Syndication

Visualizzazione post con etichetta UN. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta UN. Mostra tutti i post

sabato 15 luglio 2017

Nazioni Unite su: Business diritti umani e sostenibilità ambientale ... in sintonia con il Decreto Galletti ?

All'interno dell'ONU un suo comitato ha prodotto  (Ginevra, 30.6.2017) un documento importante: "il business e la dimensione dei diritti umani per uno sviluppo sostenibile: Integrare i principi di: Protezione, rispetto e recupero nella implementazione di obiettivi di sviluppo sostenibile.

Sotto c'è il link per il documento che sembra fatto per essere applicato alle EMF!
Sotto in questo post,  ci sono delle affermazioni essenziali, estrapolate dallo intero documento, quali:

- nello sviluppo di tecnologie e business si deve tener conto dei diritti umani (ad es. quelli delle persone elettrosensili per avere una vita ... civile) : se questi diritti non sono rispettati lo sviluppo non è sostenibile 
- lo Stato deve presidiare e deve protegere le persone che soffrono per abusi legati al business !
- lo Stato deve garantire che i propri partner lavorino secondo queste linee guida (e qui vedo un collegamento diretto al Decreto Galletti  )
- per il Business:  questo approccio non è scelta ma una precisa responsabilità; non basta finanziare progetti di filantropia ! Il rispetto dei diritti umani deve essere parte essenziale della 'catena del valore' della azienda. 





UN Working Group statement on business and human rights and sustainable development

Author: UN Working Group on business & human rights
"The business and human rights dimension of sustainable development: Embedding “Protect, Respect and Remedy” in SDGs implementation"
The 2030 Agenda [for Sustainable Development Goals] emphasizes that the business sector is a key partner for the United Nations and governments in achieving the SDGs. Notably goal 17 speaks of revitalizing global partnerships for sustainable development, including public-private partnerships. Paragraph 67 of the 2030 Agenda calls on “all businesses to apply their creativity and innovation to solving sustainable development challenges” and commits States to “foster a dynamic and wellfunctioning business sector, while protecting labour rights and environmental and health standards in accordance with international standards and agreements and other ongoing related initiatives, such as the Guiding Principles on Business and Human Rights…”. 
...The UN Working Group on Business and Human Rights urges Governments to set a clear vision for connecting the role of the private sector and businesses in development with accountability and internationally agreed standards for business practices aligned with human rights. It also calls on business to meeting their responsibility to respect for human rights as an integral component of their contribution to the SDGs. The UN Guiding Principles on Business and Human Rights should be a key reference point for both States and business in this context.

I. Embedding human rights in partnerships with business to achieve the SDGs Human rights are essential to achieving the Sustainable Development Goals (SDGs). Simply put, a development path in which human rights are not respected and protected cannot be sustainable, and would render the notion of sustainable development meaningless. Rightly, the 2030 Agenda for Sustainable Development is explicitly grounded in the UN Charter, the Universal Declaration of Human Rights, international human rights and labour rights treaties and other instruments, stating that the aim of the SDGs is to “realize the human rights of all”. The SDGs themselves and their targets also cover a wide range of issues that mirror international human rights and labour standards. Many of the SDGs relate closely to economic, social and cultural rights, including rights focused on health, education, food, shelter, alongside the rights of specific groups such as women, children and indigenous peoples. In addition, SDG 16 on the need for peaceful, just and inclusive societies emphasizes key civil and political rights, including personal security, access to justice, and fundamental freedoms. The 2030 Agenda emphasizes that the business sector is a key partner for the United Nations and governments in achieving the SDGs. Notably goal 17 speaks of revitalizing global partnerships for sustainable development, including public-private partnerships. Paragraph 67 of the 2030 Agenda calls on “all businesses to apply their creativity and innovation to solving sustainable development challenges” and commits States to “foster a dynamic and wellfunctioning business sector, while protecting labour rights and environmental and health standards in accordance with international standards and agreements and other ongoing related initiatives, such as the Guiding Principles on Business and Human Rights…”.

