Syndication

Visualizzazione post con etichetta proposta di legge. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta proposta di legge. Mostra tutti i post

giovedì 17 novembre 2016

Proposta di legge in Oregon, USA per eliminazione del wifi nelle scuole







Oregon: a new WiFi bill

David Morrison

This is the request form.  The bill will be written and introduced.
This is this bill and - 2 resolutions will be introduced at the same time.


Emails of support to our enlightened Rep. Alissa Keny-Guyer:

rep.alissakenyguyer@state.or.us



_____ 2016 Session (max. of 2 requests by Nov. 24, 2015)

___x__ 2017 Session
Request Date:



Legislator:
Rep. Alissa Keny-Guyer

Phone:
503-986-1446

Legislator’s Staff:
Jen Corbridge

Phone:
626-375-4300


PLEASE PROVIDE THE FOLLOWING INFORMATION FOR THIS REQUEST:
PROBLEM:
Schools in Oregon are outfitted with powerful microwave emitting wi-fi routers, laptop, ipads and “smart” boards.  These routers are capable of connecting a hundred computers at one time and radiation from the cell tower connecting to the router exposing children and school staff to high amounts of pulsed radio frequency microwave radiation.  This is not a problem when safe, cabled internet connections are used.

In 2011 The World Health Organization classified radiation from all wireless devices a Class 2B Carcinogen in the same group as auto exhaust, lead, chloroform and DDT. 

Thousands of studies, about half from all branches of the U.S. military and N.A.S.A., have accumulated over many years confirming the harmful biological effects of microwave radiation, emitted from cell towers and wireless devices. Biological effects occur and may be harmful to children and teachers whether they feel it or not. Results from a recently completed National Institute of Health, National Toxicology Program study, confirmed radiation from cell phones, the same frequency as wi-fi routers, cause brain and heart cancer.  Children are the most vulnerable population, being twice as vulnerable as adults, and the heaviest users of wireless devices.

In June, 2016, Dr. Otis Brawley, chief medical officer of the American Cancer Society said, “the results of this study represents a paradigm shift in our understanding the effects of radiation and cancer.”

Dr. Robert Block, President of the American Academy of Pediatrics, 2012 said: --
Children are not little adults and are disproportionately impacted by all environmental exposures, including cell phone radiation. In fact, according to the International Agency for the Research on Cancer, when used by children, the average RF (radiofrequency) energy deposition is two times higher in the brain and 10 times higher in the bone marrow of the skull, compared with mobile phone use by adults...it is essential that any new standard for cell phones or other wireless devices be based on protecting the youngest and most vulnerable populations to ensure they are safeguarded throughout their lifetimes.”

Wireless devices, including wireless routers, were never pre-market safety tested on adults or children. The FCC does not acknowledge studies on the biological effects of chronic exposure to non-ionizing radiation as other nations do including the Russian National Committee on Non-Ionizing Radiation Protection. (Russian exposure standards are 100x’s lower than U.S. standards). Because our government does not protect us cities and states have begun their own reviews of science as well as actions to protect their citizens.

Despite media attention, parent advocacy and scientific studies, there has been no effort by the Department of Education or School Boards to determine whether wi-fi is safe, or to inform students, parents and school staff of themanufacturers safety information that warns to keep tablets and smart phones away from the body.  Apple warns: “Read all safety information below and operating instructions before using an iPad to avoid injury.”

PROPOSED SOLUTION TO THE PROBLEM
Whenever there is a question of safety especially when children are concerned, educators and legislators are obligated, by their mission statements, to do everything within their power to provide a safe environment and to investigate science until safety can be assured.  We must review the science.

The Dept. of Education Website says: ”The Board will involve staff, parents, students, public health professionals, school administrators and the public in the development, implementation and periodic review and yearly update of this <wellness> policy.”

