Syndication

lunedì 30 marzo 2020

FCC accellera Starlink per satelliti + 1 milione di antenne a terra


La FCC  (l'Agenzia federale USA per le telecomunicazioni) ha autorizzato SpaceX a iniziare a lanciare fino a 1 milione di antenne a terra per il suo progetto Internet Starlink.


Starlink è un progetto di rete di circa 12.000 satelliti che SpaceX vuole utilizzare per fornire Internet ad alta velocità in qualsiasi parte del mondo.

"Sembra un UFO su un bastone", ha detto il CEO di SpaceX Elon Musk di queste antenne a terra in un'intervista all'inizio di questo mese.



La licenza specifica che ciascuna antenna di terra ha un diametro di 0,48 metri

"Sembra un UFO su un bastone", ha detto il CEO di SpaceX Elon Musk in un'intervista all'inizio di questo mese. "È molto importante che non serva uno specialista per l'installazione. L'obiettivo è per ... solo due istruzioni e possono essere eseguite : punta verso il cielo, collega ".

Starlink è destinato per circa il 3% degli utenti  "più difficilmente da raggiungere" per le società di telecomunicazioni, nelle zone rurali in cui "la normale rete di ripetitori 5G non è davvero adatto", ha detto Musk. SpaceX intende che Starlink abbia una connessione ad alta velocità per tutti gli utenti, con una latenza inferiore a 20 millisecondi.






https://www.cnbc.com/2020/03/20/fcc-approves-spacex-to-deploy-1-million-antennas-for-starlink-internet.html

USA: il Coronavirus dà una spinta al 5G, nelle scuole

Riporto un articolo di attivista americano che segnala come grazie alla chiusura delle scuole per il coronavirus si sta lavorando alacremente per installare antenne 5G, nelle scuole.

Negli ultimi giorni un paio di video hanno iniziato a circolare sui social media con prove di apparenti installazioni di 5G e / o sistemi biometrici mentre i bambini sono a casa a causa del blocco COVID-19.

Ora abbiamo l'opportunità di confermare (o smascherare) i rapporti di queste installazioni nascoste nelle scuole di tutto il mondo. Abbiamo bisogno del tuo aiuto con questo vedi in fondo a questo post per cosa fare.

In primo luogo, il 16 marzo, il canale YouTube Logic Before Authority ha pubblicato un video che descrive in dettaglio un messaggio che ha ricevuto da un membro di un consiglio scolastico locale. Questo informatore ha spiegato in dettaglio in che modo i distretti scolastici intendevano installare segretamente apparecchiature 5G nelle scuole durante il blocco, sotto la direzione del Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti. Le compagnie che venivano inviate venivano incaricate di agire come se fossero lì per disinfettare le scuole per impedire la diffusione del virus.

https://www.opednews.com/articles/During-Shutdown-5G-Being-I-by-Beverly-Jensen-Absence_Dept-Of-Education-ED-gov_Education_Educational-Facilities-200322-906.html

venerdì 27 marzo 2020

Francia: migliaia di clienti dicono di no agli SMART METER della Linky

Giustizia: migliaia di clienti dicono di no agli SMART METER della Linky


Negli ultimi quattro anni con l'avvento del contatore elettrico Linky, molte persone si sono opposte alla loro installazione nelle loro case. A Tolosa (Alta Garonna), gli avvocati propongono di intraprendere un'azione collettiva contro Enedis, la consociata di EDF che gestisce questi contatori.

Jacques Marchetto, residente nella periferia di Tolos, pensò di poter sfuggire allo smart meter della Linky nel suo edificio. Ma una di questi contatori 'intelligenti', assegnato a un negozio al piano terra, finì per essere installata. Decise di partecipare alla più grande azione legale mai intrapresa contro il contatore. Con 10.000 altri querelanti, pagherà un abbonamento: € 8,20 al mese per due anni che sarà pagato ai due avvocati responsabili della conduzione della battaglia legale contro Enedis.




https://www.francetvinfo.fr/sante/environnement-et-sante/justice-des-milliers-de-clients-disent-non-aux-compteurs-linky_3841219.html