II. Reinforcing the State duty to protect rights-holders States have a critical role to play in ensuring that SDG implementation efforts are consistent with the human rights framework on which the 2030 Agenda is based. The State duty to protect people from business-related human rights abuse includes the task of ensuring that businesses will contribute to, not undermine, inclusive and sustainable development. The foundation of the State duty to protect as set out in the Guiding Principles requires States to protect against human rights abuse within their territory and/or jurisdiction by third parties, including business enterprises. This requires taking appropriate steps to prevent, investigate, punish and redress such abuse through effective policies, legislation, regulations and adjudication. It also requires States to set out clearly the expectation that all business enterprises domiciled in their territory and/or jurisdiction respect human rights throughout their operations. This implies having in place laws that require and enable business respect for human rights, and providing guidance to business enterprises on how to identify, prevent, and mitigate adverse human rights impacts linked to their operations. 

2. States must ensure that their business partners for sustainable development have made a clear and demonstrable commitment to the UN Guiding Principles on Business and Human Rights, and uphold these Principles in efforts to reach the SDGs. While partnerships with the business sector are a key part of the strategy for achieving the SDGs, States are responsible for setting national sustainable development policies and priorities to meet the SDG targets that they have committed to by 2030. As and when governments partner with business to achieve the SDGs, they must ensure that their partners have taken demonstrable steps to embed respect human rights across their operations. When seeking to engage business in pursuit of SDGs, States must at the same time emphasize that human rights – not profits – come first. Related to this, as States are beginning to encourage business to report on their contributions to the SDGs, they should also ensure that reporting frameworks are aligned with the Guiding Principles so that businesses disclose impacts to people across their activities and how negative impacts are being addressed. 

6. For business, the most powerful contribution to sustainable development is to embed respect for human rights across their value chains. And business respect for human rights is not a choice, it is a responsibility. The role of business in implementing the SDGs is different from, and goes beyond, traditional corporate social responsibility. Philanthropy or social enterprise are to be welcomed, but cannot substitute for meeting the responsibility to respect human rights, which all businesses regardless of size, sector or location, are expected to meet. Respecting human rights means avoiding adverse impacts on the human rights of others and addressing the adverse impacts with which the business is involved. Business implementation of the Guiding Principles is not simply about ensuring “do no harm”, or just a starting point towards making a positive contribution to sustainable development. Implementing the Guiding Principles in itself has tremendous potential to contribute towards positive change for the hundreds of millions of the poorest and most marginalized people across the world, for whom the term “sustainable development” would otherwise ring hollow. 

martedì 12 gennaio 2016

Risposta dell'Osservatorio sulle disabilità


Qualcuno ricorderà che nel lontano novembre 2014 (vedere qui)  a nome della Rete NoElettrosmog Italia abbiamo inviato su dossier sulla elettrosensibilità per richiedere che la tematica della difesa delle persone che hanno una disabilità a causa della elettrosensibilità  e che vogliono avere  pari condizioni di vita rispetto agli altri, venisse affrontato dallo Osservatorio sulle disabilità. 
Questo è l'organo ufficiale previsto dalla legge italiana che ha ratificato la Convenzione ONU sulle pari diritti delle persone con disabilità.

Dopo ripetuti solleciti, alla fine è arrivata la loro risposta che è

Punto 3 O.d.G: Esame della tematica relativa alla elettrosensibilità, così come richiesto da Rete No Elettrosmog Italia
 
In riferimento alla richiesta pervenuta dalla Rete No Elettrosmog Italia, che sollecita un parere all’Osservatorio rispetto alla tematica dell’elettrosensibilità in relazione con la disabilità, pur non disconoscendo l’importanza della tematica, l’Osservatorio ritiene che la materia non rientri fra le competenze dello stesso OND e che sia opportuno rimandare l’Associazione a organismi competenti come ad esempio il Ministero dell’ambiente.

