Syndication

Visualizzazione post con etichetta USA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta USA. Mostra tutti i post

giovedì 1 novembre 2018

Documento conclusivo dell'NTP

https://www.saferemr.com/2018/11/NTP-final-reports31.html

https://emfscientist.org/


Nel 1999, la Food and Drug Administration (FDA) richiese  uno  studio su radiazione da radiofrequenza (RFR ) da parte di NTP. Diciannove anni dopo, l'NTP ha pubblicato le relazioni finali sugli effetti dell'esposizione alle radiazioni dei telefoni cellulari 2G (GSM e CDMA) su ratti e topi.

Le relazioni finali dell'NTP indicano che NTP ha accettato le raccomandazioni del comitato di revisione tra pari sulla cancerogenicità delle radiazioni dei telefoni cellulari. Un riassunto di questi consigli è disponibile su: http://bit.ly/NTP180330.
Oltre a "chiara evidenza" (la categoria più elevata) di cancro nei ratti maschi a seguito di esposizione a radiazioni di telefoni cellulari, l'NTP ha riscontrato la degenerazione nei cuori di ratti maschi e femmine, una diminuzione dei pesi alla nascita nei ratti esposti prenatalmente e danni al DNA nei topi e ratti rispetto ai animali non esposti.

Però  l'NTP sembra minimizzare l'importanza dei risultati per la salute pubblica dei loro studi di radioattività da $ 30 milioni.
I dati nelle seguenti tabelle sono stati estratti dalle tabelle A2 e C2 nel rapporto finale NTP sullo studio sui ratti a 2 anni (pagine 149-150 e 203-204) ....

... il più alto tasso complessivo di tumori (cioè la presenza di un tumore benigno o maligno in qualsiasi organo) sono stati trovati in ratti maschi esposti a 3 watt per chilogrammo di cellulari GSM (87%) o CDMA (84%) radiazione, e il tasso più basso è stato trovato nel gruppo di controllo (63%). I gruppi esposti avevano tassi di tumore complessivamente significativamente più elevati rispetto ai gruppi di  controllo.

I più alti tassi di cancro (cioè tumori maligni) sono stati riscontrati in ratti maschi esposti a 3 watt per chilogrammo di radiazioni cellulari GSM (42%) o CDMA (46%) e il tasso più basso è stato riscontrato nel gruppo di controllo fittizio (27 %). Anche qui i gruppi esposti presentavano tassi di cancro complessivamente più elevati rispetto ai controlli fittizi.

Inoltre, i ratti maschi nei gruppi di esposizione più bassi (1,5 watt per chilogrammo) avevano tassi significativamente più elevati di tumori benigni (76% per il GSM, 73% per CDMA) rispetto al gruppo di controllo fittizio (54%).

I risultati degli studi dell'Istituto NTP e Ramazzini riaffermano le preoccupazioni sollevate dalla comunità scientifica nell'Appello Scientifico Internazionale EMF  https://emfscientist.org/   sui danni causati dall'esposizione cronica a campi elettromagnetici a bassa intensità (EMF). L'Appello, che è stato firmato da oltre 240 scienziati EMF che hanno pubblicato oltre 2.000 articoli su EMF e biologia o salute su riviste specializzate, chiede di mettere in guardia il pubblico e rafforzare le linee guida dell'EMF, in particolare per proteggere i bambini e le donne incinte.

giovedì 4 ottobre 2018

Come ridurre la esposizione a radiofrequenze da telefoni cellulari: linee guida arrivano dal Dipartimento per la Salute della California

Arriva dal dipartimento per la salute dello Stato della California delle linee guida per ridurre l'impatto delle radiazioni nello uso del telefono cellulare.

NB  confermo altre linee guida comincia con:  TENERE IL TELEFONO LONTANO DAL CORPO !!!    ... se uno ci pensa basta solo questa frase a caratterizzare il prodotto!  un ogetto diventato feticcio che TUTTI hanno SEMPRE rigorosamente, gelosamente e manifestatamente il mano e/o all'orecchio ... deve stare lontano ...!


http://bit.ly/CDPHguidance


How can you reduce your exposure? 

Keep your phone away from your body. Keeping your phone  just  a  few  feet  away  from  you  can  make  a  bigdifference.•When you talk on your cell phone, avoid holding it   to   your   head—use   the   speakerphone   or   a   headset  instead.  Wireless  (Bluetooth)  and  wired  headsets emit much less RF energy than cell phones.•Send text messages instead of talking on the phone.•If you are streaming or if you are downloading    or sending  large  files,  try  to  keep  the  phone  away  from your head and body.•Carry your cell phone in a backpack, briefcase, or purse; NOT in a    pocket, bra or belt holster. Because your phone’s antenna tries to stay connected with a cell tower whenever it’s on, it emits some RF energy even when you are not using it. It does not emit RF energy when it’s in airplane mode. (Airplane mode turns off cellular, Wi-Fi, and Bluetooth.)Reduce or avoid using your cell phone when it is sending out high levels of RF energy.This happens mainly when:•You see  only  one  or  two  bars  displayed.  Cell phones put out more RF energy to connect with celltowers when the signal is weak. If you must use your phone  when  the  signal  is  weak,  try  to  follow  the  other guidance on this page.•You are  in  a  fast-moving car, bus,  or  train.  Your phone   puts   out   more   RF   energy   to   maintain   connections  to  avoid  dropping  calls  as  it  switches  connections from one cell tower to the next unless it is in airplane mode.•You are streaming audio or video, or downloading or sending large files. To  watch movies or listen to playlists on your phone, download them first, then switch to airplane mode while you watch or listen

Don’t sleep with your phone in your bed or near your head. Unless the phone is off or in airplane mode, keep it at least a few feet away from your bed.Take off the headset when you’re not on a call. Headsets release small amounts of RF energy even when you are not using your phone.

Don’t rely on a “radiation shield” or other products claiming to block RF energy, electromagnetic fields, or radiation from cell phones. According to the U.S. Federal Trade Commission, products thatinterfere with the phone’s signal may force it to work harder and emit more RF energy in order to stayconnected, possibly increasing your exposure


Queste linee guida arrivano dopo uno studio condotto da questo ente statale americano, che viene qui sotto riportato.  Evidenzio le parti significative:    notare le conclusioni di tenere a distanza il phone dal carpo anche se c'è un buon segnale! 