Raccomandazioni per l'uso del PC a casa (in Russia)


ecco una nuova raccomandazione per l'uso dei computer da parte dei bambini a casa - dell'istituto di igiene per i bambini (Ministero della salute RUSSO ) e RusCNIRP insieme, è stato pubblicato il 25 marzo

Divieto totale sotto i 6 anni, limitato per altri, divieto totale per smartphone per l'istruzione ecc



Sicurezza ambientale digitale: apprendimento a distanza per i minori di 18 anni

Le raccomandazioni sull'organizzazione dell'apprendimento a distanza a casa con una limitazione temporanea della frequenza scolastica sono rivolte ai bambini e ai loro genitori, ai nonni e a tutti coloro che aiutano i bambini a studiare a casa utilizzando le tecnologie digitali durante il periodo del curriculum obbligatorio a scuola e altre istituzioni educative.


1. Per l'uso del pc di minori di 18 anni a casa in modalità apprendimento a distanza, si consiglia di utilizzare principalmente personal computer e laptop collegati a Internet tramite una rete cablata. Quando si utilizza una rete wireless, la distanza dal punto WiFi al luogo di lavoro dovrebbe essere di almeno 5 metri.

2. La tastiera del computer (laptop) deve essere disinfettata con un antisettico ogni giorno prima di iniziare il lavoro. Il monitor deve anche essere trattato con un agente antisettico dal posto di lavoro.

3. Prima di usare la tastiera, lavarsi le mani sia del bambino che dell'adulto che lo aiuta.

4. Per ridurre il rischio di disturbi visivi e disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico, è necessario fornire a un bambino che lavora al computer (laptop) un posto di lavoro conveniente (l'altezza del tavolo e della sedia deve corrispondere all'altezza del bambino ), per escludere l'illuminazione dello schermo del monitor.

5. La fonte di luce principale sul posto di lavoro del bambino dovrebbe trovarsi sul lato dello schermo (non dietro lo schermo e non dal retro della persona che lavora con lo schermo). La luminosità della sorgente dovrebbe corrispondere approssimativamente alla luminosità dello schermo.

6. L'uso di tablet per l'apprendimento a distanza a casa è accettabile per gli adolescenti di età superiore ai 15 anni. Prima di utilizzare il tablet, è necessario lavarsi le mani e pulire lo schermo con un disinfettante (asciugamano bagnato). La posizione del punto WiFi dovrebbe essere ad almeno 5 m dal posto di lavoro dello studente. Il tablet è posizionato sul tavolo su un supporto con un angolo di 30 °, la distanza dallo schermo agli occhi della pupilla è di almeno 50 cm. È necessario escludere di lavorare con un laptop o un tablet in grembo, nelle mani, sdraiati e simili.

7. Per tutte le fasce d'età fino a 18 anni, è necessario escludere completamente l'uso degli smartphone a scopi didattici (lettura, ricerca di informazioni)

8. Per tutte le categorie di età per la lettura e il completamento di attività, si consiglia di utilizzare principalmente libri ordinari, quaderni.

9. I bambini di età inferiore a 6 anni devono escludere completamente l'uso di qualsiasi attrezzatura informatica a scopi educativi a casa.

10. Si raccomanda ai bambini di età compresa tra 6 e 12 anni di ridurre al minimo l'uso delle apparecchiature informatiche a scopi educativi a casa. Se è necessario utilizzarlo, la durata totale di tutti i tipi di attività sullo schermo per i bambini di questa fascia d'età non deve superare le 2 ore al giorno (inclusa la visione della TV). L'orario delle lezioni dovrebbe basarsi su un orario da uno a tre per le età dai 6 agli 8 anni (per ogni 10 minuti di lavoro 30 minuti di riposo) e da uno a due per le età oltre gli 8 e fino a 12 anni (per ogni 10 minuti di lavoro - 20 minuti di riposo).

