Syndication

venerdì 20 luglio 2018

I telefoni cellulari causano il cancro ? studi governativi USA hanno evidenziato risultati 'incredibilmente importanti' ...


E' un bel articolo lineare  non apertamente 'schierato', ma che arriva alle giuste domande.
La rivista è indubbiamente altamente qualificata nel Mondo.



https://www.newsweek.com/2018/07/27/cancer-cellphones-ntp-findings-toxicologists-brain-cancer-us-1024633.html


Tiffany Frantz si è preso  il suo primo cellulare quando aveva 16 anni.
Amava quel telefono cellulare. Ogni mattina, mentre usciva dalla porta, lei lo infilava nella coppa sinistra del suo reggiseno. Quando aveva 21 anni, mentre guardava la televisione una notte con i suoi genitori nel loro soggiorno a Lancaster, in Pennsylvania, sentì un nodulo delle dimensioni di un pisello nel seno sinistro, appena sotto il suo telefono. I test più tardi hanno mostrato quattro tumori cancerosi. "Come diavolo è successo?" Chiese sua madre.
Il dottor John West crede di sapere. Nel 2013, il chirurgo del cancro al seno della California meridionale e altri cinque medici hanno scritto sulla rivista Case Reports in Medicine   sui tumori di Frantz e su altre tre giovani donne. Ognuno di loro portava regolarmente un cellulare nel suo reggiseno. "Sono assolutamente convinto", West dice a Newsweek, "che esiste una relazione tra l'esposizione al cellulare e il cancro al seno nelle giovani donne che sono utenti frequenti".
West non ha prove, tuttavia. La sua evidenza è aneddotica, e sebbene gli aneddoti possano stimolare un'ipotesi, non possono provarne uno. Per anni, gli scienziati hanno cercato un legame tra cancro e uso del cellulare che regga il rigore scientifico, e sono venuti meno. Ecco perché quando West ha raccontato la sua teoria a un gruppo di circa 60 specialisti del cancro al seno, hanno liquidato la connessione come una mera coincidenza. "Spero che un giorno la gente dirà 'Beh, abbiamo riso di lui, e ora è confermato,'" dice.

Solo perché l'Occidente non può dimostrare di avere ragione non significa che abbia torto. Dopo alcuni studi hanno suggerito un aumento del rischio di un tipo di tumore al cervello, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha concluso nel 2011 che i cellulari sono "possibilmente cancerogeni" e raccomandava di mantenere "una stretta sorveglianza per un collegamento tra cellulari e rischio di cancro". Ma senza prove conclusive del danno, i regolatori hanno mantenuto lo status quo.
Nel frattempo, l'uso del cellulare è esploso. Nel 1986, 681.000 americani avevano un cellulare. Nel 2016, negli Stati Uniti c'erano 396 milioni di abbonamenti ai cellulari, più di uno per ogni adulto e bambino. Gli adolescenti, i cui corpi in via di sviluppo e il cervello li mettono maggiormente a rischio, sono gli utenti  più affamati di novità. Secondo un sondaggio del Pew Research Center all'inizio di quest'anno, il 95% dei giovani di 13-17 anni ha dichiarato di avere accesso a uno smartphone, un salto del 22% dal 2012. Una generazione è cresciuta con i telefoni cellulari – portandoli addosso da bambini piccoli   alla scuola media nelle tasche dei jeans e dormendo con loro sotto i cuscini. Tutto sommato, 5 miliardi di persone in tutto il mondo ora usano un cellulare.
In pochi decenni, potremmo sapere con certezza se i cellulari causano o meno il cancro. Nel frattempo, stiamo praticamente conducendo un esperimento ampio e incontrollato su noi stessi.
Un terribile colpo di tamburo
Gli scienziati si sono aggrappati a un punto rassicurante: in base a tutto ciò che sappiamo sulla fisica e la biologia, i cellulari non dovrebbero provocare il cancro. Le onde radio che emettono sono "non ionizzanti", nel senso che non danneggiano il nostro DNA come fa la luce ultravioletta proveniente dal sole o dai raggi X. Emettono radiazioni simili ai forni a microonde ma non  sufficiente  per riscaldare la pasta   o cuocere le cellule cerebrali. (Nei primi tempi, la ricerca si concentrava sul potenziale della radiazione del cellulare per riscaldare i tessuti del corpo, e furono sviluppate norme di sicurezza per rispondere a questa preoccupazione). Ma non esiste un meccanismo noto mediante il quale la radiazione emanante da un telefono interagirebbe con il cervello o cellule del seno a causare il cancro.
Tuttavia, il tipico livello di esposizione dell'utente del telefono disturba i funzionari della salute. I trasmettitori di cellulari devono essere abbastanza potenti da raggiungere una torre cellulare fino a 22 miglia, il che significa che l'intensità del segnale a distanza ravvicinata è alta. Tenere un cellulare vicino al tuo orecchio aumenta l'intensità della radiazione di 10.000 volte, rispetto a tenerla a 6 pollici di distanza. Molti di noi sono come Frantz: premiamo i nostri telefoni contro le nostre orecchie, vicino al nostro tessuto cerebrale. Per ore ogni giorno, li infiliamo nei nostri cinturini e nelle nostre tasche, vicino ai nostri organi riproduttivi e digestivi.
Gli studi che collegano il cancro e l'uso del cellulare sono stati inconcludenti, almeno in parte a causa delle sfide della ricerca. I tumori tendono a svilupparsi lentamente e i cellulari sono stati utilizzati per appena una generazione. È possibile che gli effetti semplicemente non siano ancora apparsi. E per giungere a una conclusione definitiva, gli scienziati dovrebbero considerare una grande popolazione e isolare i cellulari come causa di tumori, il che è estremamente difficile.

L'industria delle telecomunicazioni degli Stati Uniti non ha reso disponibili ai ricercatori dati sull'uso dei cellulari, il che aiuterebbe a fare studi sulla popolazione. Un portavoce del CTIA, un gruppo di operatori telefonici wireless, ha rifiutato di rispondere a domande specifiche, ma ha offerto una dichiarazione generale: "Le prove scientifiche non mostrano alcun rischio per la salute per l'uomo a causa dell'energia [a radiofrequenza] emessa dai telefoni cellulari." ha anche citato le statistiche sul tumore cerebrale degli Stati Uniti, che mostrano "che dall'introduzione dei cellulari nella metà degli anni '80, il tasso di tumori cerebrali negli Stati Uniti è diminuito." Questo è corretto, ma la tendenza riscontrata nasconde aumenti del tasso di tumore nelle aree vicino a dove le persone tengono i loro telefoni cellulari per parlare, cioè nei lobi frontali e temporali e nel cervelletto. Uno studio del 2012 sulla rivista World Neurosurgery ha mostrato aumenti in un tipo di cancro particolarmente mortale in quelle zone fisiche tra il 1992 e il 2006 in California, nonostante un declino in altre parti del cervello. In una parte specifica, è aumentato di circa il 12% all'anno.
Uno studio francese del 2014, pubblicato sulla rivista Occupational and Environmental Medicine, ha esaminato 447 persone che avevano sviluppato tumori cerebrali, sia benigni che maligni, e li hanno confrontati con un gruppo di controllo. Nel complesso, lo studio non ha trovato alcuna associazione tra tumori cerebrali e cellulari. Dimostrò che gli maggiori utenti - quelli che usavano i telefoni per 896 ore o più nelle loro intere vite - avevano maggiori probabilità di sviluppare tumori. Ma solo 37 persone sono cadute in questa categoria, che è una dimensione del campione troppo piccola per stabilire un collegamento. E come molti studi sui legami tra malattia e comportamento, la ricerca francese si basava su sondaggi in cui ai soggetti veniva chiesto di ricordare quanto tempo trascorrevano sui loro telefoni, cosa che può essere inaffidabile.
Un gruppo di tossicologi ha preso una approccio diverso. Hanno aggirato il compito di determinare se i cellulari causano il cancro e hanno affrontato una domanda molto più semplice: è possibile che le radiazioni simili a telefoni cellulari possano produrre un tumore canceroso?
I topi fanno il bagno in onde radio
In un seminterrato a Chicago, i ricercatori del National Toxicology Program (NTP), una parte del Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati Uniti, hanno esposto più di 3.000 ratti e topi allo stesso tipo di radiazioni a radiofrequenza emesse dai cellulari. Lo studio, che è costato 25 milioni di dollari, è stato progettato per testare la plausibilità che le radiazioni dei cellulari potrebbero indurre tumori negli animali, per scoprire se esistesse un meccanismo mediante il quale le onde radio apparentemente innocue potrebbero interagire con le cellule.
 Gli scienziati hanno deciso di esporre i roditori alle radiazioni per più tempo rispetto a un utente tipico su un cellulare. Hanno dato ai roditori esplosioni di 10 minuti di radiazioni, seguite da 10 minuti di riposo, per nove ore al giorno. I roditori hanno anche una radiazione di intensità maggiore rispetto a quella che la maggior parte degli utenti di cellulari otterrebbe. Il dosaggio più basso corrispondeva all'incirca alla quantità massima che avrebbe incontrato un utente del cellulare: 1,5 watt per chilogrammo. Il massimo consentito per gli utenti di cellulari da parte della Federal Communications Commission (FCC) è di 1,6 watt per chilogrammo, che si verifica solo quando un telefono sta faticando a stabilire una connessione con una torre cellulare. "I livelli di emissione di energia durante una chiamata tipica sono molto più bassi di questo livello massimo consentito", ha dichiarato John Bucher, uno scienziato senior dell'NTP, in una conferenza stampa all'inizio di quest'anno.
I ricercatori hanno anche esposto gli animali a dosaggi molto più alti. I ratti ottenevano fino a 6 watt per chilogrammo, mentre i topi arrivavano a 10 watt per chilogrammo. A peggiorare le cose per i roditori, la radiazione veniva somministrata ai loro corpi interi, esponendo tutti i loro organi - cervello, cuore, fegato, tracce digestive - a livelli elevati di radiazioni. La radiazione somministrata ai roditori era così potente, le loro temperature corporee dovevano essere monitorate con microchip impiantati sotto la loro pelle per assicurarsi che non venissero riscaldati come un popcorn in un forno a microonde. Anche ai livelli più alti, le temperature non salivano mai più di 1 grado Celsius, quindi gli scienziati potevano escludere il riscaldamento come causa di eventuali danni da onde radio.