Teton Village, WY -- (SBWIRE) -- 10/03/2018 -- A new research paper to be published in the journal Environmental Researchtoday by California Department of Public Health (CDPH) research scientists finds that using cell phones used in areas of weak reception can result in microwave radiation emissions 10,000-fold more intense than in areas with strong network signals. In "Real World Cellular Phone Radio-Frequency Electromagnetic Field Exposure," the scientists tested the microwave radiofrequency radiation levels from almost two dozen different cell phones in "real-world" situations to understand the difference in cell phone radiation exposures people can get in different situations. The paper concludes with "straightforward" recommendations that the public avoid using cell phones when signals are weak, and also recommends that people should limit overall cell phone exposure by using speakerphone, choosing texting rather than voice calls and distancing the phone away from the body, even in areas with strong network signals.

The authors state that "precautionary use of cell phones could lessen a user's radiofrequency EMF exposure by a factor of up to 10,000."
In the study funded by the California Department of Health, the research team conducted measurements of the power density exposures of the radiofrequency radiation generated from 22 different cell phone models for calls received under both strong (three or four bars) and weak (one or two bars) reception signal conditions. The researchers tested the radiation directly near the phone and also at several distances away from the phone up to 18 inches (48 cm). They also measured radiation levels from wireless headpieces and discussed relevant scientific research on health effects from phone radiation that informed their study.

The study finds that:
  • Microwave exposures depend not only on the distance from the user that phones are held but also the strength of the signal.
  • Cell phones used in areas of weak reception can result in microwave radiation emissions 10,000-fold more intense than in areas with strong network signals.
  • When used with a weak signal (1 to 2 bars), radiation exposures from all phones were higher intensity by up to four orders of magnitude in comparison to exposures from a strong signal (4 to 5 display bars).Even at distances of more than a foot and half (48 cm), microwave radiation was much higher intensity when signal reception was weak when compared with closer distances in areas with strong signals (2 inches, 4 cm).
  • Headset measurements were 10 to 400 times lower than near-ear measurements of the phones to which they were connected but nonetheless the authors still recommend removing the wireless headset from the ear when not in use and reducing overall talk and listening times.
  • Recent studies indicate that the RF EMF [radiofrequency electromagnetic field] exposures from cellular phones can have a negative impact on animal cells and cognitive and/or behavior development in children. Case-controlled epidemiologic studies have found evidence for increased risk for glioma and localization of the glioma associated with the consistent exposure site of regular mobile phone use.
  • Recent research indicates that equivalent exposures result in proportionally higher cell phone radiation deposition into children when compared to adults.
  • Even though texting increases the distance between the brain and the cell phone, phones are still held close to the body for hours a day. This can create a different exposure that "may cause unknown effects to other organ systems."
  • Future research should consider exposures of children and adults who are in close proximity to persons who are using a cell phone, requiring RF measurements from the back and sides of the cell phone.
  • The public should follow the CDPH cell phone radiation guidance which tells all persons not to keep phones in the pocket and also includes other practical steps to reduce exposure to radiofrequency radiation.
  • Precautionary use of cell phones such as speakerphone and maintaining a distance between the phone and the body could lessen a user's radiofrequency EMF exposure by a factor of up to 10,000.
"This important study shows the need to keep wireless devices away from the body, especially whenever we encounter areas of weak signal every day, such as when we are in an elevator, in a traveling car, in the basement or interior rooms of a home. Limiting cell phone use in weak signal areas potentially reduces RF EMF exposure by up to a factor of 10,000," stated Devra Davis PhD, MPH, President of Environmental Health Trust.

The study was funded by the California Department of Health when the Department was developing advice to the public about why and how to reduce microwave exposures and was considering listing cell phone radiation as a suspected cause of cancer under Proposition 65, the state's advisory list of suspected cancer causes. California State initially began drafting recommendations on how state workers should reduce cell phone exposure in 2009, and over the years the information was edited into a document for the public rather than workers. A lawsuit by the Environmental Law Clinic of Berkeley Law School [and the First Amendment Project (Moskowitz vs. California Department of Public Health)] resulted in the release of more than 100 pages of CDPH drafts of cell phone guidance, and the final CDPH guidance was finally released to the public soon afterwards in December 2017.

"Using a wired phone, rather than a wireless cell phone whenever possible is the best way to minimize your exposure," stated Theodora Scarato Executive Director of Environmental Health Trust who recommended that at home people should keep their landlines or consider a Voice Over IP (VOIP) phone service if a copper landline is not available in their area. Scarato pointed out that over two hundred scientists have called on the United Nations to take urgent action on this issue due to the current body of evidence and that over a dozen countries have official policies to educate and minimize exposure to the public.

The paper entitled "Real World Cellular Phone Radio-Frequency Electromagnetic Field Exposure" by Stephen Wall, PhD; Zhong-Min Wang, PhD; Thomas Kendig, BS; Dina Dobraca, MPH and; Michael Lipsett, JD, MD will be published in the peer reviewed journal Environmental Research.


mercoledì 26 settembre 2018

FCC ente federale per le comunicazioni americano tappa la bocca a comuni e autorità locali se contrari alla installazione di antenne 5G

Alla fine, la potenzia industriale americana l'ha vinta.

Oggi è stato emesso un atto dell'ente federale per le comunicazioni in cui  si informa che è stato approvato un regolamento che blocca azioni che possano ostacolare la implementazione della infrastruttura del 5G, da parte di enti locali.


martedì 18 settembre 2018

300 sindaci americani dicono NO al 5G

https://www.smartcitiesdive.com/news/mayors-counties-balk-at-fcc-5g-streamlining-proposal/532246/



La Conferenza dei Sindaci degli Stati Uniti (USCM) ha dichiarato in una dichiarazione che avrebbe citato in giudizio la Federal Communications Commission (FCC) se la commissione non modificasse una proposta politica che precludesse il controllo locale nel tentativo di semplificare l'installazione dell'infrastruttura wireless 5G.


L'Associazione nazionale delle contee si oppone anche alla proposta,  che "impedirebbe efficacemente ai governi locali di esaminare adeguatamente l'impatto che la costruzione, la modifica o l'installazione di impianti di trasmissione potrebbero avere sulla salute pubblica, sulla sicurezza e sul benessere della comunità locale".


