Syndication

martedì 24 novembre 2020

Conferenza internazionale su Radiofrequenze e Salute segreta ...!

Dal 9 al 12 novembre 2020 si è tenuto una conferenza virtuale sugli effetti delle radiofrequenze sulla salute umana.

Tutto all'insegna della segretezza.

Non è possibile avere la lista dei partecipanti, dei relatori , sono stati disponibili alcune presentazioni.

Si è parlato della seconda fase dello studio del NTP, ma anche di studi tossicologici su animali che sono state avviati in Giappone e Corea i cui protocolli non sono stati resi pubblici. 

I nomi riportati sono personaggi ben impegnati direttamente in ICNIRP ...


Quindi si è trattato un incontro di un 'club' di esperti ,,, a latere di un altro club = ICNIRP 



Public Shut Out of Global
RF Health Briefing

Updates from NTP, Japan, Korea & WHO

   
November 23, 2020
Last updated 
November 24, 2020

An international briefing on RF health research, known as GLORE 2020, was held online, November 9-12, featuring updates on the second phase of the U.S. National Toxicology Program (NTP) project and the Japanese-Korean partial repeat. The WHO presented a status report on ten ongoing systematic reviews of RF health effects.

Government and industry representatives from Australia, Canada, France, Japan, Korea, New Zealand and the U.S. participated, as did an assortment of academics.

The public and the press were not invited.

GLORE, short for Global Coordination of Research and Health Policy of RF Electromagnetic Fields, holds annual reviews for member states and their guests. This year’s meeting was organized by Health Canada and Innovation, Science and Economic Development Canada (ISED), formerly known as Industry Canada.

Everything about GLORE 2020 is being kept secret. “The groups organizing this meeting will not make the agenda, attendees list nor the presentations publically available,” ISED’s Josette Gallant told me by e-mail last week. (She did send her “warmest regards.”) GLORE 2020 was a “virtual” meeting held on the Microsoft Teams platform.

The press offices of both the NTP and Health Canada also declined to release any information. Jesse Saffron, an attorney with the NTP’s Office of Communications and Public Liaison, would only say that the meeting was closed. He suggested that I try under the Freedom of Information Act. (My last NTP FOIA request dragged on for more than two years.)

Microwave News has obtained a copy of the agenda (available here) as well as some of the presentations (see below).

GLORE 2020

Among the American participants from outside the government were Frank Barnes of the University of Colorado, Boulder; C.K. Chou, formerly with Motorola and now a consultant based in the San Francisco Bay area; and James Lin, the editor of Bioelectromagnetics and a past member of ICNIRP. In an e-mail exchange, Chou said that he was invited as a representative of the IEEE’s International Committee on Electromagnetic Safety (ICES) to provide an update on IEEE standards.

Also present were Australia’s Rodney Croft, the current chair of ICNIRP, and Joe Wiart, a France Telecom alumnus. Croft briefed the group on the revised ICNIRP exposure guidelines.

Though some sessions were closed in the past, GLORE meetings have never been so shrouded in secrecy. I covered one of the early GLORE meetings (the 8th, in 2004) and posted this report: “Industry Rules RF”.

 NTP RF Phase 2: “Working Out Kinks”

Michael Wyde of the U.S. NTP presented an update on his ongoing RF toxicology project. Phase 1 of the project found “clear evidence” that RF radiation can lead to malignant tumors. Phase 2 is on the search for mechanisms to explain the cancer link. The primary focus is on 3G and 4G, but “potentially” also on 5G, Wyde said.

NTP RF Phase 2

New exposure facilities, designed and built by the IT’IS Foundation in Zurich, have been installed and are in the process of being tested. “We are in the process of working out kinks and gearing up to conduct studies,” Wyde said.

 Details of the Phase 2 studies are in Wyde’s PowerPoint presentation, available here.

Japan and Korea’s “NTP Lite” Project To Begin Soon

The briefings on the Japanese-Korean partial repeat of the NTP RF study revealed that the experiment may begin within a couple of months; at least that’s the current expectation. The project has been dubbed “NTP Lite” because it will be limited to male rats exposed to CDMA cell phone radiation. The same experiment will be run in each country. There were two presentations: one by Japan’s Katsumi Imaida of Kagawa University medical school and one by Korea’s Yeon-Soon Ahn of Yonsei University.

They reported that 28-day validation studies have been completed. The Japanese group found that rats exposed to 4 W/Kg consumed less food and put on less weight during the first half of the experiment, but later recovered during the second half. Rectal probes confirmed that body temperatures did not rise by more than 1ºC.

The protocols for the two-year exposure study are nearing completion, in consultation with the project’s seven-member international advisory committee, which includes Wiart and Wyde, as well as Michael Repacholi. The committee held its second meeting —on Zoom— last month.

WHO RF GLORE 2020

RF Systematic Reviews in Environment International

WHO’s Emilie van Deventer offered the following details on the ten systematic reviews on RF health, commissioned by the WHO last year:

• They will be published in a special issue of the Elsevier journal Environment International. The timing is not known, but no earlier than late 2022.

• There were on average three proposals for each of the topics under review, except for heating, which failed to attract any bids in the first round and received only two in the second. See tally on slide below; the x/y numbers in the applications column are those for which there were two rounds of requests for proposals.

• Human cancer studies was the most competitive review with nine proposals.

• van Deventer has appointed a chair, as yet unnamed, for the “Task Group” which will prepare a revision of the RF Environmental Health Criteria (EHC) monograph. The other panel members have not been selected.

WHO RF SYSTEMATIC REVIEWS GLORE 2020

van Deventer’s complete PowerPoint presentation is here. She did not respond to a request for comment.

 

lunedì 23 novembre 2020

Russia: confronto tra sistema regolatorio delle frequenze per il 5G tra Russia e Mondo

Documento importante prodotto dal Russian National and International Regulatory Framework for Radiofrequency Electromagnetic Fields 

... che è l'alternativa all ICNIRP ...


con autore il Prof GRIGORIEV ed altri.


..............................................................

 Lo scopo dello studio è quello di effettuare un'analisi comparativa degli standard dei campi elettromagnetici della gamma di radiofrequenza stabiliti per la popolazione, degli approcci alla definizione delle normative sui campi elettromagnetici adottate dai diversi paesi e dalle organizzazioni internazionali

Conclusioni. È stata rilevata una significativa discrepanza nei valori dei limiti dei campi elettromagnetici delle radiofrequenze adottati nei diversi paesi, nello status giuridico dei documenti normativi e nell'ambito della loro regolamentazione. Le differenze nella metodologia di sviluppo, adozione e approvazione delle norme sui campi elettromagnetici, così come nel loro status giuridico, non consentono di adottare le norme sui campi elettromagnetici concordate.













https://zniso.fcgie.ru/246--10-331-oktjabr-2020-god.html#tabs-5

domenica 22 novembre 2020

Armi a microonde usate dalle truppe cinesi sull Himalaya

 











La Cina "ha usato un'arma segreta a microonde per cuocere vivi i soldati indiani" e costringerli a ritirarsi nella battaglia di confine dell'Himalaya

Le armi elettromagnetiche sarebbero state usate sul conteso confine himalayano

Hanno sgomberato le truppe indiane senza violare il divieto di sparare, ha detto un professore

Le armi elettromagnetiche che cuociono il tessuto umano delle truppe nemiche "hanno trasformato le cime delle montagne in un forno a microonde" e hanno fatto vomitare i soldati indiani, ha detto l'esperto di studi internazionali Jin Canrong ai suoi studenti a Pechino.  

Le armi a microonde riscaldano le molecole d'acqua allo stesso modo dell'elettrodomestico da cucina, colpendo l'acqua sotto la pelle e causando sempre più dolore al bersaglio da distanze fino a 0,6 miglia.   


