Syndication

Visualizzazione post con etichetta icnirp. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta icnirp. Mostra tutti i post

lunedì 22 giugno 2020

Studio dei due parlamentari europei dei Verdi (Ravasi e Bichner) su ICNIRP

“Questo rapporto affronta un problema di cui non si può sottovalutare l'importanza: i possibili effetti sulla salute della Radiofrequenza Radiation (RfR) o dei campi elettromagnetici (EMF). Si occupa in modo più specifico di come il dibattito scientifico sia stato dirottato dagli interessi aziendali del settore delle telecomunicazioni ".

"I risultati di questo rapporto (" La Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti, ICNIRP: conflitti di interesse e spinta per il 5G ") ci danno un déjà-vu scomodo: molti fatti e processi che portano alla situazione reale in cui le autorità europee - dalla Commissione europea alla maggior parte degli Stati membri -: basta semplicemente chiudere gli occhi per fatti scientifici reali e avvertimenti precoci. Abbiamo visto esattamente lo stesso scenario nel dibattito su tabacco, amianto, cambiamento climatico e pesticidi.

Anche nelle sue ultime linee guida di marzo di quest'anno, ICNIRP assicura al mondo che non ci sono prove scientifiche di effetti negativi sulla salute derivanti dalle radiazioni che derivano dalle nuove tecnologie di comunicazione, entro i limiti che propone. Ma allo stesso tempo un numero crescente di scienziati e anche cittadini sono preoccupati che i campi elettromagnetici causino problemi di salute. ICNIRP finge di essere scientificamente neutrale e libera da interessi acquisiti del settore delle telecomunicazioni. 
Dimostriamo con questo studio che si tratta di "giocare con la verità" o semplicemente una bugia. "

"Nel dibattito sui campi elettromagnetici e sui possibili effetti sulla salute, vengono spesso utilizzati termini come" cattura aziendale "della ricerca scientifica e" scienza dei giochi di guerra "e spesso vengono fatti riferimenti alle tattiche dell'industria del tabacco. Secondo diversi autori, queste tattiche influenzano anche organizzazioni come ICNIRP e il progetto internazionale EMF dell'OMS ... "

"Questo sembra essere un problema globale. Il ricercatore americano, Norm Alster, nel suo rapporto "Captured Agency" descrive ciò a cui questo tipo di acquisizione aziendale può comportare facendo riferimento al funzionamento della FCC (Federal Communications Commission), che è la principale istituzione ufficiale degli Stati Uniti che si occupa delle questioni relative alle telecomunicazioni, ed è talvolta menzionato nelle critiche dell'ICNIRP: “Questo è un termine che viene fuori di volta in volta con la FCC. Le agenzie catturate sono essenzialmente controllate dalle industrie che dovrebbero regolare. Uno sguardo dettagliato alle azioni FCC e alle non azioni mostra che nel corso degli anni FCC ha concesso all'industria wireless praticamente ciò che desiderava ”.







giovedì 12 marzo 2020

ICNIRP non si smentisce: è la Accademia del Negazionismo


Dopo la pubblicazione del documento con le loro lineguida per limitare la esposizione ai CEM da 100 kHz a 300 GHz, arrivano a caldo i primi commenti.

Innanzitutto quelli di Lennart Hardell che ha prodotto tanta conoscenza sugli effetti deleteri dei CEM.

Per quanto riguarda i tumori del cervello e della testa:
Come potete vedere, nessuno dei nostri studi è nell'elenco di riferimento - è un peccato.
Dopo tutto, siamo stati i primi a mostrare un rischio maggiore e nel tempo l'associazione si è rafforzata.
Includono il cosiddetto studio di coorte danese che è stato ignorato dalla valutazione IARC nel 2011 a causa di carenze metodologiche. Per quanto posso vedere, anche Coureau et al è omesso.
L'articolo deve essere valutato in dettaglio per quanto riguarda Appenix B.

Omettono gli studi che mostrano una crescente incidenza di tumori cerebrali.
La mia impressione è che ICNIRP selezioni gli studi rispetto al paradigma senza rischi senza alcuna discussione qualificata su problemi metodologici. Gli studi che mostrano un aumento del rischio sembrano essere stati omessi.
È così che dovrebbe essere eliminata questa domanda seria?
B / w
Lennart Hardell


____________________________________________________________________

Paul Kirby, TR Daily, March 12, 2020
The International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP) has released new guidelines that it says will ensure people are protected from radio frequency (RF) signals of 5G services. The guidelines also cover 3G and 4G devices, Wi-Fi, Bluetooth, and radio.
The new guidelines, which took seven years to develop, are more appropriate than the organization’s first guidelines released in 1998 because they include higher frequencies used for 5G services, said ICNIRP Chairman Eric van Rongen.
“We know parts of the community are concerned about the safety of 5G and we hope the updated guidelines will help put people at ease,” he said. “The guidelines have been developed after a thorough review of all relevant scientific literature, scientific workshops and an extensive public consultation process. They provide protection against all scientifically substantiated adverse health effects due to EMF exposure in the 100 kHz to 300 GHz range.”
A news release said the primary changes in the new guidelines dealing with 5G and spectrum above 6 gigahertz are (1) “the addition of a restriction for exposure to the whole body;” (2) “the addition of a restriction for brief (less than 6-minute) exposures to small regions of the body;” and (3) “the reduction of the maximum exposure permitted over a small region of the body.”
The ICNIRP said that other “minor” changes include (1) “greater transparency to make the logic and scientific basis of the guidelines easier for the health protection community to engage with;” (2) “additional means of assessing compliance with the guidelines;” and (3) “greater specification of how to assess complicated exposure scenarios.”
The guidelines are published in the scientific journal “Health Physics.”
ICNIRP said its guidelines consider non-thermal effects of RF emissions. It said that it “considers all potential adverse health effects, and sets restrictions to ensure that none occur, regardless of the mechanism of interaction between the exposure and the body. The lowest exposure levels that can cause adverse health effects are due to thermal mechanisms, and so restrictions have been set based on the thermal effects, as these will protect against any other effects that could occur at higher exposure levels.”
Critics who complain about inadequate RF standards set around the world, including the failure to consider the impact of 5G deployments, particularly point to what they said is a lack of attention to non-thermal RF effects.
Joel Moskowitz, director of the Center for Family and Community Health in the University of California at Berkeley’s School of Public Health and creator of the saferemr.com website, said that ICNIRP's guidelines “were designed to protect us only from short-term heating (or thermal) effects. The guidelines fail to protect us from non-thermal effects, especially from long-term exposure to wireless radiation because ICNIRP continues to dismiss the many hundreds of peer-reviewed studies that have found biologic and health effects from exposure to low-intensity, radio frequency radiation including many human as well as animal studies. The preponderance of the research has found evidence of increased cancer incidence, oxidative stress, DNA damage, and infertility from exposure to wireless radiation.”
“Relying on twentieth-century science to set standards for 21st-century technology makes no sense. The complexity of the technology makes it possible for this unelected group of 11 persons that reports to no authority and has no oversight to wield unreasonable influence. This report relies on a highly selective literature review,” said Devra Davis, president of the Environmental Health Trust. “They make no mention of the fact that infertility clinics around the world advise men having problems impregnating their partners to remove wireless devices from their bodies. They completely discount results from the U.S. flagship testing program, the National Toxicology Program, that produced what peer-reviewers concurred was clear evidence of cancer in animals and compelling evidence of DNA damage in both mice and rats exposed to the same amounts of cellphone radiation as humans can receive in their lifetimes. They do not even consider the work of Lennart Hardell, arguably one of the top experts in the field studying the human impacts of cell phones, and fail to mention the large French national study of brain cancer that confirmed increased risks in the heaviest cellphone users.”
Ms. Davis added that “EHT is working with top legal experts to challenge outdated FCC standards (that rely on ICNIRP) because they betray the public trust by failing to take full notice of the range of scientific information on these matters. Further, we think that contrary analyses from European expert groups must be taken into account in any consideration of appropriate policy responses.”
Last December, the FCC released an item maintaining its existing RF exposure limits despite arguments that they are unsafe and should be tightened (TR Daily, Dec. 4, 2019). EHT and several other groups and individuals have filed two legal challenges to the item (TR Daily, Feb. 5).
TR Daily is a newsletter about telecommunications published by Wolters Kluwer and distributed by subscription largely to Industry executives and government officials.

--

As part of a project called, “The 5G Mass Experiment,” Investigate Europe, a team of investigative journalists from the European Union (EU), examined the risks of deployment of 5G, the fifth generation of mobile phone technology, and the adequacy of electromagnetic field (EMF) safety guidelines promoted by the International Commission for Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP).
The team published 22 articles in major newspapers and magazines in eight countries: France, Germany, Italy, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, and the United Kingdom.
Investigate Europe alleges the existence of an “ICNIRP cartel.” The journalists identified a group of fourteen scientists who either helped create, or defend, the EMF exposure guidelines disseminated by ICNIRP, a non-governmental organization (NGO) based in Germany. ICNIRP’s self-selected members and advisors believe that EMF safety guidelines need to protect humans only from heating (or thermal) effects due to acute EMF exposure. ICNIRP scientists argue that the thousands of peer-reviewed studies that have found harmful biologic or health effects from chronic exposure to non-thermal levels of EMF are insufficient to warrant stronger safety guidelines.

venerdì 15 marzo 2019

ICNIRP verso una revisione (più 'morbida' ?) delle loro linee guida

https://www.investigate-europe.eu/publications/how-much-is-safe/

Qui c'è un bel rapporto fatto da Investigate Europe che è un'organizzazione indenpente di giorlanisti investigative, sul 5G, sugli 'attori' che stanno guidando la violenta e forzata invasione di questa tecnologia in Europa e nel Mondo


Hanno utilizzato anche un tool per visualizzare il gioco delle poltrone ovvero come diversi personaggi (che poi decidono sulle esposizioni) siano presenti in più poltrone in più enti, ICNIRP incluso.


Le istituzioni nazionali preposte alla tutela della salute nei confronti di agenti fisici non fanno ricerca si basano su: ICNIRP, WHO /SCHENIR,

ICNIRP sta producendo le nuove linee guida (vs quelle del 1998) ... anticipazioni arrivano che secono loro le EMF sotto i valori da loro indicati non fanno male. Arrivano anche segnali  che  per le frequenze più alte, sopra i 6 GHz, e quindi parliamo di 5G , i limiti si possono anche alzare e/o rendere meno stringenti! 

Si sono molti spunti.



giovedì 13 settembre 2018

ICNIRP prosegue sulla sua strada da negazionista

Il 4.9.18 ICNIRP ha rifiutato le conclusioni del più grande studio di effetti di radiofrequenze su animali fatto (da parte di US National Institutes of Environmental Health Sciences costato ben 28 milioni di dollari!), confermando la validità dei limiti espositivi che propone da tanti anni.  

Studi che arrivano quasi contemporaneamente di quelli eseguiti in Italia dall'Istituto Ramazzini di Bologna, che ha portato a risultati quasi identici.

Purtroppo questa Agenzia (privata, di diritto tedesco) è ritenuta dalle grande organizzazioni internazionali (WHO, CE, USA, Canada, etc.) come depositaria del 'verbo assoluto'.  

Qui sotto un ricercatore ora pensionato che ha lavorato appunto in questo grande istituto di ricerca  americano, Ronald L. Melnick Ph.D., confuta puntualmente le argomentazioni messe in piedi da questi " scienziati " dell'ICNIRP per avvalorare le loro conclusioni.

https://ehtrust.org/us-scientist-criticizes-icnirps-refusal-to-reassess-cell-phone-radiation-exposure-guidelines-after-us-national-toxicology-program-studies-show-clear-evidence-of-cancer-in-experimental-animals/


giovedì 22 giugno 2017

WHO, ICNIRP; conflitto di interessi



22 giugno 2017, 10:37:05 PM


Nella importante rivista scientifica International Journal of Oncology Prof Lennart Hardell ha pubblicato una review a carattere 'storico' di critica al WHO perché non ha finora preso in considerazione la forte richiesta che viene dal mondo scientifico di revisione delle linee guida su salute e radiofrequenze.

In particolare addebita questa riluttanza alle profonde relazioni con l'ICNIRP e con le organizzazioni legate al mondo militare e all'industria elettrica e delle telecomunicazioni.

ICNIRP organizzazione non governativa, evidenzia profondi conflitti di interesse, continua a rifiutarsi di riconoscere gli effetti non termici delle RF

nell'incontro di Marzo 2017 in cui si è discusso delle forti critiche legate alla presenza di membri del Core Group per i campi elettromagnetici, a loro volta legati ad ICNIRP, WHO ha risposto che non hanno intenzione di rimuoverli.

vedere articolo 


, June 21, 2017

WHO Radiofrequency Radiation Policy


World Health Organization, radiofrequency radiation and health 
- a hard nut to crack (Review)

 Today the International Journal of Oncology published a critique of the World Health Organization's pending review of the adverse health effects of wireless (i.e., radio frequency or RF) radiation. The critique was written by Dr. Lennart Hardell, the world's preeminent researcher on brain tumor risk and long-term cell phone use. 

His paper provides an historical overview of WHO's EMF Project, WHO's relationship to the International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP), and the relationships of both organizations to the military and electric and telecom industries.

Dr. Hardell notes that the WHO has relied heavily on members of ICNIRP, a non-governmental organization "with serious conflict of interest." In their reviews of the scientific evidence for adverse health effects from wireless radiation exposure, ICNIRP dismisses the evidence for biological effects due to non-thermal exposures. By focusing only on short-term heating effects and ignoring the effects of chronic exposure to non-thermal levels of RF radiation, ICNIRP has been able to adopt RF exposure guidelines about 300,000 times more permissive than otherwise would be required. RF exposure standards in many nations including the U.S. have been heavily influenced by these guidelines.  
"The ICNIRP guidelines are of huge importance to the influential telecommunications, military and power industries."
Dr. Hardell calls upon the public, NGOs, and the scientific community "to exert pressure on politicians to change the WHO agenda on RF radiation and health hazards and decide that WHO's purpose is to support world health instead of industry interests."

--

Lennart Hardell. World Health Organization, radiofrequency radiation and health - a hard nut to crack (Review). International Journal of Oncology. Published online June 21, 2017. https://doi.org/10.3892/ijo.2017.4046
Abstract
In May 2011 the International Agency for Research on Cancer (IARC) evaluated cancer risks from radiofrequency (RF) radiation. Human epidemiological studies gave evidence of increased risk for glioma and acoustic neuroma. RF radiation was classified as Group 2B, a possible human carcinogen. Further epidemiological, animal and mechanistic studies have strengthened the association. In spite of this, in most countries little or nothing has been done to reduce exposure and educate people on health hazards from RF radiation. On the contrary ambient levels have increased.
In 2014 the WHO launched a draft of a Monograph on RF fields and health for public comments. It turned out that five of the six members of the Core Group in charge of the draft are affiliated with International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP), an industry loyal NGO, and thus have a serious conflict of interest. Just as by ICNIRP, evaluation of non-thermal biological effects from RF radiation are dismissed as scientific evidence of adverse health effects in the Monograph. This has provoked many comments sent to the WHO. However, at a meeting on March 3, 2017 at the WHO Geneva office it was stated that the WHO has no intention to change the Core Group.
Open Access Paper: http://bit.ly/WHOhardell

lunedì 12 giugno 2017

ECERI (ICSENTRE) alternativa a ICNIRP ?

Questa associazione scientifica dovrebbe essere la fonte alternativa a ICNIRP per proporre degli standard di esposizione ai campi elettromagnetici, quindi  interlocutrice di OMS/WHO.

Ci riuscirà ?

La commissione tecnica si chiamerà “International commission of scientific expertise on non-thermal radiation effects” (ICSENTRE). 

The members of this group so far are: 
Dominique Belpomme (France), Igor Belyaev (Slovakia), Ernesto Burgio (Italy), David Carpenter (USA), Lennart Hardell (Sweden), Magda Havas (Canada), SMJ Mortazavi (Iran), André Vander Vorst (Belgium) and Gérard Ledoigt (France)

giovedì 22 dicembre 2016

WHO deve essere al di sopra delle parti !

Giusta iniziativa del gruppo di scienziati indipendenti Bioinitiative Working Group che si è rivolto al Direttore del WHO per chiedere una diversa composizione della nuova commissione di esperti denominata RF Environmental Health Criteria Core Group  che è praticamente una dependence del ICNIRP, le cui posizioni 'negazioniste' sono ben note.



BioInitiative Working Group Issues a "No Confidence" Letter to the WHO EMF Program Manager

The BioInitiative Working Group has advised the World Health Organization's Dr. Emilie van Deventer that the membership composition of the RF Environmental Health Criteria Core Group is unacceptable.  WHO is urged to make changes to the WHO RF EHC Core Group membership to more fairly reflect membership and expertise of the 2011 IARC RF Working Group.  At present the WHO RF EHC Core Group is indistinguishable from ICNIRP (1, 2) undermining credibility of the process and ensuring doubt about conclusions. Even if schedule delays occur as a result...



domenica 13 novembre 2016

ICNIRP cerca soldi

Andando nel sito di questa istituzione privata nazionale (è tedesca) che di fatto impera in tutto il mondo


In questa pagina afferma che non riceve alcun contributo dalla industria per mantenere il suo carattere scientifico indipendente ... chiede di fare delle donazioni e dei versamenti.

Fa riferimento alla disponibilità pubblica di Annual report, ovvero 'bilanci' , ... ma ciò che viene proposto non è nulla di quanto promesso ( e lo dicono)!  Ad es. per il 2015 viene riportato come fatturato olre 201 K€ (mentre le uscite sono state di 150 K€ ca. ...).  Ma dove è la lista di dettaglio ?
Si può provare a chiedere ...  

Comunque viene genericamente indicato

 were supported by the German Federal Ministry for the Environment (BMUB), the European Union Directorate General Employment, Social Affairs and Inclusion (Safety at Work), the International Radiation Protection Association (IRPA),the Finish Radiation Safety Authority (STUK), the Japanese National Institute of Communication Technology, and the Turkish Ministry of Health

sono tutti Enti Pubblici Indipendenti ?   

ad es.: IRPA ?!  è una metassociazione di associazioni impegnate nella radioprotezione.
per l' Italia ?  c'è l'Associazione Italiana di Radioprotezione, AIRP.  
Questa è stata fondata nel 1958 ed è aperta a professionisti legati alla radio-protezione .
Chi fa parte del consiglio direttivo ?  vedere la pagina
funzionari di:

ARPA
ENEA
SOGIN
Protection Solutions S.r.l.
Università 

...  quindi ?!   quanto indipendenza da una visione unilaterale e  negazionista delle RF ?! 


sabato 9 aprile 2016

ICNIRP: l'origine di tutti i mali !!!


Vi rimando ad un pamphlet di Darius Lesczcynski ‏   che tratta l'argomento essenziale:

ICNIRP è sufficientemente affidabile per trasferire i risultati della scienza ai Governi ?


https://betweenrockandhardplace.wordpress.com/2016/04/08/is-icnirp-reliable-enough-to-dictate-meaning-of-science-to-the-governmental-risk-regulators/

La risposta di Darius è 

NO !    perché

- è un 'club privato' dove i membri eleggono i nuovi membri senza trasparenza
- carente di trasparenza
- mancanza di una supervisione delle loro attività
- valutazione della scienza distorta  a causa della vicinanza delle opinioni dei membri della Main Commission con quelle dei ricercatori selezionati da parte della Main Commission stessa
-


sabato 11 luglio 2015

A proposito di ICNIRP




Come vi è noto  i valori limiti alle esposizioni  da CEM  sono stati dettati dal ICNRIP in quanto riconosciuti   da WHO/OMS e dalla Comunità Europea come Raccomandazione 1999/519, pur essendo una  organizzazione scientifica privata non governativa.  
Questa organizzazione basa la definizione dei valori limiti solo ed esclusivamente considerando gli effetti termici delle radiazioni, negando tutti ed i tanti effetti non-termici, abbondantemente documentati in questa relazione.

Pur riportando nel proprio statuto che i membri della commissione preposta di ICNIRP debbano assolutamente non avere conflitti di interesse, numerose sono le indagini effettuati sui singoli membri che dimostrano assolutamente il contrario: la loro vicinanza culturale ed economica alle aziende e loro aggregazioni legate al settore industriale della produzione di energia e delle telecomunicazioni. Ultimo dettagliato report: http://is.gd/m7Wo6j .

Oltre duecento ricercatori indipendenti nel Maggio 2015 si sono rivolti al Segretario Generale dell’ONU per cercare di superare questa pesante anomali.


 

 

lunedì 9 febbraio 2015

ICNIRP sta revisionando la letteratura ...

è quanto  ci informa Elettra2000 in una sua newsletter:  il lavoro di revisione in ICNIRP  di tutta la letteratura scientifica 1990 - 2013 sta prendendo più tempo del prevsto visto il notevole numero dei documenti.

OMS ribadisce la importanza dei criteri di qualità dei lavori per essere acquisiti.

Non si menziona del piccolissimo problema della dichiarazione o meno dei finanziamenti ricevuti dai relatori delle pubblicazioni ...

Ancora una volta preoccupazione di Elettra2000 è la ... preoccupazione degli utenti, che a quanto pare è la priorità !   nessuno parla del principio di precauzione ...

domenica 17 marzo 2013

Si è rifatto vivo Mike Repacholi

per spargere le sue 'visioni' sul livello di conoscenze sui danni da EMF , facendo affermazioni molto gravi, anche se non nuove (vedere anche intervista sulla famosa trasmissione di Report RAI).

Egli afferma che gli studi epidemiologici sovrastimano i dati anche perché ci sono tante e diverse onde, che le indagini a livello cellulare anche se positive non possono essere estrapolate all'organo, che i report di Bioinitiative sono di bassa qualità, che i risultati di IARC sono un errore, ... e che ICNIRP lavora con serietà !