Syndication

mercoledì 3 febbraio 2021

Tribunale francese blocca lo smart meter a casa di una persona elettrosensibile

 


Inquilino elettrosensibile giustificato nell'opporsi alla installazione di un contatore dell'acqua "intelligente", ovvero uno smart meter,  secondo la corte d'appello di Parigi

 Questa è la prima volta che un tribunale   ammette che un contendente  l'elettrosensibilità per opporsi a un contatore 'smart meter' dell'acqua .


Nell'ottobre 2015, il Public Housing Office di Arcueil-Gentilly (Val-de-Marne) ha annunciato ai suoi inquilini che la società Proxiserve avrebbe sostituito i loro contatori d'acqua individuali con i cosiddetti contatori "intelligenti", finalizzati alle letture a distanza. Una residente, la signora X, si oppone, l'ufficio  ottiene che le venga ordinato di aprire la sua porta ai tecnici.


La sig.ra X fa ricorso, grazie al patrocinio a spese dello Stato, e produce un certificato medico attestante che il suo stato di salute non le permette di resistere alle onde elettromagnetiche emesse dai contatori "intelligenti".


La Corte d'Appello di Parigi ha stabilito il 9 giugno 2020 che nessuno dei testi invocati dal locatore può giustificare l'obbligo di far entrare Proxiserve. L'articolo 7-e della legge 6 luglio 1989, secondo il quale il conduttore deve "consentire l'accesso ai locali affittati" per "lavori di miglioramento delle prestazioni energetiche", non è idoneo, perché "l'acqua potabile (…) non può essere qualificata come energia ”.



https://www.lemonde.fr/argent/article/2021/01/30/compteur-d-eau-intelligent-une-locataire-electrosensible-obtient-le-droit-de-s-y-opposer_6068174_1657007.html

Nessun commento:

Posta un commento