Syndication

sabato 16 novembre 2019

Scientific American lancia allarme sul 5G

La celeberrima rivista scientifica americana che dal 1845 esce mensilmente e con tiratura a livello globale è intervenuta sul 5G

NON ABBIAMO NESSUNA RAGIONE PER CREDERE CHE IL 5G SIA INNOCUO.



https://blogs.scientificamerican.com/observations/we-have-no-reason-to-believe-5g-is-safe/


l'articolo è del ben noto  Joel M. Moskowitz

venerdì 15 novembre 2019

Senato USA chiede risultati del sistema di controllo delle telefonate degli americani del NSA




https://www.activistpost.com/2019/11/nsa-official-refuses-to-reveal-the-success-or-failure-of-phone-surveillance.html?utm_source=Activist+Post+Subscribers&utm_medium=email&utm_campaign=ff5dddb3b1-RSS_EMAIL_CAMPAIGN&utm_term=0_b0c7fb76bd-ff5dddb3b1-388337783


Si parla del Call Detail Records (CDR) of Americans  

Il programma di registrazione dei dettagli delle chiamate ha raccolto informazioni su messaggi di testo e chiamate nazionali in entrata e in uscita per aiutare il governo nelle indagini sul terrorismo.

I sostenitori delle libertà civili stanno premendo sul Congresso per chiuderlo, sostenendo che i problemi di privacy superano qualsiasi beneficio per la sicurezza nazionale.


giovedì 14 novembre 2019

Israele: stop all'uso degli smartphone a scuola

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE ISRAELIANA, OGGI HA DICHIARATO CHE VIETERÀ L'UTILIZZO DI CELLULARI E SMARTPHONE, DURANTE LE ATTIVITA' SCOLASTICHE.


Secondo il rabbino Peretz, l'uso degli smartphone nelle scuole primarie non sarà più consentito.
Questo sarà documentato in un promemoria formale (obbligatorio).

L'apprendimento digitale verrà effettuato utilizzando computer, non smartphone.

Questa mossa sarà fatta a causa di dipendenza sociale, cognitiva, esposizione a costante che è inappropriata

Il ministero dell'Educazione svilupperà e pubblicherà un programma formale che includerà diversi passaggi e strumenti. Nuove strutture per parchi giochi saranno installate nelle scuole. Programmi di orientamento sull'uso corretto della tecnologia saranno condotti nelle lezioni. Saranno accolte le iniziative dei genitori per l'acquisto di telefoni semplici in alternativa a smartphone.

Il ministero dell'educazione ha organizzato un pool di genitori che ha dimostrato che la maggior parte dei genitori accoglie questo programma.



Dobbiamo ancora aspettare e vedere come, se e quando tutto ciò diventerà realtà   ...




https://norad4u.blogspot.com/2019/09/breaking-news-from-israel-education.html

Article and Video in Hebrew - https://www.mako.co.il/news-israel/newsevent/Article-c6383fd24900d61027.htm


giovedì 31 ottobre 2019

Summit internazionale per lanciare l'allarme per i danni delle previsioni meteo a causa del 5G




Questa settimana, in Egitto, inizieranno trattative accese che potrebbero decidere il futuro del 5G e le previsioni meteorologiche. Si prevede che oltre 3.000 delegati, provenienti da quasi tutti i paesi del mondo, risolveranno una guerra in corso sulle bande di radiofrequenze  utilizzate dai meteorologi e ambite dalle compagnie di telefonia mobile. Sta succedendo tutto alla Conferenza mondiale delle radiocomunicazioni a Sharm el-Sheikh, in Egitto, dove verranno decise le linee guida sulle frequenze contestate.

Scienziati di spicco hanno già suonato il campanello d'allarme al debutto delle reti wireless 5G, che promettono ai clienti una maggiore velocità di internet.
La preoccupazione è che l'implementazione potrebbe inavvertitamente danneggiare le previsioni meteorologiche, dicono, perché le reti 5G utilizzeranno una banda di frequenza molto vicina a quella utilizzata dai satelliti per osservare il vapore acqueo. Tale interferenza potrebbe costare vite e danni economici quando si tratta di prepararsi a eventi meteorologici disastrosi


