Syndication

domenica 6 ottobre 2013

Riunione di Bruxelles per il lancio della Iniziativa Europea

El Paìs 

                                                             CITTADINI UE

Una piattaforma europea promuove una iniziativa per controllare le onde elettromagnetiche


I rappresentanti dei gruppi di cittadini provenienti da sette paesi dell'Unione europea nel corso delle riunioni tenutesi a Bruxelles oggi per gettare le basi per una futura iniziativa popolare per aiutare Modifica parametri europei sulla radiazione elettromagnetica. / EFE
I rappresentanti dei gruppi di cittadini provenienti da sette paesi dell'Unione europea si sono incontrati oggi a Bruxelles per porre le basi per una futura iniziativa popolare per la modifica dei parametri europei sulle radiazioni elettromagnetiche.
Queste organizzazioni, provenienti da Spagna, Francia, Belgio, Svezia, Italia, Paesi Bassi e Portogallo, sostengono, sulla base di relazioni scientifiche che le onde rilasciati da vari dispositivi mobili sono nocivi per la salute.
Tra le altre misure, la proposta di soppressione piattaforma di rete "wifi" nella scuola primaria, la modifica della legislazione degli Stati membri per prevenire l'elettromagnetismo e le formule di etichettatura, simili a quelle del tabacco, per avvertire della nocività dei dispositivi.
Inoltre, i gruppi avvertono dei rischi di diffusione di malattie legate all'esposizione a campi elettromagnetici e il riconoscimento della domanda di elettroipersensibilità come una malattia biologica.
"Pensiamo che questa sia una buona occasione per rivendicare, perché noi coinvolgiamo movimenti di tutta Europa e siamo in grado di aprire la porta ad altre richieste più specifiche che stanno già facendo i diversi paesi europei", ha detto a Efe il coordinatore della piattaforma in Spagna, Julio Carmona.
Carmona ha confessato anche che il gruppo sa che è "difficile"  riunire un'iniziativa europea per tutte le richieste dei diversi movimenti, così rimangono dettagli "concreti" per un'azione congiunta.
Alla riunione di diversi gruppi tenutasi oggi a Bruxelles, i rappresentanti di queste organizzazioni hanno presentato le loro proposte e discusse le possibili formule legislative adattate all'interno dell'Unione.
Michèle Rivasi eurodeputata (Vice Presidente del Gruppo Verde) ha condotto l'incontro e ha indicato alla piattaforma i criteri da rispettare per presentare il loro progetto come iniziativa dei cittadini europei (ICE), l'obiettivo ultimo di questa organizzazione.
Rivasi ha detto a Efe che questo primo passo è quello di verificare "se tutte queste organizzazioni europee hanno le stesse priorità" che affrontano una ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei), e ha apprezzato il carattere "chiaramente democratico" della piattaforma che ha sollevato la sua proposta.
Per ora, il gruppo dovrebbe sviluppare un nuovo testo per portare la sua proposta per i parametri di un ICE, dal momento che la maggior parte delle iniziative presentate non potrebbe essere formulata, oltre la competenza della Commissione europea nei confronti degli Stati membri.
Sulla piattaforma gruppi interessati coinvolti in elettromagnetismo e le organizzazioni nazionali che promuovono la consapevolezza di questi problemi, come PECCEM spagnolo, francese Sans Ondes, la belga Teslabel e l’italiana Elettrosmog Volturino.


Nessun commento:

Posta un commento