Syndication

Visualizzazione post con etichetta etichettatura. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta etichettatura. Mostra tutti i post

venerdì 1 aprile 2016

Corte Federale USA conferma la validità delle etichette di sicurezza sui cellulari



La corte federale di San Francesco  ha rifiutato la richiesta delle compagnie telefoniche di bloccare il regolamento comunale voluto dal comune di Berkely che impone la etichettatura delle confezioni di cellulari con avvertenze sullo uso cautelativo dello oggetto.   



Court refuses to block Berkeley law requiring cell phone warnings
Bob Egelko, SF Gate, Mar 23, 2016

Picture caption: A man talks on his phone while walking past an AT&T store on Shattuck Avenue in Berkeley, Calif. on Saturday, July 12, 2014. An appeals court on Wednesday, March 23, 2016, allowed a Berkeley law requiring customers to be told of potential radiation dangers in carrying cell phones too close to the body.

A federal appeals court denied a request Wednesday by cell phone companies to halt enforcement of a Berkeley ordinance requiring retailers to tell customers that carrying switched-on phones next to their bodies might expose them to radiation levels above federal guidelines.

A federal judge had allowed the ordinance to take effect Jan. 25, rejecting arguments by CTIA-The Wireless Association that the city was violating retailers’ free-speech rights by requiring them to communicate a message they opposed.

CTIA asked the U.S. Court of Appeals in San Francisco for a stay while it appealed the ruling, but a court panel refused Wednesday on a 2-1 vote.

The measure requires sellers to notify customers that the Federal Communications Commission sets radiation guidelines for cell phones and that a user may be exposed to levels that exceed those guidelines by carrying a phone in a pocket or tucked into a bra when the device is connected to a wireless network.

The ordinance originally also required the notice to state that “this potential risk is greater for children,” but the City Council removed that language after U.S. District Judge Edward Chen ruled in September that it was not based on the federal standards but was a matter of scientific debate.

His ruling blocked the entire ordinance from taking effect. But in January, Chen allowed the city to start enforcing the narrowed warning about carrying switched-on cell phones and said it was consistent with FCC research and guidelines.

He said Berkeley was not violating the free-speech rights of CTIA and its members, who remain free to criticize the message as long as they comply with the law.

In seeking a stay, the industry group told the appeals court that Berkeley’s customer warning was “deliberately misleading and inflammatory” and would “create needless public anxiety about a product that is a part of consumers’ everyday lives.”

Judges Milan Smith and Morgan Christen voted to keep the ordinance in effect during CTIA’s appeal. Judge Carlos Bea dissented.

Bob Egelko is a San Francisco Chronicle staff writer. Email: begelko@sfchronicle.com Twitter: @egelko

http://bit.ly/1Um8Czl

--

mercoledì 29 luglio 2015

due grandi epidemiologici internazionali attaccano il NewYork Times

A seguito di una posizione del NYT contro la ordinanza di Berkely sulla obbligatorietà della etichettatura sulla pericolosità dei cellulari,  i due massimi ricercatori epidemiologi sulle EMF, Callberg e Hardell hanno scritto al giornale confutando, punto per punto, la lista di affermazioni false e tipo negazionista che il giornalista aveva utilizzato per deridere la ordinanza.

Riporto il testo della email, che è, secondo me, una fotografia della conoscenza su questa tematica.

 


Ms. Margaret Sullivan, Public Editor                                       July 24, 2015

Ms. Carol Pogash, Reporter

The New York Times

Regarding: Cellphone Ordinance Puts Berkeley at Forefront of Radiation Debate http://www.nytimes.com/2015/07/22/us/cellphone-ordinance-puts-berkeley-at-forefront-of-radiation-debate.html?_r=0
Published online July 21, 2015

Dear Ms. Sullivan and Ms. Pogash,

We have read this article in the New York Times with interest. However, there are several mistakes, and even wrong statements, on the health hazards from exposure to radiofrequency electromagnetic fields (RF-EMF) from cell phones in the article. In the following we want to correct some of the false statements.

The brain is the primary target organ for exposure to RF-EMF during the use of the handheld wireless phone. This has given concern of an increased risk for brain tumours. The carcinogenic effect of RF-EMF on humans was evaluated at a meeting during 24 – 31 May 2011 at the International Agency for Research on Cancer (IARC) at WHO in Lyon, France. One of us (LH) was part of the expert group. The Working Group categorised RF-EMF from mobile phones, and from other devices that emit similar non-ionising electromagnetic fields in the frequency range 30 kHz–300 GHz, as a Group 2B, i.e. a possible, human carcinogen (http://monographs.iarc.fr/ENG/Monographs/vol102/mono102.pdf

Since then more studies have been published that strengthen the association between use of  wireless phones (mobile and cordless phones) and increased risk for brain tumours. We have performed long-term research in this area and in the following we give a short up-dated summary of our findings based on research since the 1990’s. In our publications relevant information can be found also on other studies, as well as discussions of the current scientific evidence.
Glioma:
Glioma is a malignant brain tumour (“brain cancer”), and the most common type is glioblastoma multiforme with a poor prognosis. We have published a statistically significant increased risk for glioma among users of both mobile and cordless phones. The risk increased with latency (time from first use of the phone) and cumulative number of hours for use. Highest risk was found in the area of the brain with highest exposure to RF-EMF. All these results are of biological relevance; that is what would be expected for a causal association. The full paper can be read here:

Meningioma:
Menigioma is mostly a benign brain tumour and accounts for about 30 % of all intracranial tumours. The incidence is approximately 2-times higher in women than in men. No conclusive evidence of an association between use of mobile and cordless phones and meningioma was found in our study. However, taking the long latency periods that have been reported for the increased meningioma risk associated with exposure to ionizing radiation it is still too early to make a definitive risk assessment. Results for even longer latency periods of wireless phone use than in our study are desirable, see more details here:

Acoustic neuroma:
Acoustic neuroma or Vestibular Schwannoma is a rare benign tumour in the eighth cranial nerve that leads from the inner ear to the brain. It grows slowly and does not undergo malignant transformation, but may give compression of vital brain stem centres. Tinnitus and hearing problems are usual first symptoms of acoustic neuroma. We published a clear, statistically significant, association between use of mobile and cordless phones and acoustic neuroma. The risk increased with time since first use. For use of both mobile and cordless phones the risk was highest in the longest latency group. Tumour volume increased per 100 hours of cumulative use and year of latency for wireless phones indicating tumour progression from RF-EMF. The whole study can be read here:

Brain tumour incidence:
It is not correct to claim that the incidence of brain tumours has not increased in the Scandinavian countries. The age-standardized incidence of brain tumours increased dramatically in Denmark with +41.2 % among men and +46.1 % among women during 2003-2012 (http://www.ssi.dk/Aktuelt/Nyheder/2013/~/media/Indhold/DK - dansk/Sundhedsdata og it/NSF/Registre/Cancerregisteret/Cancerregisteret 2012.ashx).

Due to the well-known under-reporting of brain tumours to the Swedish Cancer Registry we studied brain tumour rates using the Swedish National Inpatient Register and the Causes of Death Register. In summary we found a statistically significant increasing rate of not specified brain tumours from 2007 in the Inpatient Register and from 2008 in the Causes of Death Register. Our study indicated that several of these tumours were never reported to the Swedish Cancer Register. Thus, the Swedish Cancer Register data cannot be used to dismiss an increased risk for brain tumours associated with use of wireless phones. On the contrary our study is consistent with an association considering a reasonable tumour induction period, see more here:

Mechanistic aspects:
It is correct that RF-EMFs do not cause direct DNA damage. On the other hand numerous studies have shown generation of reactive oxygen species (ROS) that can cause oxidative damage of DNA. This is a well-known mechanism in carcinogenesis for many agents. The broad biological potential of ROS and other free radicals makes radiofrequency radiation a potentially hazardous factor for human health, not only cancer risk but also other health effects. A recent update can be read here:

Causality:
To further evaluate strengths of evidence Bradford Hill wrote in the 1960’s a famous article on association or causation at the height of the tobacco and lung cancer controversy. Hill offered a list of nine aspects of an association to be considered when deciding if an association is causal. However, he did not request all nine viewpoints to be fulfilled for causality. We used the Hill criteria to evaluate the causality on brain tumor risk from RF-EMF emitted from wireless phones. We concluded that based on the Hill criteria, glioma and acoustic neuroma should be considered to be caused by RF-EMF emissions from wireless phones and regarded as carcinogenic to humans, classifying it as Group 1 according to the IARC classification. Current guidelines for exposure need to be urgently revised. See more here:

