Syndication

Visualizzazione post con etichetta stampa. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta stampa. Mostra tutti i post

mercoledì 2 settembre 2015

Anche il Washington Post parla della sentenza di Tolosa



Are ‘WiFi allergies’ a real thing? A quick guide to electromagnetic hypersensitivity
Caitlin Dewey, Washington Post, August 31, 2015 
Science is nowhere near convinced that “WiFi allergies” are legit. But the French legal system is apparently far more credulous: Last week, it ruled that a 39-year-old woman is eligible for nearly $900/month in disability benefits because of her struggles with so-called “electromagnetic hypersensitivity.”
It’s one of the first times a court of law has recognized EHS, or “electromagnetic hypersensitivity syndrome” — which is incredible, given that actual, hard evidence linking adverse health affects and WiFi signals is pretty negligible. Below, a quick review of what we do and don’t know about the world’s most mysterious “allergy,” with advice for those of you on the verge of chucking your router entirely.

What is EHS?

EHS is, essentially, a grab-bag of physical symptoms with no known cause. Sufferers of EHS, estimated as “several” per million people, tend to experience some combination of physical symptoms like nausea, headaches, palpitations, fatigue and rashes/other dermatological problems, often at the same time. (Less commonly, they may also complain of confusion, memory loss, panic attacks  and the like.)
Researchers and public health officials have documented these symptoms: They’re definitely real, and patients aren’t making them up. EHS, to be clear, is a real syndrome, and the international health community has recognized it as such.
The problem with EHS is that “E” bit: multiple double-blind studies have suggested that, despite anecdotal reports, EHS has no relation to electromagnetic or radio-frequency signals. In fact, the World Health Organization has concluded that there’s no known “medical, psychiatric or psychological” cause for the syndrome, at all. At the conclusion of a ground-breaking, global workshop on the science of EHS in 2004, WHO suggested renaming EHS to “idiopathic environmental intolerance with attribution to EMF,” or electromagnetic fields” — a mouthful that makes it clear that the symptoms’ relationship to EMF is unclear.

How do we not know what causes it?

We don’t know its causes  because its symptoms are so fantastically common. In medical terms, these are called “nonspecific symptoms”: symptoms that can indicate a ton of different problems. A headache can indicate, for instance, that you drank too much coffee this morning; it’s also a sign of meningitis, carbon monoxide poisoning  and the literal plague. (Nonspecific symptoms are basically the reason that using WebMD can be very scary.)
EHS poses that problem several times over: A lot of things could cause each of these symptoms, and different sufferers manifest (or don’t) the symptoms differently.

What are the leading theories?

There are two primary schools of thought here: The first, that environmental conditions that are not Wifi could trigger EHS; and the second, that it represents a sort of reverse-placebo effect.
WHO has compiled a whole laundry list of environmental factors that could cause EHS symptoms, including the “flicker” of fluorescent lights and the glare from screens, and recommended that sufferers engage the services of someone who can evaluate their work environment for issues like indoor air pollution and excessive noise.
  A photo of Google’s WiFi router, the OnHub, to which some people believe they’re allergic. (Collin Hughes/Courtesy of Google via AP)
They also recommend that patients see a psychologist or psychiatrist — a proposal in which they’re not alone. Writing in the Guardian earlier this year, James Rubin and Simon Wessely of King’s College London call EHS an instance of the “nocebo effect,” in which people tend to feel sick because they believe they’ve been exposed to something that will sicken them. In one experiment, the pair showed half of their subjects an episode of the BBC series “Panorama,” which alleged that WiFi signals were harmful. They then exposed the whole group to a fake WiFi signal and waited to see who would get sick. The ones who watched the documentary were far more likely to develop EHS symptoms.
That echoes findings from WHO, which suspects that symptoms can be caused by “pre-existing psychiatric conditions as well as stress reactions as a result of worrying about believed EMF health effects.”

What does the French ruling mean?

