Syndication

sabato 3 ottobre 2020

L'Istituto Superiore per la Sanità Olandese assolve il 5G, ma con molti ... "ma..."

 https://www.emfacts.com/2020/10/the-health-council-of-the-netherlands-advisory-committee-on-5g-and-health/



Notate l'equilibrismo di questo Ente pubblico che deve dare l'OK alla implementazione del 5G, ovviamente, ma cerca tutti i modi per pararsi il c... ! 




Poiché le bande di frequenza più basse per 5G (fino a 3,5 GHz) sono già utilizzate da anni per le applicazioni di telecomunicazione e Wi-Fi senza che ne derivino effetti nocivi per la salute, il comitato non vede alcuna ragione per interrompere o limitare l'uso di queste bande di frequenza. Raccomanda tuttavia di monitorare l'esposizione prima, durante e dopo l'introduzione dei sistemi 5G. In questo modo sarà chiaro fino a che punto l'esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza cambia in seguito all'introduzione del 5G e gli eventuali rischi a lungo termine per la salute possono essere stimati meglio. L'analisi dell'OMS può essere utilizzata anche per stimare i rischi.

Il comitato raccomanda di fare più ricerca:

      la ricerca epidemiologica sulla relazione tra l'esposizione alle frequenze 5G utilizzate e l'incidenza del cancro, la riduzione della fertilità maschile, gli esiti negativi della gravidanza e i difetti congeniti. Uno studio internazionale in corso sull'uso dei telefoni cellulari, al quale partecipano i Paesi Bassi, può svolgere un ruolo in questo senso.

      ricerca sperimentale sugli effetti sulla salute dell'esposizione ai campi elettromagnetici nella banda di frequenza a 26 GHz. studi di scenario per ottenere un quadro dell'esposizione degli individui a causa dei sistemi di comunicazione senza fili (3G, 4G e 5G).

Il comitato raccomanda di non utilizzare la banda di frequenza a 26 GHz per il 5G fino a quando non saranno stati studiati i potenziali rischi per la salute.

Infine, il comitato raccomanda di utilizzare le ultime linee guida della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) come base per la politica di esposizione nei Paesi Bassi. Poiché non si può escludere che l'esposizione ai sensi degli ultimi standard ICNIRP abbia anche il potenziale di influire sulla salute, il comitato raccomanda di adottare un approccio prudente e di mantenere le esposizioni al livello più basso ragionevolmente ottenibile.

Nessun commento:

Posta un commento