Syndication

venerdì 25 aprile 2014

Altro attacco allo IARC

L' infaticabile Repacholi, a molti noto per la sua competenza ... profusa per negare sempre la evidenza degli effetti dei campi elettromagnetici sulla salute umana ... ora ha pubblicato Bioelectromagnetics. 2014 Apr 15. doi: 10.1002/bem.21851. [Epub ahead of print], un articolo dal titolo
Do people understand IARC's 2B categorization of RF fields from cell phones?

ovvero il 'popolo' comprende il significato della classificazione 2B per le radiofrequenze ?

Attacca le conclusioni di quella commissione grazie ad un' indagine online fatta sulla percezione del rischio percepita da chi ha risposto al questionario (che come tale non ha alcuna valenza scientifica in quanto non è basato su un campione statisticamente significativo).   Conclude che IARC deve meglio saper 'comunicare' ...

Ovviamente ha sistematicamente omesso di parlare degli studi di Hardell, che tra l'altro è andato avanti rispetto ai dati pubblicati fino al 2011 (e considerati dalla Commissione), con la pubblicazione di alcuni mesi fa in cui si avanza , in modo consapevole e determinato, la 'maturità ' delle conoscenze per modificare la classificazione a 2A, probabilmente cancerogeno.

Nessun commento:

Posta un commento