Notare:

- che tra i compiti (vedere il loro sito) c'è quello di promuovere l'attuazione della Convenzione ONU ... ed è quello che stiamo chiedendo !
- non rimpalla neanche al Ministero della Salute, ma a quello dell'Ambiente ... per dire che la problematica è tecnico ambientale e non sanitaria !

Vanno individuate quegli interventi che siamo in grado di attuare.
 

lunedì 11 maggio 2015

Comunicato stampa su appello di 190 scienziati a ONU

Appello di 190 scienziati di tutto il Mondo all'ONU per una reale attuazione di principi di precauzione contro i campi elettromagnetici

  
A: Onorevole Mr, Ban Ki-moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite;
Onorevole Dr. Margaret Chan, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità;
Stati membri delle Nazioni Unite.
Appello Internazionale:
Gli scienziati chiedono

protezione dall’esposizione ai Campi Elettromagnetici non ionizzanti
Siamo scienziati impegnati nello studio degli effetti biologici e sanitari dei campi elettromagnetici non ionizzanti (EMF). Basandoci sulle ricerche pubblicate da riviste peer-reviwed, siamo seriamente preoccupati riguardo all’esposizione ubiquitaria e sempre più in aumento agli EMF generati da apparecchiature elettriche e wireless.
Queste includono ma non si limitano le apparecchiature che emettono radiazione a radiofrequenza (RFR), quali i cellulari, i telefoni cordless e le loro stazioni base, il Wi-Fi, le antenne di trasmissione, gli smart-meter e i monitor per neonati oltre alle apparecchiature elettriche e alle infrastrutture utilizzate nel trasporto e consegna di elettricità che generano un campo elettromagnetico a frequenza estremamente bassa (ELF EMF).
Basi scientifiche per la nostra comune preoccupazione
Numerose pubblicazioni scientifiche recenti hanno mostrato che i EMF influiscono gli organismi viventi a livelli ben inferiori a molte linee guida sia nazionali che internazionali. Gli effetti includono l’aumentato rischio di tumori, lo stress cellulare, l’aumento di radicali liberi dannosi, danno genetico, modifiche strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, deficit di apprendimento e di memoria, disturbi neurologici, e impatti negativi sul generale benessere degli esseri umani. Il danno va molto oltre la razza umana, visto che ci sono sempre più in aumento le prove degli effetti dannosi sia sulla vita delle piante che su quella degli animali.
Queste scoperte giustificano il nostro appello alle Nazioni Unite (UN) e, a tutti gli Stati Membri nel mondo, per incoraggiare l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ad esercitare una forte leadership nella promozione dello sviluppo di linee guida più protettive nei confronti dei EMF, incoraggiando misure precauzionali, ed educando il pubblico riguardo ai rischi per la salute, particolarmente al rischio per lo sviluppo dei bambini e del feto. Con un mancato intervento.
L’OMS viene a mancare all’adempimento del suo ruolo quale preminente ente internazionale di salute pubblica.
Linee guida per gli EMF non ionizzanti inadeguate
I vari enti che fissano norme di sicurezza hanno fallito nell’imporre linee guida sufficienti a proteggere il pubblico in generale, e i bambini in modo particolare che sono più vulnerabili agli effetti degli EMF.
La Commissione Internazionale sulla Protezione dalle Radiazioni Non-Ionizzanti (ICNIRP) ha stabilito nel 1998 le “Linee guida per limitare l’esposizione ai campi elettromagnetici, magnetici, elettrici variabili nel tempo (fino a 300 GHZ)”.
1 Queste linee guida sono state accettate dall’OMS e da molti paesi in tutto il mondo. L’OMS sta chiedendo a tutte le nazioni di adottare le linee guida dell’ICNIRP per incoraggiare l’armonizzazione internazionale degli standard. Nel 2009, l’ICNIRP ha rilasciato una dichiarazione dicendo che stava riaffermando le proprie linee guida del 1998, perché secondo la loro opinione, la letteratura scientifica pubblicata fino ad allora “non aveva fornito prova di alcun effetto negativo al di sotto dei limiti stabiliti e non si rendeva necessaria una revisione immediata della sua guida per la limitazione dell'esposizione ai campi elettromagnetici ad alta frequenza.
2 La nostra opinione è che, poiché le linee guida ICNIRP non considerano l’esposizione a lungo termine e gli effetti a bassa intensità, esse sono insufficienti a proteggere la salute pubblica.
L’OMS ha adottato la classificazione dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) del campo elettromagnetico a frequenza estremamente bassa (ELF EMF) nel 2002 e della radiazione a radiofrequenza (RFR) nel 2011. Questa classificazione dichiara che l’EMF è un possibile cancerogeno umano (Gruppo 2B).

