Syndication

domenica 29 dicembre 2019

Agenzia FCC delle Telecomunicazioni USA favorisce il lancio dei satelliti per il 5G


SpaceX reveals stunning image of Falcon 9 launching JCSAT-18/Kacific1 to geostationary transfer orbit. The Falcon 9 will be used in 2020 for launching Starlink satellites into lower orbit.  ( SpaceX via Twitter )









La Federal Communications Commission (FCC) dovrebbe proteggere il pubblico regolando l'industria delle telecomunicazioni.

Quindi anche se

Gli astronomi continuano a avvertire che i satelliti interferiranno con la loro capacità di studiare lo spazio   e
Gli scienziati continuano ad avvertire sull'aumento della quantità di spazzatura spaziale che causa eventi catastrofici  e
Altri scienziati avvertono che esistono gravi rischi biologici e ambientali associati al fatto che il segnale wireless e il 5G vengono fatti arrivare sulla Terra dallo spazio e che il carburante per missili è altamente inquinante


questa "Agenzia federale" continua ad approvare più satelliti.
Perché?
Perché sono convinti che per gli esseri umani che hanno accesso a Internet ad alta velocità sia  più importante rispetto ai danni e pericoli noti.

vedi

https://www.techtimes.com/articles/246648/20191226/spacex-to-adjust-starlink-orbit-plans-for-faster-deployment.htm


mercoledì 25 dicembre 2019

tre recenti lavori su una notissima rivista medica USA riportano studi su relazione tra uso dei media e capacità cognitive

Nella importante rivista scientifica americana
che raccoglie lavori da tutto il mondo . Journal of  American  Medical Association, per la sezione di PEDIATRIA sono stati pubblicati, nell'ultimo periodo :


-  In un lavoro scientifico Sono state trovate associazioni variabili tra il tempo passato con i social media, la televisione          e la depressione, che sembravano essere spiegate più dal confronto sociale verso l'alto e dal rafforzamento delle ipotesi spirali che dall'ipotesi di spostamento: sono paradigmi già utilizzati da vri ricercatori. Coinvolti 3826 adolescenti.

  segui questo link

- In altro lavoro scientifico si è studiato lo sviluppo della prima infanzia in 2441 madri e bambini,  il livello più elevati di tempo di visione di video  nei bambini di età compresa tra 24 e 36 mesi sono stati associati a scarse prestazioni sul raggiungimento da parte dei bambini di traguardi di sviluppo a 36 e 60 mesi, rispettivamente.             I risultati di questo studio supportano l'associazione direzionale tra tempo dello schermo e sviluppo del bambino. Le raccomandazioni includono l'incoraggiamento una programmazione nello uso dei media familiari, nonché la gestione del tempo di visualizzazione, per compensare le potenziali conseguenze di un uso eccessivo.

segui questo link   


- In questo studio trasversale su 47 bambini in età prescolare sani, l'uso dello schermo maggiore di quello raccomandato dalle linee guida dell'American Academy of Pediatrics è stato associato a
(1) misure inferiori di organizzazione microstrutturale e mielinizzazione di tratti di sostanza bianca del cervello che supportano il linguaggio e le abilità emergenti di alfabetizzazione e
(2) corrispondenti valutazioni cognitive.

segui questo link

domenica 22 dicembre 2019

La celeberrima rivista americana READERS' DIGEST riporta un amplio articolo su telefoni cellulari e cancro

Articolo amplio e strutturato anche se 'politico' nelle conclusioni e ... reticente.

Ron Melnick, PhD, capo progettista dello studio e tossicologo senior in pensione presso il National Institute of Environmental Health Sciences.  : la radiazione 5G a frequenza molto più alta non penetra negli organi interni come fa l'attuale radiazione del telefono cellulare.

 "Tuttavia, non esistono studi adeguati sugli effetti sulla salute del 5G, quindi è difficile operare con credibilità sulla sicurezza delle radiazioni del 5G." In particolare, non ci sono informazioni sul fatto che l'esposizione al 5G causi lesioni agli occhi o aumenti la suscettibilità di tumori della pelle.

"Non esiste plausibilità biologica", afferma Norman J. Kleiman, PhD, assistente professore di scienze della salute ambientale presso il Columbia University Medical Center e direttore, programma di laurea in Scienze radiologiche e tossicologia a New York City. "Se le radiazioni stanno causando danni al DNA, abbiamo bisogno di un meccanismo attraverso il quale si comprenda ciò sta accadendo e non ne abbiamo uno". Il nuovo studio è "ben fatto e aveva un numero ragionevole di animali, ma stiamo ancora grattando la testa sul perché di quei risultati. Non lo sappiamo. "
"Sono scettico nei confronti dei risultati, ma non posso escludere al 100% la possibilità che vi siano effetti", afferma. "Stiamo aspettando lo studio definitivo."


