Syndication

Visualizzazione post con etichetta L'opinione degli Esperti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta L'opinione degli Esperti. Mostra tutti i post

lunedì 14 novembre 2011

Dott. Livio Giuliani al convegno ICEMS, 3 novembre 2011


Intervento su "Limiti della normativa sui campi elettromagnetici" del dott. Livio Giuliani, portavoce ICEMS, al convegno "Campi elettromagnetici: nuovo metodo fisico per la diagnosi e il trattamento delle malattie degenerative", tenutosi il 3 novembre 2011 alla Biblioteca "G. Spadolini", Sala Atti Parlamentari.
Il convegno è stato organizzato dall'ICEMS e dai Senatori del PD.

Prof. Emilio Del Giudice, al convegno ICEMS 3 novembre 2011


Prof. Emilio Del Giudice, Prigogine Prize, Milano interviene al convegno dell'International Commission for Electromagnetic Safety su "L'acqua quale agente di auto-organizzazione".
3 novembre 2011, Biblioteca del Senato

sabato 27 agosto 2011

La ricerca della verità è estremamente difficile ... qui un esempio di un attacco di un epidemiologo contro IARC, ...

Questo Dr Kabat (US)  ha pubblicato su Forbes Magazine, rivista americana di alto peso, un duro attacco alle decisioni di IARC di classificare le RF come possibili cancerogeni.

Per fortuna c'è chi non ha memoria corta e che è stato in grado di ricostruisce il suo passato molto molto discutibile di questo 'scienziato' quando ha difeso l'industria del tabacco !
Una criticità da un un tal personaggio  genera risultati opposti ... ma chi ha la conoscenza e l'informazione giusta da ricollegare questi fatti nel tempo ?!






Dr. Kabat – What about his own “seriously flawed” research?

On August 23rd Forbes Magazine published an article by epidemiologist Geoffrey Kabat (article 1 below) that is extremely critical of the IARC ruling on RF as a class 2B possible carcinogen. Kabat briefly notes of the dismissal of Anders Ahlbon from the committee because of a conflict of interest and the work of Lennart Hardell which Kabat suggests was “seriously flawed”. Kabat also suggests that Hardell was only included as a member of the working group because of pressure from activists and the media and that the real reason an epidemiologist from US National Cancer Institute (Inskip) resigned from the IARC committee was because of his disgust at the weight given to the Hardell studies.
With all this criticism of Hardell’s research what about an explanation of exactly why his research is supposed to be ‘seriously flawed”? None is offered in the Forbes article except hearsay. What Dr. Kabat needs to do now is to get back to his group of “most respected academic epidemiologists” and provide a reasoned analysis on exactly how Hardell’s research is seriously flawed so that it can be openly debated. Unsubstantiated rumours from unnamed experts is gossip not science.
Bruce Armstrong (Australia’s Interphone head) spoke at a scientific conference in Melbourne late last year. He mentioned the controversy over Hardell’s Interphone findings but said that he could not find any methodological weaknesses in it.
Kabat suggests that the dismissal of Ahlbon (and other issues) for conflict of interest has not been adequately pursued. That was a straightforward event. Ahlbom was dismissed after it was found that he had significant industry financial interests that he had not declared. According toMicrowave News:
“IARC moved quickly after learning that Ahlbom is a director of his brother’s consulting firm, Gunnar Ahlbom AB. The company, which is based in Brussels, the European capital and a center for lobbyists, was established to help clients on telecom issues, with an emphasis on environmental and energy regulations. Ahlbom failed to mention this sideline in his “Declaration of Interests” that is required of all those who participate in IARC cancer assessments”. Link.
Ahlbon also resigned as the chairman of the Swedish Radiation Protection Authority’s expert group on EMFs and RF radiation after the Authority started an investigation into whether his connection to his brother’s telecom consulting firm might have constituted a conflict with his advisory role at the Authority. Link.
Kabat critises Hardell’s research without giving reasons, other than hearsay, but Kabat himself has a recent history of “seriously flawed” research with an additional substantial taint of conflict of interest. Namely the 2003 Enstrom and Kabat secondhand smoke study, partially funded by Philip Morris and the Council on Tobacco Research, a front group created in 1954 by the tobacco companies to fund research on smoking and health. (See 2nd article below).
Don

1) Forbes: Behind The World Health Organization’s “Cancerous” Pronouncement On Cell Phones
Geoffrey Kabat
Geoffrey Kabat, a cancer epidemiologist at the Albert Einstein College of Medicine, lays out how WHO’s cancer conclusions don’t square with actual science.
We rely on health and regulatory agencies to provide impartial assessments of potential health risks. Unfortunately, these agencies can be subject to the same political and professional pressures at work in society generally. An example of this is the recent, widely-publicized pronouncement by the International Agency for Research on Cancer (which is part of the World Health Organization) to the effect that radiofrequency radiation (or RF) from cell phones was “possibly carcinogenic.” Coming only a year after publication of the results of a large multi-country study, which showed no convincing evidence of a hazard, IARC’s announcement left the public as well as many scientists nonplussed. IARC is a prestigious agency that since the early 1970s has been producing respected monographs evaluating the evidence for a wide range of chemical, physical, and hormonal agents in the carcinogenic process. The cell phone report was the result of an intensive, week-long review by a committee of experts. In spite of the consternation caused by the report in professional circles, there has been little insight into how the IARC could evaluate all of the relevant scientific evidence and come up with an impossibly vague conclusion. Like many of my colleagues, I was dismayed by the IARC announcement, which did not square with my reading of the scientific evidence.
Hints that not everything was harmonious in the IARC process seeped out but have not been pursued. These include the dismissal from the committee of one of the foremost experts on non-ionizing radiation, a Swedish epidemiologist, due to a “conflict of interest” and the resignation from the committee of an epidemiologist specializing in brain tumors at the National Cancer Institute.
In June I contacted both of these colleagues asking if they would agree to answer questions about the committee’s deliberations, but in both cases they politely declined. One colleague, who is knowledgeable about both IARC and the National Cancer Institute group, offered that scientists involved in this contentious issue have a strong incentive to keep a low profile.
SNIP
However, Hardell’s work is viewed as seriously flawed by some of the most respected academic epidemiologists working in this area. It appears that he was included as a member of the working group in response to pressure from activists and the media. One well-informed scientist told me that she thought the committee member who resigned did so in disgust at the weight given to the Hardell studies
SNIP
In classifying RF as a “possible carcinogen,” IARC has aligned itself with the “precautionary principle,” which sounds perfectly reasonable, except that it is often used to conjure up the existence of a possible hazard in the face of extensive and solid evidence suggesting the non-existence of a hazard. Of course, we need to spell out the limits of current knowledge, but we also need to rely on scientists and health agencies to use logic, analytic rigor, and clear language to assess what things are worth worrying about.
Geoffrey Kabat, Ph.D., is a cancer epidemiologist at the Albert Einstein College of Medicine and the author of “Hyping Health Risks: Environmental Hazards in Daily Life and the Science of Epidemiology.”

2) From the website of the American Nonsmokers’ Rights (ANR) Foundation.
The tobacco industry has a long history of trying to cast doubt on the science of secondhand smoke. In its latest attempt, the industry has funded a new study, published in the British Medical Journal. The study, written by researchers funded by the tobacco industry, misrepresented data from the American Cancer Society (ACS), and used flawed methodology to come to the inaccurate conclusion that secondhand smoke does not cause an increased risk for lung cancer and heart disease. Don’t be fooled by Big Tobacco. Secondhand smoke kills.
“The study is fundamentally flawed.”
–British Medical Association1
The British Medical Journal published a study in its May 2003 issue entitled, “Environmental tobacco smoke and tobacco related mortality in a prospective study of Californians, 1960-1998,” which was authored by Dr. James E. Enstrom and Dr. Geoffrey C. Kabat. The study claimed that no causal relationship was found between secondhand smoke and tobacco-related mortality, after analyzing data from 35,351 adults over a period of thirty-eight years. As one might expect, the study generated an enormous amount of media attention. Speculation abounded that the unanimous conclusion of public health officials and medical practitioners, that secondhand smoke is hazardous to health, had been premature. Big Tobacco and its allies hailed the study as proof that the adverse health effects of secondhand smoke are greatly exaggerated. Under closer scrutiny, the inevitable was found to be true: the Enstrom and Kabat secondhand smoke study was largely funded by tobacco industry dollars, conducted by industry allies, and riddled with methodological errors.
Although the Enstrom and Kabat secondhand smoke study has now largely been discredited, the tobacco industry and its allies attempt to use the study to cast doubt upon the science of secondhand smoke. This document provides some basic information regarding the study, its funding, and its authors, and should help to counter any attempts to use the study to undermine the established body of research confirming the health hazards of secondhand smoke.
THE STUDY
“The editors believe that this opinion piece is full of speculative assumptions of doubtful scientific value. We could not judge the merits of your criticisms because your own data and methods were so inadequately described. I should add that your article contains pejorative comments that should have no place in responsible scientific discourse.”
—Letter from the Journal of the American Medical Association to James E. Enstrom2
The data and design of the Enstrom and Kabat secondhand smoke study has been widely criticized. Even the British Medical Association, the publisher of the journal that printed the study, described the research as being “fundamentally flawed.”3 The misuse of data and flawed methodology are two very significant faults in the study.
Enstrom and Kabat did not gather original data for their study. Instead, it drew on data from the ACS’s Cancer Prevention Study (CPS-I), and used only a small subset (approximately 10%) of the total CPS-I data. Researchers at ACS repeatedly warned Enstrom that the data from CPS-I could not be used to determine the health effects of secondhand smoke, and they spoke out against the study upon its release, stating that their data had been misused.4
The study used cohort methodology to look at the rate of mortality from heart disease and lung cancer in nonsmokers who were married to smokers, covering a time period from 1959 to 1998. A severe error in the study was the failure to establish a control group of nonsmokers who were unexposed to secondhand smoke. Other critical methodological flaws include not measuring for secondhand smoke exposure from any source other than the spouse, including workplace (where smoking was extremely prevalent at the time); not taking into account either spouse’s smoking status after 1972, though the study continued for 26 more years; and classifying the nonsmoking spouse as still exposed to secondhand smoke in that 26 year period, during which time the “smoking spouse” could have quit smoking or died, not to mention that they could have divorced or separated.
THE FUNDING
“A substantial research commitment on your part is necessary in order for me to effectively compete against the large mountain of epidemiologic data and opinions that already exist regarding the health effects of ETS and active smoking.”
– Dr. James E. Enstrom to Philip Morris Research Center5
The Enstrom and Kabat secondhand smoke study was initially funded by a grant from the Tobacco Related Disease Research Program, an organization that manages funds generated by the Proposition 99 California state cigarette tax. After the program’s scientific, peer-review panel, denied continued funding for the project, Enstrom sought out financial support from other sources. In 1997, he submitted an application for,6 and ultimately received, $210,000 from Philip Morris and the Council on Tobacco Research (CTR)7,8,9, a front group created in 1954 by the tobacco companies to fund research on smoking and health.10 It became well known over the years for sponsoring flimsy scientific research that promoted tobacco industry positions.
THE AUTHORS
“For the past three years, I have done consulting and research on passive smoking for Jeffery L. Furr of Womble Carlyle on behalf of RJ Reynolds and Philip Morris.”
– Dr. James Enstrom to the Center of Indoor Air Research11
Dr. James E. Enstrom: Enstrom has played down the support that he has received from the tobacco industry, but his involvement with the industry can be traced back for many years. As early as 1975, Enstrom solicited the CTR for $50,000 to “assess the possible role which other factors besides smoking play in the etiology of cancer.”12 The Competing Interests section of the Enstrom and Kabat secondhand smoke study states: “In recent years [Enstrom] has received funds originating from the tobacco industry for his tobacco related epidemiological research because it has been impossible for his to obtain equivalent funds from other sources.”13 Although the CTR, the Tobacco Institute, and Center for Indoor Air Research (CIAR) are all now defunct, Enstrom continued to contract with Philip Morris.14,15
Dr. Geoffrey Kabat: Kabat’s connections with the tobacco industry over the years have been well documented. A search of internal industry documents finds Kabat’s name listed as an industry resource more than 7,000 times, showing his involvement with, among others, Philip Morris, R.J. Reynolds, American Tobacco Company, and CIAR.16
CONCLUSION
Enstrom and Kabat’s substantial methodological flaws, combined with the tobacco industry’s funding of the study, and other studies supported by the tobacco industry, can help you to inoculate others against this misinformation. Over one hundred independently funded, peer-reviewed studies show that secondhand smoke exposure causes serious disease and death in nonsmokers. Don’t let this one study undermine the body of solid science that confirms the hazardous health effects of secondhand smoke exposure. For more information on Enstrom and Kabat or other studies that challenge the credible science of secondhand smoke, please contact us at (510) 841-3032 or at anr@no-smoke.org.

martedì 10 maggio 2011

Telefonia mobile, Wi-Fi e Wi-Max: un pericolo per la salute?

L’Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale (A.M.I.C.A.) è lieta di invitarLa al convegno
The Association for Environmental and Chronic Toxic Injury is glad to invite you at the congress


Telefonia mobile, Wi-Fi e Wi-Max: un pericolo per la salute?
Mobile Telephony, Wi-Fi and Wi-Max: are there health risks?



Martedì 14 giugno 2011, ore 08:30-16:00
CAMERA DEI DEPUTATI
Palazzo Marini – Sala delle Conferenze
Via del Pozzetto, 158 - Roma (P.zza San Silvestro)
                           
Programma/Programme


08:30 REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI / REGISTRATION


Moderatori/Moderators:
Dr. Lorenzo Bettoni, Referente del servizio ambulatoriale di II° livello e del D.H. di Allergologia, Reumatologia ed Immunologia Clinica presso il presidio ospedaliero di Manerbio (BS)
Dott. Antonello Pasciuto, membro di EUROPAEM


SALUTO DELLE AUTORITA’ / WELCOME FROM THE INSTITUTIONS


09:00 INTRODUZIONE – APERTURA / OPENING
On. Pierfelice Zazzera
Dott.ssa Francesca Romana Orlando, Vice Presidente di AMICA 


SESSIONE I – EVIDENZE SCIENTIFICHE SUL RISCHIO CONNESSO ALLA ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI DELLE COMUNICAZIONI WIRELESS
SESSION I – SCIENTIFIC EVIDENCE OF THE RISKS LINKED TO THE EXPOSURE TO THE ELECTROMAGNETIC FIELDS OF WIRELESS COMMUNICATIONS
(Translation Italian-English, English-Italian)


09:20
Livio Giuliani
INAIL, Portavoce dell’ICEMS
Meccanismi non termici di interazione tra campi elettromagnetici e organismi viventi
Nonthermal mechanisms of interaction between electromagnetic fields and living organisms


09:40
Settimio Grimaldi
Istituto di Farmacologia Traslazionale CNR Roma, ICEMS-Roma
Basi teoriche e biologiche del danno da esposizione a campi elettromagnetici
Theoric and Biological basis of the injury induced by the exposure to electromagnetic fields

10:00
Chiara De Luca , Valeria Pacifico
Servizio Diagnostico Sperimentale BILARA IDI (BILAncio Radicalico e Antiossidante), Istituto Dermopatico dell'Immacolata, IRCCS, Roma
Biomarcatori metabolici di squilibrio ossido-riduttivo e suscettibilità alle radiazioni non ionizzanti
Metabolic biomarkers of oxidation-reduction imbalance and susceptibility to non-ionizing radiation

10:20
Ernesto Burgio
Pediatra, Presidente ISDE Scientific Committee (International Society of Doctors for the Environment)
Danni genetici ed epigenetici da campi elettromagnetici
Pediatrician, ISDE Scientific Committee President 
Genetic and epigenetic damage from electromagnetic fields

10:40
Dominique Belpomme
Oncologo, docente del Centre Hospitalier Universitaire Necker-Enfants malades, Presidente dell'Associazione per la Ricerca Terapeutica Anti-cancro (ARTAC)
Protocollo diagnostico e terapeutico per l’Intolleranza ai Campi Elettromagnetici
Oncologist, Professor of the Centre Hospitalier Universitaire Necker-Enfants Malades, Chairman of Research for Anti-Cancer Therapeutics (ARTAC)
Diagnostic and therapeutic protocols for the Electromagnetic Fields Intolerance

11:00
Fiorenzo Marinelli
Ricercatore dell’Istituto di Genetica Molecolare, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Bologna
Interazione di Wi-Fi, radar e cellulari con la vitalità cellulare: studi in vitro e in ambiente
Researcher of the Institute of Molecular Genetics, National Research Council, Bologna
Interaction of  Wi-Fi, radar, mobile phones with cell viability: in vitro and environmental studies


11:20
Morando Soffritti
Istituto Ramazzini
Effetto sincancerogenetico per la ghiandola mammaria in ratte esposte a radiazioni gamma e a campi magnetici – 50 Hz
Sin-cancerogenic effect on the mammary gland of rats exposed to gamma radiation and 50 Hz - magnetic fields


11:40
Olle Johansson
Assoc. prof. Unità di Dermatologia Sperimentale Dip. Neuroscienze, Karolinska Institute, Prof. The Royal Institute of Technology, Stoccolma
Principio di precauzione: da Bioinitiative al consenso del gruppo Seletun 
Assoc. prof. The Experimental Dermatology Unit, Department of Neuroscience, Karolinska Institute, Professor The Royal Institute of Technology, Stockholm
The precautionary principle: from Bioinititive to the Seletun consensus


12:00
Discussione / Discussion
George L. Carlo, The Science and Public Policy Institute, the Institute for Healthful Adaptation, Washington, D.C., will join the discussion


13:00 Intervallo – Lunch break


SESSIONE II - ASPETTI NORMATIVI DELLA TUTELA DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI
SESSION II – LEGAL ASPECTS OF THE DEFENCE FROM EMF
In the second session there will not be any translation service


Moderatori
Sig.ra Silvia Bigeschi, Vice Presidente di AMICA 
Dott. Giuseppe Teodoro, Coordinamento Comitati Romani contro l’Elettrosmog
Dott. Giorgio Cinciripini, Comitato Promotore Rete Elettrosmog-Free Italia “E-SMOG”


14:00
Sen. Felice Casson
Proposta di legge N. 1091


14:15
Lorenzo Lombardi
Responsabile Sezione Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico
Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali
Ministero dell'Ambente e della Tutela del Territorio e del Mare
Azioni del Ministero dell’ambiente per l’attuazione della legge 36/2001

14:30
Avv. Matteo Ceruti
Amministrativista, Rovigo
Lo stato della normativa e del contenzioso  amministrativo in materia di inquinamento elettromagnetico.

14:45
Avv. Maria Cristina Tabano
Codacons, Roma
Class action dei consumatori sui cellulari: dall'esposizione attiva a quella passiva


15:00
Vittorio Amedeo Marinelli
Presidente di Europeanconsumers
Controlli, controllori e controllati nell’elettrosmog

15,15
Avv. Nicola Bramante
Penalista di Roma
Elettrosmog e sistema penale: scenario attuale e prospettive future

15,30 Dibattito
16,00 Conclusione lavori


PATROCINI ISTITUZIONALI – PATRONAGE BY INSTITUTIONS
Regione Lazio
Provincia di Roma
Comune di Roma


PATROCINI DELLE ASSOCIAZIONI – PATRONAGE BY NGOs
ISDE – International Society of Doctors for the Environment
International Commission on Electro Magnetic Safety (ICEMS)
International Electro Magnetic Fields Alliance (IEMFA)
Associazione Elettrosmog Volturino
Europeanconsumers
Codacons


L’ingresso al convegno è gratuito. Per partecipare bisogna prenotarsi entro il 9 giugno. Si può chiamare il telefono 0572 767884 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11 o inviare la scheda di partecipazione scaricabile sul sito di amica http://www.infoamica.it/ a silvia@infoamica.it o per fax. 0572 767884
Si ricorda che per gli uomini è necessario indossare giacca e cravatta.
In considerazione della presenza all’evento di malati di Elettrosensibilità e Sensibilità Chimica Multipla, i partecipanti sono caldamente invitati a non usare profumi o altre sostanze chimiche odorose e a tenere spento il cellulare durante la manifestazione.


The entrance to the conference is free. To participate you need to book before June, 10 2011. You can call the telephone nr 0039 0572 767884 from Monday to Friday 9:00 to 11:00 or you can send the registration form - that you can download from AMICA's website http://www.infoamica.it/  - to amica@infoamica.it o by fax (0039) 0572 767884



The access to Palazzo Marini is permitted only to men wearing jacket and tie.


In order to facilitate the access of people with Multiple Chemical Sensitivity and Electro Magnetic Hyper-Sensitivity you are kindly invited to avoid the use of personal fragrances and to keep your mobile phone off during the event.

mercoledì 27 aprile 2011

Telefonia mobile, Wi-Fi, Wi-Max: un pericolo per la salute?

Un convegno di A.M.I.C.A. in cui scienziati, legislatori e avvocati faranno il punto sulla valutazione dei rischi connessi ai dispositivi wireless e sugli aspetti normativi dell’elettrosmog a dieci anni dalla legge quadro 36/2001.

Comunicato Stampa - Roma, 27 aprile 2011

Roma, 27 aprile 2011. L’Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale (A.M.I.C.A.) presenta il convegno internazionale “Telefonia mobile, Wi-Fi e Wi-Max: un pericolo per la salute?” che si terrà a Palazzo Marini Sala delle Conferenze in Via del Pozzetto, 158 - Roma (P.zza San Silvestro) il 14 giugno 2011.
Dopo l’apertura da parte dell’On. Pierfelice Zazzera, che di recente ha presentato un’interpellanza sui decreti attuativi della legge quadro 36/2001, che quest’anno compie dieci anni, i lavori saranno divisi in due sessioni: la prima sarà dedicata alle evidenze scientifiche del rischio connesso all’esposizione a campi elettromagnetici emessi dalle tecnologie di comunicazione senza fili, con un servizio di interpretariato inglese-italiano e italiano-inglese; nel pomeriggio esperti legali e politici si confronteranno sugli aspetti normativi della tutela dall’elettrosmog.
“Visto il recente riconoscimento da parte di un tribunale italiano del nesso causale tra l'uso massiccio del cellulare e l'insorgenza di tumore al trigemino, nonché l’osservazione, da approfondire, di alcuni cluster di cancro tra coloro che abitano vicino ai ripetitori, abbiamo sentito il bisogno di fare il punto della situazione sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici emessi dalla telefonia mobile e dalle reti per Internet senza fili e di mettere anche a confronto i legislatori e gli avvocati che si trovano in prima linea nella difesa del cittadino”, commenta Francesca Romana Orlando, giornalista e Vice Presidente di A.M.I.C.A..

Al mattino saranno presenti, tra gli altri, il dott. Settimio Grimaldi dell’Inmm-Cnr, Università di Tor Vergata, che illustrerà le basi teoriche e biologiche del danno da esposizione a campi elettromagnetici; la dott.ssa Chiara De Luca, Responsabile del Laboratorio BILARA dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata di Roma che relazionerà su “Stress ossidativo e suscettibilità alle radiazioni non ionizzanti”.

Interverranno, inoltre, il dott. Livio Giuliani Dirigente della Ricerca dell’INAIL e il dott. Morando Soffritti dell’Istituto Ramazzini, che hanno coordinato una importante monografia sugli effetti non-termici dei campi elettromagnetici dell’ICEMS, un’organizzazione indipendente di scienziati che da anni promuove un uso più cauto delle tecnologie che emettono radiazioni da radiofrequenza.

Il dott. Fiorenzo Marinelli, Ricercatore dell’Istituto di Genetica Molecolare, Centro Nazionale delle Ricerche di Bologna, analizzerà l’interazione di radar, cellulari e Wi-Fi con la vitalità cellulare attraverso la presentazione di studi in vitro e in ambiente, mentre il dott. Ernesto Burgio, pediatra e Presidente del Comitato Scientifico di ISDE – Medici per l’Ambiente illustrerà i possibili danni genetici ed epigenetici da campi elettromagnetici, che possono trasmettersi anche da una generazione all’altra.

“Sempre più persone si rivolgono alla nostra associazione perché riferiscono sintomi di Elettrosensibilità - cioè reazioni come mal di testa, irritazioni cutanee, insonnia, disorientamento spaziale, perdita della memoria, acufeni, ecc - in seguito all’esposizione ai campi elettromagnetici, ma tale fenomeno è largamente sottovalutato dalle agenzie di salute nazionali e internazionali; servono linee guida che tutelino maggiormente le fasce sensibili della popolazione”, spiega Silvia Bigeschi, Vice Presidente di A.M.I.C.A.

“Talvolta al malato basta allontanarsi per un certo periodo dai campi elettromagnetici per recuperare lo stato di salute, ma in alcuni casi l’Elettrosensibilità diventa una condizione totalmente invalidante che stravolge la vita della persona, costringendola ad una continua fuga dalle radiazioni. Stranamente questa allergia sembra colpire soprattutto persone che già soffrono di Sensibilità Chimica Multipla (MCS), una condizione che comporta l’intolleranza alle sostanze chimiche, probabilmente per comuni meccanismi eziopatogenetici”, conclude Silvia Bigeschi.