11. Per i bambini di età compresa tra 12 e 18 anni, si consiglia la seguente modalità di utilizzo delle apparecchiature informatiche: “da una a due” per età superiori a 12 anni e fino a 15 anni (per ogni 30 minuti di lavoro - 60 minuti di riposo) e "Uno a uno" per i bambini di età superiore ai 15 anni e fino a 18 anni (per ogni 45 minuti di lavoro - 45 minuti di riposo). La durata totale di tutti i tipi di attività sullo schermo per i bambini di questa fascia d'età, compresa la visione della TV, non deve superare 3,5–4 ore al giorno.

12. Per la prevenzione dell'affaticamento visivo, è necessario eseguire la ginnastica per gli occhi durante la pausa, per la prevenzione dell'affaticamento generale - un riscaldamento (inclinazioni, curve del corpo, squat, ecc.)

13. Se necessario, utilizzare le cuffie dovrebbe limitare il loro uso continuo: non più di un'ora a un volume non superiore al 60%.

14. È necessario ventilare la stanza in cui si svolgono le lezioni, prima dell'inizio delle lezioni (almeno 15 minuti) e dopo ogni ora di lavoro.

15. Non utilizzare tablet e smartphone per scopi didattici all'aperto (nel parco, nel parco giochi e in luoghi simili).


Le raccomandazioni si basano sui dati del programma di studi multicentrici per garantire la sicurezza della salute dei bambini ̆ tecnologie educative digitali, materiali dell'Istituto di ricerca scientifica per l'igiene e la salute dei bambini “NRCM of Children's Health” e il Comitato nazionale russo per la protezione dai non Radiazioni ionizzanti, oltre a utilizzare le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità e le migliori pratiche mondiali in materia di igiene di un ambiente educativo digitale per bambini.
V.R. Kuchma
Membro corrispondente dell'Accademia delle scienze russa, capo del programma di ricerca multicentrica per garantire la sicurezza per le tecnologie educative digitali per la salute dei bambinĭ, direttore dell'Istituto di ricerca per l'igiene e la salute dei bambini FGAU “National̆ Medical̆ Research Center” Salute dei bambinĭ »Ministero della sanità della Federazione Russa
O.A. Grigoryev



Digital environment security distance learning for children under 18

Recommendations on the organization of distance learning at home with a temporary restriction on school attendance are intended for children and their parents, for grandparents and all who help children study at home using digital technologies during the period of compulsory curriculum at school and other educational institutions.

1. For the work of children under 18 at home in the distance learning mode, it is recommended to primarily use personal computers and laptops connected to the Internet via a wired network. When using a wireless network, the distance from the WiFi point to the workplace should be at least 5 meters.
2. The keyboard of the computer (laptop) must be disinfected with an antiseptic every day before starting work. The monitor also needs to be treated with an antiseptic agent from the workplace.
3. Before using the keyboard, wash the hands of both the child and the adult who helps him.
4. To reduce the risk of visual impairment and disorders of the musculoskeletal system, it is necessary to provide a child working at a computer (laptop) with a convenient workplace (the height of the table and chair should correspond to the height of the child), to exclude the illumination of the monitor screen.
5. The main light source at the child's workplace should be located on the side of the screen (not behind the screen and not from the back of the person working with the screen). The brightness of the source should approximately correspond to the brightness of the screen.
6. The use of tablets for distance learning at home is acceptable for adolescents over 15 years old. Before using the tablet, you need to wash your hands and wipe the screen with a disinfectant (wet towel). The location of the WiFi point should be at least 5 m from the student’s workplace. The tablet is placed on the table on a stand at an angle of 30 °, the distance from the screen to the pupil’s eyes is at least 50 cm. It is necessary to exclude working with a laptop or tablet on your lap, in your hands, lying down and the like.
7. For all age groups up to 18 years, it is necessary to completely exclude the use of smartphones for educational purposes (reading, searching for information)
8. For all age categories for reading, completing tasks, it is recommended to use mainly ordinary books, notebooks.
9. Children under 6 years old must completely exclude the use of any computer equipment for educational purposes at home.
10. Children aged 6 to 12 years are recommended to minimize the use of computer equipment for educational purposes at home. If it is necessary to use it, the total duration of all types of on-screen activities for children of this age group should not exceed 2 hours per day (including watching TV). The class schedule should be based on a one-to-three schedule for ages from 6 to 8 years (for every 10 minutes of work 30 minutes of rest) and one-to-two for ages over 8 and up to 12 years (for every 10 minutes of work - 20 minutes of rest).
11. For children aged 12 to 18 years, the following mode of use of computer equipment is recommended: “one to two” for ages over 12 years and up to 15 years (for every 30 minutes of work - 60 minutes of rest) and “one to one” for children older than 15 years and up to 18 years (for every 45 minutes of work - 45 minutes of rest). The total duration of all types of screen activities for children of this age group, including watching TV, should not exceed 3.5–4 hours per day.
12. For the prevention of visual fatigue, it is necessary to perform gymnastics for the eyes during the break, for the prevention of general fatigue - a warm-up (tilts, body turns, squats, etc.)
13. If necessary, use headphones should limit their continuous use: no more than an hour at a volume of not more than 60%.
14. It is necessary to ventilate the room where the classes are held, before the start of classes (at least 15 minutes) and after each hour of work.
15. Do not use tablets and smartphones for educational purposes outdoors (in the park, on the playground and similar places).
The recommendations are based on the data of the program of multicenter studies on ensuring safe for children's health̆ digital educational technologies, materials of the Scientific Research Institute of Hygiene and Children's Health “NRCM of Children's Health” and the Russian National Committee for Protection against Non-Ionizing Radiations, as well as using the recommendations of the World Health Organization and the best world practices in hygiene of a digital educational environment for children.
V.R. Kuchma
Corresponding Member of the Russian Academy of Sciences, Head of the Multicenter Research Program for Ensuring Safe
for children's health̆ digital educational technologies, director of the Research Institute of Hygiene and Child Health FGAU “National̆ Medical̆ Research Center”
Children's Health̆ »Ministry of Health of the Russian Federation
O.A. Grigoryev
Doctor of Biological Sciences, Chairman of the Russian National Committee for Protection against Nonionizing Radiations, member of the Scientific Advisory Committee on Nonionizing Radiations of the World Health Organization

mercoledì 25 marzo 2020

Comunicato Stampa: 5G come accelerante per la pandemia di Corona



5G come accelerante per la pandemia di Corona: 5G indebolisce il sistema immunitario


La pandemia di Corona è iniziata dalla città cinese di Wuhan, uno dei primi posti al mondo dotato di tutte e tre le bande di frequenza del 5G.
Pertanto, le persone lì sono state esposte a radiazioni molto forti.
Questa chiaramente non era l'origine del virus. Ma il Prof. Buchner (parlamentare Europeo dei Verdi tedeschi)  sottolinea: “Esistono prove scientifiche chiare che la diffusione di virus è accelerata dalle radiazioni elettromagnetiche. In particolare, il 5G è un accelerante della pandemia di Corona. "

La ricerca sull'effetto delle onde radio sul sistema immunitario è stata condotta già molto tempo prima della crisi di Corona [1] . All'inizio, i risultati erano contraddittori. Ma poi si è realizzato che l'esposizione a breve termine a questa radiazione migliora il sistema immunitario, laddove l'esposizione a lungo termine lo danneggia. In particolare, è noto come questa radiazione acceleri la replicazione virale: apre i canali del calcio nelle cellule. Ciò è stato dimostrato per un altro virus Corona, un parente vicino a quello che causa l'attuale pandemia. [2]

Questo suggerisce una terapia bloccando i canali del calcio. In effetti, questo è stato applicato con successo nelle prime fasi della polmonite. [3]

Il Prof. Buchner raccomanda di evitare il più possibile le radiazioni elettromagnetiche, in particolare telefoni cellulari, telefoni cordless, WLAN, Bluetooth e contatori intelligenti. In particolare, gli smartphone aumentano la contaminazione da radiazioni dell'utente e del pubblico.



