Syndication

lunedì 30 settembre 2013

si comincia a parlare di 5G ! migliaia di volte più veloce del 4G !

Mentre in Italia si sta procedendo ad installare un qualche migliaio di nuove antenne (aggiuntive !) per la copertura della banda 4G (LTE) che permette di usare ad es. lo smartphone anche come televisione, in Est Asiatico , Giappone, Corea   stanno sperimentando il 5G forse disponibile nel 2020.

In questo articolo la Samsung parla di un dispositivo in sperimentazione in grado di scaricare un film in un secondo a distanza di 3 Km !   Chiaro ???  la banda di frequenze è Tetra Hertz, ovvero migliaia di GHz.                    

Nessuno sperimenta quali possono essere gli effetti sugli organismi viventi, incluso l'animale chiamato Uomo ?!

venerdì 27 settembre 2013

5 Mil di $ per la ricerca australiana su effetti dei EMF ... già indirizzati, però !

Molto interessante è sapere che il governo australiano investe 5 milioni di Dollari (australiani) per capire meglio se le radiofrequenze creano danni ai bambini.

Questa cifra è affidata al Prof. Croft.

Forti dubbi vengono posti da, ad es.,  Joel MOSKOWITZ  sul destino di questi soldi visto che questo personaggio, molto noto a livello internazionale, ha più volte e con forza conclamato che le radiofrequenze non rappresentano rischi alla popolazione !!!  Joel ha individuato diverse sue  enunciazioni pubbliche in tal senso !!!

Questo è un altro esempio di mistificazione della scienza ad uso politico: 
l'informazione che arriva ai cittadini (australiani innanzitutto) è che il governo è buono e bravo perché spende ben 5 Mil per fare chiarezza !  Punto !  Il risultato sarà scontato ...




Australian government announce multi-million dollar research into possible health effects of mobile phones
GSMA, September 26, 2013 
The Australian government will contribute 5 million dollars over the next five years towards research into the possible health effects of exposure to electromagnetic radiation from mobile phone technology.
This is the second 2.5 million dollar grant to be awarded by the National Health and Medical Research Council in the space of a year and will go to researchers from Wollongong and Monash Universities to establish a Centre of Research Excellence for Population Health Research on Electromagnetic Energy.
Just last year, ICNIRP commissioner and researcher from the Illawarra Health and Medical Research Institute (IHMRI), Professor Rodney Croft, was awarded a similar grant to set up the Australian Centre for Electromagnetic Bioeffects Research.
Professor Croft, who will also play a large part in the new research project, said the general aim of the research was to understand whether “there’s a link between radiofrequency emissions that come from things like mobile phones, and health in general.”
“While there is currently no clear evidence that low-level electromagnetic energy is impacting our health, there is not enough information, particularly relating to children, to be sure that it doesn’t,” Professor Croft said.
“The ubiquity of mobile phones coupled with the fact that digital technology will play a huge role in our future means this research is critical, with risk assessment agencies such as the World Health Organization consistently calling for further research to ensure that we identify any potential risks.”
One arm of the research will involve the development of a sleep laboratory set up to study the effects of mobile phone signals on children’s brains while they sleep.
Researchers are recruiting 108 children for tests to start next year, which will expose children to a mobile phone, or the equivalent electromagnetic energy, and look for changes in the electrical activity in the brain during a normal night’s sleep.
“There’s a pretty strong consensus that there’s not a problem in adults, but people have only started doing research on children in the last five years and very little has come out of it,” Professor croft said.
“We’ve got no reason to believe that  there’ll be a greater effect in children than in adults.
“But we just don’t understand well enough the maturational phases that children go through, so it’s possible there’s greater sensitivity.”
The research project will also try to determine the mechanisms by which electromagnetic energy from radio frequencies interacts with brain function, as well as addressing possible cancer risks.
Another research focus will be on debunking criticism by activists and the researchers will also look into the role electromagnetic energy plays in people who claim to be sensitive to wireless signals.
Professor Croft will also be working with international standards bodies to develop electromagnetic energy guidelines and with policy makers on better communicating potential risks to the public.
http://bit.ly/1fKwkif

--

mercoledì 25 settembre 2013

Nuovo studio di L Hardell conferma la relazione tra esposizione a RF e tumore al cervello (meningioma):

Viene pubblicato un articolo su un' importantissima rivista scientifica, International Journal of Oncology, con le conclusioni di un ultimo studio che Hardell e il suo team ha avviato esaminando i dati epidemiologici  con diagnosi eseguite negli anni 2007-2009. Obiettivo era  verificare la esistenza di meningioma (assente nelle conclusioni dello IARC /2011,  che ha comunque portato alla classificazione delle RF come possibili concerogeni).


I dati evidenziati sono chiari di esistente correlazione dall' uso di cordless e cellulare per periodi fino a  più di 25 anni.





International Journal of Oncology
Case-control study of the association between malignant brain tumours diagnosed between 2007 and 2009 and mobile and cordless phone useAuthors: Lennart Hardell, Michael Carlberg, Fredrik Söderqvist, Kjell Hansson Mild
Affiliations
Department of Oncology, University Hospital, SE-701 85 Örebro, Sweden, Department of Radiation Sciences, Umeå University, SE-901 87 Umeå, Sweden

Published online on: Tuesday, September 24, 2013
Pages: 0-0
DOI: 10.3892/ijo.2013.2111


Abstract

Previous studies have shown a consistent association between long-term use of mobile and cordless phones and glioma and acoustic neuroma, but not for meningioma. When used these phones emit radiofrequency electromagnetic fields (RF-EMFs) and the brain is the main target organ for the handheld phone. The International Agency for Research on Cancer (IARC) classified in May, 2011 RF-EMF as a group 2B, i.e. a ‘possible’ human carcinogen. The aim of this study was to further explore the relationship between especially long-term (>10 years) use of wireless phones and the development of malignant brain tumours. We conducted a new case-control study of brain tumour cases of both genders aged 18-75 years and diagnosed during 2007-2009. One population-based control matched on gender and age (within 5 years) was used to each case. Here, we report on malignant cases including all available controls. Exposures on e.g. use of mobile phones and cordless phones were assessed by a self-administered questionnaire. Unconditional logistic regression analysis was performed, adjusting for age, gender, year of diagnosis and socio-economic index using the whole control sample. Of the cases with a malignant brain tumour, 87% (n=593) participated, and 85% (n=1,368) of controls in the whole study answered the questionnaire.

The odds ratio (OR) for mobile phone use of the analogue type was 1.8, 95% confidence interval (CI)=1.04‑3.3, increasing with >25 years of latency (time since first exposure) to an OR=3.3, 95% CI=1.6-6.9. Digital 2G mobile phone use rendered an OR=1.6, 95% CI=0.996-2.7, increasing with latency >15-20 years to an OR=2.1, 95% CI=1.2-3.6. The results for cordless phone use were OR=1.7, 95% CI=1.1-2.9, and, for latency of 15-20 years, the OR=2.1, 95% CI=1.2-3.8. Few participants had used a cordless phone for >20-25 years. Digital type of wireless phones (2G and 3G mobile phones, cordless phones) gave increased risk with latency >1-5 years, then a lower risk in the following latency groups, but again increasing risk with latency >15-20 years. Ipsilateral use resulted in a higher risk than contralateral mobile and cordless phone use. Higher ORs were calculated for tumours in the temporal and overlapping lobes.
Using the meningioma cases in the same study as reference entity gave somewhat higher ORs indicating that the results were unlikely to be explained by recall or observational bias.
This study confirmed previous results of an association between mobile and cordless phone use and malignant brain tumours. These findings provide support for the hypothesis that RF-EMFs play a role both in the initiation and promotion stages of carcinogenesis.

Il Governo Autraliano ordina un compenso economico a causa di elettrosensibilità

In questo articolo   si racconta come un tribunale amministrativo australiano ha imposto al datore di lavoro di compensare economicamente la impossibilità a svolgere il suo lavoro ad una persona elettrosensibile, anche se la elettrosensibilità non è riconosciuta come malattia


“The definition of ailment does not require that it be a condition which fits within a particular diagnostic criteria,”
=   la definizione di DISTURBO non richiede che debba rientrare perfettamente secondo criteri diagnostici specifici.

martedì 24 settembre 2013

Iniziativa Europea di legge popolare sull'elettrosmog


Diversi gruppi di cittadini di diversi paesi europei concordano sulla necessità di presentare una iniziativa dei cittadini europei per regolamentare le radiazioni elettromagnetiche  ed evitarne la contaminazione .

La preoccupazione dei cittadini espressa nel ‘Speciale Eurobarometro no. 347’ (della Comunità Europea) sui campi elettromagnetici ha di fatto avviato il  processo di coordinamento di persone e gruppi di attivisti europei,  che ha come primo frutto il consenso sul  Manifesto Europeo a sostegno della ECI nel giugno 2013 sulle seguenti basi :

- Le raccomandazioni delle istituzioni europee :

La risoluzione 1815 (2011) , l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa sui potenziali rischi dei campi elettromagnetici e dei loro effetti sull'ambiente .

Le risoluzioni protezionisti del Parlamento europeo (2007/2252 ( INI ) e 2008/ 2211 ( INI)) , e le raccomandazioni dell'Agenzia europea per l'ambiente dal 2007 ad oggi .

- Il rispetto delle convenzioni internazionali:

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità ( 2006) .

Convenzione di Aarhus ( 1998) , in materia di accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale .

- Le riviste scientifiche e risoluzioni :

Il Rapporto BioInitiative 2007-2012 , revisione di oltre 3.800 studi . .

La monografia della Commissione Internazionale per la Sicurezza Elettromagnetica ( ICEMS ) , " effetti non termici e meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici e materia vivente " , 2010.

Delibere scienziati, come ICEMS , e numerose associazioni professionali e scientifiche .



LE PRINCIPALI PROPOSTE DEL MANIFESTO EUROPEO A SOSTEGNO DEL ECI :

• Applicazione del principio di precauzione secondo  ALARA ( livello più basso ragionevolmente ottenibile ) e/o  ALATA (livello più basso tecnicamente  ottenibile alla esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

• Minimizzazione dei limiti di esposizione ai campi elettromagnetici , sulla base dei documentati bio- effetti, e loro monitoraggio completo ed in tempo reale , ai 0,6 V / m (all'aperto ) per le  radiofrequenze e 1 mG per EMF  a frequenze estremamente basse .

• Campagne di informazione ed etichettatura dei dispositivi per ridurre al minimo l' esposizione a campi elettromagnetici .

• Scuole come zone libere daEMF .

• Il riconoscimento e la protezione delle persone con  ipersensibilità elettromagnetica ( EHS ) nelle aree sanitarie, lavorative sia pubbliche  che private ( a casa )
• Promozione e creazione di reti, tecnologie e tecniche biocompatibili e sostenibili .

• Norme sanitarie di protezione dalla esposizione passiva .
Queste proposte sono quelle che ispirano la prossima procedura di  iniziativa  dei cittadini europei , che  mira ad aprire il dibattito in seno al Consiglio d'Europa , del Parlamento europeo e degli Stati membri dell'Unione europea,  per avviare modifiche legislative necessarie per facilitare l'attuazione del Principio di Precauzione e la difesa della salute nello sviluppo di tecnologie wireless e di reti elettriche .


Il 3.10.2013 si terrà a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo un incontro organizzativo e di incontro tra i rappresentanti delle diverse organizzazioni nazionali patrocinanti .                Immediatamente dopo  ci sarà l’opportunità di presentare la iniziativa sia ai Membri del Parlamento Europeo invitati che ai media.

La ReteNoelettrosmogItalia.it  partecipa alla Iniziativa Europea ed ha inviato più email a europarlamentari Italiani chiedendo la loro partecipazione a questo evento.  Al momento non ci sono  risposte affermative!   Speriamo che ciò avvenga nel prossimo futuro.

domenica 22 settembre 2013

Sentenza del Consiglio di Stato: no alle antenne , ma solo per motivo paesaggistico !



Consiglio di Stato, Sez. III, n. 3690, del 10 luglio 2013
Elettrosmog.Legittimità diniego impianto telefonia mobile cellulare per incompatibilità con le norme del Piano Paesistico
Va precisato che il favor assicurato, soprattutto dagli artt. 86 e seguenti del d.lgs. 259/2003, alla diffusione delle infrastrutture a rete della comunicazione elettronica, se comporta una forte compressione dei poteri urbanistici conformativi ordinariamente spettanti ai Comuni, non arriva a derogare alle discipline poste a tutela degli interessi differenziati, in quanto espressione di principi fondamentali della Costituzione, come quello naturalistico ambientale
 
 
quindi:
 
se la stazione radio base deturpa il paesaggio, si blocca,
se invece inquina i cittadini,   ... si va avanti !!!

Tumore al seno ad età anticipata: sicura relazione con l'abitudine di portare il cellulare nel reggiseno

Viene riportato uno studio  di una università californiana, in cui  è stata eseguita una ricerca partendo da un 'nuovo' incremento di tumori al seno in donne con età < 40 anni.
Sono stati esaminati 4 casi di giovani donne che avevano l'abitudine di portare il telefono nel reggiseno per ore al giorno e da anni.  La proliferazione del tumore è stato riportato nella stessa zona a contatto con il cellulare.  Esse non avevano alcuna familiarità di cancro nella famiglia.