Syndication

venerdì 6 marzo 2015

Il Corriere parla di elettrosensibilità.



un articolo sul Corriere che parla di elettrosensibilità ...

Trecentomila malati di telefonino
Aumentano gli elettrosensibili

«Entro il 2017 aumenteranno del 50%, ma la Regione non riconosce il problema»

di Isabella Fantigrossi

 
Mal di testa, nausea, vertigini, pelle arrossata. Sintomi fastidiosi che, nei casi più gravi impediscono di condurre una vita normale e che compaiono vicino a cellulari, cordless o reti wi-fi. A soffrirne sono i cosiddetti elettrosensibili, i malati di radiazioni elettromagnetiche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sarebbero fino al 3% della popolazione. «Circa 300 mila persone in Lombardia che ancora oggi non vengono né aiutate né tutelate», dice Paolo Orio, veterinario di Gallarate, vicepresidente dell’associazione italiana elettrosensibili (Aie) e malato lui stesso. L’Oms ha, infatti, riconosciuto l’elettrosensibilità solo parzialmente: i problemi di salute esistono, ma il rapporto causale tra disturbi ed esposizione ai campi elettromagnetici è ancora tutto da verificare. «Purtroppo è molto difficile dimostrare gli effetti biologici dell’esposizione a campi elettromagnetici bassi», spiega Ernesto Burgio, alla guida del comitato scientifico dell’Isde (International society of doctors for environment) che, a maggio, parteciperà a una conferenza sul tema a Parigi. «Resta, però, un fatto — dice Burgio — : le evidenze che le onde elettromagnetiche possano fare male a tutti, più o meno sensibili, ci sono già». E così, mentre la Svezia l’ha ammessa come una vera e propria disabilità, in Italia è tutto fermo.

«Qualche Regione si sta muovendo - racconta Giorgio Cinciripini, cremasco e coordinatore della rete No Elettrosmog - riconoscendo la sensibilità chimica multipla, a cui spesso si associa l’elettrosensibilità. In Lombardia, invece, ancora nulla». E il timore è che, con l’aumento delle tecnologie wireless, i numeri possano ancora crescere: secondo il professor Angelo Gino Levis, ordinario di mutagenesi ambientale a Padova, nel 2017 il 50% della popolazione potrebbe diventare elettrosensibile. Tanto più che ora il governo sta pensando di alzare i limiti dei campi elettromagnetici da 6 a 61 V/m: motivo per cui nei giorni scorsi l’associazione Amica ha lanciato una petizione, già firmata da un centinaio di medici, fisici e ingegneri, per chiedere di investire sulle connessioni via cavo, «le uniche prive di controindicazioni per la salute».



Intanto gli elettrosensibili si arrangiano come possono. «Mi sono ammalato nel 1999 - racconta Paolo Orio -. Un giorno ho preso in mano il cellulare e ho cominciato a stare male e a sentire formicolio alla testa. Dopo mesi di visite, ho capito di cosa soffrivo, anche perché stando lontano da telefonino e cordless i sintomi sparivano». O Annunziata Di Fonte, medico del lavoro di Lonate Pozzolo: «Tollero il wi-fi per un quarto d’ora, poi comincio a sentire calore, mal di testa, mi compaiono ponfi rossi sul viso. Purtroppo la malattia ha un impatto notevole sulla mia vita: in macchina, quando incrocio i ripetitori, ho delle scosse muscolari e fatico a concentrarmi; in casa ho dovuto mettere delle tende schermanti e un impianto elettrico a 16 volt. E poi non posso più viaggiare in treno, né andare al cinema: troppi telefonini accesi. Ma so come comportarmi perché sono un medico. Gli altri malati no».
Ecco perché le tante associazioni chiedono un riconoscimento, anche per avere le cure. «Ogni settimana riceviamo chiamate di persone che ci chiedono come ridurre l’impatto elettromagnetico. È ora che si intervenga», dice Sergio Crippa dell’Aie.

Nessun commento:

Posta un commento