The Dept. of Education is obliged to assemble a team including educators, scientists, parents, legislators, medical professionals and students to review independently funded peer reviewed scientific studies on the biological and cognitive effects of chronic microwave exposure. The results of this review will be shared with the Senate and House Health Care Committees, Oregon Health Authority, Oregon Dept. of Education, Oregon School Board Association, Oregon School Superintendents Association, Oregon PTA, and other relevant agencies.

If the results of the study find that students and teachers may be at risk, the Dept. of Education will make recommendations to the School Boards and their IT Departments regarding the need for notification to partners, education for parents and students, and possible solutions, such as replacing wireless routers with cabled internet connections like many schools have done internationally and in the U.S. 

Schools should be directed to teach children about safer ways to use wireless devices, due to children’s vulnerability and high use, as they do regarding alcohol, tobacco and drugs.  Curriculum needs to be created to inform students of the dangers of microwave devices.


HAS THIS BEEN INTRODUCED IN A PRIOR SESSION?

Year
2015

Bill  #
3350



DO YOU KNOW WHETHER THIS AMENDS A CURRENT LAW OR PROGRAM?

Yes

(specify)

No
x


NOTES
Ø Completing the Problem and the Solution statements (Parts 1 & 2, above) is the best way to ensure that the draft accomplishes your objective.  Attaching mock statutory language, without explaining the Problem and the Solution, lessens the likelihood of drafting the language correctly.
Ø Persons other than the legislator, legislator’s staff or committee staff must present a written note from the legislator, legislator’s staff or committee staff authorizing this request at the time the request is presented.
Ø This request is considered confidential unless otherwise authorized by the legislator making the request.

giovedì 4 agosto 2016

In via di approvazione il Dlgs di recepimento della direttica EU su CEM e lavoratori

La Direttiva Europea in  materia del giugno 2013 era già nota ... con segnali negativi: vedere qui

http://e-smogfree.blogspot.it/2013/07/direttiva-europea-sul-rischio-cem-negli.html


Chissà questa differenziazione di cui si parla ... es: la elettrosensibilità viene presa come 'effetti minori' ?

Modifiche dei limiti ?  immagino in quale direzione !

Bisognerebbe fare una ricerca nel sito del ramo parlamentare che sta elaborando il dlgs ...

è stata attuata con il 
DECRETO LEGISLATIVO 1 agosto 2016, n. 159 


ANTEPRIMA
Il nuovo Decreto sulla protezione dei lavoratori dall'esposizione ai campi elettromagnetici
5 luglio 2016
fonte: 
Gian Marco Contessa-Fisico medico, Esperto Qualificato in Radioprotezione di III grado
Il nuovo Decreto sulla protezione dei lavoratori dall'esposizione ai campi elettromagneticiIn questi giorni è in fase di discussione lo schema di decreto legislativo recante attuazione della Direttiva 2013/35/UE sulla protezione dei lavoratori dall'esposizione ai campi elettromagnetici (vedi il nostro aggiornamento n.d.r.), che alla sua pubblicazione, prevista per questo mese, sostituirà il Titolo VIII Capo IV del D.Lgs. 81/08.Lo schema di decreto in esame obbliga il Datore di Lavoro ad una valutazione del rischio, secondo le prescrizioni della direttiva, prendendo in considerazione gli effetti biofisici diretti e gli effetti indiretti noti provocati dai campi elettromagnetici.

Come novità rispetto all'attuale Capo IV sono quindi aggiornati i limiti di esposizione e si distinguono gli effetti tra sensoriali (effetti minori che non costituiscono un rischio per la salute) esanitari (effetti sulla salute), adottando il principio di flessibilità della direttiva che prevede la possibilità di superamento dei limiti per la protezione dagli effetti sensoriali.

È infine recepito il regime di deroghe ma con misure più rigorose di quelle previste dalla direttiva.

L'argomento sarà oggetto di trattazione a cura dello stesso autore sui prossimi numeri della rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro


giovedì 4 giugno 2015

Class action: il parlamento ci riprova ?

Vi informo che alla Camera , tra le pochissime proposte di legge (quindi non di origine governative) che sono in discussione in parlamento c'è quella relativa alla modifica dell'attuale (completamente inefficace) sistema di 'azione collettiva' .

Trovate amplia documentazione nel sito della camera

http://www.camera.it/leg17/126?tab=1&leg=17&idDocumento=1335&sede=&tipo=

Si riuscirà ad utilizzare la futura class action per ad es. lottare contro un'antenna oppure un traliccio ?
Non è il caso che noi ci attiviamo scrivendo al relatore e/o presidente della Commissione o ai propri referenti deputati per perorare una nostra richiesta ?

mercoledì 4 marzo 2015

Attentato alla Salute pubblica, appello al Governo e Presidente Repubblica.



       Associazione                                                         anno XIX                                                                
 “ElettrosmogVolturino”
Via S. Martino, 2  71030  Volturino (FG)
Tel. 0881 550498 / 347 7215642                                                                  
prot. n. 03                                                                         
                                                                  Volturino 02/3/2015

Oggetto: Attentato alla salute pubblica.
L'Associazione "Elettrosmog Volturino" si associa all'appello di medici, fisici, biologi, ingegneri e ricercatori, rappresentanti politici e altre associazioni affinché i propositi di innalzare i limiti elettromagnetici attualmente in vigore vengano ritirati immediatamente .
Da anni stiamo assistendo a un calo del livello di salute pubblica: insonnia, ansia, ipertensione, diabete, sterilità, impotenza, tumori per i quali l'OMS ha sancito un incremento del 70 % sino al 2020.
Numeri dunque da olocausto e innalzare ancora le potenze di trasmissione si tradurrà inevitabilmente in un progetto di insanizzazione di tutta la popolazione con costi sanitari di tale entità, già da tempo insostenibili, da aprire nuovi ospedali e non chiuderli come sta accadendo. Chiuse, semmai, dovranno essere tante radio e tv superflue e dannose, all’ economia e alla salute.
Favorire gli studi finanziati dall'industria delle telecomunicazioni significa seguire la strada della corruzione, operando in evidente conflitto d'interessi, anziché quelli della scienza indipendente, citando solo una parte come:
L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato nel 2011 la radiofrequenza come "possibile cancerogeno per l'Uomo" in Classe 2B;
Hardell L. e Carlberg M., Mobile phone and cordless phone use and the risk for glioma – Analysis of pooled case control studies in Sweden, 1997–2003 and 2007–2009, e Coureau G. e altri, Mobile phone use and brain tumours in the CERENAT case-control study, Occup Environ Med doi:10.1136/oemed-2013 concludono che la radiofrequenza dovrebbe essere classificata come "cancerogeno certo per l'Uomo" in Classe 1.
la Risoluzione 1815 del maggio 2011 dell'Assemblea Plenaria del Consiglio d'Europa (punto 8.2.1), basandosi sulle posizioni dell'ICEMS e di BIOINITIATIVE che raccomandano limiti di esposizione per tutte le radiofrequenze e le microonde a 0,6 V/m per i luoghi ove si permanga per più di 4 ore e di 0,2 V/m come obiettivo di qualità.
Prima di dare attuazione a tale dissennato progetto si proceda ad uno studio selettivo su un determinato numero di cittadini insonni, ipertesi e diabetici da lasciar dormire in posti non esposti, per es. agriturismo, per un periodo anche breve di una settimana, in quanto gli effetti sono immediatamente reversibili, e sottoponendo gli stessi ad un controllo del livello dell'ormone melatonina, sì da acquisire la prova definitiva della scarsa produzione dell'ormone nei soggetti quando esposti alle emissioni elettromagnetiche, anche inferiori a 6 V/m, e il livello giusto quando gli stessi hanno dormito esposti al basso livello di c.e. di un agriturismo.                                                                                      La melatonina un ormone che traduce i segnali elettromagnetici in luce è il campanello d’allarme da cui deriva poi lo sfasamento del ritmo circadiano con tutte le conseguenze su insonnia, aggressività, ipertensione, diabete, obesità, cardiopatie, infertilità, impotenza.
Patologie queste, già riscontrate nel 1999 in percentuali di oltre il 50% sulla popolazione di Volturino (FG), esposta ad emissioni di antenne radiotrasmittenti mediamente di 3-4 V/m, rispetto a 7 comuni di controllo non esposti neanche ai ripetitori della telefonia, allora inesistenti.
E la successiva stratificazione di antenne su tutto il territorio ha distribuito quelle patologie su tutta la popolazione italiana e anche in età non senile. Anche nel resto del pianeta, divenuto un grande forno a microonde.
Il profitto conseguito dalle compagnie anziché devolverlo nei risarcimenti per danni sinora arrecati viene reimpiegato nel potenziamento delle infrastrutture e nel contempo in ulteriori danni più consistenti.
Obbedendo alla scienza obiettiva e indipendente gli operatori delle telecomunicazioni o devono adeguarsi o cambiare mestiere, perché anteporre la salute economica degli operatori delle telecomunicazioni alla salute biologica delle popolazioni, oltre che diabolico è incostituzionale.
Antonio Gagliardi    
presidente




