Syndication

venerdì 3 gennaio 2020

National Institutes of Health – agenzia governativa US per la ricerca biomedica fa il punto sulla ricerca su 5G

Importante 'news' sul sito del National Institutes of Health – agenzia governativa statunitense per la ricerca biomedica   


Michael Wyde, Ph.D.,  ricercatore presso il famoso NTP (National Toxicologic Program, ente di ricerca tossicologica che paralellamente al nostro Istituto Ramazzini hanno consolidato con sperimentazione su animali la relazione causale tra CEM e tumori)  ha analizzato la tecnologia cellulare di ultima generazione e i suoi potenziali effetti sulla salute umana.

.....

Dati alcuni dei problemi che ho appena menzionato, è difficile confrontare il 5G con le precedenti generazioni di reti wireless. Gli scienziati NTP stanno ancora lavorando per comprendere l'impatto dell'esposizione alla RFR sui tessuti biologici, indipendentemente dalla generazione.

È noto che le onde millimetriche, come quelle utilizzate nel 5G, non viaggiano tanto lontano e non penetrano nel corpo così profondamente come la RFR alle frequenze più basse utilizzate nelle attuali reti 2G, 3G e 4G. Gran parte dell'assorbimento a frequenze più elevate si verifica nella pelle.

Alle frequenze più basse, è stato dimostrato che la RFR penetra almeno tre o quattro pollici nel corpo umano. Nei nostri studi sui ratti, l'esposizione alla RFR a 900 MHz ha indotto tumori nel cuore, nel cervello e nella ghiandola surrenale. Tuttavia, la frequenza RFR alle frequenze delle onde millimetriche 5G non penetrerebbe abbastanza in profondità per raggiungere quei tessuti.

Inoltre, poiché le frequenze più elevate nella rete 5G raggiungono distanze più brevi e non penetrano nelle barriere fisiche, sono necessari sostanzialmente più trasmettitori e antenne per fornire copertura ai consumatori. Pertanto, la vicinanza dell'uomo alle antenne potrebbe aumentare, il che potrebbe potenzialmente portare a esposizioni più elevate


NTP sta valutando la letteratura esistente sulle frequenze più alte destinate all'uso nella rete 5G e sta lavorando per comprendere meglio le basi biologiche per i risultati del cancro riportati in precedenti studi sulla RFR con tecnologie 2G e 3G.

Inoltre, sono in corso lavori per sviluppare camere di esposizione RFR più piccole per studi a breve termine sui roditori che richiederanno settimane e mesi per essere completati anziché anni. Il nuovo sistema di esposizione sarà anche in grado di valutare le nuove tecnologie nel settore delle telecomunicazioni.

L'obiettivo di NTP è anche quello di ripetere gli studi sul danno al DNA nelle camere di esposizione RFR più piccole e di identificare i biomarcatori di danno da esposizione a RFR.
I biomarcatori sarebbero cambiamenti fisici misurabili, come i cambiamenti molecolari, che possono essere visti in tempi più brevi di quelli necessari per sviluppare il cancro e che potrebbero essere predittivi della malattia.

Se gli scienziati sono in grado di comprendere meglio i cambiamenti biologici negli animali, sapranno di più su cosa cercare nell'uomo.




https://factor.niehs.nih.gov/2020/1/community-impact/5g-technology/index.htm

Nessun commento:

Posta un commento