Nonostante entrambe le scoperte IARC, l’OMS continua a sostenere che non vi sono prove sufficienti per giustificare l'abbassamento di tali limiti quantitativi di esposizione.
Poiché vi è polemica circa un fondamento logico per fissare norme per evitare gli effetti negativi per la salute, si raccomanda che il Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) convochi e finanzi un comitato multidisciplinare indipendente che esplori i pro e i contro di pratiche alternative a quelle correnti che possano abbassare sostanzialmente l’esposizione umana alle RF e ai campi ELF. Le decisioni di questo gruppo dovrebbero essere prese in modo trasparente e imparziale
. Nonostante sia essenziale che l’industria venga coinvolta e cooperi in questo processo, non dovrebbe essere permesso all’industria di influenzare il processo decisionale del  ruppo o le conclusioni raggiunte. Questo gruppo dovrebbe fornire le proprie analisi alle Nazioni Unite eall’OMS per guidare l’azione precauzionale
Collettivamente chiediamo anche che:
1. Vengano protetti i bambini e le donne incinta;
2. Si rinforzino le linee guida e gli standard regolamentari;
3. I produttori vengano incoraggiati a sviluppare tecnologia più sicura;
4. I servizi di utilità pubblica (società dell’energia elettrica, telefonia, etc.) responsabili della produzione, trasmissione, distribuzione, e monitoraggio del mantenimento dell’elettricità, mantengano di un’adeguata qualità della corrente elettrica e assicurino cavi elettrici appropriati per minimizzare i danni prodotti dalla corrente a terra;
5. Il pubblico venga pienamente informato riguardo ai rischi potenziali per la salute derivanti dall’energia elettromagnetica e vengano loro insegnate le strategie per la riduzione del danno;
6. Ai professionisti del campo medico si provveda un’educazione adeguata riguardo agli effetti biologici dell’energia elettromagnetica e sia provvista una formazione al trattamento di pazienti che soffrono di elettrosensibilità;
7. I governi finanzino formazione e ricerca sui campi elettromagnetici e la salute che sia indipendente dall’industria e impongano la cooperazione tra industria e ricercatori;
8. I mass media rivelino i rapporti tra gli esperti della finanza con l’industria quando citano le loro opinioni riguardo gli aspetti sulla salute e la sicurezza delle tecnologie di emissione di EMF; e
9. Vengano stabilite delle zone-bianche (aree libere da radiazioni).