In mattinata illustrerà il suo protocollo diagnostico e terapeutico per l’Intolleranza ai Campi Elettromagnetici il prof. Dominique Belpomme, oncologo, docente del Centre Hospitalier Universitaire Necker-Enfants malades di Parigi e Presidente dell'Associazione per la Ricerca Terapeutica Anti-cancro (ARTAC).

Un altro esperto a livello internazionale di Elettrosensibilità, il prof. Olle Johansson del Dipartimento di Neurologia Sperimentale, Istituto Karolinska di Stoccolma, parlerà del consenso di scienziati del gruppo Seletun pubblicato lo scorso febbraio. Tale consenso, in analogia a quanto già fatto dagli scienziati del gruppo Bioinititive, di cui pure Johansson faceva parte, promuove un drastico abbassamento dei limiti di esposizione e la promozione di pratiche volte a minimizzare i rischi per la salute, come l’adozione di auricolari per i cellulari e il divieto dell’uso nei più giovani.

Nel pomeriggio interverranno il Sen. Felice Casson, che illustrerà la sua proposta di legge sull’elettrosmog, il dott. Lorenzo Lombardi, Responsabile Sezione Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico, della Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e alcuni avvocati impegnati in materia di elettrosmog: l’Avv. Matteo Ceruti Amministrativista di Rovigo, l’Avv. Maria Cristina Tabano del Codacons di Roma, che si concentrerà sulla Class action dei consumatori sui cellulari; l’Avv. Vittorio Amedeo Marinelli, Presidente di Europeanconsumers e l’Avv. Nicola Bramante, Penalista di Roma.

L’evento ha ricevuto il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Roma, di Federsanità ANCI e di numerse associazioni tra cui ISDE Italia – Medici per l’Ambiente, l’International Electro Magnetic Fields Alliance (IEMFA), l’International Commission on Electro Magnetic Safety (ICEMS), Europeanconsumers, Ass. Elettrosmog Volturino.
Il programma definitivo sarà pubblicato a breve sul sito di A.M.I.C.A. http://www.infoamica.it/.
L’ingresso al convegno è gratuito. Per partecipare bisogna prenotarsi entro il 10 giugno: chiamando il Tel. 0572 767884 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11 o inviando la scheda di partecipazione per email a silvia@infoamica.it o per fax. 0572 767884
In considerazione della presenza all’evento di malati di Elettrosensibilità e Sensibilità Chimica Multipla, i partecipanti sono caldamente invitati a non usare profumi o altre sostanze chimiche odorose e a tenere spento il cellulare durante la manifestazione.
CLICCA QUI PER SCARICARE LA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE.

venerdì 1 aprile 2011

Avviato lo Sportello Legale

Anche se in forma sperimentale,
è stato avviato uno Sportello Legale, grazie alla collaborazione con un gruppo di Legali (per ora 4) esperti della problematica, letta secondo le visuali: penale, amministrativa, e civilistica. Questo blog riporta una serie di domande e risposte sull'inquinamento da elettrosmog. Esse rappresentano l'esperienza vissuta con un supporto di un gruppo di legali. Qualora non troviate risposte utili, potete porre la domanda all'email: esmog.free.italia@gmail.com La Rete formalizza una dichiarazione sulla responsabilità dei giudizi e pareri pubblicati, che hanno sempre la caratteristica di genericità. Sarà anche possibile sottomettere un quesito più specifico e mirato all' attenzione del Team dei Legali. Ad esso verrà data risposta. Nel caso di ulteriore richiesta di approfondimento, la relazione sarà stabilita direttamente tra il Legale coinvolto ed il richiedente. Lo sportello Legale è presente in:
http://faq-e-smog.blogspot.com/

martedì 29 marzo 2011

La IARC consente ai rappresentanti dell'industria di partecipare agli incontri di valutazione della cancerogenicità dei cellulari

L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha invitato tre esperti che lavorano per l'industria a sedere al tavolo di lavoro sulla valutazione del rischio di cancro associato all'esposizione ai dispositivi senza fili e alla radiofrequenza/micro-onde che durerà una settimana. Parteciperanno rappresentanti della CTIA - Associazione per le Comunicazioni Senza Fili, il Mobile Manufacturers Forum (MMF) e la GSM Association. L'incontro si terrà a Lione, in Francia, dal 24 al 31 maggio.



Due di questi tre, cioé Joe Elder del Mobile Manufacturers Forum (MMF) e Mays Swicord della CTIA lavoravano per il gruppo di ricerca in Florida sulla radiazione da radiofrequenza e micro-onde della Motorola. Jack Rowley sarà presente come rappresentante dell'associazione commerciale GSM, che unisce le aziende che lavorano nella telefonia mobile. Gli altri unici osservatori esterni ammessi all'incontro saranno Claire Marrant del Centro francese Léon Bérard Centre e Robert Nuttall della Canadian Cancer Society.


Alla fine dell'incontro, i partecipanti invitati dalla IARC decideranno se la radiazione da radiofrequenza/micro-onde dovranno essere considerate possibili o proabili cancerogeni per l'uomo o se non ci sono sufficienti evidenze per raggiungere una conclusione. E' inverosimile che la radiazione da radiofrequenza/micro-onde saranno classificate come noto cancerogeno oppure come completamente sicuro dal rischio di tumori, le altre due classificazioni della IARC. Il gruppo di lavoro della IARC pubblicherà successivamente una monografia per spiegare le basi della sua decisione.


Le monografie della IARC sono considerate un punto di riferimento di eccellenza per determinare se una certa sostanza chimica o un agente fisico possa portare o meno al cancro. La decisione della IARC sulla radiazione da radiofrequenza/micro-onde determinerà verosimilmente la percezione ufficiale del rischio derivante dai cellulari per gli anni a venire.


Il gruppo di lavoro ufficiale della IARC sarà composto da 31 membri invitati da 13 paesi diversi. Tra questi ci sono Anders Ahlbom dalla Svezia, Bruce Armstrong dall'Australia, Maria Blettner dalla Germania, Elisabeth Cardis dalla Spagna, Jack Siemiatycki dal Canada, tutti hanno lavorato al progetto Interphone. Joachim Schüz, un altro membro di Interphone, inoltre, fa parte della IARC ed è nella lista di attesa per partecipare all'incontro.


Otto dei 31 membri del gruppo di lavoro della IARC vengono dagli Stati Uniti, il gruppo più nutrito da un solo paese. Per leggere l'elenco completo dei membri di questo gruppo di lavoro cliccare qui. ne fanno parte rappresentativi di agenzie pubbliche internazionali.


