Syndication

Visualizzazione post con etichetta Comune. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Comune. Mostra tutti i post

mercoledì 27 luglio 2016

Articolo di sostegno alle due sindachesse contro wifi

Riporto l'articolo del giornalista di IlFattoQuotidiano a sostegno degli interventi pubblici dei sindaci di Torino e di Roma cautelativi in merito allo abuso di wifi nelle aree pubbliche.


No Wi-Fi? Avanti Appendino! E pure Raggi

di Maurizio Martucci

Primo dato (politico). Alla faccia dei tramontati anni ’70, la logica del ‘colpirne uno per educarne cento’ è ancora in vigore: dopo Livio Tola (Borgofranco di Ivrea) è toccato a Chiara Appendino (Torino) subire la gogna pubblica (misto) mediatica, per aver osato dubitare sulla sicurezza del segnale Wi-Fi. Colpire loro come monito per eventuali emulatori precauzionisti, politicamente viene tradotto come un ‘non ci provate mai più! E statene alla larga, voi che governate in loco. Non toccate router né hot spot, altrimenti ci arrabbiamo e vi getteremo così tanti schizzi di fango addosso (cioè pagine dei soliti giornali), che nemmeno i vostri account Twitter e profilo Facebook riusciranno a contenerli. Come se ad occuparsi del rischio per la salute pubblica da tossicità ambientale elettromagnetica l’avesse posta non fosse stato un amministratore ispirato dal Principio di Precauzione e dalle (sempre più numerose) evidenze scientifiche indipendenti (che all'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro chiedono di classificare la radiofrequenza come ‘cancerogeno probabile per l'Uomo’, cioè in Classe 2A), ma un allucinato visionario, reincarnatosi chissà come dall’Età della Pietra nell’Era del Web ubiquitario. Supercazzola non del trash Cruciani http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/03/03/tablet-e-wi-fi-a-scuola-e-lo-chiamano-progresso/2512822/ (almeno con Appendino è stato sollevato dall’incombenza! non c’è stato bisogno nemmeno del grillinico scherzo telefonico a ‘La Zanzara’), ma nel proclamo urbi et orbi del Presidente del Consiglio (o del Segretario del PD, che poi è la stessa cosa!) Matteo Renzi in persona, http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/24/wi-fi-nelle-scuole-anche-renzi-ironizza-su-appendino-ma-pd-piemontese-fece-approvare-mozione-ad-hoc-ben-piu-severa/2929815/ quello del plurimilionario Piano Banda Larga e Ultralarga (da 30 a 100 Mbps ovunque, anche in modalità Wireless, cioè senza fibra ottica, fortemente appetita dalla Coalizione Fixed Wireless Access, 52 soci fondatori privati, quando nella Scuola Digitale manca pure la carta igienica!) e dei lotti in asta con concorso di titoli per tecnologia fixed wireless nelle pregiate frequenze tra i 3600 e i 3800 megahertz (rafforzeranno i collegamenti superveloci nelle metropoli: se ne sentiva l’improcrastinabile necessità! come dell’irradiazione su spiagge e siti Unesco – notizia di ieri: caspita, lì ci mancava!). Già, perché che c’entrava dire “mentre qualcuno sostiene che il Wi-Fi faccia male, noi facciamo accordi con Amazon, Apple e Cisco”, quando cresce la numerosità della popolazione elettrosensibile? E quando una comunità medico-scientifica internazionale, composta da 238 scienziati provenienti da 38 nazioni nel mondo, ha presentato un articolato appello alle Nazioni Unite e all'Organizzazione Mondiale della Sanità per ‘adottare norme di protezione a tutela della salute pubblica’ al fine di contenere l'esposizione dai campi elettromagnetici e della tecnologia wireless (WLAN e Wi-Fi)? E in Italia un invito analogo è stato lanciato da una nutrita task force sui campi elettromagnetici (70 tra medici, scienziati e ricercatori, supportati da numerose associazioni e comitati legalmente costituiti) per chiedere proprio a Matteo Renzi di ‘non attuare il rilassamento dei livelli di protezione della popolazione dai campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde’? (Wi-Fi compreso). http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/11/elettrosmog-il-governo-mette-a-rischio-i-cittadini-parola-al-fisico/2292118/

