Syndication

lunedì 17 luglio 2017

Sospensione contributi a radio-tv abusive di Volturino(FG).

AnnoXXXI                                                                Associazione   “ElettrosmogVolturino”                                                      
 Via S. Martino, 2  71030  Volturino (FG)
  Tel.  347 7215642  
antonio.gagliardi-8233@ecp.postecert.it                                                              
prot. n. 12                                                         
 Volturino 17/7/2017

Ministero Sviluppo Economico                                    Corte dei Conti                             Ministero delle Finanze    
Comune Volturino                          Procura Repubblica FG

Oggetto:Sospensione contributi a radio-tv                                     abusive di Volturino (FG).

In qualità di rappresentante legale dell’Associazione “ElettrosmogVolturino” , il sottoscritto Gagliardi Antonio abitante in via S. Martino, 2         nel      denunciare                  uno stato di assoluta anarchia che caratterizza gl'impianti radiotrasmittenti di Volturino (FG) su Toppo della Guardia, pluridenunciati sin dal 1986, chiede l’intervento di codesto Ministero a cooperare con il Comune di Volturino perché si imponga il trasferimento delle strutture in località Scordarulo, come impone il PRG del comune dal 2003, ma irresponsabilmente disatteso.
Si scoraggi un inutile ricorso al TAR, in quanto il Consiglio di Stato, con sentenza n. 2200/17,  pubblicata l’ 11/5/2017, nel respingere l’appello proposto da Mediaset a Rocca di Papa (RM), ha affermato che “il quadro normativo postula che le attività di radiotrasmissione vengano esercitate attraverso strutture idonee e non contrastanti con la normativa urbanistica e con quella paesaggistico-ambientale.”

Non solo il PRG, ma tutto uno stato di irregolarità impone l'urgenza del        risanamento:

a)     Opere abusive in area agricola
b)     Uso di energia elettrica con documentazione falsa avvenuta nonostante l' assenza di concessione edilizia e scambio della stessa energia tra le varie emittenti, molte sconosciute allo stesso Ministero
c) Evasione ICI/IMU-TASI
d) Statistica medica denunciante una elevata casistica di malattie: insonnia, ipertensione, diabete, tumori e malattie di carattere neuropsichiatrico tenute prudentemente occultate dalle autorità sanitarie
e) finanziamenti illeciti.
Per quest'ultimo punto i cittadini di Volturino chiedono come sia possibile che una situazione di illegalità amministrativa che caratterizza gl'impianti consenta il finanziamento da parte dello Stato a cronici abusivi ed evasori fiscali, nonostante decennali denunce.

Dunque il Ministero sospenda immediatamente i contributi, in quanto illegittimi e revochi i contributi concessi negli anni.                                   
Obbligando gli abusivi alla restituzione di quanto percepito fino a questo momento, rivalutato del tasso legale, prescritto oltretutto anche   dalla                L. n. 448 del 23/12/1998, co 3.
Imponendo, altresì, l'onere del trasferimento a carico dei gestori degl'impianti poiché superano i limiti di emissione elettromagnetica di circa 70 Vm nell'area degl'impianti e di circa 10 Vm in via Verdi e via San      Martino   di        Volturino.                  (art. 28   co7 Dlgs177/05)

Quanti soldi rubati ai cittadini italiani e di Volturino per ricevere un corrispettivo di malattie da parte di un numero superfluo di emittenti, inerpicate su tralicci imperiosamente anarchici.                                                  
Denunciati e mai perseguiti?
Soldi che dovevano essere impiegati per uno studio epidemiologico approfondito e invocato da decenni, ma che vengono, contra legem, somministrati a mafiosi delle telecomunicazioni.                                     

Diffusori di stupidità, informazioni manipolate e di emissioni elettromagnetiche anche di notte, quando i pazienti, ma veramente pazienti di Volturino, vedono negare il diritto a un buon sonno.

Nessun commento:

Posta un commento