martedì 24 settembre 2013

Iniziativa Europea di legge popolare sull'elettrosmog


Diversi gruppi di cittadini di diversi paesi europei concordano sulla necessità di presentare una iniziativa dei cittadini europei per regolamentare le radiazioni elettromagnetiche  ed evitarne la contaminazione .

La preoccupazione dei cittadini espressa nel ‘Speciale Eurobarometro no. 347’ (della Comunità Europea) sui campi elettromagnetici ha di fatto avviato il  processo di coordinamento di persone e gruppi di attivisti europei,  che ha come primo frutto il consenso sul  Manifesto Europeo a sostegno della ECI nel giugno 2013 sulle seguenti basi :

- Le raccomandazioni delle istituzioni europee :

La risoluzione 1815 (2011) , l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa sui potenziali rischi dei campi elettromagnetici e dei loro effetti sull'ambiente .

Le risoluzioni protezionisti del Parlamento europeo (2007/2252 ( INI ) e 2008/ 2211 ( INI)) , e le raccomandazioni dell'Agenzia europea per l'ambiente dal 2007 ad oggi .

- Il rispetto delle convenzioni internazionali:

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità ( 2006) .

Convenzione di Aarhus ( 1998) , in materia di accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale .

- Le riviste scientifiche e risoluzioni :

Il Rapporto BioInitiative 2007-2012 , revisione di oltre 3.800 studi . .

La monografia della Commissione Internazionale per la Sicurezza Elettromagnetica ( ICEMS ) , " effetti non termici e meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici e materia vivente " , 2010.

Delibere scienziati, come ICEMS , e numerose associazioni professionali e scientifiche .



LE PRINCIPALI PROPOSTE DEL MANIFESTO EUROPEO A SOSTEGNO DEL ECI :

• Applicazione del principio di precauzione secondo  ALARA ( livello più basso ragionevolmente ottenibile ) e/o  ALATA (livello più basso tecnicamente  ottenibile alla esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

• Minimizzazione dei limiti di esposizione ai campi elettromagnetici , sulla base dei documentati bio- effetti, e loro monitoraggio completo ed in tempo reale , ai 0,6 V / m (all'aperto ) per le  radiofrequenze e 1 mG per EMF  a frequenze estremamente basse .

• Campagne di informazione ed etichettatura dei dispositivi per ridurre al minimo l' esposizione a campi elettromagnetici .

• Scuole come zone libere daEMF .

• Il riconoscimento e la protezione delle persone con  ipersensibilità elettromagnetica ( EHS ) nelle aree sanitarie, lavorative sia pubbliche  che private ( a casa )
• Promozione e creazione di reti, tecnologie e tecniche biocompatibili e sostenibili .

