Syndication

giovedì 9 luglio 2020

Azione legale in Turchia contro Huawei e Microsoft

https://www.news1.news/n1/2020/04/huawei-and-microsoft-sued-due-to-5g-in-antalya.html “The citizen named Muammer Karabulut, who lives in Antalya, has filed a lawsuit against Microsoft and Huawei with the claim that human health is compromised due to 5G technology studies. The first hearing of the case will be held on 1 June.” “I am not against technology. But technology should not threaten human health. Now, the explanations about human health are included in the user guides of all the tools and equipment we use. Let them prove that they have no side effects in terms of human health, including products supported by Microsoft, and all of Huawei’s tools and equipment working with 5G, and 5G antennas,” 47,707 people have signed his petition! “We thank Mr. Abdurrahman Dilipak and Lawyer Muammer Karabulut. Muammer Karabulut filed the first anti-5G case, Abdurrahman Dilipak will be the Media Spokesperson of this formation.” _______________________________________________________________________________ News Story: Huawei and Microsoft sued due to 5G in Antalya “Prove That It Does Not Harm Human Health: Complainant Muammer Karabulut said the following about the issue: “I am not against technology. But technology should not threaten human health. Now, the explanations about human health are included in the user guides of all the tools and equipment we use. Let them prove that they have no side effects in terms of human health, including products supported by Microsoft and all of Huawei’s tools and equipment that work with 5G and 5G antennas.”

sabato 27 giugno 2020

Come l'industria ha influenzato la ricerca sugli effetti degli EMF


Un fantastico lavoro fatto da ENVIRONMENT HEALTH TRUST  (Devra Davis e coll.) ci porta ad una pagina in cui sono riportati i più importanti lavori scientifici che hanno trattato come l'industria ha influenzato la ricerca per depistare 

La società del tabacco Phillip Morris ha pubblicato documenti che mostrano chiaramente che la strategia per proteggere l'industria del tabacco, nonché le società di pesticidi e telefoni cellulari, è stata quella di minimizzare la scienza legittima attraverso uno sforzo ben finanziato di pubbliche relazioni da parte di una coalizione di gruppi finanziati da società. Campi elettromagnetici, tobacco e pesticidi sono citati   in uno degli articoli di Phillip Morris del 1994.

Le analisi scientifiche mostrano che i finanziamenti del settore possono e influenzano la ricerca sulle radiazioni a radiofrequenza.  



Comitato Nazionale Cipro Ambiente e Benessere dei Bambini: guida alla didattica a distanza

Questo Comitato pubblico ha diramato delle linee guida

È bello poter comunicare ora che stiamo "restando a casa". La tecnologia ci aiuta a rimanere in contatto anche da lontano. Impariamo il modo migliore per farlo ... in sicurezza!



Ricorda che Internet via cavo via Ethernet è più efficiente del Wi-Fi wireless o dei dati mobili. Perché con la connessione cablata abbiamo:

velocità di connessione molto più elevate,
segnale più affidabile, senza interruzioni
migliore sicurezza dei dati

Ma soprattutto è SICURO, poiché protegge te e soprattutto i tuoi bambini dalle radiazioni elettromagnetiche (EMF / RF) (vedi la Dichiarazione di Nicosia 2017, la bibliografia scientifica, i video e le guide del Comitato nazionale per l'ambiente e i bambini di Cipro Salute su www.paidi.com.cy). 
Per i motivi di cui sopra, applica la tecnologia cablata nella tua casa il più possibile. Assicurati che il laptop, il tablet e il computer di tuo figlio siano connessi a Internet tramite una connessione cablata per l'apprendimento a distanza.


mercoledì 24 giugno 2020

IEEE pubblica un articolo 'impegnativo' sui danni da EMF ... dopo poche ore lo ... ritira! dopo qualche giorno

Chi è IEEE ?  è l più importante associazione internazionale, con base US:
 Institute of Electrical and Electronics Engineers
con oltre 400.000 soci!            Il suo sito e i suoi Magazine hanno un valore tecnico di alto profilo.

Nel Marzo 2020 è stato accettato il seguente lavoro qui disponibile 

IX. CONCLUSIONE Le persone dovrebbero essere informate che l'EMR dall'uso quotidiano di dispositivi cellulari, Wi-Fi e Bluetooth sono dannosi per la salute umana. I livelli di radiazione osservati nella maggior parte dei casi come telefonate, navigazione in Internet su laptop e smartphone, utilizzo di router e hotspot wireless, smartwatch e smartphone Bluetooth non sono sani se confrontati con i limiti di radiazione determinati dagli enti medici. Secondo l'attuale letteratura medica, vari effetti negativi sulla salute derivanti dall'esposizione a RF EMR sono stati ben documentati. 
Per ora, le tecnologie wireless devono essere evitate il più possibile. Dovrebbero essere incoraggiate soluzioni cablate nuove e innovative che offrono lo stesso livello di facilità d'uso. 
L'intervento di enti governativi e medici con lo scopo principale di proteggere la salute umana è della massima necessità per garantire un buon sviluppo economico senza compromettere la salute della popolazione. I paesi devono adottare le linee guida suggerite dagli enti medici che tengono conto degli effetti sia termici che non termici dell'EMR. Allo stato attuale, tutti gli individui devono adottare misure preventive e protettive per proteggersi dall'esposizione dannosa all'EMR.


Nel giro di qualche giorno il lavoro è stato ritirato! 

Il 24.6.2020 un comitato di 'esperti' denominato COMAR  ha prosotto il seguente lavoro in cui si ritratta completamente tutto. 


Riporto i commenti di   Joel M. Moskowitz 

Sebbene non siano state pubblicate ricerche sui bioeffetti o sugli effetti sulla salute derivanti dall'esposizione alle radiazioni 5G, il Comitato IEEE sull'uomo e le radiazioni (COMAR) ha pubblicato una "dichiarazione di esperti" sulla rivista Health Physics che afferma "(w) all'interno dei limiti di esposizione attuali , sembra esserci un rischio minimo o nullo di effetti negativi sulla salute correlati all'esposizione a radiofrequenza (RF) dal sistema 5G. "

COMAR è abilitata a rilasciare una "dichiarazione di esperti" in merito agli effetti sulla salute? Secondo il mio conteggio, l'appartenenza a COMAR è composta da diciannove ingegneri, quattro fisici, due fisiologi, uno psicologo e un dottore in medicina. Quasi tutti i membri di COMAR lavorano per l'industria o fanno affidamento sui finanziamenti del settore per le loro ricerche.

