Comunicato stampa di A.I.E.

Dopo l'Ente  di ricerca americano dell' NTP, dallo Istituto Ramazzini di Bologna arriva la conferma della relazione tra radiofrequenze e tumori 







L’Istituto Ramazzini di Bologna   ha confermato la presenza di tumori nelle cellule di Schwann - chiamati schwannomi - nel cuore dei ratti  coerentemente con una scoperta simile del Programma nazionale di tossicologia degli Stati Uniti (NTP, National Toxicological Program) in un progetto sui danni da radiofrequenze da 25 milioni di dollari, il più grande del suo genere.  NTP è un programma Federale USA creato da tre  agenzie federali americane (FDA, NIOSH, NIEHS).

L’Istituto Ramazzini  , fondato nel 1987 dal Professor Cesare Maltoni è una cooperativa sociale Onlus con oltre 22.000 soci, impegnata da oltre vent’anni nella difficile lotta contro il cancro e le malattie ambientali.
Il progetto concluso sulle radiofrequenze è durato ben 10 anni ed ha una rilevanza ed una portata a livello internazionale per la sua dimensione e la sua durata. Sono stati trattati ben 2400 ratti sottoposti a fonti di radiofrequenze, alle frequenze delle stazioni-radiobase

Questi due istituti – che sono distanti 7300 Km ! – sono arrivati a conclusioni molto simili!
Hanno ambedue pubblicato in riviste (peer-reviewed) internazionali estremamente qualificate.

Le petizioni di centinaia di ricercatori indipendenti di tutto il mondo anche del 2017 ora sono ancor più supportate dai risultati di questi stuti per chiedere all’OMS(WHO) di classificare le radiofrequenze come probabili cancerogeni.

E l’Italia che fa ?
Procede in modo acefalo nella corsa allo incremento,   esponenziale, del livello di inquinamento elettromagnetico in tutti gli ambienti, dovunque.

L’Associazione Italiana Elettrosensibili fa appello alla sensibilità, alla intelligenza della classe politica (sperando magari nei ‘nuovi arrivati’ agli ambiti scranni parlamentari) per dire stop alla corsa.
Di fermarsi. Di riflettere. Di valutare i costi ed i benefici.

Associazione Italia Elettrosensibili         Rete Noelettrosmog Italia
www.elettrosensibili.it   www.retenoelettrosmogitala.it 

Commenti