In attesa di ... studi definitivi e pronunciamenti di WHO, l'articolo dà consigli su come minimizzare l'esposizione ai telefoni cellulari!



https://www.rd.com/advice/cell-phone-radiation-damage/?fbclid=IwAR0wJTd8CpvE6JCmpkTq-XDpdkF31MYdLo9u3rMr6b39S6ZkbADJVyiVnAM


Lloyd Morgan ha commentato questo articolo in modo alquanto critico, ed ha aggiunto una breve nota di sintesi di tutti gli studi epidemiologici ad oggi pubblicati: 
https://www.dropbox.com/s/hxknwkxos6ms3sd/Peer%20Review%20Science%20on%20Risk%20of%20Cancers%20from%20Cellphone%20Use%2010-20-19.docx?dl=0





sabato 21 dicembre 2019

Test taroccati dell'FCC sui telefoni ?

Vi riporto un articolo di un giornalista investigativo del Chicago Tribune sulla rispondenza del SAR di alcuni telefoni cellulari.

Questo giornale ha comprato in negozio una decina di telefoni e li ha fatti testare da un laboratorio californiano che è riconosciuto dall'ente federale FCC a distanza di 5-10 mm e di 2 mm.

I risultati ottenuti seguendo le procedure deliberate da FCC sono stati disastrosi.

Da un confronto tecnico con FCC (ed alcuni dei produttori) viene fuori che i test effetutati da laboratorio di FCC sono stati fatti utilizzando dei telefoni avuti direttamente dai produttori ed utilizzando un software (non disponibile al pubblico) ad hoc!



Quali conclusioni ?

C'è già aperto una azione lagale contro FCC: vedremo cosa porterà.

_________________________________________________________________________


FCC says tests find cellphones comply with federal limits on radiofrequency radiation

By Joe Mahr, Chicago Tribune, Dec 20, 2019

Responding to a Tribune investigation that found some popular cellphone models measured above federal limits for radiofrequency radiation, the Federal Communications Commission said this week that its own testing found all eight models it evaluated were in compliance.

Responding to a Tribune investigation that found some popular cellphone models measured above federal limits for radiofrequency radiation, the Federal Communications Commission said this week that its own testing found all eight models it evaluated were in compliance.
The testing commissioned by the Tribune, conducted according to federal guidelines at an accredited laboratory in California, examined 11 cellphone models from four manufacturers. The phones were purchased new. Among other findings, the Tribune reported that all four Apple iPhone 7s tested yielded results exceeding the federal limit.
At the time, Apple disputed the results and said the lab used by the newspaper did not test the phones the same way it does.
For the FCC’s tests, Apple provided the agency with two iPhone models that the Tribune tested, according to the FCC’s report. The agency also said it collected from manufacturers “any necessary test software, RF cables, and other accessories required for testing the devices." Such software was unavailable to the Tribune’s lab when testing Apple phones.
The agency’s test of an iPhone 7 yielded a result roughly 40% below the federal limit for radiofrequency radiation.
The Tribune also had reported that an iPhone X, an iPhone 8 and a Moto e5 Play from Motorola measured above the limit under certain testing conditions.
In the FCC testing, results for the e5 Play and the iPhone X were under the limit, as were those for the iPhone XS, Galaxy S9, Galaxy J3, Moto g6 Play and Vivo 5 Mini. In all, the FCC tested 11 cellphones representing eight models. The FCC did not test an iPhone 8.
The FCC’s report concluded there was no evidence of “violations of any FCC rules” for the safety limit. “The FCC’s tests confirm that all tested sample devices comply with the FCC’s strict RF exposure guidelines,” Julie Knapp, chief of the FCC Office of Engineering and Technology, said in a quote provided by the agency.
Two longtime critics of the FCC’s regulation of cellphones said they were not won over by the agency’s results. They criticized the FCC for relying on manufacturers to supply most of the phones tested and the testing software.
Photo caption: Cellphones are charged and prepped for testing at the RF Exposure Lab in San Marcos, California, in October 2018. (Brian Cassella / Chicago Tribune)
Joel Moskowitz, a cellphone expert at the University of California at Berkeley, said the FCC should have a process in place to test phones off the shelf without needing manufacturers to provide anything for the testing.
If only labs working with manufacturers can test devices, he said, “then there is a serious problem with the FCC testing protocol.”
Epidemiologist Devra Davis, who founded the group Environmental Health Trust, said the FCC’s process seemed designed to pass phones that failed the Tribune’s tests.
A spokesman for the FCC said using the companies’ software was necessary to achieve accurate results. Manufacturers, he said, can request confidentiality for their devices’ technical details to protect trade secrets. The tests were conducted independently by FCC Lab engineers, he added.
Knapp’s quote states: “FCC engineers had significant questions as to whether the tests (for the Tribune) were performed properly and consistent with FCC guidance and we expressed these concerns directly to the Chicago Tribune. Because we take seriously any claims of non-compliance with RF exposure standards, the FCC tested the same device models at our labs.”
Apple declined comment this week beyond what it has previously told the Tribune. Motorola did not respond to emails but has said its phones comply with federal standards. The company previously speculated that the Tribune’s initial testing did not trigger the e5 Play’s proximity sensors. Such sensors are designed to reduce a phone’s power when it is touching or extremely close to a person, decreasing radiofrequency radiation. Samsung did not respond to an email from the Tribune.
The Tribune’s tests were conducted by RF Exposure Lab in San Marcos, California, which for 15 years has performed radiofrequency radiation testing of new electronic devices for wireless companies. The lab is recognized by the FCC as accredited to test for radiofrequency radiation from electronic devices.
Lab owner Jay Moulton said all the Tribune’s tests were done in accordance with detailed FCC rules and guidelines. He filed a 100-page report that the Tribune shared with the government and manufacturers.
After reviewing the nine-page FCC report, Moulton questioned why the agency didn’t buy all phones off the shelf, saying it gives manufacturers the opportunity to pretest phones to ensure they would pass an FCC test. He also questioned why the FCC would need special software supplied by manufacturers to complete testing.
The sensors that reduce a phone’s power when it is near a human body should be tripped during testing without needing additional software from manufacturers, he said. “I do testing for laptops that have sensors in there, and I don’t have any special software,” Moulton said.
Moulton said that after the Tribune’s story was published, he was paid to conduct similar testing by attorneys representing plaintiffs in a class-action suit against Apple and Samsung. The suit alleges that the phone makers “intentionally misrepresented" the safety of their devices. Moulton said he is not being paid to act as an expert witness for those lawyers.
In a Dec. 5 filing, the plaintiffs’ lawyers said Moulton’s lab tested an iPhone 7+, an iPhone 8 and an iPhone XR as well as the Samsung Galaxy S8, Galaxy S9 and Galaxy S10. According to the filing, Apple phones tested above the federal limit, with the highest reading coming from an iPhone 7+, at more than twice the limit.
Neither Apple nor Samsung has filed a response in court.
Debate about the safety of cellphones has raged for years. High levels of radiofrequency radiation can heat biological tissue and cause harm, but it is less understood whether people, especially children, are at risk for health effects from exposure to low levels over many years of cellphone use.
Authorities in the 1990s set the federal exposure limit based solely on the heating risks of cellphone radiation, building in a 50-fold safety factor. But some researchers — and lawyers — have questioned whether the limit is safe enough. Those questions have spawned a long-running lawsuit against phone makers, carriers and trade groups over cancer risks.
The Tribune’s testing had two phases. One tested phones at the same distance from the body as manufacturers chose for their own premarket testing: from 5 to 15 mm away, depending on the model. This phase included retests of several models after manufacturers gave feedback on the test results.
The second phase tested phones at 2 mm from the body, to represent the phone being carried in a pocket.
The FCC’s recent study did not test phones at the 2 mm distance. In the Tribune testing, only one of the cellphone models met the federal safety standard at that distance.

lunedì 16 dicembre 2019

Risposta australiana alle proteste per il 5G: campagna informativa e pubblicitaria a spese del governo !

Doveva succedere ...

 dopo tutte quelle proteste della comunità civile anti-5G, dopo i commenti di vari gruppi industriali alla recente indagine del governo 5G sulle preoccupazioni del settore riguardo alle interferenze con il lancio della tecnologia 5G, il governo ha preso atto delle preoccupazioni.

Soluzione:
una  campagna di disinformazione da 9 milioni di dollari che saranno investiti dal governo Morrison  per convincere il pubblico australiano che il 5G è sicuro dopo tutto - quindi possono "sentirsi potenziati" e prendere possesso della tecnologia e essere felici  per tutte le meraviglie che il 5G promette.

È stato stimato il 5G e l'Internet of Things (IoT) associato e i veicoli autonomi rappresentano una manna di $ 17 trilioni di dollari per le varie industrie che spingono per il 5G. Non importa le preoccupazioni su enormi incertezze e possibili pericoli, come espresse da Dariusz Leszczynski e molti altri, è davvero solo questione di soldi e inferno con la salute pubica.

https://www.emfacts.com/2019/12/the-australian-governments-9-million-5g-disinformation-spin-campaign-begins/


Il Consiglio Comunale ha deciso di sospendere il 5G a Kalamata (Grecia)









vedere
https://translate.google.it/translate?hl=it&tab=wT1&sl=el&tl=it&u=https%3A%2F%2Fwww.tharrosnews.gr%2Fnews%2Fcontent%2F%CE%B4%CE%B9%CE%B1%CE%BA%CE%BF%CF%80%CE%AE-%CF%84%CE%BF%CF%85-5g-%CF%83%CF%84%CE%B7%CE%BD-%CE%BA%CE%B1%CE%BB%CE%B1%CE%BC%CE%AC%CF%84%CE%B1-%CE%B1%CF%80%CE%BF%CF%86%CE%AC%CF%83%CE%B9%CF%83%CE%B5-%CF%84%CE%BF-%CE%B4%CE%B7%CE%BC%CE%BF%CF%84%CE%B9%CE%BA%CF%8C-%CF%83%CF%85%CE%BC%CE%B2%CE%BF%CF%8D%CE%BB%CE%B9%CE%BF%3Ffbclid%3DIwAR1kTcpg0Ce-YxM0zTRdNd6_8IHGPMFVYORtkB_nMMOespYF5tFNuyaRyXI


martedì 10 dicembre 2019

La Corte Suprema USA ha rigettato l'ultima manovra della CTIA contro la etichettatura dei cellulari voluta dalla città di Berkeley

Una grande vittoria per i diritti dei consumatori e la salute pubblica, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha oggi respinto un ultima opposizione presentata dalla CTIA - The Wireless Association contro la legge sul diritto di conoscere la legge per l'uso del cellulare della città di Berkeley che il Consiglio della città di Berkeley ha adottato all'unanimità nel 2015.



Pertanto, la sentenza della Corte d'appello del Nono Circuito che conferma che la legge è costituzionale consente alla città di continuare ad applicare la legge che impone ai rivenditori di telefoni cellulari di comunicare ai potenziali clienti le linee guida di sicurezza dei produttori di telefoni cellulari per garantire la sicurezza dei consumatori.

Qui la cronistoria bit.ly/berkeleycellordinance 


domenica 8 dicembre 2019

la class action americana contro Apple e Samsung va avanti










Il laboratorio accreditato da FCC  (ente federale americano per la telefonia e comunicazioni) ha testato sei diversi modelli di smartphone nuovi di zecca a varie distanze, che vanno da zero a 10 millimetri per misurare la quantità di radiazione RF rilasciata quando si tocca o in prossimità del corpo.
Quando testato a due millimetri, l'iPhone 8 e il Samsung Galaxy S8 erano più del doppio del limite di esposizione federale. A zero millimetri, l'iPhone 8 era cinque volte superiore al limite di esposizione federale e il Samsung Galaxy S8 era più di tre volte il limite di esposizione federale.

Presentata giovedì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel distretto settentrionale della California, divisione di San Francisco, la causa cerca di rappresentare i possessori di smartphone Apple e Samsung. La causa chiede al tribunale di ordinare agli imputati di pagare per controlli medici e danni  subiti


vedere articolo
https://www.activistpost.com/2019/12/smartphone-class-action-lawsuits-consolidated-fcc-accredited-lab-confirms-models-exceed-rf-safety-levels-up-to-500.html?utm_source=Activist+Post+Subscribers&utm_medium=email&utm_campaign=4a692c2a5c-RSS_EMAIL_CAMPAIGN&utm_term=0_b0c7fb76bd-4a692c2a5c-388337783


domenica 1 dicembre 2019

LLoyd's Insurance interviene ancora sulla loro non disponibilità ad assicurare i produttori di telefonini


La scorsa settimana, un paio di blog hanno notato che una recente polizza di rinnovo dell'assicurazione di responsabilità commerciale emessa da un sottoscrittore di Lloyd's di Londra conteneva una clausola di esclusione di responsabilità relativa ai campi elettromagnetici.



La clausola esclude qualsiasi indennizzo per i reclami:

"Direttamente o indirettamente derivante da, derivante o contribuito da campi elettromagnetici, radiazione elettromagnetica, elettromagnetismo, onde radio o rumore".

È importante che le "onde radio" siano esplicitamente incluse in quanto, in particolare la zona a microonde, sono ciò che abilita i dispositivi di comunicazione wireless come telefoni cellulari, wi-fi, telefoni cordless ecc.

Dopo che il contraente ha presentato una richiesta di chiarimenti  l'agente britannico per i Lloyd's, ha inviato quanto segue:

“L'esclusione dei campi elettromagnetici (esclusione 32) è un'esclusione assicurativa generale e viene applicata in tutto il mercato come standard. Lo scopo dell'esclusione è quello di escludere la copertura per le malattie causate dall'esposizione continua a radiazioni non ionizzanti a lungo termine, vale a dire attraverso l'uso del telefono cellulare. "






https://smombiegate.org/lloyds-of-london-insurance-wont-discuss-their-new-emf-exclusion-clause/

martedì 26 novembre 2019

Il Comune di Sydney (Australia) chiede una moratoria: no alla distruzione delle piante!



In netto contrasto con le osservazioni ACEBR (the Australian Centre for Electromagnetic Bioeffects Research) / Vodafone / Telstra,              la città di Sydney ha espresso preoccupazioni molto valide sull'introduzione del 5G in città.

...

Sappiamo, ad esempio, che lo spettro radio con onde millimetriche 5G è influenzato da alberi e altre risorse fisiche e che aggiunge un motivo critico su chi decide sulle altezze e posizioni delle cellule. Non vogliamo sacrificare gli alberi a favore delle prestazioni della rete. Allo stesso modo, dobbiamo considerare gli impatti estetici e fisici di una grande  infrastruttura fisica. 
Dobbiamo essere parte attiva nel processo decisionale all'interno della nostra città.


Nel link qui sott sono riportati casi in Nuova Zelanda sul 'problema' del fogliame ... anche dei vicini che può ridurre le performance della trasmissione 5G ...

https://www.emfacts.com/2019/11/city-of-sydneys-submission-to-the-governments-5g-inquiry-sacrifice-trees-for-network-performance-and-overwhelming-numbers-of-small-cells/

sabato 16 novembre 2019

Scientific American lancia allarme sul 5G

La celeberrima rivista scientifica americana che dal 1845 esce mensilmente e con tiratura a livello globale è intervenuta sul 5G

NON ABBIAMO NESSUNA RAGIONE PER CREDERE CHE IL 5G SIA INNOCUO.



https://blogs.scientificamerican.com/observations/we-have-no-reason-to-believe-5g-is-safe/


l'articolo è del ben noto  Joel M. Moskowitz


______________________________________________________________

Successivamente è stato pubblicato sulal rivista un articolo
https://blogs.scientificamerican.com/observations/dont-fall-prey-to-scaremongering-about-5g/

da parte di David Robert Grimes   ricercatore su Cancro

In risposta di questo articolo ovviamente negazionista  è stata inviata alla rivista da parte di IEMFA su replica molto dettagliata

https://www.iemfa.org/wp-content/pdf/2019-11-IEMFA-Letter-to-Scientific-American-Misconception-of-5G.pdf

che non risulta ancora pubblicata .


venerdì 15 novembre 2019

Senato USA chiede risultati del sistema di controllo delle telefonate degli americani del NSA




https://www.activistpost.com/2019/11/nsa-official-refuses-to-reveal-the-success-or-failure-of-phone-surveillance.html?utm_source=Activist+Post+Subscribers&utm_medium=email&utm_campaign=ff5dddb3b1-RSS_EMAIL_CAMPAIGN&utm_term=0_b0c7fb76bd-ff5dddb3b1-388337783


Si parla del Call Detail Records (CDR) of Americans  

Il programma di registrazione dei dettagli delle chiamate ha raccolto informazioni su messaggi di testo e chiamate nazionali in entrata e in uscita per aiutare il governo nelle indagini sul terrorismo.

I sostenitori delle libertà civili stanno premendo sul Congresso per chiuderlo, sostenendo che i problemi di privacy superano qualsiasi beneficio per la sicurezza nazionale.


giovedì 14 novembre 2019

Israele: stop all'uso degli smartphone a scuola

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE ISRAELIANA, OGGI HA DICHIARATO CHE VIETERÀ L'UTILIZZO DI CELLULARI E SMARTPHONE, DURANTE LE ATTIVITA' SCOLASTICHE.


Secondo il rabbino Peretz, l'uso degli smartphone nelle scuole primarie non sarà più consentito.
Questo sarà documentato in un promemoria formale (obbligatorio).

L'apprendimento digitale verrà effettuato utilizzando computer, non smartphone.

Questa mossa sarà fatta a causa di dipendenza sociale, cognitiva, esposizione a costante che è inappropriata

Il ministero dell'Educazione svilupperà e pubblicherà un programma formale che includerà diversi passaggi e strumenti. Nuove strutture per parchi giochi saranno installate nelle scuole. Programmi di orientamento sull'uso corretto della tecnologia saranno condotti nelle lezioni. Saranno accolte le iniziative dei genitori per l'acquisto di telefoni semplici in alternativa a smartphone.

Il ministero dell'educazione ha organizzato un pool di genitori che ha dimostrato che la maggior parte dei genitori accoglie questo programma.



Dobbiamo ancora aspettare e vedere come, se e quando tutto ciò diventerà realtà   ...




https://norad4u.blogspot.com/2019/09/breaking-news-from-israel-education.html

Article and Video in Hebrew - https://www.mako.co.il/news-israel/newsevent/Article-c6383fd24900d61027.htm


giovedì 31 ottobre 2019

Summit internazionale per lanciare l'allarme per i danni delle previsioni meteo a causa del 5G




Questa settimana, in Egitto, inizieranno trattative accese che potrebbero decidere il futuro del 5G e le previsioni meteorologiche. Si prevede che oltre 3.000 delegati, provenienti da quasi tutti i paesi del mondo, risolveranno una guerra in corso sulle bande di radiofrequenze  utilizzate dai meteorologi e ambite dalle compagnie di telefonia mobile. Sta succedendo tutto alla Conferenza mondiale delle radiocomunicazioni a Sharm el-Sheikh, in Egitto, dove verranno decise le linee guida sulle frequenze contestate.

Scienziati di spicco hanno già suonato il campanello d'allarme al debutto delle reti wireless 5G, che promettono ai clienti una maggiore velocità di internet.
La preoccupazione è che l'implementazione potrebbe inavvertitamente danneggiare le previsioni meteorologiche, dicono, perché le reti 5G utilizzeranno una banda di frequenza molto vicina a quella utilizzata dai satelliti per osservare il vapore acqueo. Tale interferenza potrebbe costare vite e danni economici quando si tratta di prepararsi a eventi meteorologici disastrosi


Le generazioni precedenti di tecnologia wireless cellulare, come 4G e LTE, operano su frequenze radio inferiori.  Per raggiungere le velocità superveloci, il 5G dovrà essere in grado di funzionare a frequenze superiori a quelle esistenti 4G e LTE. Una di quelle bande di frequenza è appena sopra i 24 GHz. Ma poco meno di 24 GHz è la frequenza con cui le molecole di vapore acqueo emettono un po 'di segnale radio, e questo è ciò che la rende così preziosa per gli scienziati . Sono preoccupati che il 5G potrebbe essere un vicino rumoroso, che perde involontariamente segnali nelle bande della porta accanto, che potrebbe interferire con la loro capacità di monitorare il vapore acqueo. Lo studio del vapore acqueo è importante per prevedere la traiettoria delle tempeste, prevedere il tempo soleggiato o la pioggia e tenere d'occhio il cambiamento climatico.





https://www.theverge.com/2019/10/28/20936197/5g-world-radiocommunication-conference-weather-forecasting-egypt

sabato 26 ottobre 2019

IoT e 5G: validi se si vuole vivere nel ... pericolo !

https://www.activistpost.com/2019/09/same-sht-different-day-internet-of-things-warnings-from-security-experts-include-hacking-death-etc.html


Che lo sappiano in anticipo o meno, le persone che installano la tecnologia Internet delle cose (IoT) nelle loro case scelgono di vivere pericolosamente


Sfortunatamente, l'installazione diffusa della tecnologia 5G e IoT su mandato del governo ci costringe a vivere pericolosamente.

Gli esperti di sicurezza mettono in guardia sull'IoT da molti anni.
Ha un tasso di fallimento del 74%. Cercare di risolvere questo problema sembra impossibile.

La razza umana è riuscita a esistere fino a questo punto senza l'IoT, il che ci riporta al tema degli avvertimenti degli esperti e della vita pericolosa.



  • Microsoft afferma che il 30% dei progetti IoT fallisce nella fase Proof-of-Concept. Gli esperti di sicurezza avvertono la vulnerabilità dell'IoT e il tasso di fallimento del 74% può causare eventi catastrofici.
  • Gli scienziati del MIT sono entusiasti delle (ahimé dannose)  applicazioni wireless 5G e 6G, pericolose applicazioni AI e IoT come anche del loro laser che trasmette in remoto l'audio alle orecchie delle persone ...


mercoledì 23 ottobre 2019

il 5G non è sicuro: ne parla anche la celeberrima rivista Scientific American





Ci sono innumerevoli esempi di quando "legale" non significa "sicuro".
Il 5G è uno di questi.
Il settore delle telecomunicazioni non sa nemmeno con certezza che il 5G è sicuro. A febbraio, i dirigenti delle imprese di telecomunicazioni USA  hanno reso testimonianza al Congresso degli Stati Uniti affermando di NON avere EVENDENZE SCIENTIFICHE.
Tuttavia, è legale ed economico farlo - sulla Terra e nello spazio - nonostante i crescenti avvertimenti sui rischi biologici e ambientali e che ci siano già livelli pericolosi di spazzatura spaziale 

Grazie a Scientific American per aver pubblicato un'opinione del Dr. Joel Moskowitz, "Non abbiamo motivo di credere che il 5G sia sicuro".

We Have No Reason to Believe 5G Is Safe

The technology is coming, but contrary to what some people say, there could be health risks

martedì 22 ottobre 2019

Meccanismo d'azione per il cancro da EMF: NTP in pista ! Chiara evidenza di danni del DNA per effetto delle RF



22.10.2019

Il National Toxicology Program (NTP) degli Stati Uniti inizierà presto una nuova fase del suo progetto RF di lunga durata. L'anno scorso, l'NTP ha concluso che le radiazioni RF causano il cancro; ora inizierà una ricerca sistematica di meccanismi per spiegare come e perché si sono sviluppati i tumori. I lavori dovrebbero iniziare entro la fine dell'anno.

Il piano di ricerca è di ampio respiro. Comprende studi sull'espressione genica, stress ossidativo e il danno e la riparazione del DNA, nonché il possibile ruolo svolto dal calore. Altre priorità nell'agenda NTP sono gli studi sul comportamento e lo stress.

Siamo "ottimisti" di poter rilevare i cambiamenti nell'espressione genica e identificare i biomarcatori degli effetti RF, ha dichiarato Michael Wyde di NTP a Microwave News. Wyde sta guidando il nuovo progetto. Continuerà a lavorare con John Bucher, ex direttore associato della NTP, che ha condotto uno studio sugli animali da 30 milioni di dollari, che ha mostrato "prove chiare" che le radiazioni RF possono portare a tumori maligni nei ratti maschi.

L'NTP ha già riferito   (https://microwavenews.com/news-center/ntp-comet-assay) di aver trovato più rotture di DNA - come rilevato con il test della cometa - tra gli animali esposti alla RF, incluso nel cervello in cui i ratti hanno successivamente sviluppato tumori. Tali risultati, presentati in una conferenza due anni fa, sono stati presentati per la pubblicazione. Il documento è attualmente in fase di revisione tra pari, secondo Sheena Scruggs nell'Ufficio delle comunicazioni e delle informazioni pubbliche del NIEHS. (NTP e NIEHS sono strettamente connessi.)

In che modo le radiazioni RF causano rotture del DNA?

Il fatto che l'NTP abbia documentato il danno al DNA "aumenta la credibilità delle scoperte sugli animali", ha affermato Ron Melnick. "È molto utile." Melnick ha guidato il team che ha progettato lo studio NTP; in pensione dal 2009.

Manca ancora, tuttavia, di comprendere il meccanismo in cui le radiazioni RF causano danni al DNA. "Le stesse rotture non ti dicono nulla sul meccanismo al lavoro", ha spiegato Henry Lai in una recente intervista. Venticinque anni fa, Lai e N.P. Singh sono stati il primi a dimostrare che le radiazioni RF possono indurre rotture del DNA, come è accaduto, nel cervello dei ratti.

È generalmente accettato che la radiazione RF non è di per sé abbastanza potente da rompere i legami chimici e quindi incapace di separare direttamente il DNA. All'inizio, Lai e Singh hanno offerto due possibili meccanismi: stress ossidativo e riparazione del DNA compromessa. Lo stress ossidativo è una scorciatoia per la sequenza di eventi che segue un aumento del numero di radicali liberi, molecole biologicamente attive che possono danneggiare il DNA. In alternativa, la radiazione RF può ostacolare la capacità della cellula di riparare le rotture del DNA, che si verificano in modo naturale e non di rado.

Nel 1997, due anni dopo il loro articolo originale, Lai e Singh hanno ottenuto conferme che implicano stress ossidativo. Quando hanno trattato i ratti con melatonina, un ormone naturale che neutralizza i radicali liberi, prima dell'esposizione alla RF non si sono verificate più rotture del DNA. Se le radiazioni potessero effettivamente generare radicali liberi, hanno sottolineato, i rischi andrebbero oltre il cancro includendo l'invecchiamento precoce, nonché l'Alzheimer, la SLA e altre malattie neurologiche.

"Se dovessi progettare il lavoro, esaminerei il legame tra stress ossidativo e danni al DNA", ha detto Melnick. "È fattibile."