Quanti membri di COMAR hanno pubblicato ricerche peer-reviewed sugli effetti sulla salute delle radiazioni non ionizzanti? Quanti non hanno conflitti di interesse?


lunedì 22 giugno 2020

Studio dei due parlamentari europei dei Verdi (Ravasi e Bichner) su ICNIRP

“Questo rapporto affronta un problema di cui non si può sottovalutare l'importanza: i possibili effetti sulla salute della Radiofrequenza Radiation (RfR) o dei campi elettromagnetici (EMF). Si occupa in modo più specifico di come il dibattito scientifico sia stato dirottato dagli interessi aziendali del settore delle telecomunicazioni ".

"I risultati di questo rapporto (" La Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti, ICNIRP: conflitti di interesse e spinta per il 5G ") ci danno un déjà-vu scomodo: molti fatti e processi che portano alla situazione reale in cui le autorità europee - dalla Commissione europea alla maggior parte degli Stati membri -: basta semplicemente chiudere gli occhi per fatti scientifici reali e avvertimenti precoci. Abbiamo visto esattamente lo stesso scenario nel dibattito su tabacco, amianto, cambiamento climatico e pesticidi.

Anche nelle sue ultime linee guida di marzo di quest'anno, ICNIRP assicura al mondo che non ci sono prove scientifiche di effetti negativi sulla salute derivanti dalle radiazioni che derivano dalle nuove tecnologie di comunicazione, entro i limiti che propone. Ma allo stesso tempo un numero crescente di scienziati e anche cittadini sono preoccupati che i campi elettromagnetici causino problemi di salute. ICNIRP finge di essere scientificamente neutrale e libera da interessi acquisiti del settore delle telecomunicazioni. 
Dimostriamo con questo studio che si tratta di "giocare con la verità" o semplicemente una bugia. "

"Nel dibattito sui campi elettromagnetici e sui possibili effetti sulla salute, vengono spesso utilizzati termini come" cattura aziendale "della ricerca scientifica e" scienza dei giochi di guerra "e spesso vengono fatti riferimenti alle tattiche dell'industria del tabacco. Secondo diversi autori, queste tattiche influenzano anche organizzazioni come ICNIRP e il progetto internazionale EMF dell'OMS ... "

"Questo sembra essere un problema globale. Il ricercatore americano, Norm Alster, nel suo rapporto "Captured Agency" descrive ciò a cui questo tipo di acquisizione aziendale può comportare facendo riferimento al funzionamento della FCC (Federal Communications Commission), che è la principale istituzione ufficiale degli Stati Uniti che si occupa delle questioni relative alle telecomunicazioni, ed è talvolta menzionato nelle critiche dell'ICNIRP: “Questo è un termine che viene fuori di volta in volta con la FCC. Le agenzie catturate sono essenzialmente controllate dalle industrie che dovrebbero regolare. Uno sguardo dettagliato alle azioni FCC e alle non azioni mostra che nel corso degli anni FCC ha concesso all'industria wireless praticamente ciò che desiderava ”.







domenica 7 giugno 2020

MTN Consulting: le stazioni 5G consumeranno molto più energia di quelle a 4G

Chi è la MTN Consulting ?
Pubblichiamo report analitici sui mercati delle telecomunicazioni, del cloud e dell'IoT. Alcuni report sono qualitativi, alcuni di natura quantitativa, ma tutti beneficiano della nostra analisi finanziaria trimestrale degli operatori di rete (oltre 170) e dei fornitori (oltre 100). Questa copertura ci aiuta a fornire approfondimenti e raccomandazioni basate su prove, non su preconcetti. I rapporti di MTN Consulting si concentrano su aziende, tecnologie e mercati.




Le Telco cercano l'efficienza energetica da alcuni anni, ma per il 5G non succederà  perché utilizzerà più energia del 4G. Telcos spende in media dal 5% al 6% delle spese operative, esclusi gli ammortamenti, in costi energetici, secondo MTN Consulting. E questo dovrebbe aumentare con il passaggio al 5G.

Una tipica stazione base 5G consuma fino al doppio o più della potenza di una stazione base 4G, scrive Matt Walker, analista capo di MTN Consulting, in un nuovo rapporto intitolato "Operatori che affrontano una crisi dei costi energetici". E i costi energetici possono crescere ancora di più a frequenze più elevate, a causa della necessità di più antenne e di uno strato più denso di piccole cellule. Anche le funzionalità di calcolo Edge necessarie per supportare l'elaborazione locale e i nuovi servizi Internet delle cose (IoT) aumenteranno l'utilizzo generale della rete.

Le stime esatte differiscono per fonte, ma MTN afferma che il consenso del settore è che il 5G raddoppierà o triplicherà il consumo di energia per gli operatori mobili, una volta ridimensionata la rete.



Avvertimenti di un maggiore consumo di energia provengono da alcuni operatori cinesi che stanno guidando il mondo nelle implementazioni del 5G. 
A novembre 2019, China Mobile EVP Li Zhengmao ha dichiarato che i suoi costi dell'elettricità aumentano rapidamente con il 5G. China Mobile ha provato a utilizzare implementazioni a basso costo di antenne MIMO, in particolare 32T32R e talvolta 8T8R anziché 64T64R, secondo MTN. Tuttavia, Li afferma che le stazioni base 5G stanno trasportando un traffico cinque volte superiore rispetto a quando equipaggiate con solo 4G, aumentando il consumo di energia. Il corriere sta cercando sussidi dal governo cinese per aiutare ad aumentare il consumo di energia.

Ancora sul forte incremento di consumo di energia per il 5G


https://www.bloomberg.com/news/articles/2019-09-14/eco-friendly-phone-companies-brace-for-5g-s-energy-bill

Le Telco hanno sborsato $ 80 miliardi per alimentare le antenne del mondo lo scorso anno, secondo Nokia Oyj. La prospettiva di dover aumentare la spesa per l'elettricità - la domanda di energia potrebbe triplicare con l'introduzione di apparecchiature 5G, secondo l'ente del settore GSMA - non andrà bene per le compagnie telefoniche che stanno già lottando per pagare i loro dividendi. Allo stesso tempo, aziende come BT Group Plc e Vodafone Group Plc si sono impegnate a ridurre le emissioni e ciò richiederà un rapido passaggio alle energie rinnovabili.