Data proposta di sottomissione: 23 Ottobre 2014
Domande possono essere poste a Elizabeth Kelley, M.A., Directore, EMFscientist.org, a:
info@EMFscientist.org
Le firme seguono secondo la nazione….
Nota: i firmatari hanno firmato come individui, dando la loro affiliazione professionale, ma questo non necessariamente significa che questo rappresenti la visione dei loro datori di lavoro o delle organizzazioni professionali alle quali sono affiliati.
Magda Havas, Ph.D, Trent University, Peterborough, Ontario Canada
Martin Blank, Ph.D, Columbia University, USA
Elizabeth Kelley, MA, Electromagnetic Safety Alliance, Arizona, USA
Henry Lai, Ph.D, University of Washington, USA
Joel M. Moskovitz, Ph.D, University of California at Berkeley, USA
per l'Italia:

Italy
Prof. Sergio Adamo, Ph.D., La Sapienza University, Rome, Italy
Prof. Fernanda Amicarelli, Ph.D., Applied Biology, Dept. of Health, Life and Environmental Sciences, University of L'Aquila, Italy
Dr. Pasquale Avino, Ph.D., INAIL Research Section, Rome, Italy
Dr. Fiorella Belpoggi, Ph.D., FIATP, Director, Cesare Maltoni Cancer Research Center, Ramazzini Institute, Italy
Prof. Emanuele Calabro, Department of Physics and Earth Sciences, University of Messina, Italy
Prof. Franco Cervellati, Ph.D., Department of Life Science and Biotechnology, Section of General Physiology, University of Ferrara, Italy
Prof. Stefano Falone, Ph.D., Researcher in Applied Biology, Dept. of Health, Life and Environmental Sciences, University of L'Aquila, Italy
Prof. Dr. Speridione Garbisa, ret. Senior Scholar, Dept. Biomedical Sciences, University of Padova, Italy
Dr. Settimio Grimaldi, Ph.D., Associate Scientist, National Research Council, Italy
Prof. Livio Giuliani, Ph.D., Director of Research, Italian Health National Service, Rome-Florence-Bozen; Spokesman, ICEMS - International Commission for Electromagnetic Safety, Italy
Prof. Dr. Angelo Levis, MD, Dept. Medical Sciences, Padua University, Italy
Prof. Salvatore Magazù, Ph.D., Department of Physics and Science, Messina University, Italy
Dr. Fiorenzo Marinelli, Ph.D., Researcher, Molecular Genetic Institute of the National Research Council, Italy
Claudio Poggi, Electronics Engineer, Research Director, Sistemi s.r.l., (TN), Genoa, Italy
Prof. Raoul Saggini, University G. D'Annunzio, Chieti, Italy
Dr. Morando Soffritti, MD, Honorary President, National Institute for the Study and Control of Cancer and Environmental Diseases B. Ramazzini, Bologna, Italy
Prof. Massimo Sperini, Ph.D., Center for Inter-University Research on Sustainable Development, Rome, Italy
 

Appello di 190 scienziati all'ONU


190 scienziati di tutto il Mondo (gli italiani sono indicati qui) hanno prodotto un appello rivolto a ONU e in copia a WHO ai fini di proteggere l'essere umano e la natura dai campi elettromagnetici e dalla tecnologia wireless.

Qui c'è l'appello in italiano .

Inoltre si enfatizza la posizione conflittuale dell'OMS (WHO) che pur avendo classificato gli EMF come possibili cancerogeni continua a perorare la difesa dei livelli massimi di esposizione dell'ICNIRP datati fine anni '90.


vedere sito apposito http://emfscientist.org/


PRESS RELEASE
International Scientists Appeal to U.N. to Protect Humans and Wildlife from Electromagnetic Fields and Wireless Technology


WHO’s conflicting stance on risk needs strengthening, says 190 scientists

New York, NY, May 11, 2015 (Business Wire) -- Today 190 scientists from 39 nations submitted an appeal to the United Nations, UN member states and the World Health Organization (WHO) requesting they adopt more protective exposure guidelines for electromagnetic fields (EMF) and wireless technology in the face of increasing evidence of risk. These exposures are a rapidly growing form of environmental pollution worldwide.


The “International EMF Scientist Appeal” asks the Secretary General and UN affiliated bodies to encourage precautionary measures, to limit EMF exposures, and to educate the public about health risks, particularly to children and pregnant women.