La proposta del commissario della FCC Brendan Carr avrebbe vietato le leggi municipali che proibiscono lo schieramento di piccole celle 5G e fisserebbe le scadenze per le municipalità per approvare o disapprovare le richieste di installare celle di piccole dimensioni o costruire nuovi poli. Il piano è fissato per un voto il 26 settembre.


domenica 16 settembre 2018

Ma un "mondo intelligente" necessariamente buono per noi?

Ma un "mondo intelligente"  è necessariamente buono per noi?

Traduzione di una nota di Theodora Scarato is Executive Director of Environmental Health Trust  (link
Sono considerazioni molto assennate e condivisibili legate a quanto sta avvenendo negli USA.  Ma lo stesso sta avvenendo in Italia, con una eco molto più ristretta. 
Le situazioni sono molto simili ed in particolare come le lobby della telefonia hanno blindato il loro business con leggi (come con la nostra famosa Legge Gasparri del 2003) che non permette a nessuno (cittadino e comune) di contestare una installazione motivandola per gli aspetti sanitari! 

La Scarato chiede ai lettori americani una mobilitazione perché in queste settimane nel parlamento USA si stanno legiferando regole che puntano alla massima e più veloce implementazione del 5G, eliminando tutti i possibili contrasti ed opposizioni locali: vengono rese illegali!
Ed in Italia ?!  cosa sta avvenendo, cominciando con la bozza del decreto ministeriale che aleggia nel Ministero dell Sviluppo Economico che vuole decuplicare il livello massimo di radiazioni ? 





Collegare il tuo smartphone alla TV, alla lavastoviglie e persino alla bambola Barbie di tuo figlio, ora è di gran moda. Aumentare il wi-fi in luoghi in cui non è mai esistito, dagli elettrodomestici ai giocattoli, viene salutato come il nuovo ideale. "5G" è il nome della nuova tecnologia che ci consentirà di connettere tutti i nostri dispositivi "intelligenti" in qualsiasi momento e ovunque con velocità ... super-veloce = "Internet delle cose". Le società di telecomunicazioni ci stanno promettendo che il 5G e il nuovo "ecosistema digitale" che renderà le nostre vite più convenienti, più sicure e più felici.

Tuttavia, questo lancio magico non è senza gravi costi per la nostra salute. Le società di telecomunicazioni ci dicono che l'unico modo per creare questa rete 5G è installare centinaia di migliaia di nuove antenne cellulari e torri cellulari a livello nazionale.

Il wireless potrebbe essere invisibile, ma non è magico. Queste antenne trasmetteranno uno strato aggiuntivo di radiazioni a radiofrequenza wireless (RFR) - noto anche come radiazione a microonde - direttamente nelle nostre case. Il nuovo 5G aggiungerà anche frequenze più alte - chiamate onde millimetriche - che, che ci crediate o no, sono le stesse frequenze che ora vengono usate nelle armi di controllo della folla militare  ("mind control" = controllo mentale).

Sebbene il 5G non sia stato testato prima della commercializzazione per la sicurezza in termini di effetti sulla salute degli esseri umani, Verizon e Sprint hanno annunciato trenta "città di prova" per un'implementazione del 5G. Questi includono Sacramento, Washington DC, Atlanta, Dallas, Miami e New York.

E in effetti, la legislazione federale e statale sta avanzando a un ritmo fulmineo per semplificare l'installazione di queste torri cellulari nei quartieri, prevenendo le autorità locali e velocizzando il processo di installazione delle antenne su lampioni, pali delle utenze e persino cassette postali.

A livello statale, nonostante la feroce opposizione locale, oltre 20 stati hanno approvato leggi che non solo rimuovono l'avviso pubblico e le udienze pubbliche dal processo, ma mettono anche un tetto alle tariffe che i governi locali possono addebitare alle società di telecomunicazioni per installare queste torri nelle scuole , uffici postali e caserme dei pompieri.

A livello federale, diventa ancora peggio. Le normative federali stanno eliminando le revisioni ambientali e anticipando persino l'autorità statale, rendendo molto difficile per qualsiasi comunità statunitense rifiutare le antenne proposte.

Le società di telecomunicazioni chiamano ciascuna di queste torri mini-celle ... "celle piccole". Questo nome è fuorviante. Le nuove torri cellulari "a celle piccole" dispongono di armadi per apparecchiature delle dimensioni dei frigoriferi. Questi armadi sono indicati dall'industria come "arredo urbano", come se ogni torre fosse un divano nel tuo salotto. Piuttosto, ogni installazione può avere oltre un migliaio di antenne che trasmettono simultaneamente - in un processo chiamato "phased array".

Recentemente, oltre duecentoquaranta scienziati e dottori provenienti da 41 nazioni, tutti coloro che hanno pubblicato ricerche peer-reviewed sulle radiazioni elettromagnetiche o sui rischi per la salute 5G, hanno fatto appello alle Nazioni Unite, chiedendo un'azione urgente per ridurre questi crescente esposizione wireless. La loro lettera alla Federal Communications Commission (FCC) chiede una moratoria sull'introduzione del 5G, citando gravi impatti sulla salute umana e sull'ambiente. Successivamente, gli scienziati hanno anche lanciato un appello internazionale per fermare il 5G, poiché, hanno sostenuto, le attuali tecnologie wireless sono "dimostrate dannose per gli esseri umani e l'ambiente".

Quali sono gli effetti sulla salute? Non sarebbe sorprendente se tu fossi inconsapevole di alcuni di loro, dal momento che le società di telecomunicazioni sono importanti inserzionisti nei principali canali di informazione e sono potenti lobbisti nei punti della gestione del Potere !

La ricerca peer-reviewed ha dimostrato una moltitudine di effetti avversi della radiazione elettromagnetica. Questi effetti includono: aumento dei tassi di cancro al cervello, rotture del DNA, mal di testa, disfunzione del sistema immunitario, alterazione dello sviluppo cerebrale, sonno interrotto, alti tassi di iperattività e, infine, un maggior numero di problemi con la memoria e la cognizione. La ricerca replicata ha scoperto che le radiazioni senza fili possono persino promuovere la crescita del cancro.

Forse la cosa più preoccupante è una rassegna del 2016 in "Biologia e medicina elettromagnetica" che ha rilevato che il 93% degli studi di ricerca che hanno indagato lo stress ossidativo hanno scoperto che l'esposizione wireless induce livelli di stress ossidativo. L'induzione dello stress ossidativo è una caratteristica chiave di molti agenti cancerogeni umani. Lo stress ossidativo può portare a una cascata di effetti nocivi nel corpo, dando inizio a una miriade di malattie che vanno dal cancro ai problemi autoimmuni.

Che ci crediate o no, nessuna agenzia federale statunitense per la salute - e non l'EPA, la FDA o il CDC - ha svolto una corretta revisione sistematica delle attuali ricerche scientifiche sul wireless o sulla più recente tecnologia 5G per valutare i suoi impatti sulla salute pubblica. I nostri cosiddetti "limiti di sicurezza" si basano su una scienza di 30 anni. L'EPA non riceve più finanziamenti per ricerche in questa area e l'agenzia ora afferma che i limiti di radiazioni statunitensi "non si applicano" alle esposizioni giornaliere a lungo termine a 5G. In altre parole, non esiste un controllo efficace sugli effetti sulla salute delle radiazioni di telecomunicazione negli Stati Uniti.

 Molte organizzazioni mediche internazionali, come l'American Academy of Pediatrics, l'Associazione medica di Vienna e più di 20 nazioni, tra cui Francia, Israele, Russia e Belgio, raccomandano di ridurre l'esposizione alle radiazioni dei telefoni cellulari, specialmente per i bambini. Diversi paesi come il Cile e la Grecia hanno regolamenti che considerano le scuole, gli ospedali e i parchi "aree sensibili" e non consentono la costruzione di torri cellulari su queste aree.

Al contrario, sebbene il distretto scolastico di Los Angeles abbia bandito le torri cellulari dalle sue proprietà scolastiche, la maggior parte delle scuole, degli ospedali, delle stazioni di polizia, degli uffici postali e dei parchi degli Stati Uniti non è stata protetta.

L'Associazione internazionale dei vigili del fuoco si è ufficialmente opposta alle torri cellulari sulle loro stazioni dal 2004, dopo che uno studio ha rilevato danni neurologici nei pompieri con antenne sulla loro stazione.

L'anno scorso, quando le 5G "piccole celle" stavano arrivando in California in accordo ad una legge specificaper il  5G (SB 649, sotto), le organizzazioni dei vigili del fuoco hanno citato questi numerosi studi peer-reviewed che mostravano danni e hanno chiesto che le torri 5G non fossero installate nelle caserme. I pompieri hanno avuto successo e SB 649 è stato modificato per escludere le fiamme dallo spiegamento 5G.

I documenti interni delle società di telecomunicazioni  mostrano chiaramente che le telecomunicazioni sono consapevoli del fatto che il 5G aumenterà i livelli di radiazione RF nelle vicinanze delle antenne. Molti paesi - Cina, India, Polonia, Russia, Italia e Svizzera - hanno limiti di radiazioni più severi rispetto a noi negli Stati Uniti, e l'industria delle telecomunicazioni afferma che questi limiti più protettivi rappresentano una "preoccupazione critica", poiché i regolamenti non consentire il pieno dispiegamento di 5G in quei paesi. In Svizzera, l'industria delle telecomunicazioni ha lanciato uno sforzo di pubbliche relazioni su larga scala per eliminare queste restrizioni, eppure il Parlamento svizzero ha ancora votato "no" sul 5G.

Anche il nostro ambiente e gli animali che ci circondano saranno danneggiati da queste torri. Una ricerca in "Science of the Total Environment" afferma che le prove attuali indicano che l'esposizione a livelli che si trovano comunemente nell'ambiente vicino alle antenne cellulari interrompe l'orientamento degli insetti e degli uccelli. Diversi studi hanno documentato effetti dannosi della RF sulle api, tra cui cambiamenti biochimici che indicano lo stress e declino nella forza della colonia e nel tasso di deposizione delle uova della regina. Anche gli alberi e le piante sono documentati come sensibili a queste frequenze, come hanno notato molte persone che vivono vicino alle torri cellulari. Tuttavia, i nuovi regolamenti federali degli Stati Uniti consentono a queste nuove installazioni di essere esentate da qualsiasi revisione ambientale.

Negli Stati Uniti, quando le persone cercano di impedire che una torre o un'installazione di antenne cellulari venga installata nei loro quartieri, viene spesso detto dai loro funzionari eletti che questi funzionari non possono parlare dei rischi per la salute derivanti dalle torri proposte - altrimenti il ​​comune può essere citato in giudizio.

Il Telecommunications Act (TA) del 1996, la legislazione essenzialmente acquistata e pagata dalle società di Internet e telefoniche, è stata approvata lo stesso anno in cui l'EPA è stato allontanato da questo tema. L'articolo 704 della presente legge proibisce ai governi statali e locali di considerare gli effetti ambientali delle radiazioni delle torri cellulari nelle decisioni di collocamento, purché la radiazione non superi i limiti FCC. Sebbene questa legge sia stata contestata in tribunale all'inizio, alcune (non tutte) le successive decisioni hanno interpretato la legge in modo che alle comunità venga ora detto che non possono rifiutare una torre cellulare sulla base delle preoccupazioni di salute della comunità.

Peggio ancora, se ti sei preso un cancro al cervello per l'uso del cellulare, le compagnie di telefonia cellulare sostengono che non puoi denunciarle - a causa della Sezione 704 del TA - a meno che tu non possa provare che sei stato danneggiato dall'uso del cellulare prima del 1996, l'anno che la legge è stata approvata. Illustri ricercatori affermano che le torri cellulari sulla proprietà scolastica "costituiscono chiaramente una preoccupazione per i diritti umani", ma ai genitori viene detto che a causa del Telecommunication Act del 1996, le preoccupazioni per la salute non possono essere utilizzate per fermare il posizionamento delle celle sulle proprietà scolastiche. Numerosi esperti legali considerano incostituzionale la sezione 704 del Telecom Act e ritengono errato interpretare che la legge significhi che le persone non possono parlare di effetti sulla salute. Credono che questo "ordine bavaglio" non reggerà nei casi giudiziari futuri.

Ora, il boom di questa tecnologia non regolamentata è in un modo completamente nuovo. Secondo il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, negli ultimi anni il tasso di incidenti dei lavoratori delle torri cellulari è aumentato nettamente. Le torri vengono costruite a un ritmo rapido con regolamenti minimi o tutele dei lavoratori. Un'indagine del Wall Street Journal ha rilevato che uno su dieci siti cellulari emette livelli di radiazioni a radiofrequenza che superano anche i nostri limiti di radiazioni FCC obsoleti e non protettivi. Queste lesioni dei lavoratori hanno spinto la  International Brotherhood of Electrical Workers  a scrivere alla FCC che "si deve garantire la conformità con i limiti FCC RF esistenti per l'esposizione umana da parte del licenziatario della FCC non è efficace e non può / non viene applicata .... il creatore di pericoli ha il dovere di avvertire gli altri contro il pericolo. "

 Nel 2015, il Centro per la stampa etica di Harvard ha pubblicato un articolo del giornalista investigativo Norm Alster, intitolato "Agenzia catturata: come la Commissione federale delle comunicazioni  FCC  è dominata dalle industrie che presumibilmente danno le regole". Alster ha esplorato i legami finanziari tra l'industria delle telecomunicazioni, il Congresso e il FCC. Alster ha documentato come le compagnie wireless usano "tattiche hardball (non etiche ...) che richiamano le tattiche del Big Tobacco del XX secolo". Le tattiche includono una massiccia campagna di pubbliche relazioni, attacchi ben finanziati alla reputazione degli scienziati altamente credibili che hanno sollevato preoccupazioni basate sulla scienza, leggi aggressive , e gli sforzi per influenzare i comitati del Congresso attraverso contributi elettorali ai loro membri. "La sicurezza dei consumatori, la salute e la privacy, insieme ai portafogli dei consumatori, sono stati tutti trascurati, sacrificati o fatti irruzione a causa di un'indifferenza dell'industria incontrollata", scrive. Alster descrive la FCC come "un primo esempio di corruzione istituzionale".



Quest'anno, il giornale Nation ha pubblicato un  rapporto investigativo, "Come il wireless ci ha fatto pensare che i telefoni cellulari siano sicuri", che documenta "la campagna di disinformazione e l'enorme aumento di radiazioni - dietro il lancio del 5G". Il lupo sta guardando il pollaio .


A livello federale, i regolamenti stanno continuando a ridurre i diritti dello stato e dei governi locali a regolamentare la implementazione del  5G. Questo marzo, la FCC ha votato per esentare le installazioni 5G dalla revisione storica e ambientale con un ordine intitolato "Accelerare la diffusione della banda larga wireless rimuovendo gli ostacoli all'investimento delle infrastrutture". Comunità che si oppongono alle antenne, che vogliono prendere in considerazione gli impatti ambientali o che vogliono limitare le installazioni con battute d'arresto e codici municipali di protezione, sono considerati "barriere" al lancio del 5G.

Il Congresso ha una serie di progetti di "snellimento" 5G in corso. Mentre leggi questo articolo, una nuova legge federale - SB 3157 (sotto), o "Semplificare la rapida evoluzione e modernizzazione di un'infrastruttura all'avanguardia necessaria per rafforzare la legge sulla distribuzione di piccole cellule" - viene sottoposta rapidamente al Congresso.

L'udienza parlamentare durata  tre ore di discussione legge, il 25 luglio 2018, ha visto la presenza del Presidente dell'Associazione Wireless - un ex commissario della FCC - insieme ad altri leader del settore, tutti a favore dei benefici del 5G. Ma non è stato invitato un esperto di salute pubblica a testimoniare; e i rischi per la salute 5G non fanno parte della discussione di lancio del 5G al Congresso in nessun modo. Se l'SB 3157 dovesse passare, i governi statali e locali non avranno l'autorità di regolamentare le installazioni wireless come ritengono opportuno, in quanto sarebbero prevenute dalla legislazione federale. Inoltre, il disegno di legge limiterebbe le tasse che i governi locali possono addebitare alle società di telecomunicazioni.

 L'Associazione dei governatori nazionali si oppone a questo disegno di legge, affermando: "Il governo federale non dovrebbe concedere alle imprese private l'accesso privilegiato alla proprietà che non possiede, né dovrebbe regolare le tariffe che i governi statali o locali fanno pagare per l'uso delle loro proprietà".


Ora è il momento di un'azione dedicata. Informati e organizza la tua comunità. Le risorse 5G di Environmental Health Trust includono un documento informativo 5G completo che documenta la scienza pubblicata, oltre a numerose lettere di medici che sollecitano una battuta d'arresto per l'implementazione della "piccola cella" 5G.


venerdì 14 settembre 2018

La cittadina di Mill Valley, sobborgo di San Francisco, dice NO al 5G


L'amministrazione comunale ha deciso di non installare le (tante) antenne 5G nella parte residenziale della cittadina.

E' il successo di un certo numero di richiesta da parte dei cittadini che si sono opposti a questa tecnologici per i dubbi sulla sicurezza.







From TechCrunch.com:

