Syndication

Visualizzazione post con etichetta effetti del campi elettromagnetici su animali. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta effetti del campi elettromagnetici su animali. Mostra tutti i post

domenica 1 marzo 2020

Appello di Arthur Firstenberg

Dear EMF Scientists, Medical Doctors, and Activists,

We must all make an effort at communication, cooperation and action, now, if we want to survive. Already there are few insects left on Earth, and birds and bats are starving by the billions. SpaceX’s Starlink satellites, when and if they go into service, threaten to put a sudden end to life on Earth later this year.

Yet people are going about their business as if everything is fine. The human race is accelerating, like lemmings, toward a precipice that it does not even know is there. 

The knowledge necessary to change course is possessed by us. Whether we also possess the power to actually do anything to change the course -- to even slow down the rush toward the cliff -- is unknown to me. I doubt it, but I cannot stand by knowing that life on earth is about to end, without doing what I can to try to prevent it. My own life is worth little. But Life Itself is precious and worth fighting for. I assume that you all care about this earth too. But there are some important questions whose answers we so far have not been able to agree on, which limits our effectiveness.

I offer the following, by way of beginning the discussion.

First, very briefly about myself, for those who do not know me well. I will be 70 years old this year. I have been involved in EMF issues since I was 16 years old as a research fellow in an electrophysiology lab at Downstate Medical Center in Brooklyn when I was in the 11th and 12th grades. I was a winner of the Westinghouse Science Talent Search in 1967 for my work in that lab. I studied mathematics and physics at Cornell University. I went to medical school at the University of California, Irvine. I was injured by X-rays midway through medical school, and had to quit one year short of getting my M.D., in order to save my life.

While still in medical school I studied acupressure, shiatsu and kiatsu, and learned acupuncture theory from Chinese and Korean textbooks. Later I studied and became a certified practitioner of the Feldenkrais and Rubenfeld Synergy Methods of healing, which deal with the structural and energetic systems of the body.

THE ISSUES:

1. Is there a dose response for RF radiation?
2. Is wireless technology safe at any level?
I say no. I have already sent some of you a list of studies that support my opinion. But I know it from personal experience. On November 14, 1996, Omnipoint Communications (now T-Mobile) began commercial service of the first digital (2G) cell phone network in New York City from 600 rooftop installations. Within 4 days I could not eat or sleep, my head was roaring like a train, my eyes felt like they were popping out of my head, and my skin was so sensitive I couldn’t bear to be touched. Three times during the 5th night my vocal cords went into spasm so that I could not take a breath in or out. On the 6th morning I grabbed my sleeping bag, got on the Long Island Railroad, and barely escaped with my life.

I was sure that the radiation levels in my apartment were sky high, but I was proven wrong. I hired EMF consultant Stuart Maurer to go down to my apartment with his spectrum analyzer and take measurements. The peak radiation level that had almost killed me in less than a week was
0.0001 μW/cm2 (microwatts per square centimeter) -- less than the radiation levels on much of the Earth today.

I was certain that people were being killed all over New York City by this low level of radiation, and I was proven right. I telephoned Dr. John Goldsmith in Israel and he instructed me how to get weekly mortality statistics for 121 cities from the Centers for Disease Control. The death rate in New York City rose 17% on the day the Omnipoint antennas began service, and remained that elevated for three months. I analyzed weekly mortality statistics for many U.S. cities. In each city, mortality increased between 15% and 30% on the day that city’s 2G service began, and remained elevated for three to four months in each city. I calculated that the installation of 2G in the U.S. in 1996-1997 had killed at least 10,000 people outright.

Here in Santa Fe, Verizon Wireless upgraded its service last month. When I am near a Verizon antenna now, I have a headache, nausea, and a swelling sensation in my throat. It doesn’t matter what the power level is. I have a headache from a Verizon antenna where the power density is 0.03 μW/cm2, and no headache from an AT&T antenna where the power density is 15.2 μW/cm2.

In addition, I feel normal in the middle of Santa Fe, where there are lots of cell towers and levels of radiation are high, but I am falling-over dizzy in remote locations in New Mexico where cell phones don’t even work and the levels are barely measurable. The explanation has nothing to do with power levels. The earth underneath Santa Fe, all the way down to mid-mantle, is more highly conductive than most other places on earth. What most EMF scientists are missing is that the electrical properties of the earth are as important as the electrical properties of the wireless signals we are bathed in. And of all the properties of wireless signals, power level is the least important for health and environment. Wireless kills, period, at any level. And it is about to kill us all, and all the insects, birds and animals, unless we wake up and put a halt to it, now. Starting with the satellites.

3. Is wireless technology from Space safe at any level?

I say no, again from personal experience as well as academic research. Satellites orbiting in the ionosphere are far more dangerous than terrestrial antennas, not because of the radiation levels at the surface of the Earth, but because the ionosphere controls the global electrical circuit. The global electrical circuit provides the energy of life that is identical to the qi of Chinese medicine and the prana of Ayurvedic medicine. If you pollute the global circuit with millions of pulsed, modulated signals, you will destroy every living thing.

As I document in my book, The Invisible Rainbow: A History of Electricity and Life, even the first 28 military satellites, launched in 1968, caused disease on Earth. And the first set of satellites for cell phone service -- Iridium’s 66 satellites -- sickened people and animals everywhere. Iridium went into service on September 23, 1998. On that morning exactly, people all over the world who call themselves electrically sensitive (ES) became suddenly deathly ill. I know because on October 1, 1998, I conducted a telephone survey of 57 ES people in 6 countries; contacted 2 ES support groups; and interviewed 2 nurses and one physician who served that population. I know because on the morning of
September 23, 1998, I myself became deathly ill. I also lost my sense of smell on that morning and it has not returned to this day. The mortality rate in the United States rose by 5 percent for two weeks after the commencement of Iridium’s service.

Birds were affected too. It was pigeon racing season, and in early October, newspapers reported huge losses of homing pigeons in much of the United States. Pigeon racers whom I contacted told me that not only did they lose all their pigeons, but few wild birds were seen in the sky for several weeks. And the sport of pigeon racing has not recovered.

When Iridium came out of bankruptcy and resumed service on March 30, 2001, it was foaling season, and newspapers reported spontaneous abortions and foal deaths among very expensive race horses in many countries. I also received reports from people far and wide of nausea, flu-like illness, and feelings of oppression. As I did when Globalstar, a second satellite phone service, began operation on February 28, 2000 with 48 satellites. As I did when Iridium added data and Internet to its satellite service on June 5, 2001. Such reports did not only come from people labeled ES.

That was, respectively, 66 and 48 satellites -- still the only low-orbit satellites providing cell phone service today. The prospect of 12,000 or more satellites is a global emergency. Even the first 1,000 of those satellites, if they are put into operation later this year, as SpaceX would like to do, threatens to put an end to all of life.

4. Should you sign or promote the International Appeal to Stop 5G on Earth and in Space (“5G Space Appeal”)?

The EMF Scientists Appeal has only 200 signatures. The 5G Space Appeal has 200 thousand signatures, including 5,000 scientists. Yet many who signed the EMF Scientists Appeal have declined to sign the 5G Space Appeal, some because it is not just for scientists and some because they are not experts on space.

What is happening in space is an emergency. I invite you to sign the 5G Space Appeal if you haven’t already, and to circulate it to your colleagues. It is a meticulous, thoroughly referenced, accurate document. 200 signatures will not halt the rush toward the cliff. Neither will 200 thousand signatures. We need millions of signatures, and we need the climate change community. We need to be the catalysts to wake up this world, before it is too late.

5.  “If not me, who?”

Most people who call me for information are calling on their cell phones. Most people who are signing the 5G Space Appeal are signing it on their cell phones. Everyone wants their cell phone but they want me to stop 5G for them and it is impossible. They need their cell phone when they travel. They need it for their business. They need it for their family. They need it for their friends. Or they think 4G is safe, but not 5G. Or they “only” have a flip phone. Or, thinking they are doing good for the planet, they keep their phone “only for emergencies.” They think their phone is not irradiating the birds and the insects and their neighbors like the towers are. They think that if they keep the phone at some distance from their head, that they are safe, because they believe there is a dose response. They think that if they only keep their phone for emergencies, the towers do not have to be there. But if even one person wants to be able to use a cell phone wherever they go in case of an emergency, the entire wireless infrastructure of the planet has to be there. Which means no insects, no birds, and very shortly no life and no planet. And there is not just one person who wants to be able to use a cell phone in an emergency, there are seven billion.

Can we, the EMF scientists, doctors and activists, lead the way by example? Walking the walk, not just talking the talk? Throwing away our phones.

It seems to me that this is the most important question, and the only hope for averting catastrophe. If even we can’t do it, no one else will.

It is abundantly clear that we are losing -- losing the fight and losing our planet -- because for almost everyone on earth, the danger from EMFs is an abstraction. It is noise, like the buzzing of a fly, and nothing more. Government officials cannot hear it. Judges cannot hear it. They look at the supplicants before them, who are talking some nonsense that makes no sense to them, and who are also treating it like an abstraction.
So many of the EMF scientists own cell phones. So many of the EMF activists own cell phones.

I went to a public hearing last week, where I testified that a proposed hotel should not be built because there is a cell tower 20 yards away, whose antenna is aimed at where the hotel would be. The neighboring office suites, once filled with lawyers and other businesses, have emptied out since that antenna was installed. The Planning Commissioners ignored me. I gave them an email from the last remaining office tenant, a lawyer who is about to vacate her office because she has severe nosebleeds and dizziness when she is at work. I gave them a doctor’s letter from a woman who is about to close her jewelry shop below those offices because she has headaches, nosebleeds and heart palpitations when she is at work. The Commissioners acted like I was not there, like the documents I had given them did not exist. The lawyer did not testify herself because she was afraid. The jewelry shop owner did not testify herself because she was afraid. Everyone is afraid, and everyone has a cell phone. No one is showing by their actions that they believe what they are saying, except a few people like me who are as rare as pterodactyls.

It doesn’t matter if we get a million signatures, if everyone is signing on their cell phone. It doesn’t matter if we have a million studies, if the researchers act like they don’t believe their results. Who is going to set the example? Who is going lead the world in a different direction?

Hillel said it best: “If not now, when? If not me, who?”

