Syndication

lunedì 7 gennaio 2013

Bioinitiative Report 2012


 Il nuovo rapporto  - di ben 1479 pagine - conclude che abbiamo  più prove di quanto sia necessario , che  impongono di prendere immediatamente misure più precauzionali per proteggere noi stessi, i nostri figli e tutta la vita del pianeta.

In 21 capitoli di questo aggiornamento per il 2012, 29 scienziati indipendenti ed esperti di salute provenienti da 10 paesi  hanno valutato  circa 1800 nuovi articoli di ricerca (dal 2006 al 2011) sui possibili rischi da tecnologie wireless e campi elettromagnetici.   Tra di loro 10  medici (MD), 21 dottorati di ricerca, e tre Master, MA o MPHs.         Tra gli autori ci sono tre ex presidenti della Società Bioelectromagnetics, e cinque membri a pieno titolo BEMS, inoltre  il presidente della commissione nazionale russa radiazioni non ionizzanti, ma anche un Senior Advisor per l'Agenzia europea per l'ambiente.

I nuovi studi scientifici di questi  ultimi cinque anni ci dicono che  la situazione è molto peggiore di quanto prospettato  nel 2007 e che le  persone in tutto il mondo hanno pertanto un'esposizione molto di più , ogni  giorno,  rispetto a quella di  cinque anni fa.         Le esposizioni  determinano  una serie di effetti negativi sulla salute che possono comportare  notevoli conseguenze sulla salute pubblica.    Nel complesso, si è rafforzata la prova scientifica del rischio in cui vi è l'esposizione cronica a campi elettromagnetici a bassa intensità e di tecnologie wireless che ci circondano 24-7 (radiazione a radiofrequenza inclusa la radiazione a microonde).                    Nessun argomento che riporta ad un ‘non-azione’   può essere persuasivo,   ora.

 

I livelli di esposizione che abbiamo di fronte nel 2012 sono più alti, e le radiazioni si sono  insinuate nella vita di ogni giorno, anche per i bambini.    I livelli a cui si avvertono gli effetti indesiderabili per la salute e benessere sono  molto più bassi .    Inoltre molto maggiore è  la esposizione involontaria, ed è quasi inevitabile anche per le persone che scelgono di non "passare al wireless" , subire, di seconda mano,  gli effetti delle radiazioni.               Forme sicure di comunicazione via terra-linea telefonica fissa- sono in fase di esaurimento,  senza generale consenso pubblico.   Non vi è alcun consenso informato per i consumatori (le etichette di avvertimento sui telefoni cellulari, per esempio, sono stati sconfitte  dai gruppi di lobby dell'industria delle telecomunicazioni).

 

Ci sono più prove nel 2012 che il danno dovuto all’esposizione al DNA porta ad una  interferenza con la auto-riparazione del DNA, come anche  alla prova di tossicità per il genoma umano (geni),  effetti più preoccupanti sul sistema nervoso (neurologia):  studi hanno evidenziato  meglio gli effetti  delle stazioni rabiobase  del telefono cellulare  per la salute.    Vi è stato un forte aumento del numero di studi che esaminavano gli effetti dei telefoni cellulari sulle cinture  o nella tasca di uomini in stand-by e dal  laptop   sulla qualità dello sperma, la motilità degli spermatozoi e la loro morte, con conseguente  danno  alla fertilità e la riproduzione.

 

La gamma dei possibili effetti sulla salute da esposizioni croniche si è ampliato.  I danni alla salute più gravi che sono stati segnalati per essere associate a frequenza estremamente bassa (ELF) e / o radiazione a radiofrequenza (RFR) includono l'infanzia e leucemia negli adulti, l'infanzia e tumori al cervello adulto, e aumento del rischio di malattie neurodegenerative, l'Alzheimer e la sclerosi,  La sclerosi laterale amiotrofica (SLA). Recenti studi in gran parte rafforzano i potenziali rischi per la salute (piuttosto che ridurre le nostre preoccupazioni, o fornire indicazioni reali di sicurezza). In aggiunta, ci sono segnalazioni di aumento del rischio di cancro al seno negli uomini e nelle donne, gli effetti genotossici (danni al DNA, condensazione della cromatina, micronucleation, la riparazione del danno al DNA alterata nelle cellule staminali umane), perdita patologica della barriera emato-encefalica, alterata la funzione immunitaria, con  un aumento delle risposte allergiche e infiammatorie, aborto spontaneo e alcuni effetti cardiovascolari. Insonnia (disturbi del sonno) è riportata  negli studi di persone che vivono in ambienti con molte RFR a bassa intensità con Wi-Fi e antenne di cellulari. Effetti a breve termine sulla cognizione, memoria e l'apprendimento, il comportamento, il tempo di reazione, l'attenzione e la concentrazione, e alterata attività cerebrale (EEG alterato) sono anche riportati nella letteratura scientifica. Meccanismi biofisici che possono spiegare tali effetti si possono trovare in vari articoli e recensioni.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento