Syndication

giovedì 13 febbraio 2020

Parlamento Europeo sul 5G: problemi sanitari per la implementazione? Risposta: ni!

vedere

https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/BRIE/2020/646172/EPRS_BRI(2020)646172_EN.pdf

miei commenti

Fantastico documento !?   Un equilibrismo eccezziunale (come diceva Abbatantuono) .  Praticamente non si schiera minimamente.

Di positivo ci sono alcuni aspetti:

  • un ricordo puntuale di tutte le posizioni del Consglio d'Europa e del Parlamento EU tutto sommato prudenziali
  • riporta lo scandalo dello SCENHIR parlando anche del (ormai defunto) IEMFA che contestò con petizione internazionale; hanno poi riportato il documento dello SCENHIR del 2018 sul 5G che era cautelativo
  • fa una elencazione di vari review sugli effetti degli EMF (non sono andato a vedere gli autori, in quanto non vengono esplicitati) ... ma ci sono anche riferemnti a NTP e al Falcioni et all ... 
  • di fatto conclude (summary) che le raccomandazione 1999 ( = ICNIRP) dopo 20 anni anche a causa della diversa tecnologa del 5G (riporta la diversità del MIMO) vanno riviste
  • interessante è che fa riferimento alla dichiarazione universale dei diritti umani   di non dover subire sperimentazioni senza consenso 
  • interessante è che in più punti porta la trasmissione dati via fribra ottica come alternativa plausibile al 5G 
  • ribadisce che la COMUNITA' EUROPEA non ha fatto alcuno studio su i possibili danni sulla salute del 5G (con i riferimenti!)
  • rilanciano e si aspettano i risultati del GERONIMO !  Vedo che è coordinato dalla Cardis, la 'poverina' che non è ancora in grado di ufficializzare i risultati del MOBIKIDS (come da mia interlocuzione con la stessa) dopo quasi 5 anni dalla fine della parte sperimentale! 


Nessun commento:

Posta un commento