To that last point about the stress of EMF health effects, the French ruling could be pretty damaging. By essentially ruling that EHS is a disability, the court legitimized claims that WiFi and other electromagnetic and radio-frequency signals  can cause adverse health effects. If more people begin to worry about that claim, more people could certainly develop EHS.
The French ruling also adds to a growing body of global legal precedent on EHS and its legitimacy. Courts in Australia have already awarded workers’ comp to EHS patients. In Sweden, the syndrome is officially classified as a “functional impairment,” which affords sufferers a range of legal protections and accommodations. (No such steps have been taken in the U.S., where — just this spring — a court in New Mexico threw out a $1.43 million lawsuit over the alleged health effects of iPhone and Wifi signals.)
Perhaps most importantly for sufferers, however, the French ruling affirms that they’re not making all this up. That’s a big deal to a group of people who often say they feel marginalized by their disorder. In March, New York magazine ran a fascinating interview with a woman who says she’s suffered EHS symptoms since 2009: “It takes a lot of energy to not to get depressed by it,” she said. “People say that the electro-sensitive are crazy.”

Soo … should I turn off my WiFi/throw my iPhone into the sea?

Probably not, no. Using WiFi, we can say with some confidence, will not cause you to develop EHS. Unfortunately, we don’t know if that means WiFi and cell signals are 100 percent, totally safe across the board. There isn’t a whole lot of long-term research, and questions remain around fuzzy links between, say, cellphone signals and infertility. In general, however, the advice from the medical community has been pretty comforting: The radio-frequency signals you encounter in your daily life are (a) extremely weak and (b) not damaging.
If you don’t believe me, of course, there’s a growing body of people who’d love to tell you exactly how dangerous WiFi signals and their ilk can be. An entire industry has grown up, in fact, around selling bracelets and blankets and blockers and pills that “negate” or “disrupt” electromagnetic energy. The great irony, of course, is that by hyping these so-called health risks, hucksters just make people more nervous — and thus clear new ground for EHS.
Liked that? Try these!
http://wapo.st/1NNuS0Z

--

venerdì 6 marzo 2015

altro articolo , questo su Mainfatti


http://www.mainfatti.it/elettrosmog/No-Elettrosmog-Renzi-vara-strategia-banda-larga-nonostante-diffida-a-governo_074380033.htm

Il Corriere parla di elettrosensibilità.



un articolo sul Corriere che parla di elettrosensibilità ...

Trecentomila malati di telefonino
Aumentano gli elettrosensibili

«Entro il 2017 aumenteranno del 50%, ma la Regione non riconosce il problema»

di Isabella Fantigrossi

 
Mal di testa, nausea, vertigini, pelle arrossata. Sintomi fastidiosi che, nei casi più gravi impediscono di condurre una vita normale e che compaiono vicino a cellulari, cordless o reti wi-fi. A soffrirne sono i cosiddetti elettrosensibili, i malati di radiazioni elettromagnetiche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sarebbero fino al 3% della popolazione. «Circa 300 mila persone in Lombardia che ancora oggi non vengono né aiutate né tutelate», dice Paolo Orio, veterinario di Gallarate, vicepresidente dell’associazione italiana elettrosensibili (Aie) e malato lui stesso. L’Oms ha, infatti, riconosciuto l’elettrosensibilità solo parzialmente: i problemi di salute esistono, ma il rapporto causale tra disturbi ed esposizione ai campi elettromagnetici è ancora tutto da verificare. «Purtroppo è molto difficile dimostrare gli effetti biologici dell’esposizione a campi elettromagnetici bassi», spiega Ernesto Burgio, alla guida del comitato scientifico dell’Isde (International society of doctors for environment) che, a maggio, parteciperà a una conferenza sul tema a Parigi. «Resta, però, un fatto — dice Burgio — : le evidenze che le onde elettromagnetiche possano fare male a tutti, più o meno sensibili, ci sono già». E così, mentre la Svezia l’ha ammessa come una vera e propria disabilità, in Italia è tutto fermo.

