultati sono coerenti con il fatto che i danni subiti dagli alberi dalle torri dei telefoni cellulari di solito iniziano da un lato, estendendosi all'intero albero nel tempo.