Le generazioni precedenti di tecnologia wireless cellulare, come 4G e LTE, operano su frequenze radio inferiori.  Per raggiungere le velocità superveloci, il 5G dovrà essere in grado di funzionare a frequenze superiori a quelle esistenti 4G e LTE. Una di quelle bande di frequenza è appena sopra i 24 GHz. Ma poco meno di 24 GHz è la frequenza con cui le molecole di vapore acqueo emettono un po 'di segnale radio, e questo è ciò che la rende così preziosa per gli scienziati . Sono preoccupati che il 5G potrebbe essere un vicino rumoroso, che perde involontariamente segnali nelle bande della porta accanto, che potrebbe interferire con la loro capacità di monitorare il vapore acqueo. Lo studio del vapore acqueo è importante per prevedere la traiettoria delle tempeste, prevedere il tempo soleggiato o la pioggia e tenere d'occhio il cambiamento climatico.





https://www.theverge.com/2019/10/28/20936197/5g-world-radiocommunication-conference-weather-forecasting-egypt

sabato 26 ottobre 2019

IoT e 5G: validi se si vuole vivere nel ... pericolo !

https://www.activistpost.com/2019/09/same-sht-different-day-internet-of-things-warnings-from-security-experts-include-hacking-death-etc.html


Che lo sappiano in anticipo o meno, le persone che installano la tecnologia Internet delle cose (IoT) nelle loro case scelgono di vivere pericolosamente


Sfortunatamente, l'installazione diffusa della tecnologia 5G e IoT su mandato del governo ci costringe a vivere pericolosamente.

Gli esperti di sicurezza mettono in guardia sull'IoT da molti anni.
Ha un tasso di fallimento del 74%. Cercare di risolvere questo problema sembra impossibile.

La razza umana è riuscita a esistere fino a questo punto senza l'IoT, il che ci riporta al tema degli avvertimenti degli esperti e della vita pericolosa.



  • Microsoft afferma che il 30% dei progetti IoT fallisce nella fase Proof-of-Concept. Gli esperti di sicurezza avvertono la vulnerabilità dell'IoT e il tasso di fallimento del 74% può causare eventi catastrofici.
  • Gli scienziati del MIT sono entusiasti delle (ahimé dannose)  applicazioni wireless 5G e 6G, pericolose applicazioni AI e IoT come anche del loro laser che trasmette in remoto l'audio alle orecchie delle persone ...


mercoledì 23 ottobre 2019

il 5G non è sicuro: ne parla anche la celeberrima rivista Scientific American





Ci sono innumerevoli esempi di quando "legale" non significa "sicuro".
Il 5G è uno di questi.
Il settore delle telecomunicazioni non sa nemmeno con certezza che il 5G è sicuro. A febbraio, i dirigenti delle imprese di telecomunicazioni USA  hanno reso testimonianza al Congresso degli Stati Uniti affermando di NON avere EVENDENZE SCIENTIFICHE.
Tuttavia, è legale ed economico farlo - sulla Terra e nello spazio - nonostante i crescenti avvertimenti sui rischi biologici e ambientali e che ci siano già livelli pericolosi di spazzatura spaziale 

Grazie a Scientific American per aver pubblicato un'opinione del Dr. Joel Moskowitz, "Non abbiamo motivo di credere che il 5G sia sicuro".

We Have No Reason to Believe 5G Is Safe

The technology is coming, but contrary to what some people say, there could be health risks

martedì 22 ottobre 2019

Meccanismo d'azione per il cancro da EMF: NTP in pista ! Chiara evidenza di danni del DNA per effetto delle RF



22.10.2019

Il National Toxicology Program (NTP) degli Stati Uniti inizierà presto una nuova fase del suo progetto RF di lunga durata. L'anno scorso, l'NTP ha concluso che le radiazioni RF causano il cancro; ora inizierà una ricerca sistematica di meccanismi per spiegare come e perché si sono sviluppati i tumori. I lavori dovrebbero iniziare entro la fine dell'anno.

Il piano di ricerca è di ampio respiro. Comprende studi sull'espressione genica, stress ossidativo e il danno e la riparazione del DNA, nonché il possibile ruolo svolto dal calore. Altre priorità nell'agenda NTP sono gli studi sul comportamento e lo stress.

Siamo "ottimisti" di poter rilevare i cambiamenti nell'espressione genica e identificare i biomarcatori degli effetti RF, ha dichiarato Michael Wyde di NTP a Microwave News. Wyde sta guidando il nuovo progetto. Continuerà a lavorare con John Bucher, ex direttore associato della NTP, che ha condotto uno studio sugli animali da 30 milioni di dollari, che ha mostrato "prove chiare" che le radiazioni RF possono portare a tumori maligni nei ratti maschi.