Bay Area California city blocks 5G deployments over cancer concerns

Danny Crichton@dannycrich
The Bay Area may be the center of the global technology industry, but that hasn’t stopped one wealthy enclave from protecting itself from the future.
The city council of Mill Valley, a small town located just a few miles north of San Francisco, voted unanimously late last week to effectively block deployments of small-cell 5G wireless towers in the city’s residential areas.
Through an urgency ordinance, which allows the city council to immediately enact regulations that affect the health and safety of the community, the restrictions and prohibitions will be put into force immediately for all future applications to site 5G telecommunications equipment in the city. Applications for commercial districts are permitted under the passed ordinance.
The ordinance wpas driven by community concerns over the health effects of 5G wireless antennas. According to the city, it received 145 pieces of correspondence from citizens voicing opposition to the technology, compared to just five letters in support of it — a ratio of 29 to 1. While that may not sound like much, the city’s population is roughly 14,000, indicating that about 1% of the population had voiced an opinion on the matter.
Blocks on 5G deployments are nothing new for Marin County, where other cities including San Anselmo and Ross have passed similar ordinances designed to thwart 5G expansion efforts over health concerns.
These restrictions on small cell site deployments could complicate 5G’s upcoming nationwide rollout. While 5G standards have yet to be standardized, one model that has broad traction in the telecommunications industry is to use so-called “small cell” antennas to increase bandwidth and connection quality while reducing infrastructure and power costs. Smaller antennas are easier to install and will be loss obtrusive, reducing the concerns of urban preservationists to unsightly tower masts that have long plagued the deployment of 4G antennas in communities across the United States.
Perhaps most importantly, these small cells emit less radiation, since they are not designed to provide as wide of coverage as traditional cell sites. The telecom industry has long vociferously denied a link between antennas and health outcomes, although California’s Department of Public Health has issued warnings about potential health effects of personal cell phone antennas. Reduced radiation emissions from 5G antennas compared to 4G antennas would presumably further reduce any health effects of this technology.
Restrictions like Mill Valley’s will make it nearly impossible to deploy 5G in a timely manner. As one industry representative told me in an interview a few months ago, “It takes 18 months to get the permit to deploy, and 2 hours to install.” Multiplied by the hundreds of sites required to cover a reasonably-sized urban neighborhood, and the 5G rollout goes beyond daunting to well-near impossible.
While health concerns have bubbled in various municipalities, those concerns are not shared globally. China, through companies like Huawei, is investing billions of dollars to design and build 5G infrastructure, in hopes of stealing the industry crown from the United States, which is the market leader in 4G technologies.
Those competitive concerns have increasingly been a priority at the FCC, where chairman Ajit Pai and his fellow Republican commissioners have pushed hard to overcome local concerns around health and historical preservation. The commission voted earlier this year on new siting rules that would accelerate 5G adoption.
Mill Valley’s ordinance is designed to frustrate those efforts, while remaining within the letter of federal law, which preempts local ordinances. Mill Valley’s mayor has said that the city will look to create a final ordinance over the next year.

giovedì 13 settembre 2018

ICNIRP prosegue sulla sua strada da negazionista

Il 4.9.18 ICNIRP ha rifiutato le conclusioni del più grande studio di effetti di radiofrequenze su animali fatto (da parte di US National Institutes of Environmental Health Sciences costato ben 28 milioni di dollari!), confermando la validità dei limiti espositivi che propone da tanti anni.  

Studi che arrivano quasi contemporaneamente di quelli eseguiti in Italia dall'Istituto Ramazzini di Bologna, che ha portato a risultati quasi identici.

Purtroppo questa Agenzia (privata, di diritto tedesco) è ritenuta dalle grande organizzazioni internazionali (WHO, CE, USA, Canada, etc.) come depositaria del 'verbo assoluto'.  

Qui sotto un ricercatore ora pensionato che ha lavorato appunto in questo grande istituto di ricerca  americano, Ronald L. Melnick Ph.D., confuta puntualmente le argomentazioni messe in piedi da questi " scienziati " dell'ICNIRP per avvalorare le loro conclusioni.

https://ehtrust.org/us-scientist-criticizes-icnirps-refusal-to-reassess-cell-phone-radiation-exposure-guidelines-after-us-national-toxicology-program-studies-show-clear-evidence-of-cancer-in-experimental-animals/


sabato 31 marzo 2018

NTP: altro passo concluso ! Le conclusioni determinano un CAMBIAMENTO

http://www.newsobserver.com/news/business/health-care/article207112454.html

Articolo dal New Observer   .  TRaduzione

Le onde radio a frequenza cellulare possono essere decisamente collegate al cancro nei ratti, secondo una riunione del comitato scientifico nazionale nel Research Triangle Park di mercoledì. La scoperta degli scienziati stabilisce la più chiara connessione del rischio di cellulare per gli esseri umani in un importante studio degli Stati Uniti fino ad oggi.

Gli scienziati hanno fatto il loro annuncio alla fine di una riunione di tre giorni per esaminare un esperimento sui roditori da 25 milioni di dollari condotto dal Programma nazionale di tossicologia in RTP per la Food and Drug Administration statunitense. La bozza dello studio, pubblicata all'inizio di febbraio, aveva in alcuni casi stabilito un legame debole e in alcuni casi nessun collegamento, ma il gruppo consultivo scientifico di mercoledì ha affermato che i dati sono più convincenti e indicano un rischio maggiore rispetto a quelli inizialmente riconosciuti.

Si prevede che la decisione di mercoledì cambierà il dibattito sulla sicurezza dei telefoni cellulari dato che l'industria delle telecomunicazioni, con l'incoraggiamento della Federal Communications Commission, si prepara a lanciare la tecnologia wireless 5G ad alta velocità di prossima generazione. Gli attivisti della salute pubblica prevedono che le conclusioni del panel scientifico sui rischi wireless aumenteranno la pressione sulle agenzie federali per emettere avvisi di sicurezza e stringere gli standard di sicurezza del dispositivo elettronico onnipresente.

"Probabilmente dovrebbe portare a una riduzione dei limiti di esposizione", ha detto Ronald Melnick, lo scienziato del National Toxicology Program che ha progettato lo studio prima di ritirarsi nove anni fa. "Questo è importante perché le agenzie che riceveranno questi dati prenderanno decisioni sulla salute pubblica sulla base di queste informazioni".

Melnick ha detto che i rischi per la salute riconosciuti mercoledì potrebbero costringere i funzionari pubblici e i leader delle telecomunicazioni "a non promuovere l'uso di alcuni di questi dispositivi a emissione di radiofrequenza per bambini".

Solo il mese scorso la bozza di rapporto era stata giudicata inconcludente dalla FDA e dall'American Cancer Society, e il gruppo scientifico era atteso dagli attivisti per apporre il timbro di approvazione a quelle conclusioni nella riunione di mercoledì.


Prima che gli scienziati votassero, Kevin Mottus, il direttore di outreach della California Brain Tumor Association, ha chiesto dal pavimento che l'intero panel si ricusasse per mancanza di qualifiche per valutare i dati di radiofrequenza. Mottus in seguito ha detto che i cellulari sono paragonabili all'amianto e al tabacco e dovrebbero contenere etichette di avvertimento.

Ma mentre la discussione elettorale ha preso il via, gli scienziati hanno iniziato a proporre mozioni per migliorare il livello dei risultati per affermare che un'esposizione prolungata alle radiofrequenze può essere chiaramente collegata al cancro del tessuto cardiaco nei ratti maschi. Il progetto di studio aveva precedentemente affermato che esisteva un collegamento ma nessuna evidenza chiara.