Arthur Firstenberg
P.O. Box 6216
Santa Fe, NM 87502
USA
phone: +1 505-471-0129

lunedì 3 febbraio 2020

Gli insetti hanno un picco di assorbimento radiazione sopra ai 6 GHz

Abbiamo studiato l'energia elettromagnetica assorbita in radiofrequenza in quattro diversi insetti reali in funzione di frequenza da 2 a 120 GHz. L'imaging micro-CT (tomografia ai raggi X) è stato utilizzato per ottenere modelli realistici di insetti reali. Questi modelli sono stati assegnati parametri dielettrici ottenuti dalla letteratura e utilizzati nelle simulazioni nel dominio del tempo a differenza finita.
Tutti gli insetti mostrano una dipendenza della potenza assorbita dalla frequenza con una frequenza di picco che dipende sulle loro dimensioni e proprietà dielettriche. Gli insetti mostrano un massimo in potenza assorbita in radiofrequenza a lunghezze d'onda che sono paragonabili alle loro dimensioni corporee.
Mostrano un aumento generale della potenza assorbita in radiofrequenza sopra i 6 GHz (fino a quando le frequenze in cui le lunghezze d'onda sono paragonabili alla loro dimensione corporea), che indica che se le densità di potenza utilizzate non diminuiscono, ma si spostano (parzialmente) su frequenze più elevate, l'assorbimento nello studio aumenteranno anche gli insetti.   
Ciò potrebbe portare a cambiamenti nel comportamento degli insetti, nella fisiologia e morfologia nel tempo a causa di un aumento delle temperature corporee, dal riscaldamento dielettrico. Gli insetti studiati che sono inferiori a 1 cm mostrano un picco di assorbimento a frequenze (superiori a 6 GHz), che attualmente non sono spesso utilizzate per le telecomunicazioni, ma è previsto l’utilizzo nella prossima generazione di sistemi di telecomunicazione wireless 5G
A frequenze superiori alla frequenza di picco (lunghezze d'onda più piccole) la potenza assorbita diminuisce leggermente


https://www.emfacts.com/2020/02/icnirps-thermal-only-guidelines-dont-work-for-insects-with-5g-unless-you-like-them-fried/

https://www.dropbox.com/s/wcfr48g7yhf9yzp/exposure%20insects%20to%202-12%20GHz.pdf?dl=0


venerdì 24 maggio 2019

effetti dei CEM sul sangue: una review

Importante review che ha esaminato molti analoghi lavori dal 1997 al 2018 e confrontati le conclusioni tratte dai vari gruppi di ricercatori.

Pur a valori di esposizione bassi o legati ad un'esposizione normale si anei confronti del telefono cellulare che delle basse frequenze si conclude che

Si può concludere che l'esposizione di animali ed umani   a campi elettromagnetici è stata causa di effetti nocivi sulle cellule del sangue. Questi effetti erano disturbi dei parametri ematologici a seconda delle specie, delle fonti di campi elettromagnetici, delle frequenze, delle intensità e della durata dell'esposizione. Anche gli orientamenti sull'esposizione ai campi elettromagnetici devono essere aggiornati o riconsiderati in quanto vengono fornite nuove informazioni scientifiche sui campi elettromagnetici ei parametri ematologici. 

https://medcraveonline.com/HTIJ/HTIJ-06-00193.pdf

giovedì 31 maggio 2018

Una metaanalisi di 97 lavori scientifici conferma credibile il danno delle EMF alla Natura


Uno grosso studio fatto da un gruppo di ricercatori di EKLIPSE ha preso in esame ben 97 lavori pubblicati in riviste qualificate internazionali (per-reviewed) ed ha concluso che le radiazioni rappresentano un potenziale rischio all'orientamento ed al movimento di invertebrati e possono produrre sul comportamento anche riproduttivo di insetti ... ma anche agli uccelli. 



Study: Electromagnetic Fields A ‘Credible Threat’ To Wildlife

Written by Joel M. Moskowitz, Ph.D., Principia Scientific International, May 30, 2018
new report found that electromagnetic fields emitted by power lines, Wi-Fi, broadcast and cell towers pose a “credible” threat to wildlife, and that 5G (fifth generation cellular technology) could cause greater harm.
The analysis of 97 peer-reviewed studies by the EKLIPSE project concluded that electromagnetic radiation (EMR) is a potential risk to insect and bird orientation and to plant health.
The report concluded that:
  • EMR represents a potential risk to the orientation or movement of invertebrates and may affect insect behavior and reproduction;
  • bird orientation can be disrupted by weak magnetic fields in the radiofrequency range, and the same may be true for other vertebrates including mammals; and
  • EMR exposure may affect plant metabolism due to production of reactive oxygen species often resulting in reduced plant growth.
  • Moreover, there is “an urgent need to strengthen the scientific basis of the knowledge on EMR and their potential impacts on wildlife.”
The review was conducted by a multidisciplinary, expert steering group composed of four biologists/ecologists who specialized in different taxonomic groups, and two physicists who study electromagnetic fields. This technical report represents the first step in an analysis of currently available knowledge and future research needs.
The reviewers pointed out the need for more high quality research. They rated the quality of 82 studies–56 had good to excellent biologic or ecologic quality, and 39 had good to excellent technical quality.
EKLIPSE (Establishing a European Knowledge and Learning Mechanism to Improve the Policy-Science-Society Interface on Biodiversity and Ecosystem Services) is funded by the European Union to answer requests from policy makers and other societal actors on biodiversity-related issues.
For more information about the EKLIPSE conference held January 22-25, 2018, including slides and video, see: http://www.eklipse-mechanism.eu/emr_conference.
References
Malkemper EP, Tscheulin T, VanBergen AJ, Vian A, Balian E, Goudeseune L (2018). The impacts of artificial Electromagnetic Radiation on wildlife (flora and fauna). Current knowledge overview: a background document to the web conference. A report of the EKLIPSE project. http://bit.ly/Eklipseoverview
Goudeseune L, Balian E, Ventocilla J (2018). The impacts of artificial Electromagnetic Radiation on wildlife (flora and fauna). Report of the web conference. A report of the EKLIPSE project. http://bit.ly/EKLIPSEconfreport

