Syndication

Visualizzazione post con etichetta sla. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta sla. Mostra tutti i post

martedì 22 settembre 2020

Associazione significativa tra SLA e campi elettromagnetici

 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32946420/



Una importantissma meta-analisi di pubblicazioni su relazione tra SLA e campi elettromagnetici a bassa frequenza, elettroshock  riferita a lavoratori.

E' stato pubblicata su 

Reviews on Environmental Health  che è una rivista posta dal servizio di qualità Shimago nel Q2; gli autori sono Iraniani e Svizzeri (tra cui il ben noto - anche in genere 'negazionista')  Roosli.


L'esposizione a campi magnetici a frequenza estremamente bassa (ELF-MF) e scosse elettriche si verifica in molti luoghi di lavoro e professioni, ma non è chiaro se qualcuna di queste esposizioni causi la sclerosi laterale amiotrofica (SLA). 

Lo scopo di questa revisione sistematica e meta-analisi è di esplorare se l'esposizione professionale a ELF-MF e / o scosse elettriche sono fattori di rischio per la SLA. 

Abbiamo cercato nei database PubMed, Embase e Web of Science fino alla fine del 2019. Le stime di rischio raggruppate sono state calcolate utilizzando una meta-analisi di effetti casuali, inclusa l'esplorazione delle fonti di eterogeneità tra studi e bias di pubblicazione. Ventisette pubblicazioni hanno soddisfatto i criteri di inclusione. Abbiamo trovato un'associazione debole e significativa tra l'esposizione professionale a ELF-MF e il rischio di SLA (stima RRPooled: 1,20; IC 95%: 1,05, 1,38) con eterogeneità da moderata ad alta (I2 = 66,3%) e indicazione di bias di pubblicazione (Test di PEgger = 0,03). Non è stata osservata alcuna associazione tra l'esposizione professionale a shock elettrici e rischio di SLA (stima RRPooled: 0,97; IC 95%: 0,80, 1,17) con elevata eterogeneità (I2 = 80,5%) e scarsa indicazione di bias di pubblicazione (test di PEgger = 0,24) . 

I risultati indicano che l'esposizione professionale a ELF-MF, ma non a scosse elettriche, potrebbe essere un fattore di rischio per la SLA. Tuttavia, data l'eterogeneità da moderata a elevata e il potenziale bias di pubblicazione, i risultati devono essere interpretati con cautela.