I tumori del tessuto cardiaco sono stati particolarmente significativi perché sono una rara forma di cancro che si verifica raramente nei ratti e non possono essere spiegati come malattie casuali.

John Bucher, scienziato senior del National Toxicology Program, ha affermato che il cancro del tessuto cardiaco che si sviluppa nei ratti maschi è lo stesso tipo di tumore che è stato osservato in alcune persone che hanno utilizzato per anni i cellulari nelle impostazioni di potenza più elevate.

"Il fatto che questo tipo di tumore fosse lo stesso ha attirato la nostra attenzione", ha detto Bucher. "E inoltre sono stati alcuni dei risultati più forti da un punto di vista numerico."

I relatori hanno anche votato che lo studio mostra alcuni collegamenti tra la radiazione del cellulare e il cancro al cervello nei ratti. Il progetto aveva affermato che il collegamento era equivoco, una designazione scientifica che indicava che era inconcludente e probabilmente irrilevante.

Oltre a mostrare un aumento dei tumori nei ratti, lo studio ha anche dimostrato che i ratti neonati pesavano meno e soffrivano di più alti tassi di mortalità quando vivevano in una camera di radiazione a radiofrequenza.

Qual'è il prossimo?
Il direttore della FDA dell'ufficio di scienza e ingegneria, Edward Margerrison, ha partecipato alla riunione e ha poi messo in guardia contro la formulazione di conclusioni avventate basate sulle votazioni di mercoledì. "Stiamo adottando un approccio responsabile", ha detto. "Non andiamo a prendere decisioni impulsive"

La FDA tradurrà i risultati dei roditori in rischi per la salute umana e la Commissione federale delle comunicazioni deciderà se le conclusioni della FDA sono abbastanza serie da giustificare l'introduzione di standard di emissioni inferiori per i cellulari degli Stati Uniti o di adottare altre precauzioni.

--------------------------------------------------------------------------------------------

articolo con riscontro di dettaglio della commissione degli esperti e voti

https://www.saferemr.com/2018/01/national-toxicology-program-peer-public.html

----------------------------------------------------------------------------------------------------------


NTP Should Analyze Overall Tumor Risk in Cell Phone Radiation Studies


In my written submission to NTP about the cell phone radiation studies, I recommended that NTP analyze the overall tumor risk from cell phone radiation exposure. After watching the three-day expert review of these studies, I restate this recommendation. 

While it is useful to examine what happened to the trees in the forest in this experiment (e.g., the increased risk of a specific tumor  developing in male rats from GSM exposure), it is essential to examine what happened to the forest (e.g., the overall risk of a male rat developing a malignant tumor from exposure to cell phone radiation).

NTP should test the null hypothesis that lifelong exposure to non-thermal levels of cell phone radiation does not increase the incidence of cancer.

There are several strong justifications for conducting this analysis.

First, a 5-year, $5 million Air Force study found low incidences of various types of tumors in male rats exposed to microwave radiation. In that study, the exposed rats were three times more likely to get cancer than the control rats. The study employed much lower intensity microwave radiation than the NTP studies.

Second, early toxicology research on the effects of tobacco found low incidences of many types of tumors among animals exposed to tobacco smoke. Scientists dismissed this evidence as they assumed an agent could not cause cancer in different types of tissue. History later proved them wrong.
Third, numerous biologic studies have found that exposure to low-intensity radiofrequency radiation increases oxidative stress causing generation of free radicals, stress proteins, and DNA damage in many different types of cells.

Finally, my preliminary analysis of the overall tumor risk using summary data from the appendices to the NTP report, found that male rats exposed to cell phone radiation were significantly more likely to develop cancer than control rats (38% vs. 25.5%; p = .021), and more likely to develop a nonmalignant tumor (70% vs. 54%; p = .003).

Male rats in the lowest cell phone radiation exposure group, 1.5 watts per kilogram, were also more likely to develop a nonmalignant tumor than control rats (74% vs. 54%; p < .001). Although cancer incidence for this low exposure group was greater than the control group, the difference was not statistically significant (34% vs. 25.5%; p = .163).

NTP should conduct these analyses controlling for differences in survival between the exposed and control animals.

http://www.saferemr.com/2018/01/national-toxicology-program-peer-public.html

--

Experts find "clear evidence" of cancer from cell phone radiation in NTP study

Electromagnetic Radiation Safety, March 28, 2018 (UPDATED March 30)

Eleven experts convened by the National Toxicology Program (NTP) over a three day period to review the draft technical reports from the NTP's cell phone radiation studies concluded that there is "clear evidence" that exposure to cell phone radiation caused a rare cancer in the hearts of male rats, and there is "equivocal evidence" for the hearts of female rats.
The expert panel also reported "some evidence" that cell phone radiation exposure caused brain cancer in male and female rats and cancer of the adrenal glands in male rats. Additionally, "equivocal evidence" of cancer risk was reported in the pituitary, adrenal, and prostate glands and pancreas and liver in male rats and adrenal glands in female rats.
The mice in the study, exposed to a different cell phone radiation frequency than the rats (1800 MHz vs. 900 MHz), displayed less evidence of cancer risk. Equivocal evidence of cancer risk from cell phone radiation was reported for lymphoma in male and female mice. Equivocal evidence was also reported for skin, lung, and liver cancer in male mice.
In seven instances, the expert group upgraded the evaluations of evidence published by NTP staff in the draft technical reports. Thus, the NTP scientists appear to have been overly conservative in their assessment of the hazards of long-term exposure to cell phone radiation.

A table (dated March 30) based upon NTP's official results which compares the evaluations of evidence of carcinogenicity prepared by NTP staff with the expert committee's findings can be found at:
General Interest:
By Mark Hertsgaard and Mark Dowie,THE NATION, March 29, 2018.

