Syndication

martedì 24 settembre 2013

Iniziativa Europea di legge popolare sull'elettrosmog


Diversi gruppi di cittadini di diversi paesi europei concordano sulla necessità di presentare una iniziativa dei cittadini europei per regolamentare le radiazioni elettromagnetiche  ed evitarne la contaminazione .

La preoccupazione dei cittadini espressa nel ‘Speciale Eurobarometro no. 347’ (della Comunità Europea) sui campi elettromagnetici ha di fatto avviato il  processo di coordinamento di persone e gruppi di attivisti europei,  che ha come primo frutto il consenso sul  Manifesto Europeo a sostegno della ECI nel giugno 2013 sulle seguenti basi :

- Le raccomandazioni delle istituzioni europee :

La risoluzione 1815 (2011) , l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa sui potenziali rischi dei campi elettromagnetici e dei loro effetti sull'ambiente .

Le risoluzioni protezionisti del Parlamento europeo (2007/2252 ( INI ) e 2008/ 2211 ( INI)) , e le raccomandazioni dell'Agenzia europea per l'ambiente dal 2007 ad oggi .

- Il rispetto delle convenzioni internazionali:

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità ( 2006) .

Convenzione di Aarhus ( 1998) , in materia di accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale .

- Le riviste scientifiche e risoluzioni :

Il Rapporto BioInitiative 2007-2012 , revisione di oltre 3.800 studi . .

La monografia della Commissione Internazionale per la Sicurezza Elettromagnetica ( ICEMS ) , " effetti non termici e meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici e materia vivente " , 2010.

Delibere scienziati, come ICEMS , e numerose associazioni professionali e scientifiche .



LE PRINCIPALI PROPOSTE DEL MANIFESTO EUROPEO A SOSTEGNO DEL ECI :

• Applicazione del principio di precauzione secondo  ALARA ( livello più basso ragionevolmente ottenibile ) e/o  ALATA (livello più basso tecnicamente  ottenibile alla esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

• Minimizzazione dei limiti di esposizione ai campi elettromagnetici , sulla base dei documentati bio- effetti, e loro monitoraggio completo ed in tempo reale , ai 0,6 V / m (all'aperto ) per le  radiofrequenze e 1 mG per EMF  a frequenze estremamente basse .

• Campagne di informazione ed etichettatura dei dispositivi per ridurre al minimo l' esposizione a campi elettromagnetici .

• Scuole come zone libere daEMF .

• Il riconoscimento e la protezione delle persone con  ipersensibilità elettromagnetica ( EHS ) nelle aree sanitarie, lavorative sia pubbliche  che private ( a casa )
• Promozione e creazione di reti, tecnologie e tecniche biocompatibili e sostenibili .

• Norme sanitarie di protezione dalla esposizione passiva .
Queste proposte sono quelle che ispirano la prossima procedura di  iniziativa  dei cittadini europei , che  mira ad aprire il dibattito in seno al Consiglio d'Europa , del Parlamento europeo e degli Stati membri dell'Unione europea,  per avviare modifiche legislative necessarie per facilitare l'attuazione del Principio di Precauzione e la difesa della salute nello sviluppo di tecnologie wireless e di reti elettriche .


Il 3.10.2013 si terrà a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo un incontro organizzativo e di incontro tra i rappresentanti delle diverse organizzazioni nazionali patrocinanti .                Immediatamente dopo  ci sarà l’opportunità di presentare la iniziativa sia ai Membri del Parlamento Europeo invitati che ai media.

La ReteNoelettrosmogItalia.it  partecipa alla Iniziativa Europea ed ha inviato più email a europarlamentari Italiani chiedendo la loro partecipazione a questo evento.  Al momento non ci sono  risposte affermative!   Speriamo che ciò avvenga nel prossimo futuro.

Nessun commento:

Posta un commento