Syndication

domenica 23 febbraio 2020

IEEE: oltre gli effetti termici



"Abbiamo prove sperimentali più che sufficienti per mettere in discussione la validità della formulazione di standard che tengano conto solo degli effetti termici".

Questo pezzo di  Raymond S. Kasevich è stato pubblicato da IEEE Spectrum 18 anni fa. "IEEE Spectrum è la rivista e il sito Web di punta dell'IEEE, la più grande organizzazione professionale del mondo dedicata all'ingegneria e alle scienze applicate.

                            Il nostro statuto è di tenere informati oltre 400.000 membri sulle principali tendenze e sviluppi in tecnologia, ingegneria e scienza. I nostri blog , podcast, storie di notizie e funzionalità, video e infografiche interattive coinvolgono i nostri visitatori con chiare spiegazioni su concetti e sviluppi emergenti con dettagli che non possono trovare altrove ".

Cosa ci vorrà per superare la "profonda negazione" dei governi e dell'industria delle telecomunicazioni?
Quanti anni ancora dobbiamo aspettare per le norme sulle radiazioni elettromagnetiche che proteggono la salute umana e ambientale?


https://ieeexplore.ieee.org/document/1021945


martedì 18 febbraio 2020

Azione legale storica contro il FCC



Comunicato stampa di Environmental Health Trust



Ce l'abbiamo fatta! Con il sostegno di generosi donatori da tutto il mondo, EHT ha raccolto i fondi necessari per presentare un'azione legale storica contro la FCC per le sue normative wireless non protettive, inadeguate e obsolete.

Il 31 gennaio 2020 abbiamo presentato istanza presso la Corte d'appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia. 

giovedì 13 febbraio 2020

Parlamento Europeo sul 5G: problemi sanitari per la implementazione? Risposta: ni!

vedere

https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/BRIE/2020/646172/EPRS_BRI(2020)646172_EN.pdf

miei commenti

Fantastico documento !?   Un equilibrismo eccezziunale (come diceva Abbatantuono) .  Praticamente non si schiera minimamente.

Di positivo ci sono alcuni aspetti:

  • un ricordo puntuale di tutte le posizioni del Consglio d'Europa e del Parlamento EU tutto sommato prudenziali
  • riporta lo scandalo dello SCENHIR parlando anche del (ormai defunto) IEMFA che contestò con petizione internazionale; hanno poi riportato il documento dello SCENHIR del 2018 sul 5G che era cautelativo
  • fa una elencazione di vari review sugli effetti degli EMF (non sono andato a vedere gli autori, in quanto non vengono esplicitati) ... ma ci sono anche riferemnti a NTP e al Falcioni et all ... 
  • di fatto conclude (summary) che le raccomandazione 1999 ( = ICNIRP) dopo 20 anni anche a causa della diversa tecnologa del 5G (riporta la diversità del MIMO) vanno riviste
  • interessante è che fa riferimento alla dichiarazione universale dei diritti umani   di non dover subire sperimentazioni senza consenso 
  • interessante è che in più punti porta la trasmissione dati via fribra ottica come alternativa plausibile al 5G 
  • ribadisce che la COMUNITA' EUROPEA non ha fatto alcuno studio su i possibili danni sulla salute del 5G (con i riferimenti!)
  • rilanciano e si aspettano i risultati del GERONIMO !  Vedo che è coordinato dalla Cardis, la 'poverina' che non è ancora in grado di ufficializzare i risultati del MOBIKIDS (come da mia interlocuzione con la stessa) dopo quasi 5 anni dalla fine della parte sperimentale! 


Il problema sta diventando il tumore alla tiroide ?

Joel Moskowitz riporta un recente lavoro

Jiajun Luo, Hang Li, Nicole C. Deziel, Huang Huang, Nan Zhao, Shuangge Ma, Xin Ni, Robert Udelsman, Yawei Zhang. Genetic susceptibility may modify the association between cell phone use and thyroid cancer: A population-based case-control study in Connecticut. Environmental Research, 2020; 182: 109013 DOI: 10.1016/j.envres.2019.109013


Yale School of Public Health. "Thyroid cancer, genetic variations, cell phones linked in new study." ScienceDaily. ScienceDaily, 12 February 2020. <www.sciencedaily.com/releases/2020/02/200212121948.htm>.


