Syndication

giovedì 1 novembre 2018

Documento conclusivo dell'NTP

https://www.saferemr.com/2018/11/NTP-final-reports31.html

https://emfscientist.org/


Nel 1999, la Food and Drug Administration (FDA) richiese  uno  studio su radiazione da radiofrequenza (RFR ) da parte di NTP. Diciannove anni dopo, l'NTP ha pubblicato le relazioni finali sugli effetti dell'esposizione alle radiazioni dei telefoni cellulari 2G (GSM e CDMA) su ratti e topi.

Le relazioni finali dell'NTP indicano che NTP ha accettato le raccomandazioni del comitato di revisione tra pari sulla cancerogenicità delle radiazioni dei telefoni cellulari. Un riassunto di questi consigli è disponibile su: http://bit.ly/NTP180330.
Oltre a "chiara evidenza" (la categoria più elevata) di cancro nei ratti maschi a seguito di esposizione a radiazioni di telefoni cellulari, l'NTP ha riscontrato la degenerazione nei cuori di ratti maschi e femmine, una diminuzione dei pesi alla nascita nei ratti esposti prenatalmente e danni al DNA nei topi e ratti rispetto ai animali non esposti.

Però  l'NTP sembra minimizzare l'importanza dei risultati per la salute pubblica dei loro studi di radioattività da $ 30 milioni.
I dati nelle seguenti tabelle sono stati estratti dalle tabelle A2 e C2 nel rapporto finale NTP sullo studio sui ratti a 2 anni (pagine 149-150 e 203-204) ....

... il più alto tasso complessivo di tumori (cioè la presenza di un tumore benigno o maligno in qualsiasi organo) sono stati trovati in ratti maschi esposti a 3 watt per chilogrammo di cellulari GSM (87%) o CDMA (84%) radiazione, e il tasso più basso è stato trovato nel gruppo di controllo (63%). I gruppi esposti avevano tassi di tumore complessivamente significativamente più elevati rispetto ai gruppi di  controllo.

I più alti tassi di cancro (cioè tumori maligni) sono stati riscontrati in ratti maschi esposti a 3 watt per chilogrammo di radiazioni cellulari GSM (42%) o CDMA (46%) e il tasso più basso è stato riscontrato nel gruppo di controllo fittizio (27 %). Anche qui i gruppi esposti presentavano tassi di cancro complessivamente più elevati rispetto ai controlli fittizi.

Inoltre, i ratti maschi nei gruppi di esposizione più bassi (1,5 watt per chilogrammo) avevano tassi significativamente più elevati di tumori benigni (76% per il GSM, 73% per CDMA) rispetto al gruppo di controllo fittizio (54%).

I risultati degli studi dell'Istituto NTP e Ramazzini riaffermano le preoccupazioni sollevate dalla comunità scientifica nell'Appello Scientifico Internazionale EMF  https://emfscientist.org/   sui danni causati dall'esposizione cronica a campi elettromagnetici a bassa intensità (EMF). L'Appello, che è stato firmato da oltre 240 scienziati EMF che hanno pubblicato oltre 2.000 articoli su EMF e biologia o salute su riviste specializzate, chiede di mettere in guardia il pubblico e rafforzare le linee guida dell'EMF, in particolare per proteggere i bambini e le donne incinte.

Nessun commento:

Posta un commento