Stiamo parlando delle stesse frequenze (onde millimetriche) ? 






https://www.dailymail.co.uk/news/article-8957019/China-used-secret-microwave-pulse-weapon-Indian-soldiers.html

sabato 14 novembre 2020

5G penetrazione sotto pelle ridotta, ma pericolosa

Segnalo questo articolo scinetifico pubblicato dalla rivista della associazione di ingnegneri elettronici più grande del Mondo : la IEEE. 



S. Kim and I. Nasim, “Human Electromagnetic Field Exposure in 5G at 28 GHz,” in IEEE Consumer Electronics Magazine, vol. 9, no. 6, pp. 41-48, 1 Nov. 2020, doi: 10.1109/MCE.2019.2956223




"Il SAR è inversamente proporzionale alla profondità di penetrazione, e quindi una penetrazione più bassa che si verifica a 5G produce un assorbimento maggiore".


"L'esempio mostrato in Figura 4 presenta una misurazione del SAR introdotto sulla pelle umana alla distanza di 10 cm da un trasmettitore in un uplink. Esso mostra chiaramente uno scenario in cui la convinzione attuale non è valida; il fatto che un campo elettromagnetico ad alta frequenza non possa penetrare in profondità nella pelle umana non significa che non sia pericoloso. In particolare, sebbene la penetrazione sia limitata solo alla superficie della pelle, il SAR (illustrato come mappa termica nella Figura 4) può essere più alto all'interno dell'area concentrata, il che può causare problemi di salute successivi come il riscaldamento della pelle".


"In questo articolo, il primo caso studio ha dimostrato quanto l'esposizione ai campi elettromagnetici è causata in un sistema a 5G rispetto a 4G e 3.9G".


 .

mercoledì 11 novembre 2020

il Health Council Olandese conclude il suo rapporto raccomandando al governo un approccio cauto verso il 5G

 

Un comitato consultivo del Consiglio per la salute dei Paesi Bassi raccomanda un "approccio cauto" all'esposizione alle radiazioni 5G.



Il comitato consiglia inoltre di non utilizzare la banda di frequenza a 26 GHz (onde millimetriche) "fino a quando non sono stati studiati i potenziali rischi per la salute".


Il nuovo rapporto consultivo, 5G e salute, è stato originariamente pubblicato a settembre con un sommario esecutivo in inglese.

Qui c'è l'intero documento di 131 pagg e che riporta ben 807 riferimenti 

bibliografici https://www.healthcouncil.nl/binaries/healthcouncil/documents/advisory-reports/2020/09/02/5g-and-health/Background-document-to-the-advisory-report-5G-and-health.pdf 


fonte

https://microwavenews.com/short-takes-archive/health-council-netherlands-5g

5G: nel telefono cellulare si stanno inserendo dei 'radar' per captare se c'è vicino il corpo umano per cercare di ridurre gli effetti ?!

 


Leggendo un recente articolo su una rivista molto tecnica https://www.eetimes.com/5g-antennas-stay-out-of-the-way/#  che ha smontato iPhone12 per analizzare la presenza delle nuove aggiuntive antenne per il 5G e quindi simulare il loro impatto sulla testa, sulla mano sul corpo dell'utente ... 

pur nella complessità dell'articolo è per me ben lampante come è molto ben chiaro ai produttori che stanno mettendo in commercio una 'gran brutta bestia' attraverso il quale passa una grande energia finalizzata al beamforming sia nella stazione radiobase che nel singolo telefono.