The Appeal highlights WHO’s conflicting positions about EMF risk. WHO’s International Agency for Research on Cancer classified Radiofrequency radiation as a Group 2B “Possible Carcinogen” in 2011, and Extremely Low Frequency fields in 2001.  Nonetheless, WHO continues to ignore its own agency’s recommendations and favors guidelines recommended by the International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP). These guidelines, developed by a self-selected group of industry insiders, have long been criticized as non-protective.

The Appeal calls on the UN to strengthen its advisories on EMF risk for humans and to assess the potential impact on wildlife and other living organisms under the auspices of the UN Environmental Programme, in line with the science demonstrating risk, thereby resolving this inconsistency.

Martin Blank, PhD, of Columbia University, says, “International exposure guidelines for electromagnetic fields must be strengthened to reflect the reality of their impact on our bodies, especially on our DNA. The time to deal with the harmful biological and health effects is long overdue. We must reduce exposure by establishing more protective guidelines.”

Joel Moskowitz, PhD, of University of California, Berkeley, says, “ICNIRP guidelines set exposure standards for high-intensity, short-term, tissue-heating thresholds. These do not protect us from the low-intensity, chronic exposures common today. Scientists signing the Appeal request that the UN and member nations protect the global human population and wildlife from EMF exposures.”

International EMF Scientist Appeal:  EMFscientist.org

Video Statement (3 min.) by Spokesperson Martin Blank, PhD:
EMFscientist.org

Contacts:

Elizabeth Kelley, MA, Director                 Joel Moskowitz, PhD               
EMFscientist.org                                   School of Public Health, University of California, Berkeley
info@EMFscientist.org                           jmm@berkeley.edu
                                                                         1-510-643-7314          

sabato 20 dicembre 2014

Elettrosensibilità : disabilità riconosciuta ?

Informiamo gli amici di questo blog che il 29.11.2014 è stato inoltrato al Ministero del Lavoro un dossier sulla elettrosensibilità  con l'obiettivo che questa disabilità sia parte dell'Osservatorio sulle Disabilità . Questo Osservatorio è stato costituito appositamente in rispetto alla Convenzione ONU sulle pari opportunità delle persone con disabilità.  L'Osservatorio ha lo scopo di essere parte attiva nei confronti del Parlamento e del Governo per la modifica delle norme che tutelano questa parte della popolazione.

Qui di seguito sono elencate le richieste che sono state inoltrate.


1)   Venga creata all’ interno dell’area comunale una zona elettrosmog-free  dove il livello di inquinamento da campi elettromagnetici sia ridotto ai seguenti valori:

a.    Per le basse frequenze =  10 nanoT e 0,5 V/m

b.    Per le radiofrequenze = 0,05 V/m e 0,1 microW/mq

2)   Negli edifici pubblici e privati destinati alla sanità, vengano individuate aree elettrosmog-free caratterizzate da basso livello di inquinanti (vedere punto 1) ed in particolare in:

a.    Ospedali e case di cura e presidi sanitari (ASL)

b.    Scuole di ogni ordine e grado

3)   creare un Centro di Riferimento Nazionale di Medicina Ambientale per l’elettrosensibilità , interamente finanziato dal Sistema Sanitario Nazionale e gestito esclusivamente da specialisti che abbiano anche una formazione di tossicologia clinica e siano completamente privi di conflitti di interessi

4)   favorire  una maggiore consapevolezza da parte degli enti locali e degli operatori sanitari riguardo l’importanza della qualità dell’aria indoor,  così come i pericoli legati alle attuali tecnologie di comunicazione senza fili (cellulari, Wi-Fi, Wi-Max, Bluetooth, DECT, ecc.)