L'NTP ha già riferito   (https://microwavenews.com/news-center/ntp-comet-assay) di aver trovato più rotture di DNA - come rilevato con il test della cometa - tra gli animali esposti alla RF, incluso nel cervello in cui i ratti hanno successivamente sviluppato tumori. Tali risultati, presentati in una conferenza due anni fa, sono stati presentati per la pubblicazione. Il documento è attualmente in fase di revisione tra pari, secondo Sheena Scruggs nell'Ufficio delle comunicazioni e delle informazioni pubbliche del NIEHS. (NTP e NIEHS sono strettamente connessi.)

In che modo le radiazioni RF causano rotture del DNA?

Il fatto che l'NTP abbia documentato il danno al DNA "aumenta la credibilità delle scoperte sugli animali", ha affermato Ron Melnick. "È molto utile." Melnick ha guidato il team che ha progettato lo studio NTP; in pensione dal 2009.

Manca ancora, tuttavia, di comprendere il meccanismo in cui le radiazioni RF causano danni al DNA. "Le stesse rotture non ti dicono nulla sul meccanismo al lavoro", ha spiegato Henry Lai in una recente intervista. Venticinque anni fa, Lai e N.P. Singh sono stati il primi a dimostrare che le radiazioni RF possono indurre rotture del DNA, come è accaduto, nel cervello dei ratti.

È generalmente accettato che la radiazione RF non è di per sé abbastanza potente da rompere i legami chimici e quindi incapace di separare direttamente il DNA. All'inizio, Lai e Singh hanno offerto due possibili meccanismi: stress ossidativo e riparazione del DNA compromessa. Lo stress ossidativo è una scorciatoia per la sequenza di eventi che segue un aumento del numero di radicali liberi, molecole biologicamente attive che possono danneggiare il DNA. In alternativa, la radiazione RF può ostacolare la capacità della cellula di riparare le rotture del DNA, che si verificano in modo naturale e non di rado.

Nel 1997, due anni dopo il loro articolo originale, Lai e Singh hanno ottenuto conferme che implicano stress ossidativo. Quando hanno trattato i ratti con melatonina, un ormone naturale che neutralizza i radicali liberi, prima dell'esposizione alla RF non si sono verificate più rotture del DNA. Se le radiazioni potessero effettivamente generare radicali liberi, hanno sottolineato, i rischi andrebbero oltre il cancro includendo l'invecchiamento precoce, nonché l'Alzheimer, la SLA e altre malattie neurologiche.

"Se dovessi progettare il lavoro, esaminerei il legame tra stress ossidativo e danni al DNA", ha detto Melnick. "È fattibile."

Una recente recensione (https://www.tandfonline.com/doi/full/10.3109/15368378.2015.1043557?scroll=top&needAccess=true)  di circa 100 articoli ha scoperto che oltre il 90 percento "ha confermato che le radiazioni RF [di basso livello] inducono effetti ossidativi nei sistemi biologici". È stato pubblicato su Electromagnetic Biology and Medicine,  nel 2016.

Wyde di NTP ha affermato che un primo importante passo sarà "replicare i test delle comete" per confermare che le radiazioni RF danneggiano il DNA. Ha citato alcune incertezze interpretative dovute all'ampia variazione dell'entità delle rotture osservate negli esperimenti NTP originali e al piccolo numero di animali utilizzati. Se le interruzioni venissero replicate, Wyde prevede di eseguire ulteriori "test più specifici e robusti" per valutare il danno al DNA e riparare gli enzimi.

Nuove camere di esposizione più piccole

Per questa nuova fase del progetto RF, l'NTP si è nuovamente rivolto alla Fondazione IT IS di Zurigo per progettare e costruire nuove camere di riverbero, che sono più compatte e meno costose delle unità costruite per lo studio originale. Come prima, queste unità più piccole consentiranno anche agli animali di muoversi liberamente mentre sono esposti a radiazioni a 900 MHz o 1800 MHz. Ognuno può ospitare fino a dieci animali.

 

21.10.2019
pubblicazione del seg. lavoro dei ricercatori di NTP    https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/em.22343


I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l'esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA.