Syndication

Visualizzazione post con etichetta LED. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta LED. Mostra tutti i post

giovedì 30 maggio 2013

Li-Fi invece del Wi-Fi ? una via di uscita ?

La tecnologia basata sulla connessione e trasmissione dati via fotoni, chiamata LiFi potrebbe essere una soluzione alternativa al devastante wifi.  Sicuramente per l'utilizzo allo interno di case ed uffici.

Questa tecnologia sta avvicinandosi ad una commercializzazione.

Qui c'è un articolo + video di una università di Glasgow .

Viene però il dubbio sugli effetti sulle persone: sicuramente non testato !  le frequenze sono completamente diverse ...   è da studiale

lunedì 6 agosto 2012

Lampade a basso consumo e danni alla pelle

Ricercatori USA hanno dimostrato gli effetti dannosi delle lampade a basso consumo sullo invecchiamento della pelle

sabato 28 luglio 2012

Indagine - questionario sulle lampade a basso consumo

La Associazione di Elettorsensibili Inglese sta raccogliendo testimonianze di persone che sono affette dalla presenza di lampade a basso consumo (a risparmio energetico) come anche quelle a LED

Qui c'è il link al questionario, in inglese.

Si consiglia di rispondere in modo da metterli in condizione di dare un peso maggiore alle richieste sia al Governo Inglese che alla Comunità Europea.

Entro il 30.9.2012

giovedì 11 agosto 2011

Non più wireless ... ma connessione con luce LED !

Immaginate di usare i fari auto per trasmettere i dati ... o navigare sul web in modo sicuro su un aereo, legato solo da una linea di luce .

Harald Haas sta lavorando su di esso. Un professore di ingegneria presso l'Università di Edimburgo, Haas è stato a lungo studiato il modo di comunicare i dati elettronici con segnali, la progettazione di tecniche di modulazione del pacchetto  di più dati su reti esistenti. Ma il suo ultimo lavoro  va  oltre i fili e le onde radio per trasmettere i dati tramite una lampadina a LED che si illumina e si oscura velocemente di quanto l'occhio umano può vedere.


Il sistema, che lui chiama D-Light, utilizza un algoritmo matematico chiamato OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing), che permette di variare l'intensità della produzione dei LED ad un ritmo molto veloce, invisibile ad occhio umano (per l'occhio, la lampadina sarebbe semplicemente su e fornendo luce). Il segnale può essere raccolto da semplici ricevitori. A partire da ora, Haas sta  sperimentando ad una  velocità di trasferimento dati fino a 10 MBit / s al secondo
(più veloce di una connessione a banda larga tipica), e 100 MBit / s entro la fine di quest'anno e, eventualmente, fino a 1 GB in futuro.

Egli dice:. "Dovrebbe essere così a buon mercato che si trova ovunque , basta utilizzare lo spettro visibile della luce, che è gratis, è possibile  utilizzare gli attuali  servizi senza fili sul retro di apparecchi di illuminazione.

http://www.ted.com/talks/harald_haas_wireless_data_from_every_light_bulb.html?utm_source=newsletter_weekly_2011-08-03&utm_campaign=newsletter_weekly&utm_medium=email