Syndication

Visualizzazione post con etichetta Campi magnetici a bassissime frequenze. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Campi magnetici a bassissime frequenze. Mostra tutti i post

mercoledì 4 gennaio 2017

Un brevetto US su sistemi di stimolazione del sistema nervoso con un computer

Arriva la segnalazione di questo brevetto americano, concesso (quindi che è stato esaminato !)

https://www.google.com/patents/US6506148

che rivendica un sistema di controllo della mente, depositato da un personaggio Hendricus G Loos  che sembrerebbe un battitore libero ... che ha incuriosito anche altri.   Vedere qui una scheda fatta da un sito che si interessa di attività 'segrete' 

Egli risulta che abbia lavorato con il DARPA, è un'agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare...

Andando al brevetto,  si rivendica un sistema che permette di manipolare il sistema nervoso di una persona attraverso il campo elettromagnetico emesso vicino ad un monitor (a tubo catodico oppure a LCD) che rappresenta immagini con intensità pulsata.  Il tutto si basa su certi nervi cutanei che evidenziano spontanei accumuli in cui  contengono certe informazioni sensoriali come la frequenza media. Questa viene trasferita al cervello. 
Questo avviene per frequenze tra 0,1 e 15 Hz cioè vicino alle frequenze della risonanza sensoriale. 



These results confirm that, indeed, the nervous system of a subject can be manipulated through electromagnetic field pulses emitted by a nearby CRT or LCD monitor which displays images with pulsed intensity. 

The various implementations of the invention are adapted to the different sources of video stream, such as video tape, DVD, a computer program, or a TV broadcast through free space or cable. In all of these implementations, the subject is exposed to the pulsed electromagnetic field that is generated by the monitor as the result of image intensity pulsing. Certain cutaneous nerves of the subject exhibit spontaneous spiking in patterns which, although rather random, contain sensory information at least in the form of average frequency. Some of these nerves have receptors that respond to the field stimulation by changing their average spiking frequency, so that the spiking patterns of these nerves acquire a frequency modulation, which is conveyed to the brain. The modulation can be particularly effective if it has a frequency at or near a sensory resonance frequency. Such frequencies are expected to lie in the range from 0.1 to 15 Hz.

martedì 10 giugno 2014

Vertenza a Benevento contro Terna per un anomalo e non sicuro interramento dei cavi


Qui la storia

Grazie per avermi risposto... Capisco le tue perplessità e quindi ti spiego com'è la situazione a Benevento.

La Terna avrebbe dovuto interrare parte di n. 5 EL a 150KV  al fine di alleggerire la situazione su una buona parte del territorio comunale e costruire un nuovo EL a 380 KV da BN a Foggia al posto di uno vecchio da demolire. Senonchè l'interramento era previsto al di sotto di una pista ciclopedonale (luogo di svago e non di transito) frequentatissima e in luoghi molto belli. Terna con il progetto esecutivo ha però modificato la configurazione dei progetti autorizzati e soprattutto ha dichiarato che i CEM sono pari a...97,7 microtesla ( naturalmente secondo loro...comunque al disotto dei 100). L'associazione di cui faccio parte ha chiesto al Sindaco l'emanazione di un'ordinanza urgente a tutela della salute pubblica , ordinanza che è stata emanata , poi opposta dalla Terna dinanzi al TAR Lazio che non ha concesso la sospensiva, rinviando l'udienza al merito e a novembre per evidenziare se siano possibili alternative. Pertanto, in questo caso l'interramento, eseguito con progetto difforme rispetto a quello approvato, avrebbe provocato il mancato utilizzo della pista ciclabile,in considerazione dell'altissimo valore di CEM dichiarato da Terna.Le considerazioni del ricorso sull'obiettivo di qualità da perseguire in caso di nuovi EL farebbero veramente ridere, se non si trattasse della salute dei cittadini. Tralascio le considerazioni sull'arroganza della Terna, anche perché stiamo combattendo contro la pretesa di realizzare nuove stazioni elettriche sempre sul territorio comunaei, che aumenterebbero la connessione ad altri impianti eolici e centrali di produzione.Continuerò a seguirvi, anche perché abbiamo notato che adesso c'è una forte opposizione aTerna un po' in tutta Italia e quindi è importante condividere le varie esperienze.ti ringrazio per l'attenzione.

Alessandra Sandrucci




associazione per la città sostenibile contro il malaffare

via Girolamo Vitelli, 90 – Benevento



COMUNICATO STAMPA


 Quando il 10 febbraio di quest'anno chiedemmo al sindaco di firmare l'ordinanza per il blocco dei lavori per un cavidotto lungo la pista ciclabile a Contrada Pantano, a causa dell'inquinamento elettromagnetico previsto, molti sostennero che la nostra proposta fosse azzardata perchè il Comune non poteva sostituirsi al Ministero che aveva concesso l'autorizzazione.
 Il sindaco firmò e la Terna, società a capitale pubblico, rispose con parole di fuoco " la nostra società sta provvedendo alla impugnazione innanzi al TAR per il Lazio...in quella sede provvederemo anche a richiedere la Vostra condanna al risarcimento di tutti i danni conseguenti alla sospensione dei lavori."
- Ieri il TAR ha respinto la richiesta di sospensiva dell'ordinanza del Comune ritenendo di dover acquisire tutti gli atti del procedimento in esame e di dover discutere la questione nel merito.
 Si tratta di un risultato importante non solo perchè conferma il blocco dei lavori e impone a Terna di trovare altre soluzioni. La stessa società ha ammesso che l'inquinamento elettromagnetico previsto dal progetto pari a 97,7 microTesla e perciò avversato dai comitati e dal Comune , può essere ridotto di almeno dieci volte,  ma questo comunque non è sufficiente. Il limite da rispettare, infatti, è di 3 micro tesla e comunque il cavidotto non può essere realizzato sotto la pista ciclopedonale. Questa decisione del TAR dimostra che TERNA, benchè società pubblica, non può avere sempre ragione a prescindere da ogni cosa. Infatti, quando i cittadini si mobilitano e si organizzano adeguatamente, possono riuscire ad imporle un comportamento meno  arrogante e più rispettoso delle leggi.
Adesso aspettiamo TERNA al confronto con il coordinamento unitario dei Comitati e associazioni cittadine e il Comune di Benevento per ridiscutere tutto il piano di interventi degli elettrodotti compresa la nuova stazione elettrica.
per Altrabenevento
Vincenzo Fioretti                        Alessandra Sandrucci

venerdì 14 febbraio 2014

Nuovo studio su leucemia e campi elettromagnetici

Recente meta analisi
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24388073?dopt=Abstract

di ricercatori cinesi che hanno esaminato articoli scientifici  riportanti indagini epidemiologiche relative agli effetti dei campi a di basse frequenze sulla popolazione in particolare vicino a tralicci dell'alta tensione.

Oltre 11000 casi e 13000 soggetti di confronto sono stati elaborati con programmi statistici.

RisulttaO: chiara relazione causa ef  fetto tra ELF e leucemia.

mercoledì 22 gennaio 2014

Le basse frequenze danneggiano il DNA cellulare

Questo studio recentissimo dà una conferma che la esposizione di cellule in vitro a radiazione a basse frequenze (100 Hz) ed un campo magnetico di 5,6 mT porta ad una significativa modifica con danneggiamento (quindi effetto GENOTOSSICO)  sulle cellule denominate VERO, che sono utilizzate per i test di laboratorio



Extremely low-frequency electromagnetic fields cause DNA strand breaks in normal cellsMihai CT, Rotinberg P, Brinza F, Vochita G. Extremely low-frequency electromagnetic fields cause DNA strand breaks in normal cells. J Environ Health Sci Eng. 2014 Jan 8;12(1):15. [Epub ahead of print]

Abstract

BACKGROUND:  Extremely low frequency electromagnetic fields aren't considered as a real carcinogenic agent despite the fact that some studies have showed impairment of the DNA integrity in different cells lines. The aim of this study was evaluation of the late effects of a 100 Hz and 5.6 mT electromagnetic field, applied continuously or discontinuously, on the DNA integrity of Vero cells assessed by alkaline Comet assay and by cell cycle analysis. Normal Vero cells were exposed to extremely low frequency electromagnetic fields (100 Hz, 5.6 mT) for 45 minutes. The Comet assay and cell cycle analysis were performed 48 hours after the treatment.

RESULTS:  Exposed samples presented an increase of the number of cells with high damaged DNA as compared with non-exposed cells. Quantitative evaluation of the comet assay showed a significantly (< 0.001) increase of the tail lengths, of the quantity of DNA in tail and of Olive tail moments, respectively. Cell cycle analysis showed an increase of the frequency of the cells in S phase, proving the occurrence of single strand breaks. The most probable mechanism of induction of the registered effects is the production of different types of reactive oxygen species.

CONCLUSIONS:  The analysis of the registered comet indices and of cell cycle showed that extremely low frequency electromagnetic field of 100 Hz and 5.6 mT had a genotoxic impact on Vero cells.

http://1.usa.gov/1eaOCVY

lunedì 14 febbraio 2011

Il cellulare altera la comunicazione tra neuroni

Vi segnalo la seguente nota
http://www.powerwatch.org.uk/news/20110213-electric-fields-brain-cells.asp

in cui si riporta un articolo scientifico importante, sia perché proviene dalla famosa università Calltech (... equivalente al MIT , ma in California) , che per la rivista che ha pubblicato questo articolo,
che ha dimostrato che anche bassissimi campi elettromagnetici esterni al cervello influenzano la comunicazione tra i neuroni.
Passaggio logico successivo è la conferma che possono provocare, specialmente in particolari stati cerebrali, disturbi sia del comportamento che cognitivi.

L'utilizzo del telefono cellulare ovviamente provoca dei valori ben superiori a quelli da loro testati (1 V/m).

Servirà a mettere un altro tassello per la creazione di una barriera contro l'elettrosmog ?!

lunedì 10 gennaio 2011

Ipersensibilità elettromagnetica: effetti biologici dell’elettricità “sporca” soprattutto riguardo al diabete e alla sclerosi multipla

Magda Havas
Environmental and Resources Studies
Trent University, Peterborough, Ontario, Canada
Traduzione a cura di AMICA

L’elettricità “sporca” è un inquinante ubiquitario che passa sui fili e si irradia da essi, coinvolgendo sia campi elettromagnetici a frequenze estremamente basse che una radiazione da radiofrequenza.
Lo studio presenta molti casi tra i quali l'installazione di filtri Greham/Stetzer nelle scuole con un miglioramento di salute del personale e degli studenti.
In particolare è diminuito in una scuola il numero di studenti che avevano bisogno di broncodilatatori per l’asma ed è migliorato in un’altra scuola il comportamento di bambini affetti dalla sindrome del deficit dell’attenzione e dell’iper-reattività.

Lo stress ossidativo aumenta gli effetti dei campi elettromagnetici

Recensione a cura di A.M.I.C.A.

Uno studio epidemiologico e sperimentale del 2007 dell’Università di Rostock in Germania ha ricercato gli effetti potenzialmente nocivi dei campi elettromagnetici a frequenza bassissima per un lungo periodo di tempo.

La ricerca precedente si era concentrata sullo sviluppo della leucemia tra bambini e adulti esposti nel loro ambiente domestico e tra adulti esposti sul luogo di lavoro, ma senza spiegare il meccanismo biologico della cancerogenità di tali campi elettromagnetici.

Si è osservato, a livello sperimentale, che i processi metabolici che producono radicali liberi possono essere aumentati da fattori ambientali come i campi elettromagnetici estremamente bassi. È noto che i radicali liberi possono interagire con il DNA, causandone la mutazione, e possono favorire anche patologie neurodegenerative come il Parkinson e l’Alzheimer.
Lo studio di Rostok fornisce una rassegna degli studi che misurano lo stress ossidativo in seguito all’esposizione a campi elettromagnetici a frequenze bassissime e conclude che le variazioni causate da tali campi sui livelli di ossidazione e su quelli degli agenti anti-ossidanti possono avere un ruolo nella genesi dei tumori.

Studio originale: M. Simko, “Cell type specific redox status is responsible for diverse electromagnetic field effects”, Curr Med Chem, 2007; 14(10): 1141-52
PMID 17456027

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/entrez/query.fcgi?db=pubmed&cmd=Retrieve&dopt=AbstractPlus&list_uids=17456027&itool=pubmed_DocSum