Joel: 
I telefoni cellulari sono cambiati molto in due decenni, inclusa la posizione delle antenne cellulari che influenzano la distribuzione delle radiazioni RF dal telefono. Ad esempio, in molti smartphone le antenne cellulari si trovano nella parte inferiore del telefono. I cambiamenti di forma del telefono cellulare potrebbero aumentare la probabilità di tumori della ghiandola tiroidea e ridurre la probabilità di tumori cerebrali tra gli utenti di telefoni cellulari pesanti? 
Questo potrebbe spiegare perché l'incidenza del tumore al cervello (ad es. Glioma o glioblastoma) si è appiattita nel tempo in molti paesi mentre l'incidenza del tumore alla tiroide è aumentata?


Per ulteriori informazioni, consultare Cancro alla tiroide e uso del telefono cellulare.

qui sotto l'andamento di nuovi casi di tumore alla tiroide dal 1990 al 2017, riferiti a tutto il mondo: 
l'incremento è sicuramente forte.



La Svizzera chiede uno stop alla implementazione del 5G !

L'agenzia per l'Ambiente federale svizzera ha chiesto tempo per il 'roll-out' delle stazioni radiobase per il 5G.

La Svizzera, uno dei leader mondiali nel lancio della tecnologia mobile 5G, ha posto una moratoria indefinita sull'uso della sua nuova rete a causa di problemi di salute.

La mossa arriva mentre i paesi di tutta Europa gareggiano per aggiornare le loro reti agli standard 5G nel mezzo di una furiosa campagna diplomatica di retroguardia da parte degli Stati Uniti per fermarli usando la tecnologia cinese fornita da Huawei. Washington afferma che la società, che è fondamentale per i piani di aggiornamento della maggior parte delle reti europee, presenta un grave rischio per la sicurezza.

La Svizzera è relativamente avanzata in Europa nell'adottare il 5G. Il ricco paese alpino ha costruito più di 2.000 antenne per potenziare la sua rete solo nell'ultimo anno, e i suoi fornitori di telecomunicazioni hanno promesso l'imminente copertura del 5G dei loro clienti per la maggior parte dell'anno passato.

Tuttavia, una lettera inviata dall'agenzia svizzera per l'ambiente, Bafu, ai governi cantonali del paese alla fine di gennaio, ora  chiede tempo  per approvare l'uso di tutte le nuove torri 5G


L'agenzia è responsabile di fornire ai Cantoni criteri di sicurezza in base ai quali valutare le emissioni di radiazioni degli operatori di telecomunicazioni. Sotto la struttura altamente federalizzata della Svizzera, l'infrastruttura delle telecomunicazioni è monitorata per la conformità e autorizzata dalle autorità cantonali, ma Berna è responsabile della definizione del quadro.

Bafu ha affermato di non poter ancora fornire criteri universali senza ulteriori test dell'impatto della radiazione 5G.

L'agenzia ha dichiarato di "non essere a conoscenza di alcuno standard in tutto il mondo" che potrebbe essere utilizzato per valutare le raccomandazioni. “Pertanto Bafu esaminerà l'esposizione attraverso antenne adattive [5G] in profondità, se possibile in condizioni operative nel mondo reale. Questo lavoro richiederà del tempo ", ha detto.


Senza questi criteri, i Cantoni non hanno altra scelta se non quella di autorizzare l'infrastruttura 5G secondo le linee guida esistenti sull'esposizione alle radiazioni, che quasi escludono l'uso del 5G, tranne in una piccola minoranza di casi.

Diversi cantoni hanno già imposto la propria moratoria volontaria a causa dell'incertezza sui rischi per la salute.

La legge svizzera sugli effetti delle radiazioni dalle stazioni rabiobase è sostanzialmente in linea con quella dei colleghi europei, ma ha richiesto l'applicazione di misure precauzionali più rigorose in alcuni casi.
Con la nuova tecnologia di comunicazione 5G significa che gli individui sono esposti a fasci più concentrati di radiazioni non ionizzanti, ma per periodi più brevi. Bafu deve determinare quali standard legali applicare a questo.



Swisscom, il più grande operatore di telefonia mobile del Paese, ha affermato di aver compreso "le paure che spesso si manifestano per le nuove tecnologie".

"Non ci sono prove che la radiazione dell'antenna all'interno dei valori limite influisca negativamente sulla salute umana", ha aggiunto la società, sottolineando che il 5G viene eseguito su frequenze simili all'attuale standard 4G, che è stato oggetto di "diverse migliaia di studi".

La società ha affermato che i limiti normativi della Svizzera erano "10 volte più severi di quelli raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità nei luoghi in cui le persone soggiornano per periodi più lunghi".



La Svizzera ha già una notevole lobby anti-5G, con recenti proteste contro il suo lancio a Berna, Zurigo e Ginevra.

L'Associazione medica svizzera ha consigliato cautela in merito al 5G, sostenendo che i principi legali più rigorosi dovrebbero essere applicati a causa di domande senza risposta sul potenziale della tecnologia di causare danni al sistema nervoso o addirittura tumori.


Cinque "iniziative popolari" - proposte per referendum giuridicamente vincolanti sull'uso del 5G - sono già in corso in Svizzera. Due sono già stati formalizzati e stanno raccogliendo le 100.000 firme necessarie per innescare voti a livello nazionale che, in caso di successo, modificheranno la costituzione svizzera.

Uno renderà le società di telecomunicazioni legalmente responsabili delle richieste di danni fisici causati dalle radiazioni degli alberi, a meno che non possano provare il contrario. L'altro propone limiti rigorosi e rigorosi sulle emissioni di radiazioni dagli alberi e darà ai residenti locali il potere di veto su tutte le nuove costruzioni nella loro zona.

FDA (USA) ancora negazionista

L'agenzia federale americana ha emesso un rapporto di analisi della documentazione scientifica in cui conferma la propria posizione di 'non evidenza scientifica di danni' ...



Qui una prima analisi da parte di Joel Moskowitz

Di seguito sono riportati alcuni commenti preliminari sul rapporto:

 

Il nuovo rapporto della FDA ha escluso o respinto centinaia di studi peer-review condotti negli ultimi dieci anni che hanno trovato prove che l'esposizione alle radiazioni wireless ha aumentato il rischio di stress ossidativo, danni al DNA o cancro. Inoltre, la revisione della FDA copre solo radiazioni RF inferiori a 6 GHz, quindi non affronta la ricerca sulle frequenze delle onde millimetriche che sono state in parte utilizzate per il 5G. Il rapporto ha escluso tutti gli studi in vitro e molti studi in vivo. Il rapporto afferma che esiste "una mancanza di plausibilità meccanicistica biologica", tuttavia, il rapporto non ha esaminato la ricerca sui meccanismi.


Sul suo sito web (aggiornato il Feb/10/2020), la FDA afferma che "non esistono prove scientifiche coerenti o credibili dei problemi di salute causati dall'esposizione all'energia a radiofrequenza emessa dai telefoni cellulari (vedere Revisione della letteratura pubblicata tra il 2008 e il 2018 del Rilevanza per le radiazioni e il cancro con radiofrequenza - PDF 1,3 MB: vedete il link qui sopra), ma il loro nuovo rapporto affronta solo la ricerca sul rischio di cancro e danni al DNA. dall'esposizione alle radiazioni dei telefoni cellulari.

domenica 9 febbraio 2020

T-Mobile dichiara a SEC che la sua redditività è influenzata dai rischi per la salute e la sicurezza dei wireless




T-Mobile (società di telefonia USA)  in un documento periodico rivolto alla SEC, società di controllo della Borsa di New York, riporta eventuali rischi alla redditività del titolo di borsa.

La nostra attività potrebbe essere influenzata negativamente dai risultati della responsabilità del prodotto per i rischi per la salute o la sicurezza dei dispositivi wireless e delle apparecchiature di trasmissione, nonché da modifiche alle normative o agli standard di emissione delle radiofrequenze. 


Non produciamo i dispositivi o altre apparecchiature che vendiamo e noi dipendiamo dai nostri fornitori per fornire attrezzature prive di difetti e sicure. I fornitori sono tenuti dalla legge  a fabbricare i propri dispositivi per soddisfare determinati criteri di sicurezza imposti dal governo. Tuttavia, anche se i dispositivi che vendiamo soddisfano i criteri di sicurezza regolamentari, potremmo essere ritenuti responsabili con i produttori e i fornitori di apparecchiature per eventuali danni causati dai prodotti che vendiamo se tali prodotti risultassero avere difetti di progettazione o fabbricazione. In genere cerchiamo di stipulare accordi di indennizzo con i produttori che ci forniscono dispositivi per proteggerci dalle perdite associate alla responsabilità del prodotto, ma non possiamo garantire che saremo protetti in tutto o in parte dalle perdite associate a un prodotto che risulta essere difettoso