Proprio mentre i vettori stanno per lanciare enormi quantità di device wireless, stanno anche promettendo di salvare il pianeta. E i fondi sono limitati. Realizzare tutto allo stesso tempo potrebbe essere un grande problema!

"Se hanno fissato obiettivi ambiziosi per il consumo complessivo di energia e le emissioni di CO2, questi potrebbero potenzialmente essere in conflitto quando iniziano a implementare il 5G", ha dichiarato Jerker Berglund, consulente di settore presso JB Sustainable Approach AB. "Ridurre il consumo totale di energia sarà una sfida."

Le antenne e le stazioni radiobase di nuova generazione possono essere 10 volte più efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelli del 4G. Tuttavia, questi risparmi energetici potrebbero essere sommersi dall'impennata della domanda di nuove applicazioni. 5G collegherà miliardi di cose che non sono mai state collegate prima. Per soddisfare tutte queste nuove connessioni, le grosse antenne  potrebbero avere fino a 128 antenne, rispetto a sole quattro o otto su un tipico albero 4G. Il rimbalzo dei segnali attraverso le città può richiedere che migliaia di trasmettitori e ricevitori siano imbullonati sui tetti e sui mobili urbani. Sembra che tutto richiederà molta più larghezza di banda e molta più potenza.

Pesanti accuse a Bill Gates !

https://newspunch.com/bill-gates-one-world-government/#disqus_thread


sabato 6 giugno 2020

Consiglio Superiore della Sanità Belga - 2019 su esposizione ai campi elettromagnetici




www.health.belgium.be/sites/default/files/uploads/fields/fpshealth_theme_file/190617_css-9404_fys_chem_env_hygiene_vcabdem.pdf

IGIENE DELL'AMBIENTE FISICO-CHIMICO (LIMITAZIONE DELL'ESPOSIZIONE AGLI AGENTI MUTAGENICI O DISTURBI ENDOCRINARI) E IMPORTANZA DELLE ESPOSIZIONI 

Esposizione a radiazioni non ionizzanti da linee elettriche, comunicazione ed elettronica 

Una stretta esposizione alle linee elettriche è stata associata alla leucemia infantile (Tabrizi et al., 2015; Schuz, 2011). È stato dimostrato che le radiazioni non ionizzanti emesse dalle microonde agiscono attraverso l'attivazione di canali di calcio dipendenti dalla tensione, inducendo impatti biologici a livelli non termici (Anghileri et al., 2006; Pall et al., 2015). 
L'esposizione materna ai campi elettromagnetici dalle frequenze utilizzate dai telefoni cellulari è stata associata a disturbi comportamentali e del linguaggio nei bambini (Birks et al., 2017; Zarei et al., 2015). 
È stato osservato che l'uso di telefoni cellulari e cordless è associato ad un aumentato rischio di glioma e neuroma acustico (Hardell et al., 2013). 

Secondo Levis et al. (2011), protocolli ciechi, privi di errori, distorsioni e fattori di condizionamento finanziario, danno risultati positivi che rivelano una relazione di causa ed effetto tra l'uso o la latenza a lungo termine del cellulare e la aumento statisticamente significativo del rischio di tumore della testa omolaterale, con plausibilità biologica. Meta-analisi (compresa quella di Levis et al., 2011), che esamina solo i dati sui tumori omolaterali in soggetti che utilizzano un telefono cellulare da o per almeno 10
anni, mostrano aumenti significativi e statisticamente significativi del rischio di gliomi cerebrali e neuromi acustici omolaterali (Levis et al., 2011).


venerdì 5 giugno 2020

Timothy Schoechle, Ph.D a FCC: i limiti di esposizione sono sbagliati per gli effetti non-termici

Innanzitutto chi è questo Schoechle ?               

Dr. Schoechle è un consulente internazionale in ingegneria informatica e delle comunicazioni e in
sviluppo di standard tecnici. Attualmente ricopre il ruolo di segretario del gruppo di lavoro ISO / IEC SC25 1, il comitato internazionale per gli standard per il sistema elettronico domestico ed è co-editore tecnico di numerosi nuovi standard internazionali relativi alla smart grid, incluso un nuovo progetto sulla sicurezza informatica gateway, privacy e requisiti per l'elettronica di consumo e le applicazioni Internet-of-Things (IoT). 
Ha inoltre ha ricoperto il ruolo di segreteria di gestione e interscambio dati SC32 ISO / IEC, 2006-2015, e attualmente partecipa a una serie di organismi di normalizzazione nazionali e internazionali relativi alla smart grid e alla smart città tecnologia e questioni politiche.
...
Il Dr. Schoechle era un co-fondatore di BI Incorporated, attualmente una società da $ 1 miliardo a Boulder, in Colorado, uno sviluppatore pioniere della tecnologia RFID. Ha conseguito un M.S. in ingegneria delle telecomunicazioni (1995) e un dottorato in politica della comunicazione (2004) dell'Università del Colorado, Boulder.


Questo grande esperto di comunicazione dati, di smart-grid (che include anche gli ... smart meter), di RFID, IoT, etc etc ...  scrive al FCC

1. I limiti esistenti  [vedi quelli dell'ICNIRP ]  sono inadeguati perché non considerano in campo debole (non termici) effetti su sistemi e processi biologici. 
L'intera inchiesta FCC presenta un problema già ALLA PARTENZA:   si basa su un'ipotesi fallace e obsoleta che gli effetti termici siano l'unico rischio.

vedete il testo

2. Well below the threshold of thermal RFR effects, the inquiry needs to consider weak
field (non-thermal) effects, including the difference between long term and short term
exposures, and that because of the adaptive characteristics of biological systems, one can
switch from gain to loss by changing the modulation, the frequency, or the time delay
between pulses as well as the presence of reactive oxygen—all of which have not been
adequately taken into consideration by the FCC.

3. If existing limits are not adequate for weak field (non-thermal) effects, it makes little
sense to simply extend these limits to frequency ranges above 6 GHz.

4. It makes little sense to further weaken thermal limits by relying on effective power alone.
Dropping SAR-based limits excludes consideration of absorption into the body that
should be accounted for by SAR with the additional consideration of duration of
exposure as well as more sophisticated measures of impact on bodies and cells.