___________________________________________________

[1] See e.g. El-Gohary OASaid MA: Effect of electromagnetic waves from mobile phone on immune status of male rats: Possible protective role of vitamin D. Can J Physiol Pharmacol 2017, 95, 151-156. doi:10.1139/cjpp-2016-0218.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27901344
An early review article is: Szmigielski S.: Reaction of the immune system to low-level RF/MW exposures. Science of the Total Environment 2013; 454-455:393-400. doi: 10.1016/j.scitotenv.2013.03.034
[1] Bai D, Fang L, Xia S, Ke W, Wang J, Wu X, Fang P, Xiao S: Porcine deltacoronavirus (PDCoV) modulates calcium influx to favour viral replication. Virology 2020, 539, 38-48. doi: 10.1016/j.virol.10.011.
www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31670218
Review article: Xingjuan Chen, Ruiyuan Cao, und Wu Zhong: Host calcium channels and pumps in viral infections. Cells 2020, 9, 94. doi:10.3390/cells9010094
[1] Zheng L, Hunter K, Gaughan J, Poddar S: Preadmission use of calcium channel blockers and outcomes after hospitalization with pneumonia: A retrospective propensity-matched cohort study.  Am J Ther. 2017, 24(1):e30-e38. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26280292
For a short, but comprehensive survey see: 5G space appeal by Martin Pall: 5G space appeal

giovedì 12 marzo 2020

ICNIRP non si smentisce: è la Accademia del Negazionismo


Dopo la pubblicazione del documento con le loro lineguida per limitare la esposizione ai CEM da 100 kHz a 300 GHz, arrivano a caldo i primi commenti.

Innanzitutto quelli di Lennart Hardell che ha prodotto tanta conoscenza sugli effetti deleteri dei CEM.

Per quanto riguarda i tumori del cervello e della testa:
Come potete vedere, nessuno dei nostri studi è nell'elenco di riferimento - è un peccato.
Dopo tutto, siamo stati i primi a mostrare un rischio maggiore e nel tempo l'associazione si è rafforzata.
Includono il cosiddetto studio di coorte danese che è stato ignorato dalla valutazione IARC nel 2011 a causa di carenze metodologiche. Per quanto posso vedere, anche Coureau et al è omesso.
L'articolo deve essere valutato in dettaglio per quanto riguarda Appenix B.

Omettono gli studi che mostrano una crescente incidenza di tumori cerebrali.
La mia impressione è che ICNIRP selezioni gli studi rispetto al paradigma senza rischi senza alcuna discussione qualificata su problemi metodologici. Gli studi che mostrano un aumento del rischio sembrano essere stati omessi.
È così che dovrebbe essere eliminata questa domanda seria?
B / w
Lennart Hardell