Le loro conclusioni 

Essendo profondamente coinvolto in ogni aspetto del lancio del 5G, in particolare il design RF, Qualcomm continuerà a occuparsi del controllo della potenza RF per le antenne con assorbitori non intenzionali nelle vicinanze. Una rapida ricerca di brevetti ha rivelato un'applicazione pubblicata di recente intitolata "Radar for Detecting Human Body Part". Questa applicazione pubblicata di recente rivela l'approccio suggerito dallo smontaggio di SystemPlus: 

radar per rilevare la vicinanza a una parte del corpo umano per consentire all'apparecchiatura di determinare se è sicuro trasmettere un segnale RF.

domenica 8 novembre 2020

Lettera Aperta all' ONU High Commissioner on Human Rights

 Oggetto: ragioni per i crescenti movimenti in tutto il mondo contro il 5G; suggerimenti e soluzioni per modi più sicuri di integrare la tecnologia nelle nostre vite che proteggono maggiormente la salute, l'ambiente, la sicurezza e i diritti umani.



il  13 ottobre 2020, preoccupati per gli ostacoli al raggiungimento degli obiettivi dell'UE per il lancio del 5G, i ministri della tecnologia di quindici paesi hanno inviato una lettera in cui avvertivano i funzionari dell'UE di "aumentare l'attività nel movimento anti-5G."

72 organizzazioni dedite alla tutela della salute pubblica, hanno inviato una Lettera di Risposta, chiedendo

 1) l'eliminazione dei pregiudizi da parte degli organismi di regolamentazione; 

2) il supporto della scienza indipendente; 

e 3) consultazione pubblica completa su come integrare al meglio la tecnologia nel nostro livesso per massimizzare i benefici e ridurre al minimo i danni. 


La seguente Lettera Aperta alle Nazioni Unite-5G affronta le questioni fondamentali al centro della crescita di 5Gopposition e offre suggerimenti e soluzioni per modi migliori per integrare la tecnologia nel nostro mondo


https://stop5ginternational.org/wp-content/uploads/2020/11/Open-Letter-to-the-United-Nations-5G-November-6-2020-.pdf





martedì 3 novembre 2020

Nuovo aggiornato studio: l'uso cumulativo di telefono cellulare per più di 1000 ore aumenta il rischio di tumore

 


Recentissima pubblicazione sulla rivista International Journal of Environmental Research and Public Health  (vedi ) - rivista valutata in Q2 da parte di Scimago Journal & Country Rank,  autori: Coreani con la partecipazione di Joel Moskowitz - aggiorna una precedente metaanalisi di lavori epidemiologici sul tema della correlazione tra uso continuativo di cellulare ed insorgenza di tumori.

conclusioni

La Tabella 3 mostra una relazione esposizione-risposta tra l'uso del telefono cellulare e il rischio di tumore. Nella meta-analisi del sottogruppo in base al tempo dal primo utilizzo o dalla latenza, nel complesso il rischio di tumori dovuto all'uso del telefono cellulare è aumentato in modo non significativo da un OR di 0,97 a 1,29 con l'aumento della latenza o più ada meno di 5 anni a 10 anni. Questo risultato è stato osservato in ciascuna meta-analisi di sottogruppo per gruppo di ricerca. 

In particolare, è stato osservato un aumento del rischio di tumore statisticamente significativo per una latenza di 10 o più anni negli studi Hardell (OR, 1,62; 1,03-2,57; n = 5; I2 = 39,9%). Allo stesso modo, l'uso di telefoni cellulari ha aumentato in modo non significativo il rischio di tumori poiché l'uso cumulativo o per tutta la vita in anni e il numero cumulativo di chiamate sono aumentati in tutti gli studi e in ciascun gruppo di studio. 