5)   favorire l’educazione sanitaria del soggetto affetto da Malattia o da Disabilità Ambientale per elettrosensibilità e della sua famiglia;

6)   provvedere alla formazione e all’aggiornamento professionali del personale sanitario in relazione alla Disabilità Ambientale, elettrosensibilità

7)   promuovere presso le unità di pronto soccorso l’adozione di un protocollo di ospedalizzazione per i soggetti con elettrosensibilità  da attuare nei casi di necessità ed urgenza;

8)   che le Regioni favoriscano con incentivi la creazione di Zone Bianche, preferibilmente all’interno di Parchi Naturali, ma non solo, che siano caratterizzate dalla totale assenza di contaminazioni chimiche derivanti da attività industriali, artigianali o dell’agricoltura, così come un’esposizione a ampi elettromagnetici inferiori ai 0,1 Volt/metro. (Forse la n.1 e la n. 8 si potrebbero accorpare dicendo Comuni e Regioni perché mi sembra che richiedano la stessa cosa.)

9)   Che localmente vengano previsti fondi per agevolare  il disabile nella realizzazione di interventi di schermatura nella propria abitazione

10)               Che le persone disabili siano esentate dal pagamento delle medicine prescritte per lenire i disturbi fisici riportati da questa disabilità

giovedì 2 maggio 2013

Elettrosensibilità e disabilità

Più volte ho portato alla attenzione vostra la possibilità di  puntare sulla disabilità e sul riconoscimento delle pari opportunità per TUTTI i disabili.

E' un suggerimento più volte espresso da Olle Joansson.

Ho  approfondito la tematica.

Sono andato a 'studiare' cosa l' ONU prevede in materia di disabilità. 
Ho dialogato con questa struttura dell'ONU, che si chiama ENABLE, per avere certezza che non c'è una lista di disabilità !  

A differenza della malattia che deve essere riconosciuta dall'OMS (ad es. FORSE nel 2015 l'elettrosnesibilità verrà riconosciuta tale ..., forse), non viene richiesta una diagnosi di disabilità.


Ogni Stato, Italia compresa, ha ratificato con legge nazionale, un protocollo per dare pari opportunità a tutti i disabili, quindi, elettrosensibili inclusi.

Io ho provato prima a capire quale Ministero/Dipartimento presiede a tale tutela, e quindi ho inviato un email per capire se e come l'elettrosensibilità è stata mai presa in cornsiderazione (ed in particolare visto l'enorme aumento di ambienti e tecnologie wireless presenti sia nel posto di lavoro che fuori).

Non ho avuto alcuna risposta, anche dopo contatti telefonici.


L'ONU prevede che si possa mettere sotto accusa uno Stato se non rispetta tali accordi internazionali.

Ho cercato di avviare la procedura, ma impongono che deve essere attivata da un'associazione 'riconosciuta'.

Quindi necessita prima entrare in una Lista di NGO riconosciute.  
Ho provato come ReteNoelettrosmogitalia:  Niente !  In quanto, come sappiamo , è solo un 'blog' sneza bilanci, codici fiscali, Statuti,  etc.

In particolare mi fannno presente che mancano


1. Information on the programmes and activities of the organization in areas relevant to the Conference of States Parties to the Convention on the Rights of Persons with Disabilities with detailed information in the country (s) in which they are carried out. NGOs/DPOs seeking accreditation shall be asked to confirm their interest in the goals and objectives of the Conference and may need to provide additional documentation;
2. Documented confirmation of the activities of the organization at the national, regional or international level;
3. Copies of the annual or other reports of the organization with financial statements, and a list of financial sources and contributions, including contributions from Governments;


Tra  i membri della Rete, c'è una Associazione che, ovviamente insieme a me - che mi sono cuccato chili di documentazione online ! - si voglia iscrivere in tale lista per poi avviare questo Complaint ?

Aspetto fiducioso

Giorgio Cinciripini

domenica 13 gennaio 2013

Elettrosensibilità come disabilità

Dopo varie indagini ho individuato questo Osservatorio allo interno del Mainistero del Lavoro che dovrebbe essere organo di controllo sulla realizzazione della Convenzione ONU sulle pari diritti delle persone disabili.