Una recente recensione (https://www.tandfonline.com/doi/full/10.3109/15368378.2015.1043557?scroll=top&needAccess=true)  di circa 100 articoli ha scoperto che oltre il 90 percento "ha confermato che le radiazioni RF [di basso livello] inducono effetti ossidativi nei sistemi biologici". È stato pubblicato su Electromagnetic Biology and Medicine,  nel 2016.

Wyde di NTP ha affermato che un primo importante passo sarà "replicare i test delle comete" per confermare che le radiazioni RF danneggiano il DNA. Ha citato alcune incertezze interpretative dovute all'ampia variazione dell'entità delle rotture osservate negli esperimenti NTP originali e al piccolo numero di animali utilizzati. Se le interruzioni venissero replicate, Wyde prevede di eseguire ulteriori "test più specifici e robusti" per valutare il danno al DNA e riparare gli enzimi.

Nuove camere di esposizione più piccole

Per questa nuova fase del progetto RF, l'NTP si è nuovamente rivolto alla Fondazione IT IS di Zurigo per progettare e costruire nuove camere di riverbero, che sono più compatte e meno costose delle unità costruite per lo studio originale. Come prima, queste unità più piccole consentiranno anche agli animali di muoversi liberamente mentre sono esposti a radiazioni a 900 MHz o 1800 MHz. Ognuno può ospitare fino a dieci animali.

 

21.10.2019
pubblicazione del seg. lavoro dei ricercatori di NTP    https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/em.22343


I risultati del test della cometa hanno mostrato aumenti significativi del danno al DNA nella corteccia frontale di topi maschi (entrambe le modulazioni), leucociti di topi femmine (solo CDMA) e ippocampo di ratti maschi (solo CDMA). Sono stati osservati aumenti del danno al DNA giudicati equivoci in molti altri tessuti di ratti e topi. Non sono stati osservati aumenti significativi dei globuli rossi micronucleati nei ratti o nei topi. In conclusione, questi risultati suggeriscono che l'esposizione a RFR è associata ad un aumento del danno al DNA.

lunedì 14 ottobre 2019

una raccolta organica di documentazione scientifica su un file excel ...

Un contributo di Evelyn Savarin | Cellular Phone Task Force    molto utile.

Un file excel con oltre 1100 lavori più importanti (in quanto a sua volta citati da altri lavori scientifici) a disposizione di tutti

https://onedrive.live.com/view.aspx?resid=1B7E08193853732!199&ithint=file%2cxlsx&authkey=!ANqUqfympZAWv4o



mercoledì 9 ottobre 2019

WHO vuole aggiornare la sua monografia sugli effetti delle radiofrequenze sulla salute umana

Come ben spiegato in  https://www.who.int/peh-emf/research/rf_ehc_page/en/

la monografia sulle radiofrequenze è addirittura del 1993 !  quindi con le conoscenze dell'epoca e quando la telefonia cellulare era basata sul 'molto meno dannoso'  GSM ...

Sono chiamati tutti quelli che hanno competenze tecnico scientifiche a portare il proprio contributo.

E' una opportunità che non va assolutamente persa. 


The World Health Organization’s (WHO) Radiation Programme has an ongoing project to assess potential health effects of exposure to radiofrequency (RF) electromagnetic fields in the general and working population. To prioritize potential adverse health outcomes, WHO conducted a broad international survey in 2018. Ten major topics were identified for which WHO will now commission systematic reviews to analyze and synthesize the available evidence.

Through this Call, WHO invites eligible teams to indicate their interest in undertaking a systematic review on one (or more) of the following topics:
                     SR1 – Effect of exposure to RF on cancer (human observational studies)
                     SR2 – Effect of exposure to RF on cancer (animal studies)
                     SR3 – Effect of exposure to RF on adverse reproductive outcomes (human observational studies)
                     SR4 – Effect of exposure to RF on adverse reproductive outcomes (animal and in vitro studies)
                     SR5 – Effect of exposure to RF on cognitive impairment (human observational studies)
                     SR6 – Effect of exposure to RF on cognitive impairment (human experimental studies)
                     SR7 – Effect of exposure to RF on symptoms (human observational studies)
                     SR8 – Effect of exposure to RF on symptoms (human experimental studies)
                     SR9 – Effect of exposure to RF on biomarkers of oxidative stress
                     SR10 – Effect of exposure to heat from any source and pain, burns, cataract and heat-related illness

Teams intending to respond to this Call for Expression of Interest are invited to visit http://www.who.int/peh-emf/research/rf_ehc_page/en/index.html
The closing date for this Call of Expression of Interest is 4 November 2019.