Secondo dato (politico): i ‘rappresentanti dei cittadini’ del Movimento Cinque Stelle cercano di far passare il messaggio che diffondere il modello di ‘democrazia partecipata’ (anche sul Web) non significa necessariamente esporre la popolazione ai pericoli che le onde elettromagnetiche possono comportare sull’organismo umano (oltre al mondo animale e sull’ambiente), soprattutto sui soggetti più esposti e deboli (da qui la proposta di sostituire la tecnologia senza fili col più sicuro cavo, partendo almeno da scuole e ospedali) Infatti con la proposta di Torino ora al vaglio della nuova giunta comunale, altre mozioni pentastellate (Regione Piemonte, Comune di Collegno, se vogliamo anche Borgofranco d’Ivrea e Regione Lazio, dove s’è tenuto un qualificato convegno sul tema) https://www.youtube.com/watch?v=gIyUAGuIuFA&list=PL9JaBgLsua_e0mXBT4WvEdqx3BO0NSwtX&index=1 danno la misura di dove stia virando la politica dei Cinque Stelle sull’Elettrosmog (un tempo esclusività dei Verdi e di spezzoni precauzionisti dello stesso PD). E se nei prossimi giorni (come si vocifera) nella lista degli elettroscettici dovesse aggiungersi pure l’affondo di Virginia Raggi (tanto per rimettere mano allo stallo in cui versa il Piano Regolatore su ‘Antenna Selvaggia’ ereditato da Marino, depotenziando il Wi-Fi nei luoghi più sensibili di Roma) allora piuttosto che continuare ad ignorare l’evidente riduzionismo degli effetti termici dei campi elettromagnetici stabiliti sull’analisi di manichini di plastica (quand’è risaputo che il nostro corpo non è riempiuto di gel, eureka!),forse dal Campidoglio si potrà aprire un dibattito pubblico, facendola finita di nascondere la testa sotto la sabbia. Che tanto, almeno lì sotto, smarthopne e tablet (per ora) non prendono!

 

Maurizio Martucci

lunedì 1 giugno 2015

Capurso: rimozione delle antenne sul tetto del municipio



ti allego un link relativo alla rimozione delle antenne sul tetto del municipio del mio paese. Un risultato storico per questo Comitato che, assieme all'assessore all'ambiente, ha perseguito per almeno cinque anni.
Se vuoi inoltralo alla tua lista di distribuzione che sicuramente e' piu' ricca della mia.
Ciao, Mario Boezio.
Comitato cittadino NEAC - no elettrosmog a Capurso


http://www.capursomap.it/new/28/05/2015/cronaca/smantellamento-antenne-sul-palazzo-di-citta-n1033.html


sabato 23 maggio 2015

Richmond, California contro le armi che usano radiazioni

E' preoccupante scoprire  che - in questi giorni -  il consiglio comunale di questo comune (107.000 abitanti!) ha approvato una risoluzione di bando di tutte quelle armi che sfruttano, tra l'altro, vari tipi di campi elettromagnetici, ed altro) per ottenere un controllo mentale di persone.

Mi colpisce come già nel 2001 c'è stata una proposta di legge al Congresso USA (che però non credo sia andata a buon file - ho chiesto dettagli -  ) in cui si chiede il bando di armi tra cui sistemi che direzioni flussi di energia , atomica, radiazioni elettromagnetiche (RF, ELF, ULF) ... inoltre si specifica tra l'altro tra gli 'exotic weapons' ci sono :  chemtrails  (NB!)  , armi elettroniche, psicotroniche, sistemi spaziali basati su radiazioni con frequenze ultrabasse, etc. ....

.



CITY COUNCIL VOTES TO BAN MIND CONTROL WEAPON USE AGAINST RESIDENTS

By Melissa Dykes [1]Global Research, May 21, 2015Truthstream Media
[2] 20 May 2015

The numbers are at least in the hundreds of thousands at this point.

Every once in a while, a little piece of this trend rises to the
surface and makes its way into mainstream headlines, if even at a
local level as is the case with the recent news that the Richmond,
California City Council
which just passed a resolution “in support
of the Space Preservation Act and the Space Preservation Treaty to
permanently ban spaced-based weapons”.

Via San Jose Mercury News [3]:

Few societal threats escape the watchful eye of the Richmond City
Council, so it was no surprise Tuesday night that it voted its
opposition to airborne weapons systems that have allegedly targeted
residents with mind-control technology. You read that correctly.

After a dozen professed victims told of pain suffered from
chemtrails, particle beams and electromagnetic radiation, the council
voted 5-2 in favor of Councilwoman Jovanka Beckles’ resolution “in
support of the Space Preservation Act and the Space Preservation
Treaty to permanently ban spaced-based weapons,” with Mayor Tom
Butt [4] and Councilman Vinay Pimple [5] dissenting. [What
unfortunate names…]

“I’m just a dumb city council person,” Butt said, “and this
is way, way over my head. I frankly think it’s way out of the
purview of what this city council should be taking up.”

Colleague Nat Bates was more understanding: “I’m going to support
the resolution for the simple reason that we have voted on a lot of
dumb ideas.”

With a population of nearly 108,000 people in 2013, Richmond is no
small town… and this is just one example of one town in one state in
our country where at least a dozen people felt the need to speak out
about what they believe is happening to them.

While these council members can poke fun and make light of this,
guaranteed the people suffering what they believe is never ending
electronic harassment by the government don’t think it’s very
humorous at all.

And the numbers of those people who do believe that appear to be
growing exponentially.

The purpose of the Space Preservation Act of 2001 [6], introduced by
former U.S. Representative Dennis Kucinich, was to reaffirm it “is
the policy of the United States that activities in space should be
devoted to peaceful purposes for the benefit of all mankind.”

The bill would have permanently banned all space-based weapons and
the termination of testing and developing them. It further
specifically defined “weapon” in part as a device capable of
“Inflicting death or injury on, or damaging or destroying, a
person” via “the use of land-based, sea-based, or space-based
systems using radiation, electromagnetic, psychotronic, sonic, laser,
or other energies directed at individual persons or targeted
populations for the purpose of information war, mood management, or
mind control of such persons or populations.”

It further noted that this would include “exotic weapons systems”
such as electronic, psychotronic, or information weapons; chemtrails;
high altitude ultra low frequency weapons systems; plasma,
electromagnetic, sonic, or ultrasonic weapons; laser weapons systems;
strategic, theater, tactical, or extraterrestrial weapons; and
chemical, biological, environmental, climate, or tectonic weapons.

The bill, of course, got lost in committees and never passed. Not
that our government would even bother to pass such a bill in the first
place as a token gesture, but even if they had, considering most of
the projects listed above are all like top secret or even above top
secret military projects, it wouldn’t have been enforced anyway.

We only hear about some of the space weapons coming out now and then
in the news or via the patent office, and guaranteed whatever we hear
about, you know they likely have something years more advanced we have
no idea about because the American public is on a need-to-know basis
and long ago at least back to the late-1800s when they were developing
and secretly testing electric airships, the government decided we
don’t need to know.

We are currently being told microwave energy weapons are still a
“conspiracy theory,” even as Boeing recently patented a Star
Wars-style force field capable of “producing a plasma field between
the target and the explosion using lasers, electricity and
microwaves.”

However, the bottom line here is that so many American citizens are
now publicly complaining of electronic harassment of various types at
the hands of our government that city councils are being forced by
their constituency to take up resolutions about it.

The truth cannot be buried forever

City Council Votes to Ban Mind Control Weapon Use Against Residents
[7]

[8]

City Council Votes to Ban Mind Control Weapon Use... [9]
It’s hard to even guesstimate the number of people, not just in
America but around the world, who feel they are being targeted by
space age directed energy mind con...