____________________________________________________________________

Paul Kirby, TR Daily, March 12, 2020
The International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP) has released new guidelines that it says will ensure people are protected from radio frequency (RF) signals of 5G services. The guidelines also cover 3G and 4G devices, Wi-Fi, Bluetooth, and radio.
The new guidelines, which took seven years to develop, are more appropriate than the organization’s first guidelines released in 1998 because they include higher frequencies used for 5G services, said ICNIRP Chairman Eric van Rongen.
“We know parts of the community are concerned about the safety of 5G and we hope the updated guidelines will help put people at ease,” he said. “The guidelines have been developed after a thorough review of all relevant scientific literature, scientific workshops and an extensive public consultation process. They provide protection against all scientifically substantiated adverse health effects due to EMF exposure in the 100 kHz to 300 GHz range.”
A news release said the primary changes in the new guidelines dealing with 5G and spectrum above 6 gigahertz are (1) “the addition of a restriction for exposure to the whole body;” (2) “the addition of a restriction for brief (less than 6-minute) exposures to small regions of the body;” and (3) “the reduction of the maximum exposure permitted over a small region of the body.”
The ICNIRP said that other “minor” changes include (1) “greater transparency to make the logic and scientific basis of the guidelines easier for the health protection community to engage with;” (2) “additional means of assessing compliance with the guidelines;” and (3) “greater specification of how to assess complicated exposure scenarios.”
The guidelines are published in the scientific journal “Health Physics.”
ICNIRP said its guidelines consider non-thermal effects of RF emissions. It said that it “considers all potential adverse health effects, and sets restrictions to ensure that none occur, regardless of the mechanism of interaction between the exposure and the body. The lowest exposure levels that can cause adverse health effects are due to thermal mechanisms, and so restrictions have been set based on the thermal effects, as these will protect against any other effects that could occur at higher exposure levels.”
Critics who complain about inadequate RF standards set around the world, including the failure to consider the impact of 5G deployments, particularly point to what they said is a lack of attention to non-thermal RF effects.
Joel Moskowitz, director of the Center for Family and Community Health in the University of California at Berkeley’s School of Public Health and creator of the saferemr.com website, said that ICNIRP's guidelines “were designed to protect us only from short-term heating (or thermal) effects. The guidelines fail to protect us from non-thermal effects, especially from long-term exposure to wireless radiation because ICNIRP continues to dismiss the many hundreds of peer-reviewed studies that have found biologic and health effects from exposure to low-intensity, radio frequency radiation including many human as well as animal studies. The preponderance of the research has found evidence of increased cancer incidence, oxidative stress, DNA damage, and infertility from exposure to wireless radiation.”
“Relying on twentieth-century science to set standards for 21st-century technology makes no sense. The complexity of the technology makes it possible for this unelected group of 11 persons that reports to no authority and has no oversight to wield unreasonable influence. This report relies on a highly selective literature review,” said Devra Davis, president of the Environmental Health Trust. “They make no mention of the fact that infertility clinics around the world advise men having problems impregnating their partners to remove wireless devices from their bodies. They completely discount results from the U.S. flagship testing program, the National Toxicology Program, that produced what peer-reviewers concurred was clear evidence of cancer in animals and compelling evidence of DNA damage in both mice and rats exposed to the same amounts of cellphone radiation as humans can receive in their lifetimes. They do not even consider the work of Lennart Hardell, arguably one of the top experts in the field studying the human impacts of cell phones, and fail to mention the large French national study of brain cancer that confirmed increased risks in the heaviest cellphone users.”
Ms. Davis added that “EHT is working with top legal experts to challenge outdated FCC standards (that rely on ICNIRP) because they betray the public trust by failing to take full notice of the range of scientific information on these matters. Further, we think that contrary analyses from European expert groups must be taken into account in any consideration of appropriate policy responses.”
Last December, the FCC released an item maintaining its existing RF exposure limits despite arguments that they are unsafe and should be tightened (TR Daily, Dec. 4, 2019). EHT and several other groups and individuals have filed two legal challenges to the item (TR Daily, Feb. 5).
TR Daily is a newsletter about telecommunications published by Wolters Kluwer and distributed by subscription largely to Industry executives and government officials.

--

As part of a project called, “The 5G Mass Experiment,” Investigate Europe, a team of investigative journalists from the European Union (EU), examined the risks of deployment of 5G, the fifth generation of mobile phone technology, and the adequacy of electromagnetic field (EMF) safety guidelines promoted by the International Commission for Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP).
The team published 22 articles in major newspapers and magazines in eight countries: France, Germany, Italy, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, and the United Kingdom.
Investigate Europe alleges the existence of an “ICNIRP cartel.” The journalists identified a group of fourteen scientists who either helped create, or defend, the EMF exposure guidelines disseminated by ICNIRP, a non-governmental organization (NGO) based in Germany. ICNIRP’s self-selected members and advisors believe that EMF safety guidelines need to protect humans only from heating (or thermal) effects due to acute EMF exposure. ICNIRP scientists argue that the thousands of peer-reviewed studies that have found harmful biologic or health effects from chronic exposure to non-thermal levels of EMF are insufficient to warrant stronger safety guidelines.

mercoledì 11 marzo 2020

IEEE avverte sulla pericolosità degli smatwatch ed altri 'giocattoli'

Ricordiamo che IEEE  = Institute of Electrical and Electronics Engineers  associa più di 400.000 ingegneri non solo americani! 
Da persona che oltre dieci anni vive nello associazionismo questi numeri sono ENORMI!   La mission di IEE è sul  loro sito Web:

Lo scopo principale di IEEE è promuovere l'innovazione tecnologica e l'eccellenza a beneficio dell'umanità.

Trovo bellissima questa formulazione. In quanto c'è l'incontro tra sviluppo tecnologico e progresso Umano. 


Prendere visione delle raccomandazioni su come utilizzare questi 'oggetti' SMART'.