Ho appena inviato questo email ... vediamo che succede !


_______________________________________
Alla attenzione dell'Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità .
Inoltro questo email a nome di una Rete di comitati ed associazioni nati per tutelare la popolazione dai danni dell'elettrosmog (ovvero dall’ inquinamento proveniente da campi elettromagnetici artificiali) ed in particolare di persone affette da elettrosensibilità.
Parliamo della disabilità legata ad un insieme di sintomi che una parte della popolazione lega a campi elettromagnetici di livelli attualmente inferiori a quelli che determinano effetti termici e danni alla salute , fatti propri dalle leggi nazionali.
Epidemiologia
- colpisce tutte le nazioni in cui sia sviluppata la tecnologia che usa i cem a bassa frequenza (elettricità) ed ad alta frequenza (radar, impianti radiotelevisivi e radiobase) più frequente in paesi nord europei dove la tecnologia cordless è stata introdotta prima.
- le donne ne sono affette in % maggiore che gli uomini
- colpisce tutte le età anche bambini e anziani ma l'età più colpita è tra 40 e 70 anni.
- soggetti predisposti:
portatori di protesi metalliche, amalgame, impianti dentari che aumentano la conduttività ne sono più affetti e anche soggetti che hanno subito traumi cranici, spinali, shock elettrico (=folgorazione) (Sick, 2003 citato da HPA,linee guida ICNIRP 1998 confermate nel 2004, versione italiana pag 3 e pag 33 dal sito ICNIRP))
-può essere associata a multichemiosensibilità, precederla seguirla essere contemporanea.
-prevalenza: 1-3 % della popolazione; i residenti in prossimità di stazioni radiobase che possono accusare sintomi analoghi senza arrivare all’intero complesso della sindrome sono colpiti con una prevalenza del 30-40% (Santini-Navarro)
La proiezione statistica di Hallberg e Yohansson del 2006 stima che lo possa diventare il 50% della popolazione entro il 2017,se persisterà il trend di crescita delle tecnologie ad alta frequenza
Per meglio inquadrare scientificamente e da un punto di vista medico vi indico questa raccolta organiza di review recenti : http://is.gd/lM4N9n.
Tutto cio' premesso,
chiediamo quali sono gli interventi che l'Osservatorio pensa di avviare per consentire alle persone con questa disabilità di vivere in maniera indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli aspetti della vita, per identificare ed
eliminare ostacoli e barriere all'accessibilità, legati alla presenza di campi elettromagnetici artificiali negli edifici, sui treni, nelle scuole , luoghi di lavoro strutture sanitarie, ecc.
Questi ostacoli alla vita sociale e lavorativa si stanno esponenzialmente aumentando grazie ad una dissennata esplosione e proliferazione della tecnologia Wifi di trasmissione dati, ma anche alla nuova generazione di telefonia mobile (4G) che ha portato ad una de-regulation dei sistemi di misurazione e che porterà ad un'ulteriore sconsiderato aumento di stazioni radio base ed antenne di trasmissione dei segnali.

In attesa di un gentile riscontro
Inviamo distinti saluti
Dr Giorgio Cinciripini
Membro fondatore di

venerdì 12 ottobre 2012

3.12.12 Giornata internazionale delle disabilità

Il 3.12.2012 si terrà la Giornata Internazionale delle disabilità

qui il link al sito di ENABLE , ente delle Nazioni Unite preposto ai Diritti Umani.


Tema Removing barriers to create an inclusive and accessible society for all: 
rimuovere le barriere per creare una società inclusiva ed accessibile a tutti 


Guardando tutti i documenti, mai si parla di accessibilità  di eletrosensibili ad ambienti, palazzi inquinati da CEM (Wifi innanzitutto)  !

Ho qualche mese inviato email ad ufficio apparentemente abilitato per dialogare con associazioni che difendono i diritti di disabili, ma senza alcun riscontro ... 

... ci vorrebbero altri input