Niels Kuster parteciperà all'incontro come "invitato speciale", la sola persona designata in questo modo. Kuster presiede la Fondazione per la Ricerca sulle Tecnologie Informatiche nella Società di Zurigo. Tale fondazione ha una lunga storia di legami con l'indutria; Motorola e Nokia sono stati determinanti nella sua creazione nel 1999.


Secondo le linee guida della IARC guidelines, gli osservatori agli incontri volti alla redazione di monografie possono solo "osservare" quello che accade e non devono "tentare di influenzare gli esiti" e non possono "fare pressioni" sui partecipanti "in qualsiasi modo". Gli osservatori non possono offrire pasti, bevande, fare inviti sociali o altri "favori" ai membri del gruppo di lavoro.


Nel 2001 la IARC ha messo insieme un gruppo di lavoro per revisionare la cencerogenicità dei campi elettromagnetici della corrente elettrica (tale monografia fu pubblicata nel 2002). Quel gruppo definì i campi elettromagnetici come "possibili cancerogeni" per gli esseri umani (MWN, J/A01, p.1). In quell'occasione non solo fu consentito all'industria di partecipare con i suoi osservatori, ma aveva dei suoi rappresentanti anche all'interno del gruppo stesso. Per l'incontro sulle linee elettriche la IARC invitò rappresentanti dell'EPRI, un gruppo di ricerca dell'industria elettrica ed Exponent una società di consulenze. Alcuni membri di quel gruppo si ritrovano oggi nel gruppo di lavoro sulla radiazione da radiofrequenza/micro-onde, tra cui Carl Blackman, David McCormick e Chris Portier, tutti dagli Stati Uniti, così come Jukka Juutilainen dalla Finlandia, Meike Mevissen della Svizzera e Joachim Schüz dalla Germania.


La rivista Microwave News ha chiesto di partecipare come osservatore all'incontro sulla radiofrequenza/micro-onde, ma la richiesta è stata rifiutata perché secondo la IARC "la presenza di giornalisti e reporter durante gli incontri della IARC per la realizzazione di monografie potrebbe disturbare l'atmosfera di libera e aperta discussione tra scienziati." (la IARC rifiutò la partecipazione a Microwave News all'incontro sui campi elettromagnetici della corrente elettrica dieci anni fa.)


All'inizio di marzo 2011, quando si è saputo che la IARC avrebbe consentito l'accesso a rappresenti dell'industria, la rivista Microwave News ha di nuovo fatto appello a Christopher Wild, direttore della IARC, affinché concedesse il permesso di partecipare. Microwave News ha definito la logica della IARC come un "trucco" per bloccare la stampa perché, abbiamo scritto: "Qualunque argomento avanzato nel corso della riunione influenzerà gli altri membri del gruppo di lavoro e dovrebbe quindi poter essere reso pubblico dopo la riunione stessa... Altrimenti alcuni argomenti non dovrebbero probabilmente essere presentati del tutto. "



"[Le regole della IARC ] non hanno fatto niente per bloccare le interazioni tra gli osservatori dell'industria e i membri del gruppo di lavoro della IARC --per esempio durante le pause caffé, i pasti, quando si beve qualcosa insieme," abbiamo scritto. Essendo in una stessa stanza gli osservatori sapranno quello che accade nella priorità del gruppo di lavoro e potranno parlare con i partecipanti durante la sessione di lavoro lunga una settimana. A che punto una chiaccherata amichevole diventa un'azione di lobby? [Noi] non lo sappiamo, ma diremmo che la linea tra le due cose è nel migliore dei casi confusa."


Microwave News ha anche scritto al Direttore Wild che:


"Quasi ogni essere umano sul pianeta oggi usa o userà presto un cellulare e risentirà perciò delle decisioni prese dal gruppo di lavoro di Lione che si incontrerà a maggio. La credibiltà delle decisioni prese da questo gruppo verranno sicuramente messe in discussione quando le persone scopriranno che l'industria è stata invitata agli incontri e la stampa no. E' a rischio la percezione dell'interesse che la IARC ha della salute pubblica. Il modo migliore per la IARC di guadagnarsi la fiducia del pubblico è di rendere il processo più trasparente possibile. La luce del giorno, disse circa cento anni fa un Giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, è il miglior disinfestante.


Anche questa seconda richiesta è stata rifiutata.


Traduzione di Francesca Romana Orlando

Fonte: Copyright Microwave News 2011. All Rights Reserved.


Pubblicato con il permesso di Microwave News

venerdì 25 febbraio 2011

European Coordination of Lawyers in the field of mobile telephony and health.

Verbale del 25 gennaio 2011,

riunione finalizzata alla creazione di un coordinamento europeo degli Avvocati nel campo della telefonia mobile e salute.


Presenti: - Michèle Rivasi, eurodeputato, presidente della riunione, - Gyde Knebush, fiammingo MP (Verdi) - Richard Forget, avvocato Robin des Toits (Francia) - Me Emmanuelle Guyon, avvocato "Robin des Toits" (Francia) - Sig. . Vanlangendonck Philippe, avvocato (Belgio) - Il signor Oliver Ertl, avvocato (Austria) - Sig. Vittorio Marinelli, avvocato (Italia) - Me Giuseppina Maurizi, avvocato (Italia) - Sig. Michael Bell, avvocato (UK) - Brenda Short, Consulente legale (UK) - Kerstin Stenberg, rappresentante internazionale CEM Alliance (Svezia) - Jean-Luc Guilmot, presidente Teslabel (Belgio) –
Il portavoce Etienne Cendrier per Robin des Toits (Francia)


L'Assemblea è presieduta da Michèle Rivasi, che stabilisce gli obiettivi del "Coordinamento",
ovvero di ripetere, se possibile, lo stesso tipo di causa e cercare di ottenere la demolizione delle antenne per la telefonia e di forzare sia i produttori che la Commissione europea a rivedere le norme per l'esposizione pubblica, basato sull'esempio della Francia.
Richard Forget di "Robin des Toits", dice di aver ottenuto lo smantellamento sulla base di pressioni e delle misure basate sul principio precauzionale .La Corte d'Appello di Versailles ha riconosciuto l'esistenza di controversie scientifiche e concordato con i ricorrenti, affermando che se il rischio si concretizzasse saremmo di fronte a una catastrofe sanitaria. E ha anche legittimato le preoccupazioni dei vicini delle antenne in quanto nessuno è in grado do garantire che non si possa verificare l'insorgenza dei rischi.
Etienne Cendrier afferma che la decisione di Versailles ha provocato la "Grenelle des Ondes e" Robin des Toits "ha colto l'occasione di sperimentare una soglia di esposizione della popolazione ridotta a 0,6 volt / metro, come consigliato da scienziati internazionali “indipendenti".
Robindes Toits ha definito 0,6 V / m, come un livello socialmente accettabile . I primi risultati di questo esperimento sono attesi prima dell'estate 2011.