-- 


NTP cell phone studies — experts recommend elevated conclusions

John BucherBucher cautioned that the findings tell us that we should take a closer look, but they should not be directly extrapolated to human cell phone usage. (Photo courtesy of Steve McCaw)
A panel of external scientific experts met March 26-28 at NIEHS and recommended that some National Toxicology Program (NTP) conclusions be changed to indicate stronger levels of evidence that cell phone radiofrequency radiation (RFR) caused tumors in rats.
The panel agreed with NTP conclusions that there was little indication of RFR-related health problems in mice. The panel reviewed the conclusions of two draft technical reports, one in rats and one in mice, based on 10 years and $25 million of research.
“It was gratifying that the members of the expert panel unanimously praised the NTP cell phone studies as very well done, and vitally important research,” said NTP Senior Scientist John Bucher, Ph.D. “They conducted a thorough review, engaged in spirited debate, and grappled with the same uncertainties as did the NTP staff.”
Bucher stressed that the goal of the study was to establish the potential health hazard of exposure to cell phone RFR. He said that to detect a potential effect, the rodents’ whole bodies were exposed to levels equal to and higher than the highest level permitted for local tissue exposure in cell phone emissions today.
David EatonPanel chair David Eaton, Ph.D., of the University of Washington, said NTP was clairvoyant for including in utero exposure long before this was commonly considered in toxicology. (Photo courtesy of Steve McCaw)

Heart, brain, and adrenal tumors

Working from the NTP scale of clear evidence, which is graded as some evidence, equivocal evidence, and no evidence, the panel made several recommendations.
The experts recommended that tumors in tissues surrounding nerves in the hearts of male rats, called malignant schwannomas, be reclassified from some evidence to clear evidence of carcinogenic activity.
In female rats, they recommended reclassification of malignant schwannomas from no evidence to equivocal evidence of carcinogenic activity. The panel agreed that there were unusual patterns of cardiomyopathy, or damage to heart tissue, in exposed male and female rats.
“When I look at these types of studies, I look for high-level signals that can infer mechanisms. I have more questions than answers, but the heart is clearly sending a signal in the rat studies, between the levels of cardiomyopathy and malignant tumors,” said panelist Rick Adler, D.V.M., Ph.D., senior director of discovery and regulatory pathology for GlaxoSmithKline.
The panel recommended that findings for a type of brain tumor, called malignant glioma, and a tumor in the adrenal gland, called pheochromocytoma, be reclassified as some evidence of carcinogenic activity in male rats.

Tissue changes and lower body weights

Chad BlystoneBlystone oversaw internal scientific reviews with NTP staff. (Photo courtesy of Steve McCaw)
NTP researchers also looked for noncancerous health effects in rats and mice. The panel agreed that there were increases in damage to brain tissue in exposed male and female rats, which further supported the classifications of cancerous effects in the brain.
For several other tissues, including the prostate and pituitary glands, the panel agreed that tissue changes were equivocal, meaning it was unclear if any of these tumor increases were related to RFR.
NTP also reported lower body weights among newborn rats and their mothers, especially when exposed to high levels of RFR during pregnancy and lactation, but these animals later grew to normal size.
“I want to highlight that we don’t rely on one specific item for determining response,” said NTP toxicologist Chad Blystone, Ph.D. He explained that NTP staff review numerous factors when determining conclusions, including those listed below.
  • Statistics.
  • Dose-response relationship.
  • Commonality of tumors and tissue changes.
  • Comparison to concurrent and historical controls.
  • Findings across sexes and species.

Most expensive, technically challenging studies

To conduct the studies, NTP worked with collaborators at the IT’IS Foundation to design special chambers that exposed rats and mice to different levels of RFR for up to two years, including exposure to pups while in the womb.
Myles Capstick, Ph.D., of the IT’IS Foundation explained that they wanted to expose the whole animals because they were not sure where health effects might occur. “We were aiming to expose as many tissues as possible, not mimic a phone next to the head,” said Capstick.
Capstick, Kuster, LadburyFrom right, John Ladbury of the National Institute of Standards and Technology, Kuster, and Capstick presented the exposure system and how it was validated. (Photo courtesy of Steve McCaw)
Exposure levels ranged from 1.5 to 6 watts per kilogram in rats and 2.5 to 10 watts per kilogram in mice. The low power level for rats was equal to the highest level permitted for local tissue exposures to cell phone emissions today. The animals were exposed for 10-minute on, 10-minute off cycles that totaled more than 9 hours each day.
The studies used 2G and 3G frequencies and modulations that are still used in voice calls and texting in the United States. More recent 4G, 4G-LTE, and 5G networks for streaming video and downloading attachments use different cell phone signal frequencies and modulations than NTP used in these studies. Niels Kuster, Ph.D., of the IT’IS Foundation added that their studies of 4G technologies are very similar.
There were approximately 3,000 animals in the study, and pathologists examined 50 tissues in each animal to look for signs of cancer or other changes.
(Virginia Guidry, Ph.D., is a technical writer and public information specialist in the NIEHS Office of Communications and Public Liaison and a regular contributor to the Environmental Factor.)

Asimina Kiourti
Michael Wyde
Asimina Kiourti, Ph.D., of the Ohio State University, acknowledged the challenge of changing technology. “How to catch up with technology?” she said. “This study delivered 100 percent of what you promised.” (Image courtesy of Steve McCaw)


https://factor.niehs.nih.gov/2018/4/feature/feature-2-cell-phone/index.htm


--

Male rats exposed to cell phone radiation were significantly more likely to develop tumors and cancer 


Null hypothesis rejected
Electromagnetic Radiation Safety, March 30, 2018  (Updated April 2)
... my preliminary analysis of the overall tumor risk using summary data from the appendices to the NTP report, found that male rats exposed to cell phone radiation were significantly more likely to develop a tumor than control rats overall (81% vs. 62%; p < .001), and even in the lowest cell phone radiation exposure group, 1.5 watts per kilogram (82% vs. 62%; p <.001).
Male rats exposed to cell phone radiation were significantly more likely to develop cancer than control rats (38% vs. 26%; p = .021), and more likely to develop a nonmalignant tumor (70% vs. 54%; p = .003).

Male rats in the lowest cell phone radiation exposure group, 1.5 watts per kilogram, were also more likely to develop a nonmalignant tumor than control rats (74% vs. 54%; p < .001). Although cancer incidence for this low exposure group was greater than the control group, the difference was not statistically significant (34% vs. 26%; p = .163).

NTP should conduct these analyses controlling for survival differences between the exposed and control animals.

National Toxicology Program: Peer & public review
Also see:

National Toxicology Program Finds Cell Phone Radiation Causes Cancer
Ramazzini Institute Replicates Key Finding from NTP Study 
 


--
Joel M. Moskowitz, Ph.D., Director
Center for Family and Community Health
School of Public Health
University of California, Berkeley