Syndication

giovedì 19 dicembre 2013

Brutte notizie dai Paesi Nordici

Denmark’s Health and Medicines Authority, the Swedish Radiation Safety Authority, STUK (the Radiation and Nuclear Safety Authority, Finland), the Norwegian Radiation Protection Authority, and Iceland’s Radiation Safety Authority issued Tuesday’s joint statement.

Le autorità Danesi, Svedesi, Finlandesi, Norvegesi e Islandesi che governano la sicurezza delle radiazioni (ionizzanti e non) si sono messe insieme per emettere questo comunicato di martedì scorso che dice che < tutto va ben ...>!

Ovvero,  rimanendo sotto i limiti - fissati da ICNIRP - non ci sono evidenze di rischio per la popolazione.
Dicono che la classificazione di possibile cancerogeno data da IARC/WHO nel 2011 è relativo ad uso intensivo da parte di adulti. [NB negli studi epidemiologici  Interphone che sono stati molto utilizzati, si considerava uso intensivo quello derivante da un uso di oltre 1640 ore  in DIECI anni: fate il conto voi a quanti minuti al giorno corrisponde !!!  la stragrande maggioranza degli utilizzatori sono in questa fascia !]

Dicono che  non ci sono ancora studi epidemiologici confermati per danni ai bambini (quindi  ... aspettiamo che ne muoiano un bel numero così poi facciamo tante belle statistiche ! ).


Commenti di Olle Johansson:

"si perpetua una strategia di 'analisi di rischio' in cui si vuole pesare il numero di studi che riportano danni con quelli che riportano assenza di danni.  Lo stesso che è stato fatto per il rischio fumo.

E' come tranquillizzare un povero uomo che è stato morso da un serpente velenoso, dicendogli di stare tranquillo  che molti altri serpenti, la maggioranza, NON sono velenosi!

Aggiunge, che si deve costringere l'industria elettronica a fare passi avanti come quelli fatti dall' industria automobilistica che per molto tempo ha sempre detto che le loro auto erano sicure e che statisticamente i danni procurati erano irrilevanti, ..., ma negli ultimi anni l'industria automobilistica si sta impegnando a circoscrivere sempre più i possibili rischi per la guida dell'auto, con nuove tecniche e dispositivi.

Al riguardo ricordate che i produttori non garantiscono con assoluta scientifica certezza che i loro prodotti sono sicuri, e che lo stesso vale per  le assicurazioni che  NON assicurano queste società !  Vorrà dire qualcosa ?!

1 commento:

  1. a quanto pare c'è un 'attacco' alle conclusioni dello IARC/WHO. anche Canadian Cancer Society dicono che tutto va bene , no problem ...
    http://www.cancer.ca/en/prevention-and-screening/be-aware/harmful-substances-and-environmental-risks/cell-phones/?region=on

    RispondiElimina