5. Averaging power over time is inadequate and deceptive because it does not deal with
peak power, is still based on the assumption that the only mode of potential harm is
heating (e.g., SAR or MPE), does not consider weak field (non-thermal) effects on
biological systems and processes, and does not deal with effects over time, or with long
term exposure effects.

6. The 19-126 inquiry and the FCC exposure guidelines are largely based on assumptions
and theoretical models rather than on experimental evidence or testing. Exposure limits
should be based on empirical science (i.e., verifiable by observation or experience rather
than theory or pure logic). “Increased emphasis on long‐term exposures may require
refining the concept of dose to more flexibly combine exposure time and field intensity or
energy absorbed.” (Barnes and Greenebaum, 2020, p. 4). “What is missing in the current
guidelines or regulations are guidelines for long-term exposure to weak EMF” (p. 5).

7. The Commission should request the FDA and/or other agencies with appropriate health
science competence to pursue or undertake establishment of actual safety standards based
on actual animal or human safety testing, recommendations, or guidelines for both short
term and long term RFR exposures and emissions as proposed by Barnes & Greenebaum,
2020, p. 4-5). The FCC should recuse themselves from the process of setting human
RFR exposure guidelines due lack of expertise.

8. “Limits on the time for operations of base stations and exposures in adjacent living
spaces are not controlled by the user and must be set by competent authorities, based on
scientific evidence. It is likely to be difficult to specify times when exposures to RF
signals are zero or below some limit. What will be needed is being able to say with some
certainty that exposure below a given level has not been shown to cause changes in body
chemistry above some level” (p. 5).

9. “A starting point might be current levels from TV and radio stations that are large enough
to give signal‐to‐noise ratios around 20 dB (100‐fold) with typical receiving systems.
Currently, mean values for the population's exposure to these systems are estimated to be
around 0.1 V/m and peak exposures range up to 2 V/m, which exceed current exposure
limits for a small fraction of the population” (p. 5).

10. Consumers are entitled to informed consent to risk. The public should be educated about
the real risks involved in using cellphones and being near cell antennas big or small as
well as the risks of being exposed to RF radiation in general. It is the responsibility of the
FCC to inform the public openly and accurately. The FCC has not done so in this
proposed rulemaking.

giovedì 4 giugno 2020

Effetti delle Antenne sugli alberi

Importante studio condotto in Germania e pubblicato su una rivista  Science of the Total Environment (che è valutata da SJR al primo quartile, Q1 quindi al top delle riviste internazionali che parlano  di ambiente inquinamento chimica) 



uno studio dettagliato sul monitoraggio a lungo termine (2006-2015) è stato condotto nelle città di Bamberg e Hallstadt (Germania). 
Durante il monitoraggio, sono state eseguite osservazioni e registrazioni fotografiche di danni insoliti o inspiegabili agli alberi, insieme alla misurazione delle radiazioni elettromagnetiche.

L'analisi statistica dei tanti dati acquisiti in tutti quegli anni ha dimostrato che le radiazioni elettromagnetiche  delle stazioni radiobase dei telefoni cellulari sono dannose per gli alberi. Questi risultati sono coerenti con il fatto che i danni subiti dagli alberi dalle torri dei telefoni cellulari di solito iniziano da un lato, estendendosi all'intero albero nel tempo.


lunedì 1 giugno 2020

COVID-19 c'è un "device" per monitorare la respirazione

Da una università di Chicago ecco un 'aggeggio' che si attacca (adesivo!) alla trachea e serve a monitorare diversi parametri legati alla capacità di respirazione del paziente.   

Tutto bene.  Ma è ... wireless. Il segnale va ad un applicativo (intelligenza artificiale!) che monitora e che dà un eventuale pre-allarme. 

E' pensato innanzitutto per i ricoveri a distanza. 

domenica 31 maggio 2020

DOPO 6 ANNI! STAZIONE RADIOBASE RIMOSSA A CITTÀ DEL CAPO



DOPO 6 ANNI!  STAZIONE RADIOBASE  RIMOSSA A CITTÀ DEL CAPO, SUDAFRICA.

Gli abitanti di Forest Glade, un piccolo sobborgo in cui la vita non è cambiata molto dopo la fine dell'apartheid, si sono rifiutati di cedere la loro autonomia al settore wireless e ora possono rivendicare la vittoria dopo una dura battaglia.

Alcuni giorni fa l'American Tower Corporation è stata finalmente costretta a rimuovere una torre cellulare, a pochi metri da dove i bambini vivono e giocano.

A nome del Dr. Gavin Davis e della gente di Forest Glade, il mio sentito ringraziamento a Theodora Scarato - Environmental Health Trust, per aver descritto questa storia che scalda il cuore - il link fornito.


Le certezze della scienza 'comunista' sugli effetti delle radiazioni non ionizzanti

Interessante è leggere questo documento de-secretato della Defence Intelligence Agency americana che riporta l'indagine della loro intelligence dello stato dell'arte (anni 1968 - 75)  delle conoscenze nel Mondo Comunista Euroasiatico sugli effetti delle radiofrequenze e microonde.  Hanno ricercato anche informazioni riservate sul trend di ricerca degli effetti sull'uomo per eventuale applicazione militare.

Nelle conclusioni si riporta che i ricercatori comunisti danno maggiore importanza agli effetti non termici delle radiofrequenze (rispetto ai colleghi Occidentali) ! 
Si riconduce gli effetti funzionali sull'uomo come termici, mentre quelli non termici (ovvero quelli che noi individuiamo con elettrosensibilità) sono 'soggettivi'. 
Aggiungono che la ricerca esaminata non sembra collegata a progetti militari. 



giovedì 28 maggio 2020

le scuole contro il wifi

Environmental Health Trust  sta raccogliendo scuole in varie parti del mondo che hanno detto no al wifi.






sabato 23 maggio 2020

Il Ministro della Giustizia USA sulla 'corsa al 5G'

... ovviamente non si pone minimamente il problema sanitario ... ma solo quello della sicurezza degli USA!

Mie considerazioni:
- per fortuna c'è questo gap e profonda rivalità tra Cina e USA ... altrimenti saremmo già asfaltati dalle milioni di antenne 5G!
- noi dovremmo scegliere da chi ci dobbiam far spiare: dagli americani (nulla di nuovo) o dai Cinesi (nuovo) !!!

