Syndication

Visualizzazione post con etichetta review. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta review. Mostra tutti i post

mercoledì 15 agosto 2018

Raccolta di due anni di pubblicazioni scientifiche




https://1.bp.blogspot.com/-Lwt0EvjA8jk/W2tpJ19stXI/AAAAAAAABJ4/LKYzPLbwRUoo0_BJxouSvqVYiSWH7cCsgCLcBGAs/s1600/92%2Bstudies%2Btable.JPG



Dall'ottimo Joel Moskowitz ...

ben 92 lavori scientifici pubblicati in riviste internazionali che parlano di effetti sul sistema riproduttivo, sulla cognizione, su tumore, stress ossidativo, meccanismi d'azione ...

e poi "qualcuno" dice che non c'è rilevanza scientifica !!!


mercoledì 28 marzo 2018

Un ottima rassegna scientifica sul Wifi del Prof Martin Pall

vi segnalo questo importante articolo che sarà prossimamente pubblicato su Environmental Research

qui il link
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0013935118300355?via%3Dihub

venerdì 2 febbraio 2018

833 ricerche confermano la relazione tra campi elettromagnetici e danni alla salute

Grazie a Joel M. Moskowitz, Ph.D.   veniamo a conoscenza del lavoro di analisi e raccolta sistematica di recente documentazione scientifica fatta da Dr. Henry Lai, Professor Emeritus at the University of Washington and Co-Editor-in-Chief of the journal Electromagnetic Biology and Medicine,



In estrema sintesi:


per le radiofrequenze
- il 90% degli studi riportano effetti giustificativi per stress ossidativo e produzione di radicali liberi
- il 64% effetti di alterazione del DNA eseguiti in vitro ed in vivo
- il 72% effetti neurologici 

per basse frequenze:
- il 87% degli studi evidenziano stess ossidativo
- il 74% effetti sul DNA.


qui sotto link per accedere a raccolte di sintesi di  tanti lavori ... sono centinaia di pagine !  


Radiofrequency Radiation (3,000 Hz - 300 GHz):

RFR Research Summary (1990-2017)

mercoledì 12 luglio 2017

Inquinamento elettromagnetico e salute fra controversie, ricerca indipendente ed associazionismo Il caso del movimento degli elettrosensibili

Vi riporto al link di  un bellissimo lavoro (: link    )    scritto da una nostra amica del Mondo Noelettrosmog, Milena Greco.

Leggetelo con attenzione, perché a mio giudizio è un lavoro unico ed originale che tratta tutti gli aspetti socio economici legati alla lotta contro l'elettrosmog.

Il valore è legato al fatto che lei ha unito una review scientifica, in italiano, di buon spessore scientifico ed aggiornata, con un riscontro giurisprudenziale e normativo, aggiungendo una raccolta organica di esperienze di diversi ES (cosa nuova), con una visione storica della scienza medica alla luce (anche del passato) dei 'constrain' legati agli interessi economico-sociali: qui c'è l'approccio antropologico legato alla sua preparazione.

Complimenti Milena !

Giorgio

domenica 19 marzo 2017

Altra meta-analisi su cancro alla testa


In questo recentissimo lavoro tre ricercatori hanno studiato lavori epidemiologici più recenti rispetto alla ultima meta-analisi del 2009, adottando criteri selettivi per considerare solo lavori qualificati e ben documentati.
24 studi sono stati presi in considerazione con 27.000 ca casi e 50.000 controlli.

Le conclusioni sono impressionanti:  
- c'è una relazione causale tra uso di cellulare per più di 10 anni e tumore intracraniale
- un uso sistematico per più i 1640 ore porta ad un incremento del rischio di 2,5 volte per il neuroma
- altra correlazione con la età di inizio utilizzo sistematico con i tumori : addirittura arrivano a dimostrare che cominciare ad utilizzare il cellulare prima dei 20 anni dà una probabilità 4 volte superiore di avere il glioma (un tipo di cancro)



Mobile phone use and risk for intracranial tumors and salivary gland tumors - A meta-analysis

Bortkiewicz A, Gadzicka E, Szymczak W. Mobile phone use and risk for intracranial tumors and salivary gland tumors - A meta-analysis. Int J Occup Med Environ Health. 2017 Feb 21;30(1):27-43. doi: 10.13075/ijomeh.1896.00802. Epub 2017 Feb 13.

Abstract

Results of epidemiological studies on the association between use of mobile phone and brain cancer are ambiguous, as well as the results of 5 meta-analysis studies published to date. Since the last meta-analysis (2009), new case-control studies have been published, which theoretically could affect the conclusions on this relationship. Therefore, we decided to perform a new meta-analysis. We conducted a systematic review of multiple electronic data bases for relevant publications. The inclusion criteria were: original papers, case-control studies, published till the end of March 2014, measures of association (point estimates as odds ratio and confidence interval of the effect measured), data on individual exposure. Twenty four studies (26 846 cases, 50 013 controls) were included into the meta-analysis. A significantly higher risk of an intracranial tumor (all types) was noted for the period of mobile phone use over 10 years (odds ratio (OR) = 1.324, 95% confidence interval (CI): 1.028-1.704), and for the ipsilateral location (OR = 1.249, 95% CI: 1.022-1.526). The results support the hypothesis that long-term use of mobile phone increases risk of intracranial tumors, especially in the case of ipsilateral exposure. Further studies are needed to confirm this relationship.
Excerpts

The results obtained in the random effects model indicated that there was a significant relationship between mobile phone use for longer than 10 years and the risk of intracranial tumors (OR = 1.46, 95% CI: 1.07–1.98).

Because OR is significantly greater than 1 (OR = 1.25, 95% CI: 1.04–1.52), we can conclude that there is a significant relationship between the time from the first regular use of mobile phone of 10 years or more and the risk of intracranial tumors.

Since OR is greater than 1 (OR = 1.29, 95% CI: 1.06–1.57), there is a significant relationship between ipsilateral use of mobile phone and the risk of intracranial tumor.

We found a significant relationship between:
–– all intracranial tumors and all phone types; ipsilateral exposure;
–– all intracranial tumors and all phone types, when the time of mobile phone use was not shorter than 10 years;
–– all intracranial tumors and all phone types when the time from the first regular use of mobile phone was 10 years or more.

We are not able to compare our results with reference to different kinds of intracranial tumors (glioma, meningioma, acoustic neuroma) in relation to time of using mobile phones. A reliable analysis was not feasible because, in our opinion, the number of original works is too small.

Conclusions
Our results support
the hypothesis that long-term (over 10 years) use of mobile phones increases the risk of intracranial tumors, especially in the case of ipsilateral exposure. The same conclusions are valid for the work by Davis et al. (2013) [45], who reviewed papers on the association between the use of wireless (mobile and cordless) phones and intracranial tumors. Those authors stress that the risk of tumors in people who have used the phone for periods longer than 10 years is significantly elevated. In people who had started using the phone on a regular basis before they were 20 years old, the risk of ipsilateral glioma was found to be fourfold higher. Hardell et al. (2013) [46] stress the significance of the “lifetime exposure dose.” For an exposure of ≥ 1640 h, the risk of ipsilateral acoustic neuroma is 2.55 (95% CI: 1.5–4.4). 

These results are in concordance with the conclusion of the expert panel for the International Agency for Research on Cancer (IARC), that cell phones are possibly carcinogenic (Group 2B) [47]. More research is needed to confirm that electromagnetic fields emitted by mobile phones are carcinogenic to humans.

Open Access Paper: http://bit.ly/2m8Amwt

venerdì 2 dicembre 2016

Perché i governi non ci proteggono ?

Importante articolo di Magda Havas sulla qualificata rivista americana, Environmental Pollution, in cui affronta in modo logico e consequenziale perché il governo (USA, ma anche tutti gli altri) non ci protegge dalle radiofrequenze anche se la ricerca mostra la relazione con il cancro.


L'articolo (ri)propone un molto probabile meccanismo d'azione legato alla creazione di radical liberi a causa di microonde, a valori ben inferiori dei limiti oggi fissati dai governi.
C'è nutrita evidenzia scientifica che avvalora questa ipotesi che vede centrale il ruolo dei radicali liberi.

I governi purtroppo basano le loro linee guida su un ragionamento sbagliato: è acquisito che le radiazioni ionizzanti (es. raggi X) provocano la uscita dell'elettrone a livello atomico portando a modifiche della struttura cellulare, e quindi al cancro. Le radiazioni non-ionizzanti come la radiofrequenze non estraggono l'elettrone, per cui ... non sono cancerogene!
In altre parole le radiazioni ionizzanti provocano la formazione di radicali liberi direttamente, mentre le non-ionizzanti lo fanno ma indirettamente, perché intervengono riducendo o bloccando  i meccanismi di autoriparazione interni alla struttura cellulare, portando quindi ad un potenziamento dello effetto dei radicali liberi.







WHEN THEORY AND OBSERVATION COLLIDE: CAN NON-IONIZING RADIATION CAUSE CANCER?

November 29, 2016:  The Missing Link:  Why your government isn’t protecting you from mobile phones and Wi-Fi when research shows this radiation causes cancer.
The American scientific journal, Environmental Pollution, reports in its next issue that government safety guidelines for microwave radiation emitted by mobile phones, Wi-Fi, smart meters, and other common wireless devices, are fundamentally flawed and fail to protect the public from this possible carcinogen.


Highlights
This paper presents a highly probable mechanism that involves an increase in free-radicals, which–in turn–explains the increased risk of cancers documented in epidemiological studies that are associated with environmental exposure to RFR and ELF EMFs at levels well below international guidelines.
•  There is sufficient scientific evidence of cellular damage caused by non-ionizing radiation (NIR) well below thermal guidelines.
•  Applying the ionization model to NIR is inappropriate as mechanisms of biological interactions differ.
•  Free radicals can and do cause cancer and NIR can and does increase free-radicals.

Scientific evidence increasingly shows wireless radiation causes cancer and infertility and other health effects, but due to a flawed assumption in safety guidelines, governments in the United States, Canada, and the UK (and many other countries) are allowing their citizens to be overexposed to microwave radiation from wireless technology.
Why?
Because governments relied on the wrong model when declaring these devices to be safe.
Ionizing radiation such as x-rays and gamma rays are known to cause cancer by detaching the negative ion – the electron – at the heart of human cell structure.  Non-ionizing radiation, such as microwaves, do not detach electrons. Therefore when determining whether microwave-emitting devices were safe to be sold to the public, governments formulated their consumer safety guidelines with the understanding that microwave radiation does not directly or immediately discharge electrons. Despite the growing number of scientific studies documenting that microwave radiation causes cancer, governments have refused to update their guidelines.
One critical aspect of non-ionizing radiation has been overlooked.
Ionizing radiation increases free radicals in the body directly.  Non-ionizing radiation increases free radicals in the body indirectly, by interfering with repair mechanisms that neutralize free radicals.  Free radicals are carcinogenic.  Therefore by interfering with the body’s ability to repair free radical damage, microwave radiation is also carcinogenic.
Microwave radiation was used in the 1940s for military radar, and was widely adopted for civilian residential use in the 1970s to cook food. Microwave ovens (originally called radar ranges) are shielded because microwaves are known to cause heating. At that time, it was assumed that the only danger from microwave exposure was tissue heating, known as the “thermal effect”. This led to thermal guidelines for microwave radiation.
This paper shines a spotlight on the misguided genesis of government regulations that are based on the thermal effect and documents free-radical damage induced by non-ionizing radiation.
As usage of microwave–emitting devices increases and is marketed to younger consumers without caution, we can expect a societal increase of certain types of cancers including gliomas as well as infertility and other health effects associated with free-radical damage.  Indeed this is already happening.

Havas, M.  2016.  When theory and observation collide:  Can non-ionizing radiation cause cancer?  Environmental Pollution (in press).
Abstract
This paper attempts to resolve the debate about whether non-ionizing radiation (NIR) can cause cancer–a debate that has been ongoing for decades. The rationale, put forward mostly by physicists and accepted by many health agencies, is that, “since NIR does not have enough energy to dislodge electrons, it is unable to cause cancer.” This argument is based on a flawed assumption and uses the model of ionizing radiation (IR) to explain NIR, which is inappropriate. Evidence of free-radical damage has been repeatedly documented among humans, animals, plants and microorganisms for both extremely low frequency (ELF) electromagnetic fields (EMF) and for radio frequency (RF) radiation, neither of which is ionizing. While IR directly damages DNA, NIR interferes with the oxidative repair mechanisms resulting in oxidative stress, damage to cellular components including DNA, and damage to cellular processes leading to cancer. Furthermore, free-radical damage explains the increased cancer risks associated with mobile phone use, occupational exposure to NIR (ELF EMF and RFR), and residential exposure to power lines and RF transmitters including mobile phones, cell phone base stations, broadcast antennas, and radar installations.

sabato 27 agosto 2016

Nuove linee guida, 2016, di EuropaEM su danni cronici legati ai CEM

EUROPEAM è Accademia Europea per la Medicina Ambientale con sede in Germania.

Ovviamente c'è ampio spazio sugli effetti neurologici dei CEM, sulla elettrosensibilità con una raccolta organica di documentazione scientifica, sulle più aggiornate teorie sul meccanismo di formazione, 
su ipotesi di trattamento di queste malattie e disturbi, su un approccio per lo accertamento, indicazione dei valori limite proposti, e valori da recepire da parte delle normative, secondo sani principi di precauzione 




https://europaem.eu/en/library/blog-en/97-europaem-emf-guideline-2016  


martedì 26 luglio 2016

Botta e risposta ai negazionisti ...

Ottima ,dettagliata, minuziosa replica ( da parte di ricercatori indipendenti di fama sul tema) ad un articolo negazionista (assolutamente capzioso nei contenuti) sull'impatto ambientale  delle radiazioni elettromagnetiche emesse dalle stazioni radio base di telefonia mobile.
Da notare che il negazionista è un membro dello IARC.........

Paolo Orio
 
 

martedì 1 dicembre 2015

Linee guida tedesche sui CEM


EUROPEAM è Accademia Europea per la Medicina Ambientale con sede in Germania.

Il contributo a questo articolo è dato da molti massimi ricercatori 'indipendenti', quali Olle Johansson, Kundi, Eger, etc.

Interessante quanto viene riportato per le terapia:  oltre al primario, essenziale "evitamento" da fonti CEM, viene indicata la strategia di minimizzare gli effetti nocivi del perozynitrite prodotti dai CEM insieme ad altri fattori ambientali.
Infatti  loro propongono di inserire la EHS allo interno del gruppo delle malattie croniche multisistema.



EUROPAEM EMF Guideline 2015 for the prevention, diagnosis and treatment of EMF-related health problems and illnesses
Belyaev I, Dean A, Eger H, Hubmann G, Jandrisovits R, Johansson O, Kern M, Kundi M, Lercher P, Mosgöller W, Moshammer H, Müller K, Oberfeld G, Ohnsorge P, Pelzmann P, Scheingraber C, Thill R. EUROPAEM EMF Guideline 2015 for the prevention, diagnosis and treatment of EMF-related health problems and illnesses.Rev Environ Health. 2015 Dec 1;30(4):337-71. doi: 10.1515/reveh-2015-0033.