La radiazione ha avuto un effetto significativo. Dopo aver bombardato i roditori con le onde radio per due anni, dal 2014 al 2016, gli scienziati hanno valutato la loro salute e hanno confrontato i gruppi che hanno ottenuto alte esposizioni di onde radio con gruppi di controllo che non ne avevano. Ratti maschi esposti al più alto livello di radiazioni hanno sviluppato il 6% in più di tumori cardiaci maligni rispetto a quelli del gruppo di controllo che non ha ricevuto radiazioni. (Le femmine, per ragioni che non sono chiare, non hanno mostrato alcun effetto.) Inoltre, la velocità con cui i ratti hanno sviluppato tumori cardiaci maligni è aumentata con l'intensità dell'esposizione. I ratti che hanno ottenuto 1,5 watt per chilogrammo hanno sviluppato quattro tumori, ma quelli che hanno ottenuto 6 watt per chilogrammo hanno ottenuto 11. Che l'insorgenza di tumori aumenta con il dosaggio suggerisce che la radiazione è un fattore significativo.
Bucher avverte che i risultati non possono essere estrapolati agli umani che usano i cellulari. Ma mostra che succede qualcosa alle cellule degli animali quando sono bombardati da molto tempo con forti onde radio. Lo studio, Bucher dice a Newsweek, "ha stabilito che potrebbero esserci effetti delle radiazioni a radiofrequenza potenzialmente rilevanti per i rischi per la salute umana".
La ricerca di una cura contro il cancro ha ignorato il DNA africano
Una delle sconcertanti, e potenzialmente preoccupanti, svolte nei risultati riguarda il tipo di cellule che sono state colpite. I tumori sono comparsi nelle cellule di Schwann, che circondano le cellule nervose. Le cellule particolari di Schwann che mostravano tumori nello studio sui ratti erano situate nei cuori dei roditori. Ma le cellule di Schwann esistono in tutto il corpo: nella testa, nel seno, negli organi riproduttivi, in molte aree che tendono ad avere una forte esposizione alle radiazioni dei cellulari.
La scoperta riguardava soprattutto perché precedenti studi epidemiologici hanno dimostrato che gli utenti di cellulari pesanti avevano maggiori probabilità di sviluppare tumori cerebrali rari nello stesso tipo di cellule. A marzo, i ricercatori italiani hanno pubblicato un altro studio, nella rivista Environmental Research, con risultati sorprendentemente simili. Gli scienziati dell'Istituto Ramazzini hanno anche bombardato i ratti, di cui 2448, con radiazioni a radiofrequenza per 19 ore al giorno durante la loro vita. Come i ratti di Chicago, i ratti maschi italiani esposti alla più alta esposizione di radiazioni a radiofrequenza avevano significativamente più probabilità di sviluppare tumori nelle cellule di Schwann nei loro cuori.
Un gruppo di esperti accademici e dell'industria farmaceutica ha esaminato i risultati dello studio NTP e a marzo ha concluso che, nel caso dei ratti maschi, mostrava "prove evidenti di attività cancerogena". Dr. De-Kun Li, ricercatore senior presso la Divisione di Ricerca di Kaiser Permanente a Oakland, in California, descriveva i risultati preliminari dell'NTP come "incredibilmente importanti". E il dottor Otis Brawley, capo ufficiale medico dell'American Cancer Society, li definiva "un punto di svolta".
I risultati del programma, pubblicati in forma preliminare all'inizio di quest'anno, scatenano una serie di chiamate da parte dei difensori della salute pubblica per l'OMS per aggiornare la classificazione delle radiazioni dei cellulari da "possibilmente" a "probabilmente" cancerogene. Ma, come dice Brawley a Newsweek, "ci lascia ancora degli enormi buchi". Perché, ad esempio, i topi maschi hanno maggiori probabilità di avere tumori rispetto ai ratti femmina? E perché i topi esposti alle radiazioni a radiofrequenza generalmente vivono più a lungo dei ratti non esposti? Più importante, se la radiazione del cellulare provoca il cancro, come fa?
"Questi studi avrebbero dovuto essere eseguiti prima che oltre il 90 per cento degli americani, compresi i bambini, iniziasse a utilizzare tecnologie e dispositivi basati sulla frequenza radio", ha dichiarato Olga Naidenko, consulente scientifico senior presso l'Environmental Working Group, un senza scopo di lucro a Washington, DC