Parlando a una tavola rotonda CTO globale su reti integrate e aperte 5G Barr, Ministro della Giustizia, ha dichiarato: "Gli Stati Uniti e i nostri partner sono in una corsa contro la Repubblica popolare cinese (RPC) per sviluppare e costruire infrastrutture 5G in tutto il mondo. La nostra sicurezza nazionale e il fiorire dei nostri valori democratici liberali qui e nel mondo dipendono dalla nostra vittoria.

“Le future reti 5G saranno un pezzo critico di infrastruttura globale, il sistema nervoso centrale dell'economia globale. Sfortunatamente, la RPC è sulla buona strada per cogliere un decisivo vantaggio del 5G. Se la RPC vince la gara del 5G, le conseguenze geopolitiche, economiche e di sicurezza nazionale saranno sconcertanti. La RPC lo sa, il che spiega perché sta usando ogni leva del potere per espandere la sua quota di mercato del 5G in tutto il mondo. La comunità di nazioni libere e democratiche deve fare lo stesso.



giovedì 21 maggio 2020

La Citta di EASTON (Connecticut, USA) ha deciso per una moratoria per il 5G


dice semplicemente che il Comune dice stop alla implementazioni di antenne 5G fino a che non ci saranno prove certe della sicurezza per la popolazione e l'ambiente attraverso sperimentazione indipendente.

la risoluzione è stata approvata all'unanimità dal comune il 7 maggio. L'American Academy of Pediatrics e centinaia di esperti medici e scientifici hanno consigliato la commissione federale di comunicazione di testare la sicurezza a lungo termine della tecnologia 5G. 
Easton è la prima città del Connecticut a vietare il 5G. "



USA: 15 Stati si sono attivati per proteggere i cittadini dal wireless


venerdì 15 maggio 2020

Jersey City blocca il piano di installazione del 5G



Il Consiglio comunale di Jersey ha presentato all'unanimità una mozione di blocco di una richiesta di aggiornamento e l'installazione di 72  antenne che includerà la tecnologia 5G dopo che i membri del pubblico hanno parlato contro l'ordinanza.

I critici hanno citato una mancanza di trasparenza, mancanza di preavviso e mancanza di informazioni, nonché dati che esprimono preoccupazioni sulle possibili conseguenze sulla salute che la tecnologia potrebbe avere sui residenti nonostante la sentenza della Federal Communications Commission che la tecnologia sia sicura.



domenica 10 maggio 2020

COVID-19, ictus, coaguli del sangue e EMF



La scorsa settimana, il New England Journal of Medicine (rivista scientifica valutata da SJR tra le top mondiale (Q1) per  Medicina)   ha pubblicato un rapporto secondo cui un aumento del numero di ictus è stato osservato nei giovani pazienti con COVID-19. 

< ... gruppo di casi insolito. Il primo paziente era un uomo di 54 anni con un coagulo di sangue nell'arteria che gli riforniva la milza. La perdita del flusso sanguigno uccise (infarto) una parte della sua milza.                   Il secondo caso era una donna di 71 anni che coagulava l'arteria che le riforniva l'intestino (l'arteria mesenterica superiore (SMA)). Il suo intestino tenue è morto. Il gas dell'intestino morto fu quindi spinto nel fegato, presto morì.

Il terzo paziente, un uomo di 57 anni, ha sviluppato un coagulo nella sua vena porta, un grosso vaso che trasporta sangue e sostanze nutritive dall'intestino al fegato. Sebbene non avessi una storia clinica che fornisse una diagnosi confermata di COVID-19, ho parlato con il medico del pronto soccorso e le ho raccomandato di testare questi pazienti per il virus. > 


Ora è riconosciuto che COVID-19 provoca coaguli di sangue, sia nelle arterie che nelle vene. 

La causa di ciò sembra essere multifattoriale. Il virus danneggia le cellule che rivestono i vasi sanguigni, l'endotelio e provoca una risposta immunitaria che, di per sé, può causare una maggiore viscosità del sangue. La dott.ssa Maria Pavlis, un cardiologo che lavora in un ospedale suburbano di New York, mi ha detto ieri sera che la maggior parte dei loro pazienti con COVID-19 sono ora sottoposti a fluidificazioni del sangue.


Dove si inserisce i EMF?

La prova che EMF può causare una reazione nelle cellule endoteliali, aumentando il rischio di formazione di coaguli di sangue, è stata descritta per la prima volta nel 2004. L'esposizione a EMF può anche indurre la formazione di Rouleaux, una condizione reversibile in cui i globuli rossi aderiscono l'uno all'altro e si accumulano, uno su uno uno sopra l'altro come una pila di monete. Questo fenomeno può verificarsi con molte condizioni, tra cui infezioni, malattie del tessuto connettivo e cancro. La formazione di rouleaux può essere associata ad una maggiore viscosità del sangue e può causare il blocco di piccole arterie.



riferimenti al sito di Magda Havas, PhD  https://magdahavas.com/corona-virus-and-5g-is-there-a-connection/  

venerdì 8 maggio 2020

dalla Nigeria: il Senato chiede al governo uno stop al 5G !



An unexpected move from an African country!

Aborisade, Abuja, NIGERIA

Published May 5, 2020
Senate asks FG to suspend 5G network deployment

"The Senate on Tuesday asked the Federal Government to suspend the planned deployment of the Fifth Generation Network in Nigeria.

The red chamber stated this after the deliberation on a motion by Senator Uche Ekwunife, drawing the attention of the senators to the status of the 5G network in the country.

Ekwunife said her motion was borne out of the need to assure Nigerians of their safety by asking the Federal Government to postpone the launch until a proper investigation was carried out.

The Deputy Majority Leader, Senator Ajayi Boroffice, said the 5G network deployment remained a controversial issue.

He said the experts should be allowed to handle it and deliberate on the merits and demerits of its deployment.

Senator Opeyemi Bamidele said it would be irresponsible of any government to subscribe to a technology that won’t be safe for its citizens.

He noted that no scientific research has been done by any agency of the Federal Government on the 5G network.

He said countries in Europe were already investigating the implications of the deployment and wondered why Nigeria had yet to do so.

The Senate therefore asked its committees on Communication, Science, Technology and ICT, and that of Health to conduct a thorough investigation with a view to determining the status of the 5G network in the country.

In the interim, the red chamber asked the relevant federal agency supervising the ICT operations in the country to suspend the 5G deployment until a thorough probe to determine its suitability for human health had been achieved.

The joint committees were asked to submit its report within four weeks."