Conclusion:
Our results are in agreement with other studies such as the international Interphone -study and the French so-called CERENAT study. This is discussed in e.g. our article on glioma risk. In summary, there is consistent evidence of increased risk for glioma and acoustic neuroma associated with use of mobile phones and cordless phones. Furthermore, the risk is highest for persons with first use before the age of 20, which is of special concern. Our conclusion is that RF-EMF should be regarded as a human carcinogen. The IARC classification should be updated to at least Group 2A, a probable human carcinogen. It is necessary to give the public correct information on the cancer risk. The precautionary principle should be used to minimize exposure to RF-EMF. Media have an important role to inform in a balanced way. Unfortunately this article in the New York Times is biased towards the no risk assumption. It should be corrected based on facts and not wishful thinking.

Yours sincerely,

Lennart Hardell, MD, PhD               Michael Carlberg, MSc
Department of Oncology                  Department of Oncology
University Hospital                          University Hospital
SE-701 85 Örebro, Sweden             SE-701 85 Örebro, Sweden 
                               

giovedì 18 giugno 2015

Grandi notizie dal Canada

Un comitato tecnico sulla Salute della Camera Parlamentare , ha pubblicato un suo report su: Salute ed il protocollo canadese sui limiti massimi (vedi ICNIRP).

Le raccomandazioni sono decisamente molto significative sul grado di consapevolezza che la commissione ha raggiunto.

Chiede al Governo Canadese di:

- di rivedere il sistema di registrazione dei casi di cancro per indicare la presenza di radiofrequenze nei dispositivi  usati dal malato
- di inserire nel sistema statistico sulla salute la elettrosensibilità
- di finanziare progetti di studio sulla diagnosi, trattamento della elettrosensibilità e valutare le sue relazioni con  gli ambienti di lavoro
- insieme alle associazioni mediche, e WHO di rivedere le  linee guida sulla diagnosi e trattamento della elettrosensibilità,  aggiornate alle più recenti novità scientifiche
- di creare situazioni congrue di ospitalità alle persone affette da elettrosensibilità , anche in accordo con i Diritti umanitari canadesi
- che la revisione dei limiti di esposizione avvenga in un modo aperto e trasparente peer la  opinione pubblica e che consideri la letteratura scientifica indipendente
- di creare un sistema di reporting per danni da campi elettromagnetici
- che venga individuato una commissione esterna, riconosciuta, che valuti se gli interventi presi ad es. in Francia ed Israele di protezione da radiofrequenze per la popolazione sensibile, come gli anziani, gli ammalati,  i ragazzi e bambini in ambienti scolastici dove è presente il wifi, possano essere adottati anche in Canada
- che venga avviato un programma di sensibilizzazione della popolazione sullo uso di sistemi wireless, dai telefoni al wifi a scuola o a casa, finalizzati a ridurne l'impatto negativo sulla salute
- che vengano avviati progetti finalizzati di ricerca sulla relazione tra campi elettromagnetici artificiali e l'uomo
- di introdurre etichette ed informazioni di sicurezza,  in particolare a ragazzi sotto i 14 anni, su un uso che eviti danni alla salute


_______________________________________________________________



HESA, the Standing Committee on Health, published their 13th report and this one is about Health Canada's Safety Code 6.  Link to this report is provided below as is the pdf at the end of this email.



The 12 recommendations are provided here for your convenience.  Please note that these are excellent recommendations, but they remain "recommendations" and previous recommendations from HESA to Health Canada have been ignored.  This is election year and the recommendations may be taken more seriously by the government and the opposition.

-magda


Recommendation 1
That the Government of Canada, in collaboration with the health
departments of the provinces and territories, examine existing
cancer data collection methods to improve the collection of
information relating to wireless device use and cancer.
 
Recommendation 2
That Statistics Canada consider incl uding questions related to
electromagnetic hypersensitivity in the Canadian Community Health
Survey. 
 
Recommendation 3
That the Government of Canada, through the Canadian Institutes of
Health Research, consider funding research into electromagnetic
hypersensitivity testing, diagnosis and treatment, and its possible
impacts on health in the workplace. 
 
Recommendation 4
That the Canadian Medical Association, the Royal College of
Physicians and Surgeons, the College of Family Physicians of
Canada and the World Health Organization consider updating their
guidelines and continuing education materials regarding the
diagnosis and treatment of electromagnetic hypersensitivity to
ensure they are based on the latest scientific evidence and reflect
the symptoms of affected Canadians. 
 
Recommendation 5
That the Government of Canada continue to provid e reasonable
accommodations for environmental sensitivities, including
electromagnetic hypersensitivity, as required under the Canadian
Human Rights Act. 
 
Recommendation 6
That Health Canada ensure the openness and transparency of its
processes for the review of Safety Code 6, so that all Canadians have
an opportunity to be informed about the evidence considered or
excluded in such reviews, that outside experts are provided full
information when doing independent reviews, and that the scientific
rationale for any change is clearly communicated.  
 
Recommendation 7
That the Government of Canada establish a system for Canadians to
report potential adverse reactions to radiofrequency fields. 
 
Recommendation 8
That an independent scientific body recognized by Health Canada
examine whether measures taken and guidelines provided in other
countries, su ch as France and Israel, to limit the exposure of
vulnerable populations, including infants, and young children in the
school environment, to radiofrequencies should be adopted in
Canada. 
 
Recommendation 9
That the Government of Canada develop an awareness campaign
relating to the safe use of wireless technologies, such as cell phones
and Wi-Fi, in key environments such as the school and home to
ensure that Canadian families and children are reducing risks related
to radiofrequency exposure. 
 
Recommendation 10
That Health Canada conduct a comprehensive review of all existing
literature relating to radiofrequency fields and carcinogenicity based
on international best practices.  
 
Recommendation 11
That the Government of Canada, through the Canadian Institutes of
Health Research, consider funding research into the link between
radiofrequenc y fields and potential health effects such as cancer,
genetic damage, infertility, impairment to development and
behaviour, harmful effects to eyes and on the brain, cardiovascular,
biological and biochemical effects. 
 
Recommendation 12
That the Government of Canada and manufacturers consider policy
measures regarding the marketing of radiation emitting devices to
children under the age of 14, in order to ensure they are aware of the
health risks and how they can be avoided. 

mercoledì 20 maggio 2015

Il Consiglio Comunale approva definitivamente la obbligatorietà della etichettatura


questa è l'etichetta tipo che i commercianti debbono esporre sulle scatole che racchiudono i telefoni cellulari.   Esso specifica  che essi trasmettono  radiofrequenze, e che se si porta nelle tasche dei pantaloni oppure nel reggiseno  il telefono acceso e/o connesso ad una rete wireless, si eccedono i limiti di sicurezza stabiliti dal FCC. Questo potenziale rischio è più alto per i bambini .


giovedì 14 maggio 2015

Il Comune di Berkeley richiede le etichette !




"right to know ordinance"

News dalla stampa locale  che riportano che il consiglio comunale di Berkeley (California, oltre 110.000 abitanti) ha votato all'unanimità (primo passaggio)  la obbligatorietà di esposizione da parte dei venditori di telefoni cellulari del loro  grado di pericolosità, esponendo il valore di SAR

qui l'ordinanza


Ovviamente è immediatamente arrivata l'ingiunzione della CTIA (la Associazione imprenditoriale delle aziende ICT) a non procedere, pronti - come hanno sempre fatto con tutti i modi da quelli legali a quelli non-legali ... - a  bloccare questo editto, che possa far entrare nella mente dei cittadini statunitensi che il Comune possa decidere il grado di inquinamento della propria realtà!

giovedì 29 gennaio 2015

Etichette di sicurezza in Canada


Questa è  l'etichetta che dovrà essere esposta sui prodotti della telefonia e wifi , secondo una proposta di legge bipartisan canadese .  vedere qui

giovedì 24 aprile 2014

Intervento di attivisti americani nei negozi di telefonia per attaccare etichette di allarme !

Vi segnalo questo servizio giornalistico fatto da due esponenti delle associazioni California Brain Tumor Association and Stop Smart Meters! che sono entrati in un negozio della Verizon per attaccare delle etichette che segnalano  la possibilità di rschio delle radiofrequenze ... vedere ...
https://www.youtube.com/watch?v=sTCC2R0OVDs#t=21

Impressionante come la industria elettronica e della telefonia americana stia tenendo sotto controllo gli stati americani ed i sindaci per evitare che passi una qualche legge che permetta la affissione di etichette di avviso di pericolo.

A San Francisco nel 2011 il Comune approvò una legge specifica. La CTIA che è la associazione economica del Wireless ha spostato, come ricatto, la Fiera della Telefonia via da San Francisco. Inoltre ha avviato una causa contro il comune. Pur avendo vinto il Comune,  il nuovo sindaco più vicino alla 'tecnologia' (?!) ha imposto al Comitato Direttivo di cancellare quella norma !

Nello stato del Maine è passata analoga legge. Il giorno successivo CTIA è riuscita a bloccarla pur nella fase formalmente burocratica perché di fatto diversi legislatori hanno cambiato idea !!!

Nello  stato di Haway una proposta di legge analoga è stata presentata nella commissione Salute, ma poi bloccata.

Idem in California .
Diverse città che hanno programmi analoghi ricevono lettere minatorie della CTIA .

... e quello è il paese delle liberà !

E in Italia ?

Noi siamo gran figli di 'buona donna' ... ovvero nel 2001 è stata approvata la legge 36 che prevede la etichettatura, ma occorre un decreto attuativo ... guarda caso in 13 anni il Ministero dell'Ambiente non ha trovato mai tempo !   Nel 2011 è stato coinvolto durante un evento un Dirigente di tale Ministero che ha ammesso ... che sono in ritardo ... 

mercoledì 19 marzo 2014

USA: Stato del Maine, approvata una legge sulla etichettatura

La legge prevede l'obbligo di rilascio di informazioni chiare per il pubblico sullo uso accorto del telefonino.
Questa deve essere ben esposta allo esterno della confezione la frase " RF EXPOSURE" ed indicare in quale parte del manuale trovare i dettagli.

Non diventa subito operativa , al di là di normale prassi di promulgazione, perché si attende che almeno altri 4 stati US adottino una analoga normativa statale ...

http://www.saferemr.com/2014/03/maine-house-of-representatives-passes.html

martedì 18 marzo 2014

SAR Tick: un'iniziativa delle società di telefonia per informare i clienti sul potenziale rischio


Le aziende del settore delle telecomunicazioni hanno lanciato una 'campagna' informativa sul SAR Specific Absorption Rate dei telefonini.

Questo è valore calcolato in base alla misurazione e simulazione su un 'manichino' dello assorbimento delle radiazioni nella testa e corpo di un essere umano.

Ovvviamente è riferito solo ai danni da riscaldamento in quanto LORO partono dall'assunto (ahimé seguito dalle normative ) che gli effetti siano solo quelli termici .






C'è un sito       www.sartick.com      in cui potete andare a vedere i valori relativi al vostro cellulare.  Ovviamente obiettivo =  zero !!!

Che dire ?

Gli ambientalisti ed attivisti di tutto il mondo lottano contro questo assunto , comunque meglio che seguitare a ripetere che tutto va bene , che non fanno  male ...       

mercoledì 12 marzo 2014

La Camera dello stato del Maine (USA) approva il Wireless Information Act

La camera dei rappresentanti del Maine ha approvato in  larga magioranza una proposta di legge che impone la indicazione delle informazioni di sicurezza sullo uso di uno strumento basato su radiofrequenze ed il valore, per i cellulari, del SAR




The press release is available at http://bit.ly/1lTKNgj .ato

domenica 16 febbraio 2014

Etichette di allarme sui cellulari venduti nello Stato dell'Hawaii

Il Senato ha approvato la legge che obbliga i commercianti a riportare una etichetta di pericolo sulle confezioni di cellulari nuovi o usati.

vedere riferimenti

martedì 11 dicembre 2012

Avvertenze sotto una tastiera ...

mia moglie casualmente ha scoperto questa etichetta (tra l'altro bella grossa , di dimensioni inusuali) sotto la tastiera per PC della Microsoft.

Notate che vengano riportati 'tutti' i sintomi della elettrosensibilità, senza ovviamente chiamandola tale,  e indicando, con caratteri molto evidenti, di rivolgersi a parsonale medico qualificato.

Quale personale medico ? 
medicina del lavoro ? medico della 626 ? 
vedo - nella storia di mia moglie, che sta subendo i danni di una scuola che ha ricevuto tanti soldi per essere altamente informatizzata  ( 16 antenne wireless !  ) - che nulla succede.