«Qualche Regione si sta muovendo - racconta Giorgio Cinciripini, cremasco e coordinatore della rete No Elettrosmog - riconoscendo la sensibilità chimica multipla, a cui spesso si associa l’elettrosensibilità. In Lombardia, invece, ancora nulla». E il timore è che, con l’aumento delle tecnologie wireless, i numeri possano ancora crescere: secondo il professor Angelo Gino Levis, ordinario di mutagenesi ambientale a Padova, nel 2017 il 50% della popolazione potrebbe diventare elettrosensibile. Tanto più che ora il governo sta pensando di alzare i limiti dei campi elettromagnetici da 6 a 61 V/m: motivo per cui nei giorni scorsi l’associazione Amica ha lanciato una petizione, già firmata da un centinaio di medici, fisici e ingegneri, per chiedere di investire sulle connessioni via cavo, «le uniche prive di controindicazioni per la salute».



Intanto gli elettrosensibili si arrangiano come possono. «Mi sono ammalato nel 1999 - racconta Paolo Orio -. Un giorno ho preso in mano il cellulare e ho cominciato a stare male e a sentire formicolio alla testa. Dopo mesi di visite, ho capito di cosa soffrivo, anche perché stando lontano da telefonino e cordless i sintomi sparivano». O Annunziata Di Fonte, medico del lavoro di Lonate Pozzolo: «Tollero il wi-fi per un quarto d’ora, poi comincio a sentire calore, mal di testa, mi compaiono ponfi rossi sul viso. Purtroppo la malattia ha un impatto notevole sulla mia vita: in macchina, quando incrocio i ripetitori, ho delle scosse muscolari e fatico a concentrarmi; in casa ho dovuto mettere delle tende schermanti e un impianto elettrico a 16 volt. E poi non posso più viaggiare in treno, né andare al cinema: troppi telefonini accesi. Ma so come comportarmi perché sono un medico. Gli altri malati no».
Ecco perché le tante associazioni chiedono un riconoscimento, anche per avere le cure. «Ogni settimana riceviamo chiamate di persone che ci chiedono come ridurre l’impatto elettromagnetico. È ora che si intervenga», dice Sergio Crippa dell’Aie.

lunedì 10 marzo 2014

Il Corriere apre ad un dibattito sul wifi ... ma sempre in equilibrio ...

Qui
http://www.corriere.it/tecnologia/economia-digitale/14_marzo_05/wi-fi-pericoloso-danni-come-amianto-monico-4ed93cd4-a456-11e3-8a4e-10b18d687a95.shtml

c'è un articolo su una intervista  Francesco Minico ST Microelectronis , ... ma subito dopo affiance a re interviste che dicono l'opposto con evindeti falsità

http://www.corriere.it/tecnologia/cyber-cultura/14_marzo_05/wi-fi-cancerogeno-parere-esperti-13a6b5f2-a45f-11e3-8a4e-10b18d687a95.shtml


sabato 22 febbraio 2014

una lettera al Giornale dell'Adige

E' da lodare l'iniziativa di una signora veronese che a fronte di articoli comparsi su questo giornale ha scritto, ed il giornale ha pubblicato.

https://www.dropbox.com/s/dagfqcf0o4wk9hn/20140218%20lettera%20a%20giornale.pdf

Se cominciassimo sistematicamente a farlo , noi tutti, chissà che - dai oggi dai domani - ...

giovedì 17 ottobre 2013

Lettera a Repubblica

Gentile Direttore
mi riferisco a questo articolo
http://www.repubblica.it/tecnologia/2013/10/16/news/telefonini_non_fanno_male-68728464/

Noto con (non grande) sorpresa, che anche il suo giornale è molto attivo su questo tema solo quando ci sono notizie 'assolutorie', come quella qui riportata, mentre non dà alcuno spazio alle notizie e comunicati stampa di chi pone in evidenza il grande problema sociale sanitario posto dall'uso selvaggio delle radiofrequenze.
Infatti MAI viene pubblicata una qualunque notizia che noi di tanto in tanto segnaliamo anche al vostro giornale.
Con 'noi' intendo la Rete Noelettrosmog Italia (www.retenoelettrosmogitalia.it) che è un contenitore di oltre dieci associazioni di persone  affette da malattia (elettrosensibilità ai campi elettromagnetici) e/o in generale attente a questa problematica.

Immagino che i vostri investitori pubblicitari abbiano imposto la cappa di piombo su questi argomentii.

