Syndication

giovedì 1 novembre 2018

Petizione dei 157 scienziati (THE EMF CALL) 1^ Novembre 2018

www.emfcall.org


157 scienziati e organizzazioni non governative (ONG) In una dichiarazione congiunta, THE EMF CALL, denunciano  che le linee guida dell'ICNIRP non sono scientifiche e non proteggono la popolazione da effetti dannosi sulla salute, compreso il cancro.

La Commissione internazionale sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) ha emesso un progetto di linee guida l'11 luglio 2018 per limitare l'esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (EMF) (da 100 kHz a 300 GHz). Le linee guida sono inadeguate per proteggere gli esseri umani e l'ambiente. , Non proteggono dal cancro, visto che la preponderanza della ricerca sottoposta a peer review  pubblicata si riferisce a radiazioni nei limiti ICNIRP.

Nel maggio 2011, l'Agenzia per i tumori dell'Organizzazione mondiale della sanità (IARC) ha concluso che la radiazione a radiofrequenza nell'intervallo di frequenza di 30 kHz-300 GHz è un "possibile" cancerogeno per l'uomo (gruppo 2B). Tuttavia, l'ICNIRP ignora questo e la crescente evidenza negli ultimi anni di cancerogenicità.

La medicina, la salute umana e l'ambiente. Le nuove linee guida scientifiche e proposte per la radioprotezione dalla radiofrequenza devono essere prive di conflitti di interesse e legami diretti con l'industria.
Il professor David Carpenter, direttore dell'Istituto per la salute e l'ambiente dell'Università di Albany, USA, osserva che:
- L'evidenza di danni da EMF a 50/60 Hz e esposizioni a radiofrequenza è forte sia negli studi sull'uomo che sugli animali. Esistono correlazioni tra l'aumento dell'esposizione non solo con il cancro, ma anche con esiti riproduttivi avversi sia nei maschi che nelle femmine, effetti avversi sulla funzione e sul comportamento cognitivo e aumento del rischio di sviluppo della sindrome di elettro-ipersensibilità. Dobbiamo trovare modi per ridurre l'esposizione umana al fine di ridurre l'incidenza delle malattie umane. 

Lennart Hardell, oncologo svedese con una ricerca a lungo termine in questo settore, dice:
- Il lancio di 5G, la quinta generazione di tecnologie di telecomunicazione, aumenterà notevolmente l'esposizione alle radiazioni a radiofrequenza. Pertanto, oltre all'urgente necessità di nuovi orientamenti sull'esposizione attuale, dovrebbe essere attuata una moratoria sull'introduzione del 5G.
Il dott. Joel Moskowitz, della School of Public Health dell'Università della California, USA, sottolinea che l'EMF CALL ribadisce le preoccupazioni sollevate dalla comunità scientifica nell'Appeal Scientifico Internazionale EMF sui danni causati dall'esposizione cronica a EMF a bassa intensità :
- L'Appello, che è stato firmato da oltre 240 scienziati che hanno pubblicato oltre 2.000 documenti di valutazione inter pares su EMF e biologia o salute, chiede il rafforzamento delle linee guida EMF, in particolare per proteggere i bambini e le donne incinte. Per ulteriori informazioni sull'appello, vedere https://emfscientist.org.


Secondo il dott. Gerd Oberfeld, del dipartimento di sanità pubblica di Salisburgo, l'Austria, il mondo

troppo tempo fa affidamento su linee guida sull'esposizione EMF incomplete:


- Il corpo delle prove scientifiche per gli effetti dannosi sulla salute derivanti dall'esposizione ai campi elettromagnetici è schiacciante. Ora non c'è nemmeno bisogno di chiamare in causa il principio di precauzione per agire. È dovere degli scienziati informare il pubblico e il dovere del pubblico di costringere i governi ad applicare nuove linee guida di esposizione ai campi elettromagnetici veramente protettivi, nonché a educare la soci

Nessun commento:

Posta un commento