Qual'è il prossimo passo
Da un punto di vista normativo, è troppo presto per sapere quali misure adottare per proteggere il pubblico da eventuali danni, afferma Bucher. Ora crede ci sia un meccanismo attraverso il quale le radiazioni del cellulare potrebbero causare il cancro. Finché non identifica il meccanismo, tuttavia, non può offrire consigli su come progettare i telefoni per prevenire il problema. Sta lavorando a ulteriori studi che spera offriranno indizi entro il prossimo anno.
Il Dr. Gabriel Zada, neurochirurgo e professore alla Keck School of Medicine di USC, sta sviluppando esperimenti pilota per testare possibili meccanismi con cui le emissioni dei cellulari potrebbero trasformare le cellule normali ma sensibili in quelle cancerose. In uno, ha installato uno smartphone funzionante all'interno di una scatola protetta dalle radiazioni. Una bottiglia di vetro contenente cellule tumorali cerebrali umane si trova accanto al telefono. L'impianto è uno di una serie che Zada ​​prevede di costruire per controllare l'effetto delle emissioni di radiofrequenza su diversi tipi di cellule.
Mentre Zada ​​e Bucher lavorano alla prossima fase di studio sugli effetti sulla salute delle radiazioni dei cellulari, i sostenitori della salute pubblica continuano ad attendere i risultati finali e le raccomandazioni dello studio NTP. Sono previsti per essere rilasciati questo autunno, quasi due decenni dopo che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha commissionato la ricerca.
In un rapporto del 2012 al Congresso, l'Ufficio per la responsabilità del governo degli Stati Uniti ha chiesto una rivalutazione dell'esposizione e dei requisiti dei test per i telefoni cellulari per riflettere l'uso corrente, le ultime ricerche e le raccomandazioni internazionali sulla sicurezza. Il rapporto ha spinto la FCC ad aprire un'indagine formale sulla necessità di riesaminare i limiti di esposizione, cosa che ha fatto nel 1996, molto prima che Apple introducesse l'iPhone. A partire dal 2016, l'agenzia aveva raccolto circa 900 commenti sulla domanda, ma finora non ha preso alcuna iniziativa.
Le attuali norme sulla sicurezza dei cellulari si basano su una premessa che ora è discutibilmente falsa: le radiazioni dei cellulari possono causare danni solo riscaldando i tessuti. La FDA, tuttavia, non ha intenzione di rafforzare i regolamenti. Ha "fiducia nel fatto che gli attuali limiti di sicurezza per le radiazioni dei cellulari rimangono accettabili per la protezione della salute pubblica", ha detto il dottor Jeffrey Shuren, direttore del Centro per i dispositivi e la salute radiologica della FDA, in una dichiarazione rilasciata dopo il rilascio dei risultati dell'NTP. "Non abbiamo trovato prove sufficienti del fatto che ci siano effetti nocivi per la salute negli esseri umani causati da esposizioni a o sotto i limiti di esposizione di energia in radiofrequenza attuali."
Molte altre nazioni hanno norme di sicurezza più rigide rispetto agli Stati Uniti. A partire dall'avviso dell'OMS nel 2011, almeno otto paesi, tra cui Francia, Germania, Svizzera, India e Israele, hanno emanato linee guida volte a ridurre l'esposizione dei consumatori alle radiazioni. Belgio, Francia e Israele hanno vietato la vendita di cellulari progettati per bambini, mentre altri hanno vietato la pubblicità rivolta ai bambini.
L'Accademia Americana di Pediatria ha invitato la FCC e la FDA a rivedere gli standard per cellulari e prodotti wireless nel 2013. "I bambini non sono piccoli adulti e sono colpiti in modo sproporzionato da tutte le esposizioni ambientali, comprese le radiazioni dei cellulari", ha scritto il Dr. Thomas McInerny, all'epoca presidente dell'accademia. Il gruppo ora esorta i genitori a limitare l'uso dei cellulari dei loro bambini e adolescenti e avverte: "I produttori di cellulari non possono garantire che la quantità di radiazioni che stai assorbendo sarà a un livello sicuro".
In assenza di regolamenti e standard rivisti, chiamai Brawley sul suo cellulare per vedere se avesse qualche consiglio. "Indossa un auricolare", disse. Mentre pronunciava quelle parole, teneva il cellulare alla testa.
Nota del redattore: questo articolo è stato modificato per riflettere il fatto che lo studio sulla radiazione NTP ha prodotto un aumento dei tumori cardiaci maligni, non dei tumori in generale, e che la quantità di radiazioni erogata era in watt per chilogrammo