In merito all'articolo pubblicato, è un evidente esempio di mistificazione scientifica
Riporto le considerazioni del Prof Belpomme (giusto per rimanere in Francia ). Belpomme è un grande ricercatore di un istituto pubblico francese, ARTAC, che ha come Direttore scientifico un  personaggio come ... Montagnier, al di sopra di ogni dipendenza di poteri economici  !!!
 
Professor Dominique Belpomme: "This is a political statement without any scientific value, good to throw in the trash.
Many experts who composed the commission told me that their views had not been taken into account in the conclusions.
Others with no knowledge of the subject, and no international recognition. These findings go against the World Health Organization (WHO), some of whom have yet confessed being pressured by phone operators to minimize the hazards. In the end it will be a Franco- French opinion which does not exceed our borders, but with disastrous consequences for us, with the population.
"
 
Riportare nel titolo, come VOI avete fatto, che non ci sono evidenze scientifiche è mistificante, è errato in quanto ci sono MIGLIAIA di articoli scientifici  (vedere qui ad esmpio ) . che dicono esattamente lo stesso ... è la stessa storia detta per il fumo, per l'amianto, etc etc ....
 
 
Caro Direttore,
 
allcune settimane fa vi ho inviato una segnalazione che c'è stata a Bruxelles un primo incontro di alcune associazioni provenienti da diverse nazioni europee per avviare un European Citizen Initiative, ovvero di proposta di legge popolare europea per una corretta attuazione delle raccomandazioni già espresse dal Parlamento Europeo per la  attuazione di principio di precauzione nello uso, sempre incrementale di radiofrequenze.
Ovviamente non c'è stato  spazio ...
 
 
Distinti saluti
 
Dr Giorgio Cinciripini
 
 


mercoledì 17 ottobre 2012

Articoli sulla de regulation

Comincio a riportare link ad articoli che usciranno, speriamo numerosi, si' da riuscire ad emergere dalla cappa di silenzio alla quale siamo sottoposti

http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=Elettrosmog:+i+limiti+aumentati+con+un+trucco&idSezione=17982

domenica 16 gennaio 2011

una lettera a Giacobbo - Voyager

Gentile Dr Giacobbo

ho sentito il Suo intervento da Fazio , questa sera.

Desidero mandarLe un link dove troverà diversi articoli e servizi televisivi che confermano come questi uccelli vengono ammazzati con i campi elettromagnetici.

http://www.buergerwelle.de:8080/helma/twoday/bwnews/stories/2053/

E cosa succede a noi, esseri umani ?

Ad es. il WiFi ?

E' vero che non fa niente, come le Istituzioni Pubbliche Nazionali ed Internazionali ci strillano ?! Le inoltro una nota su chi, per fortuna, sta guardando 'dietro' e guardando quei lavori (volutamente nascosti) della ricerca scientifica internazionale che qualcuno sta faticosamente svolgendo, sulla 'peste del XXI secolo' !


Non c'è certezza medico scientifica che la propagazione di onde elettromagnetiche, ed in particolare le radiofrequenze NON abbiano effetti dannosi sulla salute umana (e non solo).

Il principio di precauzione ne è una conseguenza.
Quello seguito in Italia è troppo blando in quanto subisce una forzatura, secondo la quale la Istituzioni preposte sono CERTE (NB!) che gli eventuali danni NON siano relativi agli effetti NON termici.

Per fortuna che a mano a mano che le indagini epidemiologiche e la ricerca biochimica stanno portando nuovi risultati, alcune Istituzioni Pubbliche in varie parti del mondo, si stanno ponendo gravi dubbi sulla correttezza della basi costitutive del Principio di precauzione adottato.
Qui di seguito riporto alcuni esempi, recenti.

A

1

Non c’è certezza scientifica che le radiofrequenze (e quindi il WiFi) sia sicuro e non pericoloso per la salute umana .