--


-- 

venerdì 15 dicembre 2017

Gli uccelli sono più intelligenti .... scappano

Viene riportato un lavoro scientifico  in cui ricercatori australiani hanno misurato un forte calo di specie di uccelli in un determinato Parco Naturale in periodo dal 2000 al 2015.
Nello stesso periodo c'è forte incremento di radiazioni elettromagnetiche per la costruzioni di stazioni radiobase.

In particolare l'autore riporta un calo del 70 - 90% in un raggio di 2-3 Km da un determinato complesso di torri di trasmissione dati , telefonia, TV !

Nota: speriamo che non siano morti ma che intelligentemente sono scappate via dalla fonte di inquinamento! 

mercoledì 15 luglio 2015

Un importante articolo correla al 93% EMF e effetti ossidativi nelle cellule


Riporto il link ad un articolo recentissimo su
Electromagn Biol Med  

di un gruppo di ricercatori di diverse nazioni, che è stato salutato come di notevole valore.

Si fa un'analisi  di un notevole numero di articoli pubblicati su riviste peer reviewed che hanno studiato la relazione tra effetti ossidativi e radiofrequenze a bassa intensità, in cellule viventi.

93 su 100 lavori evidenziano la induzione di effetti molecolari con la produzione di ROS , attivazione di perossidasi, danni ossidativi del DNA, enzimi, etc.

Conseguenze sono sia in condizioni favorevoli alla produzione di tumori che di elettrosensibilità


  

giovedì 7 agosto 2014

Gli effetti dei campi elettromagnetici artificiali sugli animali

Ho letto con molto interesse l'articolo di un ricercatore spagnolo (Alfonso Balmori) che ha preso in rassegna tutte le pubblicazioni più recenti di ricerche fatte per individuare effetti di EMF su vari animali presenti in  natura.

Raggruppa i lavori scientifici in:

- effetto degli EMF sul comportamento e la navigazione
- effetti sulla loro distribuzione geografica
- effetti sulla riproduzione
- effetti degli stessi su piante.

Le conclusioni tratte sono  che ci sono già molte evidenze scientifiche che suggeriscono una relazione tra campi elettromagnetici artificiali ed effetti dannosi su uccelli , insetti, piante, ed alberi. Queste sperimentazioni  impongono la necessità di studi più mirati ed approfonditi  per capire la loro pericolosità per l'ambiente.

Aggiunge che 'stranamente' nonostante un aumento enorme di , ad es., stazioni radio base ed antenne avvenuto negli ultimi 20 anni, non c'è assolutamente un proporzionale aumento di ricerca in questo campo !  Come mai, dico io ?! [io aggiungo che uno degli effetti del volere che l'industria contribuisca a pagare i costi della ricerca universitaria: gli effetti sono  che 'certe' ricerche siano poco 'appetibili' !]

Interessante è questo  documento molto recente  riportato dal ricercatore  che è una lettera formale del Ministero degli Interni Americano indirizzata al National Telecommunications and Information Administration in cui  richiede che nelle procedure di approvazione e di controllo di torre di comunicazioni (quindi antenne e stazioni radiobase) , oltre a verifiche sul possibile impatto fisico sugli uccelli vengano adottate  valutazioni sugli effetti delle radiofrequenze sugli stessi uccelli !

Che dire di più ?!

domenica 7 aprile 2013

Un bell'articolo sugli effetti ecologi dei CEM

Grazie al nostro amico Franco, mettiamo a disposizione un'interessante review , in inglese, in cui i ricercatori  hanno  preso in rassegna tantissimi lavori scientifici sugli effetti ecologici dei campi elettromagnetici artificiali.

Le conclusioni non possono essere altro che oltre i due terzi dei lavori riportano effetti sia  a bassa che ad alta dose.

lunedì 12 novembre 2012

500 piccioni stramazzano al suolo, in India

In questo articolo il giornale The Times of India riporta forti sospetti che questa ecatompe in 3-4 giorni sia stata causata  da radiazioni a radiofrequenze.

lunedì 14 novembre 2011

Dott. Livio Giuliani al convegno ICEMS, 3 novembre 2011


Intervento su "Limiti della normativa sui campi elettromagnetici" del dott. Livio Giuliani, portavoce ICEMS, al convegno "Campi elettromagnetici: nuovo metodo fisico per la diagnosi e il trattamento delle malattie degenerative", tenutosi il 3 novembre 2011 alla Biblioteca "G. Spadolini", Sala Atti Parlamentari.
Il convegno è stato organizzato dall'ICEMS e dai Senatori del PD.

venerdì 1 aprile 2011

Effetti della esposizione a lungo termine da RF su processi immunitari

Viene segnalato un gruppo di lavori pubblicati da Yuri Grigoriev che dà molte conferme.
Egli è il Responsabile del Russian National Commitee Non Ionizing Radiation Protection.
Questo comitato ha un'attività di lungo respiro raccogliendo anche l'eredità di studi nel campo efettuati prima nel USSR e poi in Russia.
Attività svincolata da pressione di interessi economici (cosa che non si puo' dire avvenga nell'omologo ICNIRP!).

I lavori qui rintracciabili:   http://iemfa.org/index.php/publications/news,     accertano e confermano studi simili .
vedi anche http://e-smogfree.blogspot.com/2011/03/processo-autoimmunizzativo-si-altera.html

Questi di Grigoriev sono stati condotti secondo protocolli WHO, certificati da consulenti esterni ed i cui risultati sono stati approvati da WHO.

In sintesi, la sperimentazione è stata condotta su ratti sottoposti a radiofrequenze per periodi e tempificazioni congrui per simulare la esposzione a campi eletromagnetici generati dalla telefonia mobile.

Le conclusioni tratte dai ricercatori:

- la esposizione a RF comporta la presenza di anticorpi nel cervello e nel flusso sanguigno,  generati dalla reazione di specie ossigeno reattive e NOx a livello  intracellulare
- il sangue coì modificato e somministrato a ratti gestanti  si è dimostrato avere effetti genotossici nei confronti di feti e neonati.

lunedì 21 febbraio 2011

Rapporto tra la diminuzione della popolazione di passeri e l’introduzione delle antenne per la telefonia GSM

Recensione di uno studio di Alfonso Balmori Martinez

Le antenne della telefonia mobile attraversano i  centri urbani fin dalla seconda metà degli anni ’90, aumentando così la contaminazione elettromagnetica. Questi ripetitori producono onde pulsanti da 900 a 1800 MHz  che interferiscono con il sistema nervoso degli esseri viventi. Molti studi scientifici mettono in guardia sul danno per la salute umana e per gli esseri viventi dovuto a questo tipo di radiazione da microonde. (1)
Secondo lo scienziato spagnolo Alfonso Balmori Martínez le prove del rapporto tra la diminuzione dei passeri e l’introduzione dei ripetitori per telecomunicazioni sono molto forti e serve, quindi, maggiore ricerca al riguardo.
I campi ad alta radiofrequenza causano una risposta in molti tipi di neuroni del sistema nervoso centrale degli uccelli. Alcuni studi, inoltre, presentano gli effetti di queste radiazioni sulla riproduzione, cioè una diminuzione della conta spermatica e un minore sviluppo delle tube nei ratti testati, ma anche l’aumento della mortalità nei polli. (2)
In particolare la popolazione di passeri inglesi è collassata nelle grandi città, ma non nei piccoli centri, verosimilmente perché i ripetitori per le telecomunicazioni e l’uso dei cellulari, in generale, è molto maggiore nelle grandi città piuttosto che in quelle piccole.
Le grandi città, di solito, hanno una contaminazione elettromagnetica maggiore che dipende dalla vicinanza ai ripetitori e per questo la diminuzione degli uccelli non avviene con la stessa intensità nei differenti parchi o in vicinanza di parchi. Nelle piccole città di solito i ripetitori sono dislocati fuori dal centro urbano perché è sufficiente a fornire la copertura.
Secondo Balmori le micro-onde hanno un impatto sulle specie a seconda di quale altezza è il luogo dove mangiano, cantano, si riproducono, dalla dislocazione del nido, dal tipo di nido, ecc. Questo è il motivo della diminuzione degli esemplari di specie che frequentano i tetti, le antenne, i cavi telefonici o di quelle che usano luoghi di riproduzione più elevati tipo i passeri domestici, gli storni, le gazze, mentre quelle specie che vivono vicino al suolo e alla vegetazione come i tordi, i pettirossi e gli scriccioli o quelli che dormono, si riproducono in cavità dove sono più protetti. Si pensi, per esempio, alla cinciarella, alla cinciallegra, alla cincia mora. Ogni specie, inoltre, mostra diverse sensibilità a queste radiazioni.

In Scozia, nel novembre 1999, oltre un terzo di tutte le istituzioni locali hanno adottato o hanno dichiarato pubblicamente di voler adottare politiche di precauzione scegliendo di togliere i ripetitori dalle scuole e dalle aree residenziali.
Due anni dopo questo provvedimento il passero “domestico” è riapparso in Scozia. (3) Secondo Balmori questo potrebbe accadere anche nell’Irlanda del Nord dove stanno pianificando dei controlli sui ripetitori dei cellulari e dove ci sarà una nuova regolamentazione più restrittiva rispetto a qualsiasi altra regione del Regno Unito. (4)
“Il campo elettromagnetico è un perfetto agente segreto: non si vede, non ha odore, non fa rumore, non si sente e i suoi effetti sono lenti ma inesorabili”, conclude Balmori nel suo articolo.
Il biologo spagnolo ha condotto, tra il 1996 e il 1998, uno studio sugli uccelli nel parco di Campo Grande nel centro di Valladolid. In quell’area all’epoca c’erano pochi ripetitori e i risultati di allora, confrontati con le misurazioni invece del 2002, quando la città era ormai completamente coperta dal segnale dei ripetitori, con cinque stazioni radio base in prossimità del parco, mostrano che in diversi luoghi a Valladolid, con livelli di radiazione tra 2 e 10 V/m, gli uccelli sono scomparsi. Negli anni recenti molti piccioni viaggiatori sembrano essersi persi a causa dei campi elettromagnetici derivanti dai ripetitori delle telecomunicazioni.


Autore:

Alfonso Balmori Martínez
C/ Navarra, 1 5ºB
47007 Valladolid  -  Spain


Note
(1) G.J. Hyland: “Physics and biology of mobile telephony”: The Lancet, vol 356: 1.8. 25/11/2000).
(2) Youbicier-Simo, et al., 1998.
(3) Paul Kelbie 10/11/2001, The Independent.
(4) Marie Foy, 11/4/2002, Belfast Telegraph.

domenica 16 gennaio 2011

una lettera a Giacobbo - Voyager

Gentile Dr Giacobbo

ho sentito il Suo intervento da Fazio , questa sera.

Desidero mandarLe un link dove troverà diversi articoli e servizi televisivi che confermano come questi uccelli vengono ammazzati con i campi elettromagnetici.

http://www.buergerwelle.de:8080/helma/twoday/bwnews/stories/2053/

E cosa succede a noi, esseri umani ?

Ad es. il WiFi ?

E' vero che non fa niente, come le Istituzioni Pubbliche Nazionali ed Internazionali ci strillano ?! Le inoltro una nota su chi, per fortuna, sta guardando 'dietro' e guardando quei lavori (volutamente nascosti) della ricerca scientifica internazionale che qualcuno sta faticosamente svolgendo, sulla 'peste del XXI secolo' !


Non c'è certezza medico scientifica che la propagazione di onde elettromagnetiche, ed in particolare le radiofrequenze NON abbiano effetti dannosi sulla salute umana (e non solo).

Il principio di precauzione ne è una conseguenza.
Quello seguito in Italia è troppo blando in quanto subisce una forzatura, secondo la quale la Istituzioni preposte sono CERTE (NB!) che gli eventuali danni NON siano relativi agli effetti NON termici.

Per fortuna che a mano a mano che le indagini epidemiologiche e la ricerca biochimica stanno portando nuovi risultati, alcune Istituzioni Pubbliche in varie parti del mondo, si stanno ponendo gravi dubbi sulla correttezza della basi costitutive del Principio di precauzione adottato.
Qui di seguito riporto alcuni esempi, recenti.

A

1

Non c’è certezza scientifica che le radiofrequenze (e quindi il WiFi) sia sicuro e non pericoloso per la salute umana .

- Segnali dalla ricerca scientifica e medica: Un numero sempre crescente di articolo scientifici riportano effetti dannosi delle microonde e wifi : vedere www.bionitiative.org;

6

- Agency for Health Protection and Promotion (OAHPP) Ontario (Canada) sollecitato dalla ‘rivolta’ di molti genitori che si sono con forza opposti a progetti di implementazione di WiFi nelle scuole, ha esaminato la letteratura scientifica più recente (fino a settembre 2010) e riportato come il più grande studio epidemiologico (Interphone) voluto da WHO, ha concluso che ci sono evidenze che un uso intensivo del telefono cellulare porti ad un incremento di tumori a cervello; per intensivo si intende un uso cumulativo di 1640 ore !!! quindi pari ad es. 30’/giorno per 9 anni !!!

o OAHPP conclude che è molto probabile che non si arrivi ad una certezza scientifica condivisa in breve tempo …, come è avvenuto con il problema delle linee aree di alta tensione; di fatto, anche se il WHO ha definito i campi elettromagnetici derivanti come cancerogeno di classe 2B (probabile cancerogeno) , le industrie elettriche si rifiutano a ricoscerle, però la popolazione ha preso conoscenza del pericolo e quindi evita di abitare vicino ad esse.

o OAHPP invita le strutture governative (canadesi) di avviare una revisione verso il basso dei limiti compatibilmente con le necessità militari, industriali e sociali

12

- EUROPEAN ENVIRONMENT AGENCY (EEA), Marzo 2008 Il paradigma voluto dall’ICNIRP e sul quale si basano i Governi per fissare i limiti di esposizione, si fonda sull'opinione che non ci possono essere effetti dannosi delle RF perchè queste, ai livelli ambientali oggi presenti, non provocano significativi effetti termici. Esso può dare luogo a conseguenze molto gravi in termini di sofferenza personale, costi elevatissimi per la sanità pubblica e caduta della fiducia da parte dei cittadini se, come molti dati fanno pensare, tale paradigma si rivela errato

- Oggi gli scienziati percepiscono che i sistemi biologici sono molto più complessi di come si pensava un tempo e che la maggior parte degli effetti dannosi per la salute sono pluri-causali che non possono essere semplicisticamente simulati da ‘manichini’ … questo per enfatizzare la centralità del supporto epidemiologico nella valutazione del rischio.

o A volte passano decenni prima che la scienza sia in grado di identificare un meccanismo d'azione che spieghi una osservazione sperimentale consolidata: p.es. l'intervallo tra l'osservazione delle prime manifestazioni del colera e l'identificazione del meccanismo d'azione che ne è la base è stato di 30 anni (1854-1884), e quello per il cancro da fumo di tabacco è ormai di più di 50 anni (1954-2008) e ancora non si sa perchè alcuni fumatori muoiono di cancro polmonare e altri no (per non parlare dei ritardi nella comprensione dei meccanismi biologici alla base della azione cancerogena di tanti altri agenti dannosi per l'uomo, dal cloruro di vinile al benzene, alle amine aromatiche, al cromoesavalente, al nichel, agli idrocarburi aromatici policiclici, alle diossine ecc., ).

- L'EEA sottolinea come l'assenza di evidenze positive nei dati di cancerogenesi animale sulle RF in un sistema pluri-causale e biologicamente complesso sia in realtà un dato del tutto atteso, La storia di alcuni ben noti cancerogeni umani come il tabacco, l'arsenico, la betanaftilamina insegna che per molti anni ci si è trovati di fronte a una mancata evidenza di cancerogenesi negli animali dopo che nell'uomo una evidenza epidemiologica positiva molto robusta era stata ormai acquisita. Fino a quando non si sarà capito sufficientemente bene quale è il modello animale appropriato e l'appropriato schema sperimentale, il risultato dei dati di cancerogenesi animale sarà molto spesso negativo

B

1

GUIDELINES: sul limite di esposizione alle RF variano enormemente nel Mondo: da Salisburgo e Liechtestein (con 0,1 microW/cm2 ) alla Svizzera (1,0) … all’Italia con 9,6; perché ? perché considera solo gli effetti termici, mentre tanti altri effetti sono riportati dalla letteratura medico scientifica a valori ben inferiori, quali: aumento della permeabilità attraverso la barriera encefalica, aumento del flusso di calcio, aumento del cancro dovuto alla rottura del DNA, proteine da stress, danno ai nervi, ma anche leucemia infantile, disturbi motori, della memoria, mal di testa, sbandamento, stato di fatica, insonnia …

6

- Agency for Health Protection and Promotion (OAHPP) Ontario (Canada) I sistemi industriali di WiFi (non quelli domestici) hanno una potenza di segnale che passa anche attraverso le mura con varie stazioni che sono sempre attive anche se non trasmettono; l’esposizione aumenta particolarmente quando si usano come computer gli smarthphone , iPhone, tenuti in mano, mentre l’uso contemporaneo di tanti utenti aumenta esponenzialmente la esposizione

7

- Russian Radiation Protection Agency (2008) dopo aver già nel 2007 ben stigmatizzato – in diretto contrasto delle conclusioni dell’ICNIRP – che i principali danni alla salute sono legati agli effetti NON TERMICI, ha dato segnali di allarme per la protezione dei ragazzi nei confronti delle RF e WiFi

C

1, 14

Elettrosensibilità: è riconosciuta come disabilità in Svezia (infatti l’Associazione degli Elettrosensibili fa parte della Federazione per le Disabilità, controparte con il Governo) e riportata da WHO/OMS comeun fenomeno secondo il quale persone relazionano effetti fisici avversi mentre usano o sono vicini a dispositivi che emanano campi elettrici, magnetici e elettromagnetici . Inoltre è riportata (ICD-10) nella nota sulla Classification of Occupationally Related Disorders redatto dal Nordic Council of Ministers

I sintomi includono: disturbi del sonno, dolori , nausea, disturbi della pelle, arrossamenti, acufeni, Si stima che il 3% della popolazione è affetta da questi disturbi in modo importante; una esposizione prolungata come nel caso di WiFi aumenta il danno

In Svezia le Istituzioni locali sono tenute a rispettare la line guida della Nazioni Unite “Standard Rules on the equalization of opportunities for people with disabilities” a dare agli elettrosensibili gli stessi diretti e servizi necessari per dare loro lìopporunità di vivere la loro vita analoga di tutte le altre persone.

6

- OAHHP: riporta la conferma avuta da parte di un gruppo di esperti del Governo Canadese che hanno ammesso la esistenza di una relazione tra fonti elettromagnetiche ed una alterazione della attività elettrica e la biochimica dei neurotrasmettitori

7

- La “Canadian Human Rights Commission”, il “Americans with Disabilities Act” ed il Canadian Government riconoscono la elettrosensibilità

D

1, 15.16

Bambini: essi sono molto più sensibili ai contaminanti come le radiofrequenze. Il Steward Report (UK) (2000) scoraggia l’uso del telefono cellulare: questa colpisce la testa, mentre con il WiFi tutto il corpo è soggetto alla azione delle RF Il Governo Indiano (2008) ha invitato le compagnie telefoniche di campagne promozionali rivolte a bambini e donne in gravidanza. Il Ministro per l’AmbienteFrancese (2009) ha proibito la pubblicità sui cellulari se rivolta a bambini con età inferiore ai 12 anni.