Abstract


Chronic diseases and illnesses associated with unspecific symptoms are on the rise. In addition to chronic stress in social and work environments, physical and chemical exposures at home, at work, and during leisure activities are causal or contributing environmental stressors that deserve attention by the general practitioner as well as by all other members of the health care community. It seems certainly necessary now to take "new exposures" like electromagnetic field (EMF) into account. Physicians are increasingly confronted with health problems from unidentified causes.

Studies, empirical observations, and patient reports clearly indicate interactions between EMF exposure and health problems. Individual susceptibility and environmental factors are frequently neglected. New wireless technologies and applications have been introduced without any certainty about their health effects, raising new challenges for medicine and society. For instance, the issue of so-called non-thermal effects and potential long-term effects of low-dose exposure were scarcely investigated prior to the introduction of these technologies. Common EMF sources include Wi-Fi access points, routers and clients, cordless and mobile phones including their base stations, Bluetooth devices, ELF magnetic fields from net currents, ELF electric fields from electric lamps and wiring close to the bed and office desk. On the one hand, there is strong evidence that long-term-exposure to certain EMF exposures is a risk factor for diseases such as certain cancers, Alzheimer's disease and male infertility. On the other hand, the emerging electromagnetic hypersensitivity (EHS) is more and more recognized by health authorities, disability administrators and case workers, politicians, as well as courts of law.

We recommend treating EHS clinically as part of the group of chronic multisystem illnesses (CMI) leading to a functional impairment (EHS), but still recognizing that the underlying cause remains the environment. In the beginning, EHS symptoms often occur only occasionally, but over time they may increase in frequency and severity. Common EHS symptoms include headaches, concentration difficulties, sleeping problems, depression, lack of energy, fatigue and flu-like symptoms.

A comprehensive medical history, which should include all symptoms and their occurrences in spatial and temporal terms and in the context of EMF exposures, is the key to the diagnosis. The EMF exposure can be assessed by asking for typical sources like Wi-Fi access points, routers and clients, cordless and mobile phones and measurements at home and at work. It is very important to take the individual susceptibility into account.

The primary method of treatment should mainly focus on the prevention or reduction of EMF exposure, that is, reducing or eliminating all sources of EMF at home and in the workplace. The reduction of EMF exposure should also be extended to public spaces such as schools, hospitals, public transport, and libraries to enable persons with EHS an unhindered use (accessibility measure). If a detrimental EMF exposure is reduced sufficiently, the body has a chance to recover and EHS symptoms will be reduced or even disappear. Many examples have shown that such measures can prove effective. Also the survival rate of children with leukemia depends on ELF magnetic field exposure at home.

To increase the effectiveness of the treatment, the broad range of other environmental factors that contribute to the total body burden should also be addressed. Anything that supports a balanced homeostasis will increase a person's resilience against disease and thus against the adverse effects of EMF exposure. There is increasing evidence that EMF exposure has a major impact on the oxidative and nitrosative regulation capacity in affected individuals. This concept also may explain why the level of susceptibility to EMF can change and why the number of symptoms reported in the context of EMF exposures is so large. Based on our current understanding, a treatment approach that minimizes the adverse effects of peroxynitrite - as has been increasingly used in the treatment of multisystem disorders - works best.

This EMF Guideline gives an overview of the current knowledge regarding EMF-related health risks and provides concepts for the diagnosis and treatment and accessibility measures of EHS to improve and restore individual health outcomes as well as for the development of strategies for prevention.

http://1.usa.gov/1XCT1YV

lunedì 27 luglio 2015

Un contributo italiano alla conoscenza della elettrosensibilità





da Paolo Orio  Vice Presidente di Associazione Italiana Elettrosensibili.



Carissimi vi giro il lavoro che hanno accettato e pubblicato sull'enciclopedia americana dal titolo " Mobile Phone Behavior" curata dall'Università di Albany (New York) .
 
Vi troverete la relazione di Angelo Levis sui conflitti di interesse, la mia sull'elettrosensibilità e quella di Laura Masiero sull'infanzia.
 
E' un grande risultato in quanto questa enciclopedia viene consultata a livello universitario mondiale.

Paolo.
 
Il link al documento è qui

mercoledì 15 luglio 2015

Un importante articolo correla al 93% EMF e effetti ossidativi nelle cellule


Riporto il link ad un articolo recentissimo su
Electromagn Biol Med  

di un gruppo di ricercatori di diverse nazioni, che è stato salutato come di notevole valore.

Si fa un'analisi  di un notevole numero di articoli pubblicati su riviste peer reviewed che hanno studiato la relazione tra effetti ossidativi e radiofrequenze a bassa intensità, in cellule viventi.

93 su 100 lavori evidenziano la induzione di effetti molecolari con la produzione di ROS , attivazione di perossidasi, danni ossidativi del DNA, enzimi, etc.

Conseguenze sono sia in condizioni favorevoli alla produzione di tumori che di elettrosensibilità


  

mercoledì 31 dicembre 2014

2014: un anno con segnali forti

Qui riporto la traduzione di un'interessante retrospettiva dell'anno 2014 fatta dal sito /www.saferemr.com, che ha una attenzione maggiore sul mondo americano.


Wireless Radiation Safety nel 2014: The Year in Review

 

Due importanti studi di ricerca pubblicati quest'anno hanno scoperto che il rischio di cancro al cervello è aumentato con l'uso del telefono senza fili. Diversi importanti azioni politiche legate a radiazioni wireless si  sono verificati  nel 2014.

 

I ricercatori francesi hanno trovato quasi un aumento di 3 volte nel cancro al cervello con 896 o più ore di uso del telefono cellulare a vita. ricercatori svedesi hanno trovato un aumento di 2 volte nel cancro al cervello con 1.486 o più ore di uso del telefono cellulare e un rischio 3 volte con 25 o più anni di cellulare e l'uso del telefono cordless . 

 

Questi studi aggiungono alla evidenza di aumento del rischio di cancro al cervello trovato tra pesanti utenti di telefoni cellulari in 13 nazioni studio Interphone pubblicato nel 2010. L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno fatto affidamento sulla Interphone Studi e ricerche precedenti dai ricercatori svedesi di dichiarare radiazioni di radiofrequenza "possibile cancerogeno per l'uomo" nel 2011. 

Una notizia  sullo studio svedese da  Reuters Health  stimolato i media globale di copertura-oltre 260 articoli di notizie pubblicate in 18 lingue in 50 paesi - che dimostra la preoccupazione in tutto il mondo per la cancerogenicità delle radiazioni del telefono cellulare.

 