• Norme sanitarie di protezione dalla esposizione passiva .
Queste proposte sono quelle che ispirano la prossima procedura di  iniziativa  dei cittadini europei , che  mira ad aprire il dibattito in seno al Consiglio d'Europa , del Parlamento europeo e degli Stati membri dell'Unione europea,  per avviare modifiche legislative necessarie per facilitare l'attuazione del Principio di Precauzione e la difesa della salute nello sviluppo di tecnologie wireless e di reti elettriche .


Il 3.10.2013 si terrà a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo un incontro organizzativo e di incontro tra i rappresentanti delle diverse organizzazioni nazionali patrocinanti .                Immediatamente dopo  ci sarà l’opportunità di presentare la iniziativa sia ai Membri del Parlamento Europeo invitati che ai media.

La ReteNoelettrosmogItalia.it  partecipa alla Iniziativa Europea ed ha inviato più email a europarlamentari Italiani chiedendo la loro partecipazione a questo evento.  Al momento non ci sono  risposte affermative!   Speriamo che ciò avvenga nel prossimo futuro.

venerdì 20 settembre 2013

ECI Iniziativa dei cittadini Europei per interventi legislativi verso un sano principio di precauzione

Il 3.10.2013 si terrà a Bruxelles una riunione tra rappresentanti di alcune associazioni nazionali per la definizione ultima della proposta di legge europea, che poi verrà presentata ai Parlamentari Europei ed ai Media.

Potete vedere qui in Manifesto in Italiano che riporta i principi guida della proposta di legge popolare.

Vi ricordo che tutto sarà possibile se saremmo in grado di portare 1.000.000 di firme alla proposta di legge.

Successivamente sarà vitale organizzarci per arrivare, qui in Italia,  a raccogliere DIVERSE DECINE DI MIGLIAIA di firme.

venerdì 17 maggio 2013

Iniziativa Europea per promuovere una legge attenta all'ambiente e ai danni legati ai campi elettromagnetici



Grazie allo IEMFA (una sorta di coordinamento di associazioni europee) si è avviato un progetto finalizzato alla presentazione di una proposta di legge , al parlamento europeo.

Occorrono un milione di firme!   recuperate nei 27 aesi della CE.

Qui sotto sono stati indicati i tempi programmati.

Nel link qui sotto è spiegato, anche in italiano, il meccansimo che la legislazione europea ci mette a disposizione.

Sono iniziati già incontri e phone conference per mettere insieme questo variegatissimo mix di tante anime, associazioni, personaggi, .....   siamo fiduciosi !

Successivamente,  sarà richiesto a tutti voi che leggete un impegno VITALE ed eccezionale, di recuperare - nella forma che verrà indicata - più firme possibili ! 

Giorgio

cid:SUVNRkFfYmFubmVyLmpwZw$96624$920753@international-emf-alliance

Dear International EMF Alliance members,
We like to invite you joining the European Citizens' Initiative (ECI) on EMF.http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/basic-facts
A European citizens' initiative is an invitation to the European Commission to propose legislation on matters where the EU has competence to legislate. A citizens' initiative has to be backed by at least one million EU citizens, coming from at least 7 out of the 27 member states.
A meeting is managed in Brussels with Michèle Rivasi and Sandrine Bélier European deputies and Marie Bové. The meeting will take the whole day at the European parliament between the persons who support the ECI project and the deputies: knowing each other, synthesis and prospects.
Research of a consensus on the demand(s) of the first countries
Note in the international press
Ø September 2013: Meeting for the support committee in Brussels. Note on the countries of the ECI.
October 2013: Registration of the ECI (two months)
December 2013: attestation of the collecting method (one month)
January 2014: Beginning of the collect for the support declarations (twelve months)
January 2015: End of the collect
From January 2014 to January 2015: we must plan a events diary with our European deputies to make an easier spreading of the information and supports for the ECI
March 2015
: End of checking for the support declarations
April 2015: introduction of the ECI at the European parliament

giovedì 25 aprile 2013

Finalmente una proposta di legge Europea è nelle NOSTRE mani !

Il diritto d'iniziativa dei cittadini europei consente ad un milione di cittadini europei di prendere direttamente parte all'elaborazione delle politiche dell'UE, invitando la Commissione europea a presentare una proposta legislativa.

Che ne dite ?

Mi sembra una opportunità che va utilizzata .

Dobbiamo passare dal vittivismo alla proposta ...

Alcune Associazioni Europee si stanno muovendo .

Anche NOI dobbiamo muoverci, per arrivare poi a raccogliere poi , in Italia , centinaia di migliaia di firme !

Che ne dite ?

Giorgio Cinciripini




PS  qui c'è un primo documento di proposte

lunedì 5 novembre 2012

Emendamento proposto da Turco

Alfio Turco ha già predisposto una bozza di emendamento all'art 14 del Decreto Leggere Sviluppo bis , quello della 'de-regulation'.

Qui c'è il testo


giovedì 4 ottobre 2012

Consiglio dei Ministri del 4.10.2012: sono scomparsi gli articoli devastanti !

Pare che oggi i due decreti (Sviluppo bis e Semplificazioni) che contenevano sia la norma 'antenne selvagge' e la norma di 'calcolo traffaldino' delle esposizioni  siano stati depurati da queste due schifezze,  nelle versioni definitive alla approvazione in queste ore.

I testi sono disponibili
decreto sviluppo
decreto semplificazioni


Dopo aver fatto tutti noi un salto di gioia,
consiglio a tutti  di fare mente locale per immaginare  quale altro stratagemma le lobby della telefonia stanno preparando ...   ne riparliamo a breve !

lunedì 1 ottobre 2012

La decisione su Antenne Selvagge è per il 4.10

Il Consiglio dei Ministri che avrebbe dovuto approvare il nuovo Decreto Sviluppo denominato Agenda Digitale è stato spostato al 4 pv:  qualche ora in più di liberta?

Vi rimando ad un allarme lanciato da alcune associazioni

venerdì 21 settembre 2012

Comunicato Stampa di Rete e AMICA




Al Presidente della Repubblica
Al Parlamento Italiano
Al Primo Ministro
Al Ministro dello Sviluppo Economico
Al Ministro dell’Ambiente
Al Ministro della Salute
Ai Senatori e Deputati
E p.c. ai Mezzi di Informazione
Roma, 20 settembre 2012
Oggetto: Reti senza fili ed elettrosmog – no all’Art. 29 del Decreto Sviluppo
Abbiamo appreso da organi di stampa che l’articolo 29 dell’attuale bozza del Decreto Sviluppo, nella sezione dedicata al digital divide, prevede di favorire una connettività al web più diffusa sul territorio, accorciando i tempi per le autorizzazioni modificando il Codice delle comunicazioni così: "Il proprietario o il condominio non possono opporsi all'accesso dell'operatore di comunicazione al fine di installare, collegare o manutenere gli elementi di rete quali cavi, fili, riparti, linee o apparati.”
Vi chiediamo di cancellare questo articolo dal Decreto sviluppo perché:
· incostituzionale in quanto stabilisce in modo del tutto arbitrario che gli interessi privatistici dell’industria delle telecomunicazioni sia prevalente rispetto all’interesse privato dei cittadini proprietari di immobili;
· incostituzionale in quanto fa prevalere il principio di utilità economica su quello della salute pubblica, della tutela dell’ambiente e del paesaggio
· in contrasto con la normativa precedente (Legge Quadro sull’Elettrosmog del 2001 e decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2003) che stabiliscono tempi e modi per le autorizzazioni che devono necessariamente essere lunghi per consentire agli Enti preposti di effettuare i dovuti controlli che rappresentano una sia pur minima garanzia di attenzione nei confronti dell’impatto delle installazioni di telecomunicazioni.
Vi rimandiamo al documento https://www.box.com/s/5zvafrfy3m3uri2gs95v
Firmato :
Rete No Elettrosmog Italia
A.M.I.C.A.