mercoledì 18 luglio 2018

Altre raccomandazioni per verificare dei possibili danni da 5G arrivano anche dall'Australia

Arriva dal simposium internazionale denominato AOCRP-5 Congress  che è l'incontro tra le Asian and Oceanic Association for Radiation Protection Congresses  le seguenti considerazioni finali, che valgono come monito ai Governanti 

È urgente avviare studi di ricerca che esaminino gli effetti delle onde millimetriche sulla salute umana  ( vedere 5G) . Tuttavia, vi è una forte resistenza da parte dell'industria delle telecomunicazioni e dai responsabili delle decisioni per avviare nuovi programmi di ricerca.
ICNIRP e le aziende di telecomunicazioni propagano fortemente l'idea che la bassa potenza delle emissioni EMF dai dispositivi 5G garantirà che la salute umana non sarà influenzata.

Tuttavia, le stesse assicurazioni sono state fatte negli anni '70 quando la prima generazione di telefoni cellulari è stata commercializzata, seguita dalla diffusione illimitata dei dispositivi 2G, 3G e 4G - finché il dispositivo emette radiazioni all'interno delle linee guida ICNIRP è considerato sicuro, ciò che non è necessariamente il caso, come dimostrato da una serie di studi di ricerca.

Come conseguenza diretta della ricerca scientifica, nel 2011 l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato le radiazioni emesse dai telefoni cellulari e dalle torri cellulari come possibile cancerogeno per l'uomo. Questa classificazione sembra essere rafforzata dai nuovi studi di ricerca sui campi elettromagnetici emessi 3G e 4G pubblicati dopo l'anno 2011.

Ciò che la ricerca biomedica sulle onde millimetriche, che verrà eseguita in futuro, mostrerà è un enigma completo. Tuttavia, non importa quale sarà la ricerca futura, la tecnologia 5G sarà completamente schierata e senza possibilità di inversione perché l'intera vita futura dell'umanità sarà basata e dipendente dal funzionamento dei dispositivi che emettono radiazioni 5G. Questa è una situazione unica nella storia del genere umano quando l'intera popolazione umana sarà esposta a dispositivi artificiali che emettono radiazioni non ionizzanti che non sono state sufficientemente testate prima dello spiegamento.
Che cos'è e quale sarà la responsabilità degli scienziati, dei responsabili delle decisioni e dei leader del settore che consentono il dispiegamento di una tecnologia non sufficientemente testata che interesserà tutti noi? La risposta è semplice: nessuna responsabilità ... perché se in futuro si presenteranno problemi di salute, molto probabilmente ci vorranno decine di anni per manifestare e, a quel punto, le persone che attualmente abilitano il dispiegamento del 5G che emette radiazioni non sufficientemente testato la tecnologia sarà o in pensione o, proverbialmente, "sei piedi sotto".


https://betweenrockandhardplace.wordpress.com/2018/07/17/leszczynski-report-from-the-aocrp-5-melbourne-australia/