- Segnali dalla ricerca scientifica e medica: Un numero sempre crescente di articolo scientifici riportano effetti dannosi delle microonde e wifi : vedere www.bionitiative.org;

6

- Agency for Health Protection and Promotion (OAHPP) Ontario (Canada) sollecitato dalla ‘rivolta’ di molti genitori che si sono con forza opposti a progetti di implementazione di WiFi nelle scuole, ha esaminato la letteratura scientifica più recente (fino a settembre 2010) e riportato come il più grande studio epidemiologico (Interphone) voluto da WHO, ha concluso che ci sono evidenze che un uso intensivo del telefono cellulare porti ad un incremento di tumori a cervello; per intensivo si intende un uso cumulativo di 1640 ore !!! quindi pari ad es. 30’/giorno per 9 anni !!!

o OAHPP conclude che è molto probabile che non si arrivi ad una certezza scientifica condivisa in breve tempo …, come è avvenuto con il problema delle linee aree di alta tensione; di fatto, anche se il WHO ha definito i campi elettromagnetici derivanti come cancerogeno di classe 2B (probabile cancerogeno) , le industrie elettriche si rifiutano a ricoscerle, però la popolazione ha preso conoscenza del pericolo e quindi evita di abitare vicino ad esse.

o OAHPP invita le strutture governative (canadesi) di avviare una revisione verso il basso dei limiti compatibilmente con le necessità militari, industriali e sociali

12

- EUROPEAN ENVIRONMENT AGENCY (EEA), Marzo 2008 Il paradigma voluto dall’ICNIRP e sul quale si basano i Governi per fissare i limiti di esposizione, si fonda sull'opinione che non ci possono essere effetti dannosi delle RF perchè queste, ai livelli ambientali oggi presenti, non provocano significativi effetti termici. Esso può dare luogo a conseguenze molto gravi in termini di sofferenza personale, costi elevatissimi per la sanità pubblica e caduta della fiducia da parte dei cittadini se, come molti dati fanno pensare, tale paradigma si rivela errato

- Oggi gli scienziati percepiscono che i sistemi biologici sono molto più complessi di come si pensava un tempo e che la maggior parte degli effetti dannosi per la salute sono pluri-causali che non possono essere semplicisticamente simulati da ‘manichini’ … questo per enfatizzare la centralità del supporto epidemiologico nella valutazione del rischio.

o A volte passano decenni prima che la scienza sia in grado di identificare un meccanismo d'azione che spieghi una osservazione sperimentale consolidata: p.es. l'intervallo tra l'osservazione delle prime manifestazioni del colera e l'identificazione del meccanismo d'azione che ne è la base è stato di 30 anni (1854-1884), e quello per il cancro da fumo di tabacco è ormai di più di 50 anni (1954-2008) e ancora non si sa perchè alcuni fumatori muoiono di cancro polmonare e altri no (per non parlare dei ritardi nella comprensione dei meccanismi biologici alla base della azione cancerogena di tanti altri agenti dannosi per l'uomo, dal cloruro di vinile al benzene, alle amine aromatiche, al cromoesavalente, al nichel, agli idrocarburi aromatici policiclici, alle diossine ecc., ).

- L'EEA sottolinea come l'assenza di evidenze positive nei dati di cancerogenesi animale sulle RF in un sistema pluri-causale e biologicamente complesso sia in realtà un dato del tutto atteso, La storia di alcuni ben noti cancerogeni umani come il tabacco, l'arsenico, la betanaftilamina insegna che per molti anni ci si è trovati di fronte a una mancata evidenza di cancerogenesi negli animali dopo che nell'uomo una evidenza epidemiologica positiva molto robusta era stata ormai acquisita. Fino a quando non si sarà capito sufficientemente bene quale è il modello animale appropriato e l'appropriato schema sperimentale, il risultato dei dati di cancerogenesi animale sarà molto spesso negativo

B

1

GUIDELINES: sul limite di esposizione alle RF variano enormemente nel Mondo: da Salisburgo e Liechtestein (con 0,1 microW/cm2 ) alla Svizzera (1,0) … all’Italia con 9,6; perché ? perché considera solo gli effetti termici, mentre tanti altri effetti sono riportati dalla letteratura medico scientifica a valori ben inferiori, quali: aumento della permeabilità attraverso la barriera encefalica, aumento del flusso di calcio, aumento del cancro dovuto alla rottura del DNA, proteine da stress, danno ai nervi, ma anche leucemia infantile, disturbi motori, della memoria, mal di testa, sbandamento, stato di fatica, insonnia …