View on www.globalresearch.ca [10]
Preview by Yahoo

Links:
------
[1] http://www.globalresearch.ca/author/melton
[2]
http://truthstreammedia.com/2015/05/20/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/
[3]
http://www.mercurynews.com/bay-area-news/ci_28154576/barnidge-no-more-mind-control-weapons-targeting-richmond?source=infinite
[4] http://www.tombutt.com/
[5]
http://richmondconfidential.org/2015/03/12/meet-vinay-pimple-richmonds-newest-city-councilmember/
[6] https://www.fasorg/sgp/congress/2001/hr2977.html
[7]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[8]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[9]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[10]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[11]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/conversations/messages/34728;_ylc=X3oDMTJydWV1OGs5BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARtc2dJZAMzNDcyOARzZWMDZnRyBHNsawNycGx5BHN0aW1lAzE0MzIzMDY0Njc-?act=reply&messageNum=34728
[12]
mailto:sanysidrosd@yahoo.com?subject=Re%3A%20City%20Council%20Votes%20to%20Ban%20Mind%20Control%20Weapon%20Use%20Against%20Residents
[13]
mailto:emfrefugee@yahoogroups.com?subject=Re%3A%20City%20Council%20Votes%20to%20Ban%20Mind%20Control%20Weapon%20Use%20Against%20Residents
[14]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/conversations/newtopic;_ylc=X3oDMTJmNW1wYmZuBF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDZnRyBHNsawNudHBjBHN0aW1lAzE0MzIzMDY0Njc-
[15]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/conversations/topics/34728;_ylc=X3oDMTM3dTUzY2Q4BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARtc2dJZAMzNDcyOARzZWMDZnRyBHNsawN2dHBjBHN0aW1lAzE0MzIzMDY0NjcEdHBjSWQDMzQ3Mjg-
[16]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/info;_ylc=X3oDMTJmOGE5YTQ2BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDdnRsBHNsawN2Z2hwBHN0aW1lAzE0MzIzMDY0Njc-
[17]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/members/all;_ylc=X3oDMTJnamh2cmE0BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDdnRsBHNsawN2bWJycwRzdGltZQMxNDMyMzA2NDY3
[18]
https://groups.yahoo.com/neo;_ylc=X3oDMTJlOHUzZHQzBF9TAzk3NDc2NTkwBGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDZnRyBHNsawNnZnAEc3RpbWUDMTQzMjMwNjQ2Nw--
[19] https://info.yahoo.com/privacy/us/yahoo/groups/details.html
[20] mailto:emfrefugee-unsubscribe@yahoogroups.com?subject=Unsubscribe
[21] https://info.yahoo.com/legal/us/yahoo/utos/terms/

sabato 25 aprile 2015

Il Comune di Los Angeles ha stoppato un progetto di installazione di antenne sul tetto delle stazioni dei vigili del fuoco

Dopo la ferma presa di posizione della associazione dei vigili del fuoco americani, ed in particolare di Los Angeles, essi sono riusciti a convincere il Consiglio Comunale di questa metropoli di bloccare il progetto di installazione di oltre 80 stazioni radiobase sui tetti dei vigili del fuoco ( e in prospettiva anche su quelli della polizia locale).





  
 
 
Bulletin 14-15 Unanimous City Council Vote to Suspend         LA-RICS Cell Tower Project
 
For several years now, the Los Angeles Regional Interoperable Communications (LA-RICS) Joint Powers Authority has been planning an interoperable communications program for public safety agencies in the Los Angeles region.  This project included the placement of as many as 34 cell towers at LAFD fire stations  and the United Firefighters of Los Angeles  City (UFLAC)  made our opposition to LA-RICS well known throughout the process.
 
Today, we are proud to tell you that t he Los Angeles City Council took  a unanimous 12 to 0 vote mandating that the LA-RICS Joint Powers Authority immediately stop all plans to construct cell towers at LAFD fire stations and reassess the project. This is a huge win for our members and the communities that we serve.



U FLAC would like to give  thanks to our brothers and sisters at Los Angeles County Fire Local 1014. Their strong opposition to the LA-RICS project helped to protect  our Firefighters and community by convincing the LA County Board of Supervisors to suspend the placement of cell towers on LA County fire station properties . We also give special thanks to LA City Councilman Mitch Englander, who had the courage to put forward the City of  Los Angeles motion today to suspend  the project in our City. Finally,  we want to thank the  UFLAC members who took the time to come to City Council today to support our efforts. Your presence was felt and made a tremendous difference.

sabato 27 dicembre 2014

Ordine del giorno del Comune di Roma di attenzione al wireless nelle scuole


ordine del giorno n. 225/2014 approvato in fase di assestamento di bilancio sulla pericolosità del wireless nelle scuole, presentato da  Maria Gemma Azuni Consigliera di Roma Capitale di Sinistra, Ecologia e Libertà che fa seguito al nostro convegno sul wi-fi da lei ospitato proprio al Consiglio del Comune di Roma.



Ordine del giorno n. 225
del 27/28 novembre 2014
(collegato alla proposta di deliberazione n. 200/2014)
________________
PREMESSO CHE
- il D.L. 104/2013, attualmente in fase di conversione in legge, all'art. 11 denominato
"Wireless nelle scuole" detta quanto segue: " 1. E' autorizzata la spesa di euro 5 milioni
nell'anno 2013 e di euro 10 milioni nell'anno 2014 per assicurare alle istituzioni
scolastiche statali secondarie, prioritariamente di secondo grado, la realizzazione e la
fruizione della connettività wireless per l'accesso degli studenti a materiali didattici e a
contenuti digitali. Le risorse sono assegnate alle istituzioni scolastiche in proporzione al
numero di edifici scolastici";
- le autorità governative italiane hanno investito cospicue risorse pubbliche per
promuovere la diffusione del servizio Wi Fi in tutte le scuole della Penisola, con
l'obiettivo di colmare il c.d. digital divide;
- pur condividendo la necessità di consegnare agli studenti opportunità di formazione e
didattica tecnologicamente avanzate, non si può, tuttavia, nascondere la profonda
preoccupazione nel rappresentare i rischi per il diffondersi di una tecnologia di recente
sperimentazione, soprattutto se applicata ai luoghi domestici, dove i campi
elettromagnetici amplificano la potenza di emissione;
- numerosi, attendibili e qualificati studi scientifici nazionali ed internazionali attestano la
potenziale nocività delle onde elettromagnetiche scaturite da tecnologie di
comunicazione senza fili per la salute umana, vegetale ed animale, suggerendo danni
al sistema neurologico, immunitario, endocrinologici e persino genotossici-tumorali, ma
anche effetti che inducono ad aumentare fenomeni di elettrosensibilità nella
popolazione (la letteratura scientifica riporta, al riguardo, numerosissime pubblicazioni;
- tali preoccupazioni sono state recepite dagli organismi internazionali, con significativi
interventi dell' UE (Risoluzione 2.4.2009), delle Agenzie di protezione ambientale e
sanitaria (AIOM 2007 - EEA, marzo 2008) nonché, da ultimo, del Consiglio d'Europa
(Raccomandazione ai Paesi membri dell'U.E., 27 maggio 2011);
- sulla spinta di queste evidenze, alcuni paesi europei hanno assunto importanti
provvedimenti cautelativi, come la Francia, dove l'uso dei cellulari è stato proibito nelle
scuole elementari e medie e la Germania, dove il Wi-Fi è stato vietato in tutte le scuole
pubbliche sin dal 2008;
CONSIDERATO CHE
- il ritardo del nostro Paese sullo sviluppo delle reti informatiche, può dare l'opportunità di
sviluppare le reti facendo uso dell'esperienze degli altri paesi e recepire i più recenti
studi sul tema;
- le tecnologie all'avanguardia oggi consentono agevolmente di intervenire con efficaci
dispositivi, alternativi al wireless, capaci di creare reti locali su cavo all'interno di
abitazioni, aule scolastiche, biblioteche, ecc....;
- i cittadini romani, organizzati in comitati, hanno in varie situazioni dimostrato la propria
preoccupazione per la salute a causa dell'incremento di impianti di diffusione di onde
elettromagnetiche;
- l'utenza scolastica ha diritto alla massima attenzione nella tutela della salute e
all'adozione dei migliori strumenti atti alla prevenzioni di possibili patologie;
per tutto ciò premesso;
L'ASSEMBELA CAPITOLINA IMPEGNA
IL SINDACO E GLI ASSESSORI COMPETENTI
- ad intraprendere un'azione di tutela della salute degli studenti presso gli istituti
scolastici di ogni ordine e grado sulla potenziale nocività delle onde elettromagnetiche
scaturite da tecnologie di comunicazione senza fili per la salute umana, vegetale ed
animale, suggerendo danni al sistema neurologico, immunitario, endocrinologici e
persino genotossici-tumorali;
- ad improntare una campagna di sensibilizzare sulle tecnologie all'avanguardia che oggi
consentono agevolmente di intervenire con efficaci dispositivi, alternativi al wireless,
capaci di creare reti locali su cavo all'interno di abitazioni, aule scolastiche, biblioteche,
ecc.....

martedì 17 giugno 2014

Le società Usa per la deregulation completa per le antenne Wifi


Brutte notizie dagli USA   le società di telecomunicazioni sono  fortemente impegnate a far approvare delle  modifiche legislative che tolgano ai comuni qualsiasi  controllo ed autorizzazione sulla installazione di antenne wireless in città.
Questo avviene nel Massachusetts

mercoledì 15 maggio 2013

Consorzio Elettra 2000 interessato ai regolamenti comunali

Con vivo stupore rilevo e vi propongo uno studio fatto da questo Consorzio (che sappiamo essere essere espressione dei provider telefonici e loro amici !) sulla predisposizione dei principali comuni italiani di regolamento comunali per il posizionamento di stazioni radiobase. E li chiama 'virtuosi' e non ... che sta succedendo ?!

venerdì 22 marzo 2013

Una interessante iniziativa a Monopoli

Il Comune di Monopoli ha lanciato una assemblea consultiva parmanente, alla quale possono accedere i cittadini,  per concordare la zonizzazione delle  fonti di inquinamento da  elettrosmog

martedì 6 novembre 2012

Il Sindaco di Potenza Picena lotta contro i radar

Anche il Sindaco incalza prese di posizioni ufficiali sul nuovo radar dell'Aeronautica militare a Porto Potenza Picena e sulla incolumità della popolazione.

E' disponibile a spegnere l'interruttore !

sabato 29 settembre 2012

Un Comune svedese dà un aiuto concreto agli elettrosensibili


Martedì 4 Settembre 2012 alle 10:36 am (Notizie P4 Västernorrland)

La Municipalità di Örnsköldsvik decide di stanziare 20.000 € per bonificare case private in presenza di persone elettorsensibili.
E' una richiesta fata dalla locale associazione di ES in accordo con funzionari comunali.

E' un intervento significativo in quanto l'elettrosensibilità non è classificata come disabilità , ma si è valutato se ci sono o meno le condizioni di reali problemi di disabilità e che hanno bisogno di aiuto.

Interventi previsti sono: fogli di alluminio sulle pareti, pitture a base di piombo sul pavimento e sul soffitto, installazione di stufe a gas.



________________________________________________
by Tulla Maja Fogelberg.

Tuesday, September 4, 2012 at 10:36 am (News P4 Västernorrland)

Today, the City determines whether to allocate SEK 200 000 per year for elsanering of private homes.

The background is that members of the association in ElectroSensitive Västernorrland has pointed out the need and started the investigation with officers at Örnsköldsvik.

The system already exists in a number of other municipalities, especially north of Matti Ohlsson, handikappkonsulent and local sect Secretary in Örnsköldsvik Municipality.

Is it unusual for municipalities to grant this type of funding?

- Help to adjust their housing from municipalities is not uncommon, disabled facilities are very common, says Matti Ohlsson.

It says in the proposal that elsaneringsbidraget not covered by the rules of housing adaptation law. Why?

- It has probably more to do that EHS is not classified as a disability. Here we apart from it and not stuck in that discussion if there is a disability or not. We have noted that there are people who feel they have a need, says Matti Ohlsson.

Erland Lundgren is Chairman of ElectroSensitive association in västernorrland and according to him would mean a lot for grants to assist EHS.

- We have 60 members and I believe that at least half the need, ten of which are urgently needed. You try to find low-radiation environments, but it is hard to find it on your own.

How is it that elsanera a home?

- It means isolating all power in the house that they will not emit any radiation. It is an expensive operation, it costs at least 100 000. I've only elsa off my bedroom and it cost 12 000 SEK, says Erland Lundgren.

What are the symptoms of EHS?

- The most common is poor memory, particularly short-term memory. Aggressivite, short tempered, hard to restrain himself and imbalance. Some also have poor sleep.

What causes the disease?

- It comes as a bolt from the blue, it is difficult to predict who will suffer. I was sitting at my computer and felt myself every hot in the face and all red.

There s a pretty strong opinion against EHS - which says that it is hittepå simply. How do you experience it?

