Syndication

giovedì 13 febbraio 2020

La Svizzera chiede uno stop alla implementazione del 5G !

L'agenzia per l'Ambiente federale svizzera ha chiesto tempo per il 'roll-out' delle stazioni radiobase per il 5G.

La Svizzera, uno dei leader mondiali nel lancio della tecnologia mobile 5G, ha posto una moratoria indefinita sull'uso della sua nuova rete a causa di problemi di salute.

La mossa arriva mentre i paesi di tutta Europa gareggiano per aggiornare le loro reti agli standard 5G nel mezzo di una furiosa campagna diplomatica di retroguardia da parte degli Stati Uniti per fermarli usando la tecnologia cinese fornita da Huawei. Washington afferma che la società, che è fondamentale per i piani di aggiornamento della maggior parte delle reti europee, presenta un grave rischio per la sicurezza.

La Svizzera è relativamente avanzata in Europa nell'adottare il 5G. Il ricco paese alpino ha costruito più di 2.000 antenne per potenziare la sua rete solo nell'ultimo anno, e i suoi fornitori di telecomunicazioni hanno promesso l'imminente copertura del 5G dei loro clienti per la maggior parte dell'anno passato.

Tuttavia, una lettera inviata dall'agenzia svizzera per l'ambiente, Bafu, ai governi cantonali del paese alla fine di gennaio, ora  chiede tempo  per approvare l'uso di tutte le nuove torri 5G


L'agenzia è responsabile di fornire ai Cantoni criteri di sicurezza in base ai quali valutare le emissioni di radiazioni degli operatori di telecomunicazioni. Sotto la struttura altamente federalizzata della Svizzera, l'infrastruttura delle telecomunicazioni è monitorata per la conformità e autorizzata dalle autorità cantonali, ma Berna è responsabile della definizione del quadro.

Bafu ha affermato di non poter ancora fornire criteri universali senza ulteriori test dell'impatto della radiazione 5G.

L'agenzia ha dichiarato di "non essere a conoscenza di alcuno standard in tutto il mondo" che potrebbe essere utilizzato per valutare le raccomandazioni. “Pertanto Bafu esaminerà l'esposizione attraverso antenne adattive [5G] in profondità, se possibile in condizioni operative nel mondo reale. Questo lavoro richiederà del tempo ", ha detto.


Senza questi criteri, i Cantoni non hanno altra scelta se non quella di autorizzare l'infrastruttura 5G secondo le linee guida esistenti sull'esposizione alle radiazioni, che quasi escludono l'uso del 5G, tranne in una piccola minoranza di casi.

Diversi cantoni hanno già imposto la propria moratoria volontaria a causa dell'incertezza sui rischi per la salute.

La legge svizzera sugli effetti delle radiazioni dalle stazioni rabiobase è sostanzialmente in linea con quella dei colleghi europei, ma ha richiesto l'applicazione di misure precauzionali più rigorose in alcuni casi.
Con la nuova tecnologia di comunicazione 5G significa che gli individui sono esposti a fasci più concentrati di radiazioni non ionizzanti, ma per periodi più brevi. Bafu deve determinare quali standard legali applicare a questo.



Swisscom, il più grande operatore di telefonia mobile del Paese, ha affermato di aver compreso "le paure che spesso si manifestano per le nuove tecnologie".

"Non ci sono prove che la radiazione dell'antenna all'interno dei valori limite influisca negativamente sulla salute umana", ha aggiunto la società, sottolineando che il 5G viene eseguito su frequenze simili all'attuale standard 4G, che è stato oggetto di "diverse migliaia di studi".

La società ha affermato che i limiti normativi della Svizzera erano "10 volte più severi di quelli raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità nei luoghi in cui le persone soggiornano per periodi più lunghi".



La Svizzera ha già una notevole lobby anti-5G, con recenti proteste contro il suo lancio a Berna, Zurigo e Ginevra.

L'Associazione medica svizzera ha consigliato cautela in merito al 5G, sostenendo che i principi legali più rigorosi dovrebbero essere applicati a causa di domande senza risposta sul potenziale della tecnologia di causare danni al sistema nervoso o addirittura tumori.


Cinque "iniziative popolari" - proposte per referendum giuridicamente vincolanti sull'uso del 5G - sono già in corso in Svizzera. Due sono già stati formalizzati e stanno raccogliendo le 100.000 firme necessarie per innescare voti a livello nazionale che, in caso di successo, modificheranno la costituzione svizzera.

Uno renderà le società di telecomunicazioni legalmente responsabili delle richieste di danni fisici causati dalle radiazioni degli alberi, a meno che non possano provare il contrario. L'altro propone limiti rigorosi e rigorosi sulle emissioni di radiazioni dagli alberi e darà ai residenti locali il potere di veto su tutte le nuove costruzioni nella loro zona.

Nessun commento:

Posta un commento