Notevolmente, nella meta-analisi del sottogruppo di tutti gli studi in base al tempo di chiamata cumulativo, l'uso del telefono cellulare superiore a 1000 ore ha aumentato statisticamente significativamente il rischio di tumori (OR, 1,60; 1,12-2,30; n = 8; I2 = 74,5%). È interessante notare che l'uso di telefoni cellulari in generale e negli studi Hardell (OR, 3,65; da 1,69 a 7,85; n = 2, specialmente negli studi Hardell) non ha aumentato significativamente il rischio di tumori con un tempo di chiamata cumulativo di 300-1000 ore e più di 1000 ore, mentre ha diminuito il rischio di tumori nella maggior parte delle meta-analisi dei sottogruppi degli studi INTERPHONE.

lunedì 2 novembre 2020

Bermuda (isole inglesi nel Nord Atlantico): 5G bloccato ed avvio di una consultazione pubblica

 


Le Bermuda hanno interrotto la implementazione del  5G e avviato una consultazione sulla sicurezza dei limiti di esposizione umana, delle onde millimetriche e della tecnologia 5G della Federal Communications Commission


Il documento di consultazione dell'autorità di regolamentazione delle Bermuda riguarda le preoccupazioni generali sui presunti impatti sulla salute derivanti dall'uso delle radiazioni a radiofrequenza, l'adeguatezza dei limiti delle comunicazioni federali, l'uso dello spettro delle onde millimetriche e l'eventuale necessità di una restrizione sul numero di reti che può essere distribuito.


Le richieste di consultazione inviato  a tutte le parti interessate - rispondono a queste 5 domande:


1. Concorda che la Federal Communications Commission, che regola le comunicazioni interstatali e internazionali via radio, televisione, filo, satellite e cavo negli Stati Uniti, gli standard di esposizione RF1 sono appropriati per le Bermuda? In caso negativo, qual è un'alternativa adeguata e perché?


2. Accetti che tutte le antenne utilizzate dai fornitori  autorizzati debbano essere registrate presso la RA? In caso contrario, cosa succede se qualcosa dovrebbe essere registrato presso la RA, ad es. posizione, direzione (se applicabile) e livello di potenza?


3. Sei d'accordo che la moratoria stabilita dall'EGD (Autorità sulle telecomunicazione dello stato di Bermuda)  debba essere rimossa? In caso contrario, dovrebbe essere modificato e come dovrebbe essere modificato e perché?


4. Sei d'accordo sul fatto che dovrebbe essere implementata una rete di monitoraggio dell'intensità del campo di radiofrequenza in tempo reale e accessibile al pubblico e che una tariffa dedicata sia riscossa dai fornitori settoriali e dagli utenti finali che utilizzano lo spettro di radiofrequenza per coprire i costi di distribuzione e manutenzione continua?


5. Le reti mmWave e le tecnologie small-cell dovrebbero essere limitate o vietate alle Bermuda? In caso affermativo, perché e quali alternative dovrebbero essere utilizzate?


https://ehtrust.org/wp-content/uploads/2020-10-23-Radio-Frequency-Consultation-1.pdf



Bermuda has halted 5G and launched a consultation in the safety of Federal Communications Commission human exposure limits, millimeter waves and 5G technology 

The consultation document of the Regulatory Authority of Bermuda regards the general concerns about alleged health impacts from the use of radiofrequency radiation, the adequacy of Federal Communications limits, the use of millimeter wave spectrum and whether there should be a restriction on the number of networks that may be deployed.

The Consultation Requests answers to these 5 questions:

1.Do you agree that the Federal Communications Commission, which regulates interstate and international communications by radio, television, wire, satellite and cable within the United States, RF Exposure standardsare appropriate for Bermuda? If not, what is a suitable alternative and why?

2. Do you agree that all antennae used by licensed sectoral providers should be registered with the RA? If not, what if anything should be registered with the RA e.g. location, direction (if applicable) and power level?

3. Do you agree that the Moratorium established by the EGD should be removed? If not, should it be modified and how should it be modified and why?

4. Do you agree that a real-time, publicly accessible Radiofrequency field intensity monitoring network should be deployed and a dedicated fee be levied on relevant sectoral providers and end-users that use Radiofrequency spectrum to cover the cost of the deployment and ongoing maintenance?

5. Should mmWave networks and small-cell technologies be restricted or prohibited in Bermuda? If so, why and what alternatives should be used?