Syndication

Visualizzazione post con etichetta DNA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta DNA. Mostra tutti i post

martedì 22 ottobre 2019

Meccanismo d'azione per il cancro da EMF: NTP in pista ! Chiara evidenza di danni del DNA per effetto delle RF



22.10.2019

Il National Toxicology Program (NTP) degli Stati Uniti inizierà presto una nuova fase del suo progetto RF di lunga durata. L'anno scorso, l'NTP ha concluso che le radiazioni RF causano il cancro; ora inizierà una ricerca sistematica di meccanismi per spiegare come e perché si sono sviluppati i tumori. I lavori dovrebbero iniziare entro la fine dell'anno.

Il piano di ricerca è di ampio respiro. Comprende studi sull'espressione genica, stress ossidativo e il danno e la riparazione del DNA, nonché il possibile ruolo svolto dal calore. Altre priorità nell'agenda NTP sono gli studi sul comportamento e lo stress.

Siamo "ottimisti" di poter rilevare i cambiamenti nell'espressione genica e identificare i biomarcatori degli effetti RF, ha dichiarato Michael Wyde di NTP a Microwave News. Wyde sta guidando il nuovo progetto. Continuerà a lavorare con John Bucher, ex direttore associato della NTP, che ha condotto uno studio sugli animali da 30 milioni di dollari, che ha mostrato "prove chiare" che le radiazioni RF possono portare a tumori maligni nei ratti maschi.

L'NTP ha già riferito   (https://microwavenews.com/news-center/ntp-comet-assay) di aver trovato più rotture di DNA - come rilevato con il test della cometa - tra gli animali esposti alla RF, incluso nel cervello in cui i ratti hanno successivamente sviluppato tumori. Tali risultati, presentati in una conferenza due anni fa, sono stati presentati per la pubblicazione. Il documento è attualmente in fase di revisione tra pari, secondo Sheena Scruggs nell'Ufficio delle comunicazioni e delle informazioni pubbliche del NIEHS. (NTP e NIEHS sono strettamente connessi.)

In che modo le radiazioni RF causano rotture del DNA?

Il fatto che l'NTP abbia documentato il danno al DNA "aumenta la credibilità delle scoperte sugli animali", ha affermato Ron Melnick. "È molto utile." Melnick ha guidato il team che ha progettato lo studio NTP; in pensione dal 2009.

Manca ancora, tuttavia, di comprendere il meccanismo in cui le radiazioni RF causano danni al DNA. "Le stesse rotture non ti dicono nulla sul meccanismo al lavoro", ha spiegato Henry Lai in una recente intervista. Venticinque anni fa, Lai e N.P. Singh sono stati il primi a dimostrare che le radiazioni RF possono indurre rotture del DNA, come è accaduto, nel cervello dei ratti.

È generalmente accettato che la radiazione RF non è di per sé abbastanza potente da rompere i legami chimici e quindi incapace di separare direttamente il DNA. All'inizio, Lai e Singh hanno offerto due possibili meccanismi: stress ossidativo e riparazione del DNA compromessa. Lo stress ossidativo è una scorciatoia per la sequenza di eventi che segue un aumento del numero di radicali liberi, molecole biologicamente attive che possono danneggiare il DNA. In alternativa, la radiazione RF può ostacolare la capacità della cellula di riparare le rotture del DNA, che si verificano in modo naturale e non di rado.

Nel 1997, due anni dopo il loro articolo originale, Lai e Singh hanno ottenuto conferme che implicano stress ossidativo. Quando hanno trattato i ratti con melatonina, un ormone naturale che neutralizza i radicali liberi, prima dell'esposizione alla RF non si sono verificate più rotture del DNA. Se le radiazioni potessero effettivamente generare radicali liberi, hanno sottolineato, i rischi andrebbero oltre il cancro includendo l'invecchiamento precoce, nonché l'Alzheimer, la SLA e altre malattie neurologiche.

"Se dovessi progettare il lavoro, esaminerei il legame tra stress ossidativo e danni al DNA", ha detto Melnick. "È fattibile."

Una recente recensione (https://www.tandfonline.com/doi/full/10.3109/15368378.2015.1043557?scroll=top&needAccess=true)  di circa 100 articoli ha scoperto che oltre il 90 percento "ha confermato che le radiazioni RF [di basso livello] inducono effetti ossidativi nei sistemi biologici". È stato pubblicato su Electromagnetic Biology and Medicine,  nel 2016.

Wyde di NTP ha affermato che un primo importante passo sarà "replicare i test delle comete" per confermare che le radiazioni RF danneggiano il DNA. Ha citato alcune incertezze interpretative dovute all'ampia variazione dell'entità delle rotture osservate negli esperimenti NTP originali e al piccolo numero di animali utilizzati. Se le interruzioni venissero replicate, Wyde prevede di eseguire ulteriori "test più specifici e robusti" per valutare il danno al DNA e riparare gli enzimi.

Nuove camere di esposizione più piccole

Per questa nuova fase del progetto RF, l'NTP si è nuovamente rivolto alla Fondazione IT IS di Zurigo per progettare e costruire nuove camere di riverbero, che sono più compatte e meno costose delle unità costruite per lo studio originale. Come prima, queste unità più piccole consentiranno anche agli animali di muoversi liberamente mentre sono esposti a radiazioni a 900 MHz o 1800 MHz. Ognuno può ospitare fino a dieci animali.

 

21.10.2019
pubblicazione del seg. lavoro dei ricercatori di NTP    https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/em.22343


I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l'esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA.

domenica 23 febbraio 2014

Fantastico: nuovo acronimo .... RMO

RADIATION MODIFILED ORGANISM

gli americani ha nno questa grande fantasia per sintetizzare in una parola concetti anche difficili ...

martedì 22 maggio 2012

Montagnier: ELF innescano azione patologica di vrus e batteri



documento dal professor Luc Montagnier spiega che "le basse frequenze di rumore di fondo  elettromagnetico ambientale innesca la emissione di onde elettromagnetiche da parte del DNA di agenti infettivi, virus e batteri nel corpo umano, e potrebbe quindi contribuire all'azione patologico ".

vedere

http://www.scribd.com/cinciripini9117/d/94393125-Montagnier-DNA-ELF