Syndication

sabato 24 gennaio 2015

EESC European Economic Social Committee ha emesso il suo verdetto di riconoscimento della elettrosensibilità

Nella sessione plenaria di gennaio,  questo comitato tecnico di supporto alla Commissione Europea che vede la presenza di 234 membri rappresentanti i 28 stati della EU, ha riconosciuto la elettrosensibilità , auto diagnosticata.  Con una maggioranza di 136 voti, si riconosce la necessità di dare un supporto a chi soffre.
Però aggiunge che non si evidenzia un nesso causale con le radiofrequenze anche se si continua con rimarcare l'importanza del principio della precauzione e che occorre ulteriormente approfondire scientificamente la tematica.  Rimanda al comitato SCENIHR che sta elaborando un documento aggiornato.

COMMENTI:

- è positivo che bel 110 membri abbiano votato contro ovvero per il documento base in cui viene rimarcata la relazione causale
- artefice di questa inversione di marcia è un inglese,  Adams, che è stato dagli amici delle associazioni inglesi ben riconosciuto soggiacente da gravi conflitti di interessi
- le associazioni che hanno firmato il documento base, tra cui Rete, stanno concordando un intervento congiunto di informazione sul misfatto e  di chiedere al Ombudsman  ovvero il garante dei rapporti con la CE,  un suo intervento.



At its January plenary session, the EESC adopted an opinion on electromagnetic hypersensitivity syndrome (EHS) which recognises the distress being suffered by people in Europe who believe they are affected. The opinion, which was adopted by 136 votes to 110 with 19 abstentions, calls for sympathetic and appropriate treatment and support for this condition.
Although the EESC opinion says that radiofrequency exposure is not causally linked to EHS symptoms, it urges continuance of the precautionary principle through regulation and advisory work, particularly as further research is still needed to accumulate evidence concerning any potential health impact from long-term exposure. 
The EESC opinion on electromagnetic hypersensitivity syndrome points out that further substantial research is ongoing to understand the problem and its causes. It also notes that the European Commission’s Scientific Committee on Emerging and Newly Identified Health Risks (SCENIHR) has performed an extensive analysis of this issue and will shortly be completing its latest opinion which draws on a broad public consultation. The opinion will soon be adopted and will be published on the SCENIHR website (http://ec.europa.eu/health/scientific_committees/emerging/index_en.htm).

Nessun commento:

Posta un commento