Syndication

Visualizzazione post con etichetta diagnosi. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta diagnosi. Mostra tutti i post

mercoledì 26 settembre 2018

Un nuovo approccio allo studio della elettrosensibilità

Uno studio condotto da università ed ente di ricerca (pubblico) olandese.



Abbiamo esplorato l'associazione tra l'esposizione a RF-EMF nella vita quotidiana e l'insorgenza di individui  elettrosensibili  che hanno  indossati esposimetri e  tenuto diari elettronici per un periodo di tre settimane. I dati sono stati analizzati utilizzando l'analisi delle serie temporali in cui l'esposizione misurata e registrata nel diario era correlata con disturbi fisici.
Risultati: abbiamo trovato correlazioni statisticamente significative tra l'esposizione percepita e quella effettiva a wireless   (WiFi - velocità di variazione e numero di picchi al di sopra della soglia) e stazioni base  (GSM + UMTS downlink, rate of change) e punteggi legati ai disturbi sentiti in quattro dei sette partecipanti. In due persone una maggiore esposizione a campi elettromagnetici è stata associata a punteggi più alti dei sintomi e in altre due persone è stata associata a punteggi più bassi.

https://reader.elsevier.com/reader/sd/pii/S0160412018303088?token=CFEF7249467C5337CDAEBE684AD9407F031ACD0B61F030D3AC003D6486D9B0C13EF7342812B84FF7DE4278FEDB437CDD



lunedì 7 agosto 2017

Conferma diagnosi strumentale per la elettrosensibilità

Recentissimo lavoro pubblicato dai ricercatori Heuser in una qualificata e rinomata rivista internazionale  Reviews on Environmantal Health   
https://www.degruyter.com/view/j/reveh.2017.32.issue-3/reveh-2017-0014/reveh-2017-0014.xml


è di grande rilevanza perché  dimostra una correlazione diretta tra sintomatologia da elettrosensibilità ed il risultato di scansione con risonanza magnetica e poi  positron emission tomography (PET) and single-photon emission computed tomography (SPECT)

Gli Autori riportano e dimostrano valori anomali in alcune aree del cervello e di fatto propongo che questo protocollo possa essere utilizzato come strumento di diagnosi della elettrosensibilità

Se non erro, anche il Prof Belpomme in Francia utilizza delle scansioni di risonanza e la PET per il suo protocollo.

Passo importante anche se non so quanto una persona elettrosensbile si senta pronto ad affrontare questi test.


giovedì 29 maggio 2014

ARTAC Prof Belpomme diagnosi e terapie

Mi è ricapitato 'tra le mani' una presentazione del Prof Belpomme che mi sembra utile rileggere .

Questo istituto e questo studio hanno dietro nomi , oltre che a Belpomme, di Montagnier, O. Johansson, Hardell.

qui la presentazione 

sabato 17 maggio 2014

Importante pubblicazione della Drsa De Luca et al sulla definizione di un protocollo di diagnosi della EHS

Questo articolo che segue altri lavori eseguiti e pubblicati su riviste scientifiche internazionali, enfatizza come i test di provocazione, in voga nelle sedi decisionali istituzionali (CE in primis)  per la diagnosi della EHS, siano inutilizzabili poiché è impossibile una standardizzazione degli stessi sia quali che quantitavamente per la estrema specificià delle reazioni di ogni singola persona , per i diversi organi colpiti e per il forte impatto emotivo che la persona ES ha sapendo di essere sottoposto a tali ... 'torture' !

Sono partiti da precedenti lavori in cui sono stati individuati marker legati alla MCS , quindi in presenza di un agente chimico 'estraneo': sono stati individuati 12 parametri alterati nel sangue correlati con tale malattia.
Questi parametri sono stati ritrovati anche nel gruppo di persone ES, con alcune varianti.

Ci sono le basi per definire un protocollo di diagnosi, che deve essere ulteriormente verificato con altra sperimentazione.

vedi articolo 

martedì 25 febbraio 2014

Relazione medica per elettrosensibilità

Vi riporto i riferimenti di una Dottoressa Lombarda che relaziona sulla elettrosensibilità in base ad un protocollo dei medici Austriaci (vedere in questo Blog) ed altre valutazioni cliniche.

Dott.ssa Annunziata Difonte medico di base e medico del lavoro    
tel studio: 0331-241640    e-mail a.difonte@libero.it
Riceve a Ferno (Va)  in via Fiume. Zona Malpensa e quindi comodo anche per chi giunge da lontano ( isole comprese).

 
durata della visita ore 3
Costo del tutto a prezzi social-popolari.

lunedì 18 novembre 2013

Una proposta di diagnosi della elettrosensibilità

E' stato recentemente pubblicato un articolo di un ricercatore tedesco che propone una procedura di
di simultanea registrazione della variabilità del ritmo cardiaco, con i potenziali elettrici della pelle e la microcircolazione per classificare la elettrosensibilità

Inoltre dimostra come i test di provocazione che si vorrebbero utilizzare non possono essere significativi