Mi sono convinto che abbiamo un solo persorso che è quello di spingere per il riconoscimento dei pari Diritti  per i disabilità da ES

giovedì 8 marzo 2012

Lettera al Ministro Salute su etichettatura cellulari

Al Ill.mo Signor Ministro della Salute

segreteriaministro@sanita.it



con la presente siamo ad informarLa della recente approvazione da parte del Parlamento Israeliano di una proposta di legge che obbliga di riportare l'avviso di pericolo sull'etichettatura delle confezioni di telefoni cellulari, come può leggere nell'articolo allegato.



La etichetta israeliana riporterà la frase: "Warning - the Health Ministry cautions that heavy use and carrying the device next to the body may increase the risk of cancer, especially among children."



E’ un peccato che – una volta ogni tanto –l ‘Italia, o meglio il Parlamento Italiano, era stato innovatore , con la legge 36/2001, che prevedeva la necessità di apporre etichette con l'avvertenza di pericolosità, ma, nessun Governo, in dieci anni, ha mai trovato il tempo di attuare questa disposizione legislativa



In questi anni l'esposizione della popolazione a fonti di campi elettromagnetici artificiali, soprattutto di radiofrequenze, è aumentata incommensurabilmente così come gli allarmi provenienti dagli organismi internazionali, tra cui l'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa e il Parlamento Europeo che hanno emesso dettagliate Raccomandazioni.



Ricordiamo che l’OMS (tramite la sua massima espressione scientifica, lo IARC ) ha classificato le radiofrequenze come possibile cancerogeno.



L'arrivo imminente della telefonia 4G , come anche gli ‘smart meter’ ci preoccupano ulteriormente per la mancanza di studi sulla innocuità di questi dispositivi.

Se il telefono cellulare fosse stato un farmaco, non sarebbe mai arrivato sul mercato perché mancano studi convincenti sulla sua innocuità.


Con la presente lettera, la Rete No Elettrosmog Italia ed i comitati di cittadini che in Italia sono nati per la difesa dai campi elettromagnetici artificiali, Le chiedono di aprire un tavolo di confronto con tutti gli stakeholders - rappresentanti delle agenzie pubbliche, scienziati indipendenti, rappresentanti delle associazioni, ecc. - per avviare tutte le misure necessarie alla minimizzazione del rischio e alla tutela della popolazione.



In attesa di un Suo cortese riscontro, La salutiamo cordialmente.







Francesca Romana Orlando , Giorgio Cinciripini

Membri fondatori di:

giovedì 1 marzo 2012

Parlamento Israeliano approva le etichette di pericolo

Il Parlamento di Israele ha approvata una legge che impone sulle confezioni di telefonini una scritta che recita:

ATTENZIONE - Il Ministro della Salute avvisa che alto uso e mantenimento di questo telefono attaccato al proprio corpo può causare il rischio di cancro, specialmente per i ragazzi !




The labels will read 'Warning - the Health Ministry cautions that heavy use and carrying the device next to the body may increase the risk of cancer, especially among children.'
http://www.haaretz.com/business/knesset-backs-bill-requiring-cell-phones-to-bear-health-hazard-warning-1.415677

lunedì 3 ottobre 2011

San Francisco: la direttiva sulla etichettatura è operativa

Entro il mese di ottobre i rivenditori dovranno affiggere dei poster, sticker ed altro che contenga le seguenti raccomandazioni:

  • Limitare l'uso dei cellulari da parte dei bambini
  • Utilizzare auricolare, viva voce , oppure SMS
  • Non attacare il cellulare al corpo, quindi usare zainetti, porta cellulari, ...
  • Non utilizzarlo in zone a bassa copertura, basso segnale
  • Ridure il numero e la durata delle telefonate



• Limiting cell phone use by children. 
  Developing brains and thinner skulls lead to higher absorption in children.

• Using a headset, speakerphone or text instead. 
  Exposure decreases rapidly with increasing distance from the phone.

• Using belt clips and purses to keep distance between your phone and body.
  Do not carry on your body to at least meet the distance specified in your phone’s user manual.

• Avoiding cell phones in areas with weak signals (elevators, on transit, etc.).
  Using a cell phone in areas of good reception decreases exposure by allowing the phone to transmit at reduced power.

• Reducing the number and length of calls. 
  Turn off your cell phone when not in use