Oliver ERTL, spiega che in Austria tutti i processi sono stati persi. In quanto le cause si sono basate sulla dimostrazione del rischio e non sono riusciti a convincere i giudici che hanno ragionato in base ai valori dell’ ICNIRP , ente altamente controverso perché diversi membri sono legati alla Wireless-Industry.
Ha menzionato anche il costo delle azioni legali in Austria, che è alto , e il carattere di servizio pubblico assegnato alla telefonia mobile che impedisce ai residenti locali di opporsi ad una 'installazione contenuta di antenne di telefonia. Ha grandi speranze sulla revisione delle norme ed in attesa dello esempio francese.

Sig. Michael Bell lamenta la mancanza di apertura della magistratura inglese che basa le sue decisioni sulla Health Protection Agency che segue ICNIRP. Egli è vicino a Sir William Stewart, autore di due ufficiali report che auspicano l'applicazione di ALARA (Al più basso ragionevolmente ottenibile) per l'esposizione pubblica ai EMF. Brenda ha illustrato l'evoluzione della giurisprudenza in UnitedKingdom .

Kerstin Sternberg ha raccontato che le autorità svedesi si basano anche loro su standard e pareri di ICNIRP. Lei dice che c'è una generica disponibilità del pubblico verso la ‘buona’ tecnologia .Le antenne per telefonia, come in Austria, sono anche associate a pubblico servizio, il ché impedisce ai residenti di opporsi alle installazioni .Secondo lei, nessuna causa è stata vinta; alcuni esperti svedesi fanno parte della ICNIRP.

Jean-Luc Guilmot ha segnalato come molti studi recenti sono indiscutibili ma non replicati, condizione necessaria per portare a una revisione delle norme. Ha descritto l’attivismo che ha portato ad una riduzione falso del livello di esposizione a Bruxelles.

Maître Philippe Vanlangendonck vuole studiare le vie legali per attaccare legalmente WHO (World Health Organization) e ICNIRP a causa della loro consulenza scientificamente parziale e per l'esistenza di interessi costituiti.

Michèle Rivasi afferma che per appellarsi alla Corte di giustizia europea, i giudici nazionali devono essere stati testati. Lei si collega alla relazione del Consiglio d'Europa per minare ICNIRP, chiedendo l'invalidazione della loro consulenza a causa di conflitti esistenti . Lei spera che il Comitato possa coinvolgere scienziati indipendenti.

Gyde Knebusch indica che una causa è stata vinta in Fiandre in base a considerazioni di rischio per la salute.

Vittorio Marinelli e Giuseppina Maurizi riportano come durante il procedimento giudiziale si deve provare l'esistenza del rischio. Il procedimento è molto complesso in Italia a causa della coesistenza di diritti locali e nazionali.

Michèle Rivasi annuncia una conferenza nel giugno 2011 portando le associazione NGOs, ma anche i rappresentanti delle compagnie di assicurazione, e parlamentari europei.
Si menziona anche la possibilità di utilizzare dei CITIZEN INITIATIVE (petisione) che richiede un milione di firme in otto paesi dell’Unione .



In conclusione:
c'è un dibattito in atto tra i giuristi in merito alle procedure possibili: se sia sufficiente basarsi sul principio di precauzione o se stabilire rischi alla salute. L’esperienza finora dimostra che le procedure basate sul principio di Precauzione e supportate da un attivismo ben strutturato hanno maggiore chance di arrivare ad un qualche risultato e importanti aperture, come nel caso in Francia.


NB: Dal momento che questo incontro, alcuni membri del Coordinamento sono stati contattati da colleghi e rappresentanti locali , alcuni rappresentanti dell’Industria sono preoccupati per il "clima giudiziario".

martedì 22 febbraio 2011

I leader della ricerca sui cellulari all’OMS chiedono urgentemente misure di precauzione per l’uso dei cellulari

Lo scorso 17 febbraio due autrici principali dello studio Interphone dell’OMS, Elisabeth Cardis, ricercatrice del Centro per la Ricerca in Epidemiologia Ambientale di Barcellona e la dott.ssa Siegal Sadetzki, dell’Istituto di Epidemiologia e Salute Pubblica Gertner di Tel-Aviv hanno pubblicato un editoriale che mette in guardia dai possibili rischi legati all'uso dei cellulari.
Si ricorda che i risultati di Interphone, la più vasta indagine sui rischi legati ai cellulari, sono stati pubblicati lo scorso 27 gennaio sul Journal Occupational and Environmental Medicine e hanno suscitato non poche polemiche, non solo per l'interpretazione dei dati ma anche per i conflitti di interessi che questo studio coinvolgeva, con un finanziamento di oltre il 30% da parte dell'industria delle telecomunicazioni.
Le due ricercatrici ritengono oggi che sia necessario fare un uso cauto del cellulare in attesa di ulteriori ricerche sull'argomento.

In particolare hanno scritto che la ricerca sulla radiazione da cellulare ha analizzato persone che usavano i loro telefoni per meno di quattro ore al mese e per meno di cinque anni. Nello studio Interphone dell’OMS, iniziato nel 2000 e finito nel 2004, era considerato “utente medio” chi aveva usato il cellulare per circa 100 in tutta la vita, pari a circa 2 fino a 2 ore e mezzo al mese. Coloro che risultavano all’apice della scala di accumulo di ore di uso del cellulare rappresentavano (1,640 ore o di più), se spalmate per 10 anni, corrispondevano ad un uso di appena 27 minuti al giorno e avevano il 50 % di rischio maggiore di sviluppare tumori maligni dalla stessa parte della testa dove tenevano il loro cellulare (detti tumori ipsilaterali).

Gli autori ritengono che non sia possibile valutare l’ampiezza e l’orientamento di possibili mistificazioni dei risultati dello studio Interphone e stimare, così, tutti gli effetti dei cellulari sul rischio di tumori alla testa. Ritengono, infatti, come anche altri scienziati (per esempio gli autori del rapporto Cellulari e Tumori alla Testa: 15 ragioni per la preoccupazione, la scienza, lo sviluppo e la verità dietro lo studio Interphone, pubblicato nel 2009 dall’International EMF Collaborative) che la direzione globale della ricerca fino ad oggi sia preoccupante.