Difficult times - with most governments focused on containing the spread of COVID19, but I will try and establish contact with Senator Ajayi Boroffice.


giovedì 7 maggio 2020

Sintomi della elettrosensibilità


Nel novembre 2013, le città di Boston e Filadelfia hanno presentato una richiesta alla Federal Communications Commission (FCC) (Dockets # 13-84 e # 03-137) che hanno accusato la FCC e le agenzie sanitarie federali di negligenza per non aver indagato se le persone elettrosensibili sono danneggiati dalle radiazioni wireless

FCC ha chiesto commenti e documentazione scientifica.

Questa è stata racolta e disponibile. Ben 1304 interventi.   Ci sono reviews e raccolta organizzate sui vari aspetti della tematica e patologia. 

sabato 2 maggio 2020

Lettera aperta degli operatori della sanità belga sul 5G





Circa 400 medici e 900 operatori sanitari hanno firmato una lettera aperta al governo, esortandoli a prestare attenzione in merito al lancio da parte di Proximus di un precursore della prossima generazione di dati mobili, noto come 5G.


La lettera di sei pagine esce sotto il nome di Ippocrate Electrosmog Appeal.


https://next.electrosmogappeal.be/index.php/s/rjDPJNxyCQQJpxS#pdfviewer



giovedì 30 aprile 2020

I server consumano più dell'industria aeronautica



Con i server che portano ad una produzione di anidride carbonica  maggiore dell'intera industria aeronautica, i vantaggi della tecnologia intelligente richiedono un riesame urgente.


La tecnologia intelligente è stata promossa come "verde" perché può aiutare a monitorare e ridurre le emissioni di carbonio e raggiungere l'efficienza energetica. Ma è questo il quadro completo?!

https://theecologist.org/2020/apr/30/smart-techs-carbon-footprint

Shift Project report, Lean ICT, Toward Digital Sobriety, suggests. 

Il rapporto raccomanda di passare da "intemperanza a sobrietà nel nostro rapporto con le tecnologie digitali"

Fondamentalmente è spingere  l'idea che gli individui e le aziende possano auto-limitare il loro acquisto e utilizzo delle apparecchiature 'smart'. Ma questo è chiaramente contrario agli imperativi finanziari delle grandi aziende tecnologiche e alle loro strategie di marketing.


Wi-Fi CERTIFIED WiGig™ ... altro nuovo Wifi ... a 60 GHz

Wi-Fi CERTIFICATO WiGig ™ espande l'esperienza Wi-Fi® per realtà virtuale, streaming multimediale, giochi, docking wireless e applicazioni aziendali che richiedono connessioni ad alta velocità e ad alta intensità di dati. WiGig® consente ai dispositivi Wi-Fi di accedere alla banda di frequenza a 60 GHz non richiesta con ampi canali per trasmettere i dati in modo efficiente a velocità multi-gigabit al secondo. Gli utenti beneficiano della capacità estesa e della trasmissione mirata tra i dispositivi per ridurre le interferenze, anche in ambienti affollati.


Altra opzione di trasmissione dati e di inquinamento.  Quindi al nuovo Wifi-6!  A frequenze appartenenti allo onde millimetriche.

Io l'ho scoperto alla lettura di un rapporto  sulla Repubblica di San Marino che già da fine 2018 ha subito la installazione del 5G ma anche di queste antenne che sfruttano frequenze  che a quanto pare sono al di fuori della licenza all'uso ... quindi gratis per l'operatore.



qui trovate i riferimenti tecnici

https://www.wi-fi.org/discover-wi-fi/wi-fi-certified-wigig

https://policyforum.att.com/innovation/project-airgig/


Altre fonti di informazioni tecniche



baubiologie magazin un contributo su 5G e le ns case


Riporto alcuni passi che mi sembrano più interessanti:


Nuove antenne e dimensioni delle celle
Quando analizziamo e valutiamo i segnali 5G, è importante considerare il nuovo design dell'antenna. Sono chiamati "intelligenti", soprattutto perché sono in grado di formare raggi di radio e microonde (i cosiddetti beamforming). Di conseguenza, la radiazione wireless non si diffonde indiscriminatamente ovunque, ma è diretta, almeno nella parte principale, verso l'utente di uno smartphone o di un altro dispositivo mobile. Le emissioni nella direzione dell'utente saranno probabilmente più elevate e quindi devono essere calcolate distanze di sicurezza maggiori per i siti di antenne cellulari. In passato, le distanze di sicurezza attorno alle antenne cellulari variavano in genere da 3 a 9 metri e ora piuttosto da 15 a 20 metri, come documentato nei certificati del sito dell'Agenzia federale tedesca delle reti.

Nuovo è anche lo schieramento molto più frequente delle cosiddette piccole celle, la cui copertura si estende a soli 200 metri. Sono, ad esempio, montati a lampioni, semafori, parchimetri su strada, pali delle utenze, bidoni della spazzatura o facciate di case, ma anche all'interno di edifici. Sebbene la potenza di trasmissione delle piccole cellule sia inferiore, le persone sono anche molto più vicine a queste antenne (piccole e quasi invisibili); inoltre, i fornitori di reti cellulari non sono tenuti ad avere un certificato del sito (a causa della bassa potenza di uscita inferiore a 10 W) perché i limiti di esposizione della 26a ordinanza federale sul controllo dell'inquinamento non si applicano qui (tuttavia, i siti devono essere segnalati a l'agenzia della rete federale tedesca).

Per ridurre l'esposizione personale, è meglio scegliere materiali da costruzione ad alta massa; nel caso di costruzioni leggere - per l'intero edificio o solo per la struttura del tetto - dovrebbe essere integrato uno strato di materiale schermante. I materiali di schermatura (vernici, tessuti, schermi), che sono stati finora comunemente utilizzati, non mostrano molta differenza nella loro efficacia di schermatura nella gamma di frequenze da circa 1 a 3 GHz rispetto alle attuali fonti di radiazione wireless come 2G , 3G, 4G, Wi-Fi, DECT, ecc. A frequenze più alte sopra i 20 GHz, i materiali in mesh come tessuti e schermi sono meno efficaci, ma i materiali da costruzione ad alta massa e i trattamenti continui di superficie come le vernici sono più efficaci.
Sarà importante garantire che dispositivi e sistemi con antenne wireless 5G (o altre tecnologie wireless) non siano installati all'interno degli edifici a meno che non possano essere disabilitati - almeno di notte, dovrebbe esserci silenzio wireless. Ove possibile, le applicazioni per la casa intelligente dovrebbero utilizzare soluzioni cablate tramite cavi di rete o sistemi bus di cavo. (Nella nuova costruzione, è necessario utilizzare una grande quantità di cavi dati.
Si consiglia inoltre cautela con tutti gli apparecchi elettrici dotati di funzioni wireless: fare a meno delle funzioni wireless o assicurarsi che la modalità wireless utilizzata venga trasmessa solo di rado e per brevi periodi .

