Syndication

mercoledì 8 maggio 2013

Altra speculazione 'scientifica' sulla pelle degli elettrosensibili

E' stato pubblicato un articolo
Michael Witthöft, G. James Rubin. Are media warnings about the adverse health effects of modern life self-fulfilling? An experimental study on idiopathic environmental intolerance attributed to electromagnetic fields (IEI-EMF). Journal of Psychosomatic Research, 2013; 74 (3): 206 DOI: 10.1016/j.jpsychores.2012.12.002.

in cui si tratta la elettrosensibilità come malattia psicosomatica.
Purtroppo gli studi di questo inglese, Rubin, sono i soli che vengono considerati da WHO !

Sono basati su test di provocazione a persone elettrosensibli, e non, di cui  vengono testate le  reazioni a fronte di emissioni (o non) di radiofrequenze.
I risultati sono sempre contraddittori ... tali che ci si specula e si asserisce che la preoccupazione che le RF facciano male ...  porta a ... star male !

Le valutazioni di tecnici 'indipendenti' confutano, ancora una volta, la validità di questi test.
Perché:

- se una persona ES partecipa a tale test è già emotivamente molto allarmata già giorni ed ore prima di iniziare il test !  quindi stimolarlo e non stimolarlo porta a  misurare le reazioni che sono ovviamente estremamente casuali !
- vale ricordare degli studi fatti su persone affette da allergie alimentari:  le  fotografie di frutti ai quali sapevano di essere allergici, stimolavano parzialmente la reazione: 
da questo a dire che le allergie sono psicosomatiche ce ne passa ... e negli '70, alla fin, e non passarono !

La situazione è analoga .

Ma, once again, il 'Grande Vecchio' che governa da (dis)informazione continua sempre e continuativamente a martellare  questi dubbi .... 

Qui commenti

Nessun commento:

Posta un commento