6

- Agency for Health Protection and Promotion (OAHPP) Ontario (Canada) I sistemi industriali di WiFi (non quelli domestici) hanno una potenza di segnale che passa anche attraverso le mura con varie stazioni che sono sempre attive anche se non trasmettono; l’esposizione aumenta particolarmente quando si usano come computer gli smarthphone , iPhone, tenuti in mano, mentre l’uso contemporaneo di tanti utenti aumenta esponenzialmente la esposizione

7

- Russian Radiation Protection Agency (2008) dopo aver già nel 2007 ben stigmatizzato – in diretto contrasto delle conclusioni dell’ICNIRP – che i principali danni alla salute sono legati agli effetti NON TERMICI, ha dato segnali di allarme per la protezione dei ragazzi nei confronti delle RF e WiFi

C

1, 14

Elettrosensibilità: è riconosciuta come disabilità in Svezia (infatti l’Associazione degli Elettrosensibili fa parte della Federazione per le Disabilità, controparte con il Governo) e riportata da WHO/OMS comeun fenomeno secondo il quale persone relazionano effetti fisici avversi mentre usano o sono vicini a dispositivi che emanano campi elettrici, magnetici e elettromagnetici . Inoltre è riportata (ICD-10) nella nota sulla Classification of Occupationally Related Disorders redatto dal Nordic Council of Ministers

I sintomi includono: disturbi del sonno, dolori , nausea, disturbi della pelle, arrossamenti, acufeni, Si stima che il 3% della popolazione è affetta da questi disturbi in modo importante; una esposizione prolungata come nel caso di WiFi aumenta il danno

In Svezia le Istituzioni locali sono tenute a rispettare la line guida della Nazioni Unite “Standard Rules on the equalization of opportunities for people with disabilities” a dare agli elettrosensibili gli stessi diretti e servizi necessari per dare loro lìopporunità di vivere la loro vita analoga di tutte le altre persone.

6

- OAHHP: riporta la conferma avuta da parte di un gruppo di esperti del Governo Canadese che hanno ammesso la esistenza di una relazione tra fonti elettromagnetiche ed una alterazione della attività elettrica e la biochimica dei neurotrasmettitori

7

- La “Canadian Human Rights Commission”, il “Americans with Disabilities Act” ed il Canadian Government riconoscono la elettrosensibilità

D

1, 15.16

Bambini: essi sono molto più sensibili ai contaminanti come le radiofrequenze. Il Steward Report (UK) (2000) scoraggia l’uso del telefono cellulare: questa colpisce la testa, mentre con il WiFi tutto il corpo è soggetto alla azione delle RF Il Governo Indiano (2008) ha invitato le compagnie telefoniche di campagne promozionali rivolte a bambini e donne in gravidanza. Il Ministro per l’AmbienteFrancese (2009) ha proibito la pubblicità sui cellulari se rivolta a bambini con età inferiore ai 12 anni.

E

1, 11, 7

Rimozione: in diverse parti nel mondo le stazione di WiFi sono state rimosse dallo interno dei palazzi, come:

- French National Library (2008), ed altre 5 librarie parigine , ma anche la Università della Sorbona (Maggio 2009), nelle scuole elementari della City of Herouville St. Clair, il WiFi è stato in qualche modo bloccato anche per le centinaia di cause contro compagnie telefoniche in atto ;

- Vancouver School Board (Canada); Palm Beach, Florida, Los Angeles, California (Los Angeles School District – Maggio 2009) , and New Zealand hanno proibito la presenza di ripetitori di antenne vicino alle scuole , quindi ancor di più all’INTERNO delle stesse !

F

1

Principio di precauzione: Per proteggere l’ambiente il principio di precauzione deve essere ampliamente applicato dagli Stati per agire contro il pericolo di danni seri ed irreversibili; la mancanza di certezze scientifiche non debbono essere utilizzate per rinviare misure efficaci di prevenzione del danno ambientale.

