Syndication

martedì 24 dicembre 2013

WHO/OMS si preoccupa di come ... comunicare il rischio !

C'è stato un convegno - tra l'altro in Italia, a Trento - sulla necessità di saper comunicare il rischio alla popolazione : vedere il documento finale, corposo

Centrale è The Sandman formula and definition of risk perception



R = H + O
R (perceived RISK) = H (measurable HAZARD) + O (OUTRAGE or sense of injustice)

 
ovvero il rischio percepito dipende sia dalla probabilità che il pericolo si realizzi   che dal senso di offesa e/o di ingiustizia derivante.

E nel documento si esemplifica proprio la percezione del rischio da CEM. E si dice:
If hazard is low and outrage high (e.g. in the case of electromagnetic fields), outrage must be managed with caution as simple reassurance can upset people.

Ovvero: se la probabilità è bassa (come per i EMF) , l'offesa' deve essere gestita bene, e semplici riassicurazioni possono fare inc..re. di più la popolazione !   

Inoltre: ...  , risk management and communication are very complex tasks relying on variables such as
timely and correct information, empathy, candour, public trust in authorities and effective policies."
Ovvero:  la gestione del rischio e la comunicazione sono attività  molto complesse e debbono basarsi su variabili quali informazione tempestiva e corretta, empatia, franchezza/onestà, fidarsi delle pubbliche autorità ...
e se lo dice come WHO, che ha classificato le EMF e le ELF come possibili cancerogeni !!!

Nessun commento:

Posta un commento