- It is strange for those who have seen and experienced it myself. You can also tag yourself and others that the only thing that helps is to get to a more low-radiation environment.

You live in a village outside Junsele. Forces all EHS to live lonely in rural areas?

- No, the worst affected. They are trying to find low-radiation areas.

Are you electrosensitivity? Or do you know someone who is?
Email: news.vasternorrland @ sverigesradio.se

venerdì 28 settembre 2012

qualche gruppo di cittadini di tanto in tanto si incavolano ...

come è avvenuto a Porto SanGiorgio (AP) per la autorizzazione alla installazione di una antenna, non gradita dai cittadini: 
durante il consiglio comunale c'è stata una giusta e rumorosa dimostrazione da parte dei cittadini del ... disaccordo : vedere articolo


Faccio questa battuta in quanto la notizia ahimé molto più grave:  che nel Decreto Sviluppo -  che doveva essere approvato oggi ma è stato rinviato al CdM del 4.10 - c'è la 'liberalizzazione' della installazione delle anteenne sopra ai condominii senza che i condomini si possano opporre ...
 nonostante che le 'afone' voci delle associazioni ambientaliste o di questa Retenoelettrosmogitalia   ...               è caduto nel vuoto più assoluto  !!!!      

Il sistema  di potere della Comunicazione è tale che la popolazione non lo sa ...

forse lo scoprirà quando arriveranno le compagnie telefoniche a chiedere di aprire la porta del solaio ... Sic !  

forse i partiti si stanno svegliando e riconoscendo l'elettrosmog ?!



almeno questo sta avvenendo a Matera


giovedì 30 agosto 2012

Class action contro il Comune di Roma ?

 il Coordinamento dei Comitati romani ha infatti deciso di presentare una class action nei confronti del Campidoglio, “ritenuto responsabile – spiegano - di aver omesso di adempiere alle norme dello Statuto, che impongono la discussione in Assemblea della Delibera di Iniziativa Popolare, con cui si invoca un Piano Regolatore delle antenne a Roma”.

vedere qui 

martedì 31 luglio 2012

Controllo diffuso sullle antenne

Interessante iniziativa concordata dal Comune di Varese con la Consulta sullo elettrosmog: la possibilità dei cittadini di poter controllare e verificare la presenza reale di antenne rispetto alle mappe 'ufficiali'.

A fronte di dubbi, il cittadino puo' richiedere una verifica direttamente all'Assessorato competente.

Da estendere sicuramente.

sabato 23 giugno 2012

Il Comune di Ockland,Michigan, USA vota per il diritto del non avere lo smart meter

Decisione importante e significativa secondo la quale un cittadino puo' ri fiutarsi di avere uno smart meter digitale e di non dover pagare un extra per avere ancora il tradizionale analogico.



Excerpt

June 21st, 2012 – Oakland County, Michigan – Commissioners Support Smart Meter Refusal. Today, on a unanimous consent vote, the 25 member Oakland County, Michigan, Board of Commissioners approved a resolution that supports the right of every utility customer to be able to opt-out of a ‘smart’ electric meter without cost or penalty. The resolution also contains language calling for it to be forwarded to the Governor, the Attorney General, the Michigan Public Service Commission (MPSC), and the members of the legislature who represent Oakland County. Our heartfelt thanks go to Commissioner James Runestad for proposing and spearheading this fine document, and to Christine Long and her General Government Committee that earlier held a very thorough and well run hearing on this where DTE was given its chance to defend its program and many citizens expressed their passionate support for the resolution to escape the DTE program.

Snip

For the full article with links: http://michiganstopsmartmeters.com/2012/06/21/smart-meter-victory-in-oakland-county-michigan/


martedì 22 maggio 2012

Ottima proposta: aumentare l'IMU ai palazzi con antenne

Ottima questa proposta che è stata fatta a Ispica (RG) di tassare (incremento dell'IMU ?)   i proprietari di quei palazzi che ospitano antenne e stazioni radiobase.