In futuro, la misurazione dei segnali 5G sarà molto probabilmente piuttosto difficile a causa delle grandi fluttuazioni dei livelli di potenza, a seconda di chi trasmette la quantità di dati . Ad esempio, le emissioni dalle antenne della stazione radio base ai dispositivi mobili formeranno almeno in parte raggi. Come si dovrebbero calcolare i livelli di potenza massima basati su misurazioni casuali? E quando non c'è traffico di dati, le emissioni di 5G potrebbero persino essere completamente chiuse !? Questi aspetti presenteranno nuove sfide alle misurazioni dell'esposizione del 5G.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

5G – what is it?

5G refers to the latest generation of wireless technologies for cellular networks. This fifth generation goes well beyond basic communication between cell phones or the mobile Internet. After the first generation (1G) of analog networks (A, B, and C) in the 1960s and 1980s and the digital standards of the second generation (2G) GSM (D, E networks since 1991), the third generation (3G) UMTS/HSPA (since 2000), as well as the fourth generation (4G) LTE (since about 2010), wireless communication is now even faster (latency or response times will be about 1 millisecond). 
It is not anymore just about communication from person to person, but also from person to machine as well as from machine to machine, including such applications as the Internet of Things (IoT), smart homes, autonomous driving, telemedicine, intelligent power supply, smart metering, smart farming, or smart cities. These applications have come to infiltrate our daily lives at an accelerated pace. The new model VW Golf 8, for example, is designed to be online at all times and stay connected with the cloud. This car can also talk to other cars and to the driver’s home. The goal of 5G developers and providers is the “totally connected society.”

New bandwidths, frequencies, and pulses

5G offers many new technical advancements. Besides the previously mentioned extremely fast transmission speed, data rates are also very high. With up to 10 gigabits per second – ten times more than LTE – the electromagnetic signals require a greater bandwidth. First measurements of active 5G cell antenna sites in Germany (e.g. in Düsseldorf, Cologne, or Darmstadt) showed “frequency hills” as wide as 50 or 100 MHz. 
The initial 5G carrier frequencies will be not much different from the ones currently in use with 4G: Previous networks (2G, 3G, and 4G) mostly operated at 800 MHz, 900 MHz, 1800 MHz, 2100 MHz, and 2600 MHz and networks used inside homes such as Wi-Fi/WLAN (wireless local area network) and cordless phones (DECT) at 1900 MHz, 2.4 GHz, and 5.2–5.7 GHz. 5G networks will at first mainly use 3.4–3.7 GHz, from 2021 also 2.1 GHz. In Germany, four telecommunications providers secured those frequencies (for a total revenue of ca. 6.6 billion euro) during an auction in spring 2019. In addition to Telekom, Vodafone, and Telefonica, there is now also 1&1 Drillich.
The significantly higher frequency ranges of about 24–28 GHz and 32–33 GHz or even higher, which are often hotly debated, will most likely only become deployed in a few years.
So-called pulses – which constantly and strictly periodically switch the wireless signals on and off, several times per second – are expected to be similar to LTE because the modulations are similar (e.g. 100 Hz or 2000 Hz). There will be a new pulse of 50 Hz, at least in the frequency range about 3.5 GHz (due to the TDD modulation used). During our first measurements, these nonstop pulses could also be clearly shown, both in “zero span” mode of a spectrum analyzer and as an audio signal with broadband RF meters.
RF spectrum analysis of 5G cell antenna sites:
(1) Spectrum of a nearly 90 MHz wide channel of a Telekom site, center frequency ca. 3.65 GHz
(2) Time analysis of the cellular signal of a Vodafone site with a clear 50 Hz pulse, center frequency ca. 3.53 GHz

New antennas and cell sizes

When we analyze and evaluate 5G signals, it is important to consider the new antenna design. They are called “smart,” especially since they are able to form beams of radio and microwaves (so-called beamforming). As a result, wireless radiation is not spread indiscriminately everywhere, but it is directed, at least the main portion of it, toward the user of a smartphone or other mobile device. The emissions in the user’s direction will be possibly higher and thus greater safety distances must be calculated for cell antenna sites. In the past, safety distances around cell antennas ranged typically from 3 to 9 meters and now rather from 15 to 20 meters, as documented in the site certificates of the German Federal Network Agency.
New is also the much more frequent deployment of so-called small cells, whose coverage extends to just 200 meters. They are, for example, mounted at street lights, traffic lights, on-street parking meters, utility poles, garbage cans, or house facades, but also inside buildings. Though the transmit power of small cells is lower, people are also much closer to these (small and almost invisible) antennas; in addition, cellular network providers are not required to have a site certificate (due to the low output power below 10 W) because the exposure limits of the 26th Federal Pollution Control Ordinance do not apply here (however, the sites are to be reported to the German Federal Network Agency).

Audio sample

Audio sample of a 5G signal from a Telekom antenna site with a clear 50 Hz pulse 

Health risks

There are hardly any research results available about risks specifically associated with the use of 5G wireless radiation. Already in 2017, more than 180 scientists and physicians from 36 countries signed an appeal. In this appeal, they warn of severe health risks associated with 5G wireless technologies and recommend putting a moratorium on the deployment of the fifth generation of wireless communication technologies until possible risks to human health and the environment have been fully researched by industry-independent scientists. They also state that it has been proven that radio-frequency electromagnetic fields are harmful to human health and the environment. The use of 5G will significantly increase the exposure to electromagnetic fields in the radio-frequency range since this new layer of signals will be added to the already existing networks of GSM, UMTS, LTE, Wi-Fi, and so on.
Since mid-band frequencies of 800, 2000, and 3500 MHz feature similar modulations and/or pulses as are found in GSM and LTE, associated risks are also expected to be similar. Should the above-described 50 Hz pulse turn out to be present at all times, this could make for more serious effects.
Regarding high-band frequencies above 20 GHz, we know rather little and rather little research has been done so far. Due to their short wavelengths, these waves hardly penetrate the body, but are absorbed at the surface of the body. First studies suggest that adverse health effects predominantly occur in eyes, skin, and sweat glands, possibly also ECG effects.
It is the official position of the Federal Office for Radiation Protection in Germany that any developments shall be closely watched, but that the compliance with the exposure limits of the 26th German Federal Pollution Control Ordinance are sufficient for now.

Will the exposure to wireless radiation increase with 5G?

Based on the currently available scientific evidence, it is not possible to answer with a clear: yes or no. Due to the higher amount of data that can be transmitted, there will certainly also be an increase in total transmissions. And with many more antennas and smaller cell sizes, people will get much closer to them. (Consequently, personal exposure levels in the immediate vicinity of small cell antennas can be higher despite the antennas’ lower output power). Because of the characteristic beamforming, it could also be possible that in some – or even many? – locations where 5G is available, but not actively used by a user, exposure levels could even be much lower compared to LTE. 
Furthermore, the higher frequencies about 3.5 GHz are typically much more strongly attenuated than those at 2 GHz or even 1 GHz, which is why in the former case indoor exposure levels could be lower. 
The pending shutdown of the UMTS networks will result in some reduction of exposure levels. So this specific type of wireless radiation, also including its pulses and risks, will disappear; however, these very frequencies will be added to 5G networks and thus exposures in this frequency band will continue to occur after all. 
In the future, possibly many new devices will operate at 5G frequencies inside buildings, which may contribute to much higher indoor exposure levels. It will be important to review on a case-by-case basis how much, how often, when, and where a given network is actively transmitting.
Caution is advised with higher frequencies, which are expected to be deployed later. As discussed earlier, in this higher frequency range, there will probably be other or additional risks.
Whether smartphones in 5G mode will emit more radiation than handsets in 2G, 3G, or 4G mode remains to be seen; 5G emission levels are currently not known or have not yet been measured by us (though the levels of intensity will most likely be similar to previous ones). 

5G satellites

Currently, there are 2000 telecommunications satellites zipping around the Earth and about 10,000 new ones are planned to be added – with 5G capabilities. From a building biology perspective, it could be an advantage that the great distance to the Earth’s surface translates into very low exposure levels (lower than 0.1 µW/m²), though admittedly everywhere.

Building biology recommendations

Everybody is encouraged both to raise awareness in a factual and constructive way among family members, friends, and coworkers and to campaign against 5G antennas or for installations with the lowest emissions possible. (Unfortunately, many of the 5G antennas will not be subject to approval so that actions in this regard may be limited.) The consumer protection organizations “Diagnose Funk” and “Kompetenzinitiative,” which fight against wireless radiation pollution, are here to help you, but also need your support.
To reduce your personal exposure, it is best to choose high-mass building materials; in the case of lightweight construction – for the entire building or just the roof structure – a layer of shielding material should be integrated. Shielding materials (paints, fabrics, screens), which have been in common use to date, do not show much of a difference in their shielding effectiveness in the frequency range from around 1 to 3 GHz compared to current sources of wireless radiation such as 2G, 3G, 4G, Wi-Fi, DECT, etc. At higher frequencies above 20 GHz, mesh materials such as fabrics and screens are less effective, but high-mass building materials and continuous surface treatments such as paints are more effective.
If in doubt, have exposure levels verified by measurements; looking up the EMF Monitor at the German Federal Network Agency (or equivalent databases of cellular antennas in other countries) can already reveal important information.
It will be important to ensure that devices and systems with 5G wireless antennas (or other wireless technologies) are not installed inside buildings unless they can be disabled – at least at night, there should be wireless silence. Whenever possible, smart home applications should use hardwired solutions via network cables or cable bus systems. (In new construction, an abundance of data cables should be run.) Caution is also advised with all electrical appliances that come equipped with wireless functions: Either do without wireless functions or make sure that the wireless mode used only transmits infrequently and for short periods.
From a building biology perspective, it is generally recommended not only to focus on 5G, but also to consider other stress factors (e.g. ELF electric and magnetic fields, static electric and magnetic fields, formaldehyde, radioactivity, etc.) and to always take a holistic approach to problem solving, measurements, and mitigation. 

Summary

Many things regarding 5G are not yet known, but enough to use caution and to reduce one’s exposure to 5G radiation as much as possible. One thing is for sure, the introduction of 5G will lead to an increased personal exposure in various situations, at work, in public, or even at home. It is possible, as discussed above, that wireless radiation levels may drop compared to current levels. The how and where of exposure levels must be verified on a case-by-case basis, preferably with measurements.
The main goal of the building biology approach is to keep the sleep environment as free of wireless radiation exposure as possible, also including 5G. With regard to indoor wireless sources, main strategies include prudent avoidance, shutting off devices, or keeping a safe distance; with regard to outdoor wireless sources, shielding measures are in order.
How to measure 5G
Ideally, spectrum analyzers are used to measure 5G signals, which allow for the most detailed measurements. Depending on the situation, broadband RF meters can also be used. In the latter case, there will be certain measurement errors due to “crest factors” similar to LTE and even higher bandwidths, but they should all be manageable in the context of building biology assessments.
In any case, the measurement device must cover the frequencies used: Since many 5G applications will transmit around 3.4-3.7 GHz, spectrum analyzers or broadband RF meters must at least detect up to 4 GHz. For higher frequencies above 10 GHz, there are no broadband meters available as of yet and only very few building biology professionals own spectrum analyzers that can detect such high frequencies.
In the building biology community, experience with 5G measurements is still rare. Owing to the low traffic on 5G networks at this time, first measurements should be treated with caution. In the future, measuring 5G signals will be most likely rather difficult because of the great fluctuations in power levels, depending on who transmits how much data where. For example, emissions from base station antennas to mobile devices will at least partly form beams. How should one calculate maximum power levels based on random measurements? And when there is no data traffic, 5G emissions may even be shut off completely!? These aspects will present new challenges to 5G exposure measurements.
This is a translation of „5G aus baubiologischer Sicht

Author
Dr. Manfred Mierau is a biologist (Diplom-Biologe) and works as a Building Biology Professional in Aachen, Germany.

Translator
Katharina Gustavs is a Building Biology Professional in Victoria, Canada, who translated the Building Biology Online Course IBN.
info@katharinaconsulting.com
katharinaconsulting.com