Principali sviluppi nel corso dell'anno passato

  • Gli Stati Uniti Dipartimento degli Interni ha accusato il governo federale di impiegare standard obsoleti : "gli standard di radiazione elettromagnetica utilizzati dalla Federal Communications Commission (FCC), continuano ad essere basati su riscaldamento termico, un criterio ormai quasi 30 anni di data e oggi inapplicabili. " Le norme violano la legge federale in quanto mettono in pericolo speci faunistiche protette che subiscono gli effetti negativi di esposizione alle radiazioni torre cellulare.
  • Quattro risoluzioni firmate da 98 esperti scientifici sono stati presentati alla FCC che le risoluzioni chiedono al governo di emanare una normativa più rigorosa sulle radiazioni wireless, in particolare le radiazioni del telefono cellulare.
  • Il Wall Street Journal ha riferito che uno su dieci torri di telefonia cellulare negli Stati Uniti,  circa 30.000 in tutto, emettono livelli di radiazione a microonde che superano il limite di legge mettendo a rischio la salute dei lavoratori, rilevando che la FCC ha emesso solo due citazioni per non conformità dal 1996.
  • I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) è stata  la prima agenzia federale di salute di emettere avvertenze sanitarie preventive circa l'uso del telefono cellulare; tuttavia, CDC poi ha  rimosso gli avvertimenti dal suo sito web dopo che i media hanno riferito su questo cambiamento di politica chiave.!
  • Cinquantaquattro scienziati di 18 nazioni che studiano gli effetti delle radiazioni di radiofrequenza hanno presentato una dichiarazione di Health Canada chiedendo al governo di ridurre al minimo l'esposizione della popolazione alle radiazioni a microonde emessa da dispositivi wireless come telefoni cellulari, telefoni cordless, Wi-Fi, antenne di trasmissione, contatori intelligenti, e baby monitor.
  • SINTEF , la più grande organizzazione indipendente di ricerca in Scandinavia, ha proposto linee guida di progettazione di produzione per ridurre i campi magnetici emessi da automobili ibride ed elettriche che possono essere cancerogeni per l'uomo.
  • Il Consiglio comunale di Berkeley , California ha chiesto al procuratore della città di redigere una ordinanza  (telefono "diritto di sapere" cellulare ordinanza) che richiederebbe ai rivenditori di fornire ai consumatori un foglio fatto per quanto riguarda la distanza di separazione minima del telefono cellulare dal corpoUn docente di Harvard Lawrence Lessig si è offerto di difendere questa ordinanza innovativa contro  la prevista  azione di  CTIA-The Wireless Association, per  citare in giudizio il Comune.
  • In una causa intentata da 29 individui che hanno fatto causa al settore wireless per i loro tumori cerebrali, la Corte Superiore DC ha ammesso la testimonianza di testimoni esperti per i querelanti. Questa sentenza consente il caso di passare alla fase di scoperta del processo, e l'industria sarà tenuto a rilasciare documenti pertinenti.
  • Il distretto scolastico di Los Angeles Unified dove  lavora  un insegnante che soffre di Electromagnetic Ipersensibilità (EHS) , ha approvato la richiesta di avere il Wi-Fi spento nella sua classe e la sua richiesta di essere riassegnato in futuro per un'altra scuola dove Wi-Fi ha non è stato installato. Questo è il primo alloggio per EHS da un sistema scolastico pubblico negli Stati Uniti
  • Una  sistematica revisione delle ricerche sugli effetti delle radiazioni dei cellulari sulla salute umana (sperma) ha  trovato che l'esposizione cellulare influisce negativamente sulla qualità dello sperma e può contribuire alla sterilità in  alcuni uomini.

Anche se due prodotti wireless lanciati nel 2014 hanno ricevuto copertura mediatica straordinaria, i mezzi di informazione non ha menzionato i potenziali rischi per la salute di utilizzare questi prodotti:

  • Il tasso di assorbimento specifico (SAR), una misura della quantità massima di radiazione a microonde assorbita, è molto più elevato per il Glass di Google che per la maggior parte dei telefoni cellulari. Questo è di particolare preoccupazione per il vetro come differenza telefoni cellulari è indossato sulla testa dell'utente.
  • L' iPhone 6 , come la maggior parte dei telefoni intelligenti, ha diversi trasmettitori che emettono simultaneamente la radiazione a microonde. Quando questi trasmettitori sono attivati ​​radiazione emessa da questo telefono è vicino al limite legale SAR; quindi, si dovrebbe spegnere tutte trasmettitori non in uso (ad esempio Wi-Fi), per ridurre l'esposizione. Secondo Apple, l'iPhone 6 dovrebbe essere mantenuta almeno 5 millimetri o due decimi di un centimetro dal corpo ogni volta che viene acceso (ad esempio, la distanza minima tra il corpo del dispositivo è di 5 mm).

domenica 7 aprile 2013

Un bell'articolo sugli effetti ecologi dei CEM

Grazie al nostro amico Franco, mettiamo a disposizione un'interessante review , in inglese, in cui i ricercatori  hanno  preso in rassegna tantissimi lavori scientifici sugli effetti ecologici dei campi elettromagnetici artificiali.

Le conclusioni non possono essere altro che oltre i due terzi dei lavori riportano effetti sia  a bassa che ad alta dose.