Visto che loro utilizzo il bene comune (aria) ai fini di un profitto ( = affitto) è bene che in qualche modo 'risarciscano' i cittadini pagando più tasse ...



http://www.radioram.it/ram/index.php/ispica-tassa-sullelettrosmog/

lunedì 23 aprile 2012

Udine contro l'elettrosmog

NOTIZIA CLAMOROSA CHE PROVIENE DA UDINE ,DOVE IL SINDACO ACCOGLIENDO LE ISTANZE DI UN CONSIGLIERE COMUNALE ,PNEUMOLOGO-ALLERGOLOGO CHE HA FONDATO UNA ASSOCIAZIONE CONTRO L'ELETTROSMOG, HA DECISO DI INSTITUIRE ZONE CELL-FREE IN TUTTA LA CITTA' E DI VIETARLI IN GIUNTA PER MOTIVI ANCHE DI SALUTE!!!! Udine dichiara guerra ai telefonini: zone «cell free» in tutta la città, vietati in giunta fonte immagine L’iniziativa del Comune e dell’Associazione contro l’elettrosmog Udine dichiara guerra ai telefonini: zone «cell free» in tutta la città, vietati in giunta Il sindaco: «Nocivi alla salute e rovinano i rapporti sociali. In giunta stavano tutti a smanettare su Facebook e Twitter» . di Corinna De Cesare . MILANO – Vietati, come le sigarette. Troppi squilli, troppe disattenzioni e fanno pure male alla salute. Allora ecco l’idea: zone «cell free» (libere dai cellulari) in tutta la città. È la proposta del comune di Udine, che ha da poco lanciato il progetto a cui hanno aderito già 16 attività commerciali. In tutta la città ci saranno bar, ristoranti, hotel, dove gli smartphone andranno tenuti spenti o in modalità silenziosa. Ma non solo. LA GIUNTA – «In giunta – ammette il sindaco di Udine Furio Honsell – sono state più le volte in cui ho usato il campanello a causa dei cellulari che a causa delle discussioni. Tutti a smanettare su Twitter, Facebook, gli sms. Poi è arrivata la proposta da parte del nostro consigliere comunale che ho accolto con molto entusiasmo». Si tratta di Mario Canciani, allergo pneumologo e pediatra e membro fondatore dell’Ace, associazione contro l’elettrosmog. È stato lui a lanciare la campagna dal titolo «Liberi dal cellulare – Liberi di parlare». LA CAMPAGNA - Sebbene infatti gli studi sui danni prodotti dalle onde elettromagnetiche debbano ancora essere approfonditi, sempre di più si punta il dito sull’impatto del telefonino sul cervello, sottolineando la necessità di avere prudenza per evitare l’insorgere di malattie. «Ecco perché – spiega Canciani – è importante seguire alcune regole che tutelino dai rischi legati all’uso del telefonino proteggendo il più possibile bambini e ragazzi. La nostra, tra l’altro, mi risulta essere la prima iniziativa organica di questo tipo in Italia e in Europa». LOCALI - Bar, ristoranti, alberghi e locali pubblici di Udine «cell-free», potranno esporre la scritta-simbolo «Locale libero da cellulare» predisposta dai promotori dell’iniziativa, chiedendo così ai propri clienti di tenere il telefonino spento o in modalità “silenziosa” in una determinata sala o in tutto l’esercizio. Idem per la giunta comunale, dove il sindaco ha chiesto ai membri dell’amministrazione di adeguarsi all’iniziativa promossa insieme alla Confindustria, la Confcommercio e l’associazione albergatori della città. IL PRECEDENTE - Un po’ sullo stile di Trenitalia che ha da poco lanciato carrozze-relax dove il silenzio è d’obbligo. «Non vogliamo passare per tecnofobi – ci tiene a precisare il primo cittadino che è anche professore di informatica all’Università di Udine – vogliamo solo salvaguardare i diritti di tutti e rendere la gente più consapevole: l’uso dei telefonini va bene, per carità, ma ci vuole moderazione e rispetto nei confronti delle persone che ci siedono accanto». Come dargli torto?

mercoledì 1 febbraio 2012

Il Comune di Ovada si arma contro la 3Hg !

E si' c'è anche qualche comune che si difende dallo attacco delle società di telefonia che vogliono coprire il territorio con antenne

Seguiamo la loro giusta lotta :


http://www.alessandrianews.it/ovada/elettrosmog-comune-ribadisce-bonta-regolamento-6616_c1.html