“Mentre si attende la conferma o smentita di questi risultati da parte di ulteriori ricerche, le indicazioni preliminari indicano che l’aumento del rischio di tumori alla testa in coloro che lo usano intensamente e per lungo tempo rappresenti motivo di preoccupazione”, concludono Cardis e Sadetzki. “Ci sono oggi circa più di 4 miliardi di persone, compresi bambini, che usano i cellulari. Persino un piccolo rischio a livello individuale produrrebbe un conseguente numero di tumori e diventerebbe un importante problema di salute pubblica. Delle misure semplici e a basso costo, come preferire gli sms e il viva voce, potrebbero ridurre sostanzialmente l’esposizione del cervello alla radiazione del cellulare. Fino a quando non ci sarà, dunque, una risposta definitiva, si consiglia l’adoazione dell’uso di queste precauzioni soprattutto nella popolazione giovane”.

Fonte: Washington, DC (Vocus/PRWEB) http://www.prweb.com/releases/prweb2011/2/prweb8144389.htm

lunedì 14 febbraio 2011

17 febbraio 2011 - Convegno a Roma sull'elettrosmog

Università Roma Tre - Seminario 'The 7th ICMES Workshop' - L'interazione dei deboli campi magnetici con la materia vivente 
Venerdì 17 Febbraio




Ore 9:00 o'clock
Aula Magna Universita' Roma Tre
Viale Ostiense
Seminario - Seminary
The 7th ICMES Workshop
L'interazione dei deboli campi magnetici con la materia vivente
L'interaction des champs magnètiques faibles avec la matière vivante
Interaction of weak magnetic fields with living matter
09:00 - Saluti / Greetings Prof. Settimio Mobilio, Preside della Facoltà di Scienze MFN, Universita' Roma Tre Prof. Giovanni Antonini, Direttore Dipartimento Biologia, Universita' Roma Tre Prof. Marco A. Bologna, Direttore Dipartimento di Biologia Ambientale, Università Roma Tre. Dr. Livio Giuliani, dirigente di ricerca ISPESL, ICEMS Spokesman
Sessione I Session
Fondamentali - Fondamentaux - Fundamentals
Chair: Antonio Moccaldi and Pierluigi Vagliani
Commissario Straordinario ISPESL, Roma (I)/
UNESCO World Foundation for AIDS Research and Prevention, Paris (F),
09:30 - Giuseppe Vitiello,
Università di Salerno (I)
Quantum Field theory and Electromagnetic Signals in Matter
09:50 - Mikhail N. Zhadin,
Institute of Biophysics, Pushchino (RUS)
The scale as a factor of magneto-induction of ion currents in aquaeous solutions
10:10 - Emilio Del Giudice
Prigogine Preize, Int. Inst. of Biophysics, Neuss (D)
Stable structures in water
10:30 - Livio Giuliani,
ex ISPESL, direttore dipartimento di Firenze, ICEMS spokesman, Venice (I)
L'apparition de champs magnètiques dans des solutions aqueuses d'acides amines/ Onset of magnetic fields in aqueous solution of amino acids
10:50 - Coffee Break
11:10 - Luc Montagnier,
Nobel Prize, UNESCO World Foundation for AIDS Research and Prevention, Paris (F)
Apparition des champs magnètiques dans des cellules eucaryotic au cours d'une infection/Onset of magnetic fields in eukaryotic cells during an infection
11:50 - Abraham R. Liboff (a lecture read by S. Grimaldi)
Oakland University, Rochester (USA)
Weak electromagnetic mechanisms in living systems
Sessione II SessionApplicazioni: Benefici - Applications: Beneficials
Chair: Adamantia Fragopoulou and Giovanni Antonini
Universita' Roma Tre - Dipartimento di Biologia, Roma (I)
University of Athens - Department of Biology, Athens (GR)
12:10 - Jemal Aissa
Nanetics Biotechnologies, Joie-en-Josas (F) Dètection èlectromagnètique de l'ADN viral
12:30 - Settimio Grimaldi, Mario Ledda, Enrico D'Emilia, Livio Giuliani, Antonella Lisi
CNR/INMM - AreaTor Vergata, Roma (I)/ ISPESL, Roma
Magneto-induction of ion currents in living cells
12:50 - Antonella Lisi , Mario Ledda, Enrico D'Emilia, Livio Giuliani, Settimio Grimaldi
CNR/INMM Area Tor Vergata, Roma (I), ISPESL, Roma (I)
Stem cell maturation and differentiation by means of ICR
13:10 - Natalia V. Bobkova
Institute of Biophysics, Pouchchino (RUS)
ICR Treatment of Alzheimer
13:30 - Break
Sessione III SessionApplicazioni: Prevenzione - Applications: Prevention Chair: Natalia Bobkova and Francesco Bianchi Institute of Cell Biophysics, Pouchchino (RUS)/Universita' Roma Tre (I)
14:50 - Ion Udroiu, Mauro Cristaldi, Luisanna Ieradi e Caterina Tanzarella, Università di Roma La Sapienza e Universita' Roma Tre (I), Genotoxic and aneuploidy effects of weak magnetic fields
15:10 - Henrietta Nittby, Arne Brun, Susanne Strömblad, Mehri Kaviani, Wenjun Sun, Lars Malmgren, Jacob Eberhardt, Bertil R. Persson, Leif G. Salford Analgetic Effects of non-thermal GSM RF EMF in the Land Snail Helix Pomatia.
15:30 - Leif G. Salford, Henrietta Nittby, Arne Brun, Susanne Strömblad, Mehri Kaviani, Wenjun Sun, Lars Malmgren, Jacob Eberhardt, Bertil R. Persson Non-thermal pulsed MW and ELF effects upon rat BBB permeability.
15:50 - Morando Soffritti and Livio Giuliani
Institute for Cancer Researches B. Ramazzini, Bologna/ ISPESL, Florence - Rome (I), ICEMS, Venice (I)
ELF co-carcinogenicity in rats
16:10 - Adamantia Fragopoulou and Lukas Margaritis
University of Athens - Department of Biology (GR)
16:30 - Lennart Hardell
Oerebro Universitary Hospital (SW)
The epidemiological evidence of electromagnetic fields non thermal effects
17:00 -Tavola Rotonda/ Round Table
Chair: Tatiana Styloglou and Maria Cristina Tabano