7

- Diverse compagnie di assicurazioni non assicurano le società di telecomunicazioni in quanto i rischi connessi sono ritenuti INCALCOLABILI. Es. la Austriaca AUVA (Luglio 2009)

12

- EUROPEAN ENVIRONMENT AGENCY (EEA) (Marzo 2008) I casi dell'asbesto, del benzene, dei bifenili policlorurati, del tabacco, del piombo, ecc. insegnano che le esposizioni pericolose devono essere messe sotto controllo ancora prima che ci sia una evidenza convincente di danni a lungo termine e che sia chiarito il meccanismo biologico che produce i danni alla salute umana. Le "incertezze" utilizzate in passato nei casi in questione per ritardare gli interventi cautelativi non possono ripetersi oggi in un settore, come quello dei CEM, che ha un elevato peso sanitario, politico ed economico. Richiedere prove sempre più consistenti prima di intervenire per prevenire rischi gravi e già individuati può dare luogo a costi sanitari ed economici molto elevati, com'è avvenuto con l'asbesto, il piombo e il tabacco

G

2

Parlamento Europeo: ha votato (522 a favore 16 contarri) una risoluzione che richiede norme più restrittive sui limiti di esposizione ai campi elettromagnetici , in quanto sono stati definiti in base ad una conoscenza scientifica obsoleta. Lo stesso si dice estremamente preoccupato dal documento Bionitiative report in cui oltre 1500 lavori scientifici illustrano seri danni provocati da cellulari, antenne e ripetitori, Cordless, Wifi, WiMax, etc.

Da una indagine (Eurobarometro) eseguita nei 27 Stati Membri la CE, risulta che il campione italiano intervistato ha dimostrato una preoccupazione sulle conseguenze dei sistemi wireless MOLTO più alta rispetto alla media europa. Essi si dicono non protetti dalle Istituzioni Pubbliche

7,17

Ministero dell’Ambiente Israeliano si è espresso pubblicamente per denunciare la pericolosità sia del telefono cellulare (2008) , dando istruzioni per ridurne gli effetti dannosi che del WiFi in particolare nei confronti dei giovani (Luglio 2009)

10

Il Ministro Bavarese per l’Educazione e Cultura (Aprile 2007) nella relazione periodica al Parlamento Bavarese sullo sviluppo delle tecnologie informatiche nelle strutture scolastiche enfatizza quanto il Federal Office for Radiation Protection segnala: di utilizzare il meno possibile il WiFi, in presenza di una rete , dando istruzioni pratiche per ridurre il più possibile i danni derivanti dallo uso del WiFi

o Il Parlamento Bavarese (22.3.1007) ha emesso una raccomandazione alle Scuole di ritornare indietro alla connessione via cavo

- In ogni caso le famiglie sono state informate e responsabilizzate nelle decisioni se installare o meno WiFi nelle scuole.

- In una interrogazione parlamentare il Ministro per la Cultura, in accordo con quello della Salute, ha assicurato che eventuali segnalazioni di sintomi legati alla elettrosensibilità sarebbero stati trattati dalla struttura medica locale e riportata a livello centrale (31.3.2010)

- Il Dipartimento per la Istruzione di Francoforte ha deciso che in attesa di una certezza della sicurezza, il WiFi non deve essere sviluppato nelle scuole

10

Interrogazione parlamentare Cantone Svizzero di Thurgau , il Governo (Aprile 2008) risponde come sia stato raccomandato alle scuole di utilizzare la connessione via cavo dando loro però capacità decisionale, allargata alla popolazione che deve essere informata; lo stasso Governo cantonale aggiunge come esso ha dottao delle linee guida protettive nei confronti dei propri impiegati, limitando l’elettrosmog.

1131

L’ Ufficio federale dell’ambiente, delle foreste e del paesaggio (Svizzera) in una esaustiva nota rivolta alla popolazione (2005) indica ad es. di stazionare le basi dei cordless lontano dalla zona letto , come anche per il WiFi una attenzione massima alle distanze da tenere sia rispetto all’ Hotspot che dal computer portatile.



In conclusione,
l'ignorare le risultanze della Scienza, ignoranza voluta dallo strapotere economico delle industria delle telecomunicaznioni, della telefonia , della informatica crea danni presenti e futuri, che nei prossimi anni diventeranno immanenti (la storia del tabacco, dell'amianto, purtroppo insegnano).

Confidando che queste note possano essere portate alla attenzione dell'opinione pubblica, non mi rimane che salutare distintamente