E

1, 11, 7

Rimozione: in diverse parti nel mondo le stazione di WiFi sono state rimosse dallo interno dei palazzi, come:

- French National Library (2008), ed altre 5 librarie parigine , ma anche la Università della Sorbona (Maggio 2009), nelle scuole elementari della City of Herouville St. Clair, il WiFi è stato in qualche modo bloccato anche per le centinaia di cause contro compagnie telefoniche in atto ;

- Vancouver School Board (Canada); Palm Beach, Florida, Los Angeles, California (Los Angeles School District – Maggio 2009) , and New Zealand hanno proibito la presenza di ripetitori di antenne vicino alle scuole , quindi ancor di più all’INTERNO delle stesse !

F

1

Principio di precauzione: Per proteggere l’ambiente il principio di precauzione deve essere ampliamente applicato dagli Stati per agire contro il pericolo di danni seri ed irreversibili; la mancanza di certezze scientifiche non debbono essere utilizzate per rinviare misure efficaci di prevenzione del danno ambientale.

7

- Diverse compagnie di assicurazioni non assicurano le società di telecomunicazioni in quanto i rischi connessi sono ritenuti INCALCOLABILI. Es. la Austriaca AUVA (Luglio 2009)

12

- EUROPEAN ENVIRONMENT AGENCY (EEA) (Marzo 2008) I casi dell'asbesto, del benzene, dei bifenili policlorurati, del tabacco, del piombo, ecc. insegnano che le esposizioni pericolose devono essere messe sotto controllo ancora prima che ci sia una evidenza convincente di danni a lungo termine e che sia chiarito il meccanismo biologico che produce i danni alla salute umana. Le "incertezze" utilizzate in passato nei casi in questione per ritardare gli interventi cautelativi non possono ripetersi oggi in un settore, come quello dei CEM, che ha un elevato peso sanitario, politico ed economico. Richiedere prove sempre più consistenti prima di intervenire per prevenire rischi gravi e già individuati può dare luogo a costi sanitari ed economici molto elevati, com'è avvenuto con l'asbesto, il piombo e il tabacco

G

2

Parlamento Europeo: ha votato (522 a favore 16 contarri) una risoluzione che richiede norme più restrittive sui limiti di esposizione ai campi elettromagnetici , in quanto sono stati definiti in base ad una conoscenza scientifica obsoleta. Lo stesso si dice estremamente preoccupato dal documento Bionitiative report in cui oltre 1500 lavori scientifici illustrano seri danni provocati da cellulari, antenne e ripetitori, Cordless, Wifi, WiMax, etc.

Da una indagine (Eurobarometro) eseguita nei 27 Stati Membri la CE, risulta che il campione italiano intervistato ha dimostrato una preoccupazione sulle conseguenze dei sistemi wireless MOLTO più alta rispetto alla media europa. Essi si dicono non protetti dalle Istituzioni Pubbliche

7,17

Ministero dell’Ambiente Israeliano si è espresso pubblicamente per denunciare la pericolosità sia del telefono cellulare (2008) , dando istruzioni per ridurne gli effetti dannosi che del WiFi in particolare nei confronti dei giovani (Luglio 2009)

10

Il Ministro Bavarese per l’Educazione e Cultura (Aprile 2007) nella relazione periodica al Parlamento Bavarese sullo sviluppo delle tecnologie informatiche nelle strutture scolastiche enfatizza quanto il Federal Office for Radiation Protection segnala: di utilizzare il meno possibile il WiFi, in presenza di una rete , dando istruzioni pratiche per ridurre il più possibile i danni derivanti dallo uso del WiFi

o Il Parlamento Bavarese (22.3.1007) ha emesso una raccomandazione alle Scuole di ritornare indietro alla connessione via cavo

- In ogni caso le famiglie sono state informate e responsabilizzate nelle decisioni se installare o meno WiFi nelle scuole.

- In una interrogazione parlamentare il Ministro per la Cultura, in accordo con quello della Salute, ha assicurato che eventuali segnalazioni di sintomi legati alla elettrosensibilità sarebbero stati trattati dalla struttura medica locale e riportata a livello centrale (31.3.2010)

- Il Dipartimento per la Istruzione di Francoforte ha deciso che in attesa di una certezza della sicurezza, il WiFi non deve essere sviluppato nelle scuole

10

Interrogazione parlamentare Cantone Svizzero di Thurgau , il Governo (Aprile 2008) risponde come sia stato raccomandato alle scuole di utilizzare la connessione via cavo dando loro però capacità decisionale, allargata alla popolazione che deve essere informata; lo stasso Governo cantonale aggiunge come esso ha dottao delle linee guida protettive nei confronti dei propri impiegati, limitando l’elettrosmog.

1131

L’ Ufficio federale dell’ambiente, delle foreste e del paesaggio (Svizzera) in una esaustiva nota rivolta alla popolazione (2005) indica ad es. di stazionare le basi dei cordless lontano dalla zona letto , come anche per il WiFi una attenzione massima alle distanze da tenere sia rispetto all’ Hotspot che dal computer portatile.



In conclusione,
l'ignorare le risultanze della Scienza, ignoranza voluta dallo strapotere economico delle industria delle telecomunicaznioni, della telefonia , della informatica crea danni presenti e futuri, che nei prossimi anni diventeranno immanenti (la storia del tabacco, dell'amianto, purtroppo insegnano).

Confidando che queste note possano essere portate alla attenzione dell'opinione pubblica, non mi rimane che salutare distintamente